Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Natale in Cattedrale (Venezia)

categoria: Eventi

METROPOLITA D'ITALIA E MALTA GENNADIO: "La preghiera dell’Arcidiocesi durante le feste, con gli splendidi inni, rafforza, incoraggia, protegge, guida, illumina, aumenta la fede, aiuta i credenti a comprendere il soprannaturale mistero della nascita di Cristo e a penetrarne la modalità paradossale, appartenente soltanto alla potenza e alla sapienza di Dio".



Nel clima grave, proprio dell’ordinamento ecclesiastico, nutrito di compunta preghiera, atmosfera che favorisce la concentrazione, i nostri fratelli spirituali ortodossi e anche i pellegrini vengono allietati dalla lode solenne della chiesa antica nel tempio grandioso di San Giorgio dei Greci (oggi la Cattedrale), in particolare durante lo svolgimento della Divina Liturgia, in cui con timore di Dio il sacerdote diventa il ponte tra Dio e il creato mediante la fede. Con grandezza festosa e solenne e cuore gioioso si sono celebrate nell’antica capitale della Serenissima Repubblica di Venezia, le liturgie del Natale di nostro Signore e Dio e Salvatore Gesù Cristo.

La “Mitropolis dei Santi Dodici Giorni Natalizi” diventa così importante centro per i pellegrini stranieri provenienti da Europa, America, Canada e Australia. Attraverso la celebrazione dei riti e il canto della Chiesa Madre, continua a svolgere la sua missione difendendo l’eterno  messaggio della salvezza per tutti.

La comunità che si riunì, poté seguire dall’alba la solenne e lieta preghiera del Mattutino della “Metropoli delle feste”, durante la quale Sua Eminenza il nostro Pastore il Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d'Italia e Malta, presenziò con soddisfazione ed entusiasmo. La Pontificale Divina Liturgia fu celebrata dal Metropolita, dall’archimandrita del Trono Ecumenico Evangelos, Vicario Generale dell’Arcidiocesi, dai Protopresbiteri Nicola Madaro e Anatoly Bitkas.

Al momento stabilito dall’ordinamento ecclesiastico venne letto il Messaggio Patriarcale di Sua Santità il Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I per il santo Natale, tradotto poi anche in italiano e altre lingue.

Al pio popolo di Dio dell’Arcidiocesi d'Italia e Malta, poi, Sua Eminenza il nostro Arcivescovo e Pastore ha rivolto parole ispirate e profonde in un discorso avente per tema l'illuminazione e la preghiera, due doni incomparabili che maggiormente durante le festività natalizie aiutano il credente ad accostarsi e comprendere il mistero soprannaturale dell’incarnazione divina.

La luminosa festa della Sinassi della Santissima Madre di Dio e quella del santo protomartire e arcidiacono Stefano, insieme con la Domenica seguente il Natale di Cristo, con gli ultimi giorni dell'anno e in particolare la memoria di santa Melania, concludono il 2014, anno pacifico, benedetto dal Signore per l’Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, che visto la fondazione di una nuova chiesa, la creazione di nuove parrocchie, l’ordinazione di nuovi sacerdoti e soprattutto il regolare funzionamento del Monastero delle Grotte in Melicuccà (Calabria) e ancora la frequente presenza di un sacerdote della nostra Arcidiocesi nella chiesa romano-cattolica di San Nicola a Rimini, in cui è custodita la mano sinistra di San Nicola, arcivescovo di Myra, in cui l’Arcidiocesi ha una piccola cappella in cui celebrare la Liturgia.

“Gloria a Dio negli eccelsi, pace in terra e per gli uomini benevolenza!"


271
273
274
275
276
1/5 
start stop bwd fwd



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 18-11-2019

San Platone, martire; Santi Romano e il santo bambino che confessarono Cristo, martiri; Santi Zaccheo e Alfeo, martiri; Santi Anastasio d'Epiro e Daniele, neomartiri.

i santi di domani 19-11-2019

San Abdias, profeta; San Barlaam di Antiochia; San Azez e compagni; San Agapio, martire; San Eliodoro, martire; San Pancario, martire; San Simone di Calabria.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP