Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Nella chiesa di sant'Antonio a Fano

categoria: Visite Pastorali

SUA EMINENZA IL METROPOLITA GENNADIOS: Sant'Antonio il Grande maestro del deserto, non è contrario al progresso e non lo respinge. "L'indagine e la preghiera ispirano responsabilità e maturità al nuovo spirito di progresso e sviluppo" predica il grande Antonio.



SUA EMINENZA IL METROPOLITA GENNADIOS:  Sant'Antonio il Grande maestro del deserto, non è contrario al progresso e non lo respinge. "L'indagine e la preghiera ispirano responsabilità e maturità al nuovo spirito di progresso e sviluppo" predica il grande Antonio.

Le splendida città di Fano (Fanòs), uno degli ultimi Castelli bizantini nell'Adriatico, da due anni viene nuovamente illuminata, dopo 11 secoli, dalla "Luce della Resurrezione", che è la "Luce dell'ortodossia", la luce di Cristo. In occasione della festa patronale della parrocchia ortodossa locale, si è svolta la liturgia pontificale, nella quale una moltitudine di fedeli di tutte le età, giovani studenti, famiglie, hanno comunicato ai divini misteri ringraziando e glorificando Cristo Salvatore.

Il sindaco della città di Fano dott. Massimo Seri, il Console greco dott. Dimitra Beligianni, il presidente della comunità ellenica dott. George Solomòs, professori e insegnanti, organizzazioni e Confraternite, hanno onorato i sacri riti della loro gradita e insigne presenza, a dimostrazione del prestigio acquisito, presso le coste dell'Adriatico, dalla Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta e dal Patriarcato Ecumenico. Nell'occasione veniva officiato un  rito funebre in memoria delle vittime del navale della Norman Atlantic.

Il Reverendo P. Victor Ciloci con il parroco della città di Pesaro p. George Bataluta, hanno concelebrato la Divina Liturgia presieduta da S. Em.za il Metropolita Gennadios, mentre molte decine di fedeli veneravano l'icona miracolosa di S. Antonio. Proprio a s. Antonio è dedicata la Chiesa di Fano, un tempo fortezza bizantina. Dopo 11 secoli la città di Fano ritrova, grazia all'impegno della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, grazie agli sforzi costanti di Sua Eminenza l'Arcivescovo Gennadios e alla dedizione dei sacerdoti da lui ordinati e all'attività dei molti collaboratori, quella luce dell'ortodossia che diede tanto lustro alla sua gloriosa storia. L'attività missionaria iniziata dal Veneto si svolge non solo a favore dei tanti ortodossi che vivono sul territorio italiano, ma anche costituendo punto di riferimento per quanti in passato cambiarono appartenenza ecclesiale per i più diversi motivi.

La Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta ha conseguito attraverso l'Intesa con la repubblica Italiana gli stessi diritti della Chiesa Cattolica Romana, con la quale intrattiene positivi rapporti di collaborazione nel reciproco rispetto.

La città di Fano, avamposto commerciale di Ancona, rappresenta per la Chiesa Ortodossa, un'occasione di insediamento significativo in un'importante area industriale, commerciale e produttiva italiana  e di avviare un dialogo tra il nostro arcivescovo Gennadios e l'arcivescovo Cattolico Romano di Ancona mons. Menicheli, il quale, in procinto di ricevere la porpora cardinalizia, ha donato alla Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, una chiesa in restauro, dedicata a s. Anna.

In Italia, in clima sereno di convivenza e rispetto ecclesiastico reciproco, il Patriarcato di Costantinopoli e la Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, hanno compiuto con l'aiuto di Dio passi prodigiosi, nonostante la mancanza di proprietà e gli affitti; tuttavia la benedizione di Dio e la protezione della Madre di Dio, secondo lo spirito e gli ideali della Grande Chiesa del Cristo, recano grande frutto di bene per i nostri fratelli ortodossi.

 

 

 

 


271
273
274
275
276
278
279
280
281
282
283
284
285
287
289
01/15 
start stop bwd fwd



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 23-09-2018

La concezione di san Giovanni Battista; I Santi Andrea, Giovanni, Pietro, Antonino, martiri; Santa Herais e compagni, martiri; Sante Xantipi e Polixenia; I Santi Martiri di Siracusa; San Nicola, il fruttivendolo, neomartire; San Giovanni di Epiro, neomartire.

i santi di domani 24-09-2018

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP