Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Pasqua 2006

data: 23-04-2006 - Messaggio di S.S. il Patriarca Ecumenico

Messaggio Patriarcale per la Santa Pasqua



+ BARTOLOMEO I
PER MISERICORDIA DI DIO
ARCIVESCOVO DI COSTANTINOPOLI, NUOVA ROMA
E PATRIARCA ECUMENICO
A TUTTO IL PLEROMA DELLA CHIESA
GRAZIA, PACE E MISERICORDIA
DA PARTE DI CRISTO SALVATORE GLORIOSAMENTE RISORTO
Cristo è Risorto!

“O Vita, come muori? Come dimori in una tomba?”
 

Fratelli concelebranti e figli della Chiesa devoti e amanti di Dio,

Tutta la natura stupisce sbigottita: Il coro degli Angeli; la moltitudine degli uomini. Tutto il creato con timore e tremore sta innanzi al grande e indicibile mistero della Santa Passione e della sfolgorante Risurrezione di Cristo Salvatore, e si interroga: Come può morire la Vita, la Vita in assoluto, la Vita in sé, la stessa sorgente della Vita? Come può un sepolcro farsi ricettacolo della Vita, cioè di quel nostro Signore Gesù Cristo che ha detto: “Io sono la Vita” (Gv 14,6)?. La risposta fu data tramite la Risurrezione.
Molti interrogativi d’un tempo permangono. Quel che allora si è compiuto una volta per sempre, d’allora in poi si rinnova perennemente e continuamente. Il Mistero permane. E anche lo stupore. Per molti, ancor oggi, il Cristo è segno di contraddizione (Lc 2,34). E’ crocifisso, ma risorge. Il Crocifisso per alcuni è scandalo, follia per altri (I Cor 1,23). Il Risorto dai morti è deriso da alcuni (At 17,32); altri lo infamano (Mt 28,11-15), ma Egli regna nei cuori dei credenti.
I credenti pregustiamo la Risurrezione, viviamo da risorti, non temiamo la morte fisica del corpo, perché crediamo nella Risurrezione di Cristo e degli uomini, la riteniamo come una realtà testimoniata dalla nostra conversazione con i Santi, i quali – anche se morti, secondo l’aumana percezione – invero vivino e conversano con noi e ci aiutano nella nostra vita.
E’ risuonato però un tempo e, soprattutto, da quel tempo risuona incessante il potente grido del fanatismo: “Crocifiggi! Crocifiggilo!”. Rispose un tempo e dal quel tempo risponde la viltà e irresponsabilità dei potenti: “Prendetelo voi e crocifiggetelo!” (Gv 19,6).
La Vita è risorta, Cristo è risorto. E noi insieme testimoniamo la Sua Risurrezione, non solo con apodittiche argomentazioni, ma con la nostra stessa vita da risorti. Allora sarà credibile la nostra testimonianza, quando vive dentro di noi il Cristo Risorto, quando rifulgerà in tutta la nostra esistenza la gioia, la certezza e la apce della Risurrezione.
Davanti a noi, certemente, c’è sempre il sepolcro come minaccia alla vita. Alla vita dell’uomo e del nostro ambiente naturale. Non intendiamo certemente la corruzione e la morte con il significato biologico di questi termini. Pensiamo a quelle forme di morte e corruzione che minacciano la vita dell’uomo all’improvviso, con durezza e violenza, quelle forme che sfidano la coscienza, umiliano la persona umana, corrompono la bellezza della natura.
Pensiamo, per esempio, al tipo di vita che viene consegnata alla morte prima che incontri la luce del sole. Pensiamo ai milioni di bambini che porta alla tomba la povertà, la fame, la mancanza anche delle medicine assolutamente più necessarie, la durezza di cuore di quanti possono, ma non fanno ciò che è necessario per loro, la non vergogna dei sfruttatori e corruttori dell’innocenza infantile.
Pensiamo alle vittime delle quoditiane violenze, religiose, nazionalistiche, etniche e altri fanatismi e conflitti bellici che – nell’indifferenza e noncuranza - si oppongono alla domanda dell’umanità perché tacciano le passioni e, infine, questo mondo sia pacifico.
Pensiamo, in fine, alla brigantesca irruzione dell’uomo nell’ambiente naturale, crudelmente sottoposto a sciagurata e insaziabile brama di sfruttamento e speculazione che sfigura la bellezza donatagli dal Creatore, ne mina le fondamenta e le condizioni necessarie per la sopravvivenza delle generazioni future.
E ancora pensiamo a quelle forme di vita che portano le stimmate della morte, sia spirituale che morale, come frutto della passione, dell’errore, della privazione, dell’avidità, della meschinità e dell’oppressione della vita.
Fratelli e figli amati e diletti nel Signore, anche questo anno abbiamo venerato la Santa Passione del nostro Salvatore Gesù Cristo. Riconosciamo come il discorso sulla Sua morte di croce sia follia per quanti restano fermi nell’incredulità e vanno incontro alla perdizione, e – al contrario – sia potenza di Dio per quanti avanzano con fede sulla strada della salvezza (I Cor 1,18) con la fulgida luce della Risurrezione.
Con questa forza, e nella gioia della Risurrezione di Cristo, rispettiamo dunque la vita del nostro prossimo, perché cessino le reciproche lacerazioni e rinunciamo alla violenza e al fanatismo che minacciano la vita. Il trionfo della Risurrezione deve essere vissuto come trionfo della vita, della fratellanza tra gli uomini, della preveggenza e della speranza.
“Cristo è Risorto e la vita regna”. A Lui la gloria, l’onore e il potere nei secoli dei secoli.

Fanar, Santa Pasqua 2006
+ Il Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo,
fervido intercessore per tutti voi presso Cristo Risorto


 + Il Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo,
diletto fratello in Cristo e fervente intercessore presso Dio



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 23-04-2017

Domenica di Tommaso; Il santo grande Martire Giorgio e i suoi compagni; San Terino di Botroto; San Giorgio di Ptolemaide, neomartire; San Lazzaro il Bulgaro, neomartire.

i santi di domani 24-04-2017

Santa Elisabetta, la taumaturga; San Saba Stratilate e i suoi compagni, martiri; Santi Pasicrate e Valentino, martiri; Santi Eusebio, Neon, Leonzio, Longino, Cristoforo, Demetrio, Danubo, Donato, Terino, Nestabes e Niki, compagni di martirio di San Giorgio; San Xenofon del Monte Athos; San Doukas di Mitilene, neomartire; San Nicola di Magnesia, neomartire.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP