Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




LA FESTA DI SAN GENNADIOS NELLA CITTA' DELLA PACE UNIVERSALE E DELL'INCONTRO TRA I POPOLI

categoria: Eventi

Metropolita Gennadio: “San Gennadio, Patriarca di Costantinopoli, uomo semplice, servo della Grande Chiesa di Cristo, umile di animo e di cuore, rappresentò il simbolo dell'ordinamento ecclesiastico e del rispetto dei sacri canoni e della vera Ortodossia”



LA FESTA DI SAN GENNADIOS NELLA CITTA' DELLA PACE UNIVERSALE

E DELL'INCONTRO TRA I POPOLI

Metropolita Gennadio: “San Gennadio, Patriarca di Costantinopoli, uomo semplice, servo della Grande Chiesa di Cristo, umile di animo e di cuore, rappresentò il simbolo dell'ordinamento ecclesiastico e del rispetto dei sacri canoni e della vera Ortodossia”.

 

Nell'illustre città di Venezia, la città dei santi bizantini, delle icone taumaturgiche e delle sacre reliquie, la città della pace e della pacifica convivenza dei popoli, che da alcuni decenni è la base della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta del Patriarcato di Costantinopoli, nel quartiere storico, denominato “Campo dei Greci”, il cui centro è la Cattedrale di san Giorgio dei Greci, là dove l'Ortodossia è rinata e vive, diffondendosi in tutta l'Italia, greci e altri ortodossi d'Italia hanno festeggiato il loro Pastore, Sua Eminenza il Metropolita Gennadios, Arcivescovo d'Italia e Malta ed esarca per l'Europa meridionale.


La sera precedente veniva celebrato il Vespro solenne, mentre l'indomani mattina si svolgevano il Mattutino e la Divina Liturgia Pontificale, in onore di san Gennadio, patriarca di Costantinopoli. Ai sacri riti partecipavano numerosi chierici e fedeli ortodossi, le Igumene provenienti dai Sacri Monasteri di Montaner e Seminara, insieme con gli Arconti della Chiesa Madre e i collaboratori laici dell'Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, tra i quali la dott. Elisabet Kalambuka-Fimiani, responsabile del dialogo della Sacra Arcidiocesi.


Il Vicario generale stesso di Sua Eminenza, l'Archimandrita del Trono Ecumenico Evangelos Yfantidis, indirizzava il saluto a Sua Eminenza, il quale rispondeva, tra molte altre cose: “San Gennadio, patriarca di Costantinopoli, persona semplice, servo della Grande Chiesa di Cristo, umile di animo e di cuore, ma ricco d'amore e pace, era il simbolo dell'ordinamento ecclesiastico, del rispetto dei sacri canoni e della vera Ortodossia”.


Alla Divina Liturgia era presente il Console generale di Grecia in Milano Dott. Atanasio Tsionis, il direttore dell'Istituto Ellenico di Venezia Prof. Giorgio Ploumidis, il Console di Grecia in Venezia Dott. Simeon Linardakis e i rappresentanti delle storiche comunità greco ortodosse di Venezia Dott.sa Maria Anghelopoulou, e di Trieste Dott. Stylianòs Ritsos. Al termine della Divna Liturgia era organizzato un pranzo a cui hanno preso parte tutti color che erano presenti al rito religioso e gli amici della sacra Arcidiocesi.


Grazie al titanico quotidiano impegno di Sua Eminenza l'Arcivescovo Gennadios, instancabile promotore, la sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, tra molte difficoltà, progredisce come ogni organismo vivente e civile, promuovendo l'Ortodossia con il suo arduo, ma importantissimo compito missionario. Sua Eminenza, stabile e instancabile presenza, diffonde gli eterni messaggi del Patriarcato di Costantinopoli incarnandone lui stesso lo spirito attraverso la fondazione di parrocchie, scuole, monasteri, orinando nuovi sacerdoti, sempre impegnato nella predicazione dell'amore, della speranza, dell'unione.
La Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta, fondata nel 1991 da Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo I si trova nel cuore del cattolicesimo romano e in questo ultimo ventennio ha intrattenuto buone relazioni col Vaticano come con ogni uomo di buona volontà, edificando ponti di comprensione e di scambio, di fratellanza e di rispetto e con la bussola dell'amore e del dialogo, secondo l'insegnamento di san Giovanni Crisostomo, risolve ogni problema e cura ogni bisogno secondo le sue possibilità, soprattutto costituendo un eccellente collaborazione fra clero e popolo.

 

 


271
273
274
275
276
278
279
280
281
282
283
284
285
287
288
289
01/16 
start stop bwd fwd



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 16-12-2019

Santo Profeta Aggeo; San Marino, martire; Santi Promo, Ilarione, e compagni, martiri; San Memnone, arcivescovo di Efeso; San Modesto, arcivescovo di Gerusalemme; Santa Teofano, imperatrice; San Nicola II, patriarca di Costantinopoli.

i santi di domani 17-12-2019

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP