Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




La commemorazione dei defunti

 

di san Giovanni di Kronstadt

da: http://padridellachiesa.blogspot.it




 


        La commemorazione dei defunti
        di san Giovanni di Kronstadt  
 
La santa Chiesa Ortodossa, come madre attenta, innalza preghiere ogni giorno, in ogni ufficio divino, per tutti i suoi figli partiti nel paese dell’eternità. Ecco come: all’ufficio di mezzanotte sono letti i tropari e le preghiere per i defunti, e si fa memoria di loro nell’ektenia finale. Lo stesso alle compiete. Ai mattutini e ai vespri, durante l’ektenia chiamata “ardente”: “Abbi pietà di noi, o Dio…”. Nel corso della divina Liturgia sono commemorati tre volte: alla protesi, all’ektenia dopo l’Evangelo e dopo la santificazione dei doni, al momento dell’inno: “È veramente degno…”.
Così la santa Chiesa prega senza interruzione, e generalmente, per tutti i nostri antenati, padri, fratelli e sorelle, che ci hanno preceduti. Ma il nostro santo obbligo, è di preoccuparci noi stessi della salvezza dell’anima dei nostri defunti che non possono fare nulla di utile per sé stessi, nella vita dell’oltretomba, per i peccati che hanno commesso sulla terra. Sperano in noi e attendono il nostro aiuto, in noi che siamo i loro prossimi, i loro genitori, o che li abbiamo conosciuti.
Ecco quale aiuto possiamo fornire loro: la nostra preghiera offerta con fede ed amore, nei templi di Dio e nelle case private; le opere buone che compiamo in loro memoria; ma la principale e più efficace per ottenere la misericordia divina per i defunti, è la liturgia per i morti, o l’offerta del sacrificio incruento per la loro salvezza. Là, il Signore stesso è segretamente immolato sull’altare, e con ciò, porta la misericordia divina a perdonare al defunto i suoi peccati, per il quale intercede il più Grande degli Intercessori, ed è portato il sacrificio più Santo e più Potente. San Cirillo di Gerusalemme dice: “Preghiamo per tutti i defunti per i quali è offerto sull’altare il Sacrificio santo e terribile, nella fede che queste anime ne ricevono un profitto immenso”. Le particole prelevate dalle prosfore in ricordo delle anime dei defunti, nel corso della Divina Protesi, sono immerse nel Sangue Vivificante di Cristo, mentre il sacerdote pronuncia: “Lava, Signore, con il tuo Sangue prezioso e le preghiere dei tuoi santi, i peccati di quelli di cui è stata fatta qui memoria”. Ecco il significato immenso che ha per i defunti, al momento della Divina Liturgia, l’offerta delle prosfore e dei dittici che portano i loro nomi.
La santa Chiesa compie a nostra richiesta, un ufficio particolare in memoria di ciascuno dei nostri padri o parenti defunti, nei giorni della loro commemorazione; ma soprattutto nelle date importanti dopo il loro riposo, che sono il terzo, il nono, il quarantesimo giorno, ed il giorno anniversario. La commemorazione in questi giorni viene dalla tradizione apostolica, istituita per le seguenti ragioni:
Al terzo giorno, perché il defunto è stato battezzato nel nome del Padre, del Figlio e del Santo Spirito, Dio Uno nella Trinità; in seguito perché ha conservato le tre virtù teologali, che sono la base della nostra salvezza, cioè, la fede, la speranza e l’amore; in terzo luogo perché nel suo essere interiore c’erano tre forze, la ragionevolezza, la sensibilità e la volontà, con le quali, tutti pecchiamo e, poiché gli atti dell’uomo si esprimono in tre modi: azione, parola e pensiero, commemorando il terzo giorno, preghiamo la Santa Trinità di perdonare al defunto tutti i peccati che ha commesso con queste tre forze in azione.
Al nono giorno, perché l’anima del defunto sia resa degna dell’unione nel cuore dei Santi con le preghiere e l’intercessione dei nove ordini angelici.
Al quarantesimo giorno, in riferimento alla tradizione degli Apostoli, che hanno dato forza di legge nella Chiesa di Cristo all’uso ancestrale degli Ebrei di piangere i morti per quaranta giorni, la santa Chiesa dai tempi più antichi ha costituito come regola di fare memoria dei defunti durante quaranta giorni ed in particolare il quarantesimo.
Così come Cristo ha sconfitto Satana, restando quaranta giorni in digiuno e preghiera, esattamente allo stesso modo la santa Chiesa, offrendo durante quaranta giorni le preghiere, i doni e i sacrifici incruenti in onore del defunto, domanda per lui al Signore la grazia di vincere il nemico, il principe delle tenebre e ricevere in eredità il Regno Celeste.
La commemorazione dei defunti ad un anno dal giorno della loro morte, ed ogni anno successivo, si compie per rinnovare il nostro amore per loro con preghiere ed opere buone. Il giorno della loro fine è in un certo qual modo la loro seconda nascita, per la nuova vita eterna. La santa Chiesa ha istituito in più giorni particolari, che si chiamano “ancestrali”, per una commemorazione solenne ed universale di tutti coloro che sono morti nella vera fede. Tali sono:
- Il sabato di Carnevale, cioè il sabato che precede la “Settimana dei latticini” (questo giorno sono commemorati principalmente coloro che sono defunti di morte non naturale, ad eccezione di quelli che si sono suicidati).
- Tre sabati della Grande Quaresima: il secondo, il terzo ed il quarto.
- Il lunedì o il martedì della “settimana di Tommaso” (che segue la “Settimana luminosa” di Pasqua) chiamati Radonitsa.
- Il sabato che precede la Pentecoste, cioè, la vigilia della festa della santa Trinità.
- Il sabato che precede il 26 ottobre, o “sabato di Dimitri”, istituito dal Grande Principe Dimitri Ioannovitch Donskoï, per la memoria eterna dei soldati uccisi sul campo di battaglia di Koulikovo (l’8 settembre 1380).
- Il 29 agosto, giorno della decollazione di san Giovanni il Precursore.
“Sforziamoci, dice san Giovanni Crisostomo, di aiutare i defunti per quanto possibile: invece di lacrime, invece di singhiozzi, invece di tombe sontuose: le nostre preghiere per loro, le opere buone e i doni, affinché così, sia loro che noi, riceviamo le bontà promesse”.
Ciascuno di noi aspira a ché dopo la nostra partenza da questa vita i nostri parenti non ci dimentichino e preghino per noi. Affinché questo si compia, dobbiamo noi stessi amare i nostri parenti defunti. Con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio (Luca 6, 38), dice la parola di Dio. È per questo che Dio, ed anche gli uomini, si ricorderà, al momento della sua morte, di colui che avrà commemorato i defunti.
Prega il Signore per il riposo dei tuoi antenati, padri e fratelli defunti, ogni giorno, mattina e sera, e che la memoria della morte viva in te, e che la speranza di un’altra vita dopo la morte non si estingua in te, e che il tuo spirito si umili ogni giorno al pensiero della rapidità con la quale passa la tua vita.
L’uomo morto è un essere vivo: Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui (Luca 20, 38). L’anima vola invisibilmente presso il corpo, ed i luoghi dove amava trovarsi. Se è morta nei peccati, non può disfarsi dei loro legami ed ha un grande bisogno delle preghiere dei vivi e soprattutto della Chiesa, la santissima sposa di Cristo.
Preghiamo, così, sinceramente per i morti, questo beneficio immenso è per loro più grande della beneficenza per i vivi.
Fratelli! Qual è lo scopo della nostra vita sulla terra? È, dopo la nostra prova nelle afflizioni e le disgrazie terrestri, e dopo un perfezionamento progressivo nelle virtù con l’aiuto dei doni beati ricevuti nei misteri, di riposare in Dio alla nostra morte: il riposo del nostro spirito. Ecco perché cantiamo per i morti: “Da riposo, Signore, all’anima del Tuo servo”. Desideriamo il riposo per il defunto, termine di ogni desiderio, e preghiamo Dio per questo. Non è irragionevole allora, affliggersi enormemente a proposito dei morti? Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo (Matteo 11, 28), dice il Signore. Ecco i nostri defunti, che si sono addormentati in una fine cristiana, giungono a questa chiamata del Signore, e si riposano. Perché allora affliggersi?
Cosa è dunque la nostra vita? Una candela che brucia. Basta soltanto a Colui che l’ha donata, di soffiarvi sopra, ed essa si spegne. Che cos’è la nostra vita? Il cammino del viaggiatore: arrivato ad un certo limite le porte si aprono davanti a lui, lascia il suo abito di pellegrino (il suo corpo) ed il suo bastone, ed entra nella sua casa. Che cos’è la nostra vita? Una guerra lunga, cruenta, per la conquista della vera patria e della vera libertà. La guerra è terminata: che siate vincitori, o sconfitti, siete chiamati dal luogo della battaglia, verso quello della ricompensa, e ricevete dal Tesoriere, o la ricompensa e la gloria eterna, o la punizione e la vergogna eterne.
La preghiera è il legame d’oro del cristiano, viaggiatore e straniero sulla terra, con il mondo spirituale di cui fa parte, e soprattutto con Dio; l’anima è venuta da Dio, ed è verso Dio che ritorna sempre attraverso la preghiera. La preghiera porta un grande vantaggio a colui che prega: allevia l’anima ed il corpo, dà il riposo non soltanto all’anima di colui che prega (Io vi darò riposo – Matteo 11, 28), ma anche a quelle dei nostri antenati, padri, fratelli e sorelle, già arrivati.
Vedete allora l’importanza della preghiera!

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 20-02-2017

San Leone, vescovo di Catania; San Bessarione l'egiziano; San Agatone, papa di Roma; San Cindeo, vescovo di Pisidia; San Plotino; San Didimo di Cipro, martire.

i santi di domani 21-02-2017

San Timoteo dei Simbola; San Eustazio, vescovo di Antiochia; San Giovanni III, patriarca di Costantinopoli; San Zaccaria, patriarca di Gerusalemme; San Giorgio, vescovo di Amastris.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP