Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Tempo di nascere e tempo di morire

 

di san Gregorio di Nissa

da: http://padridellachiesa.blogspot.it




 

Dalle «Omelie sull'Ecclesiaste» di san Gregorio di Nissa, vescovo
(Om 6; PG 44, 702-705)

«Vi è un tempo per nascere», dice «e un tempo per morire» (Qo 3, 2). Voglia il cielo che sia concesso anche a me di nascere al tempo giusto e di morire al momento più opportuno.
Noi infatti siamo in certo modo padri di noi stessi, quando per mezzo delle buone disposizioni di animo e del libero arbitrio, formiamo, generiamo, diamo alla luce noi stessi.
Questo poi lo realizziamo quando accogliamo Dio in noi stessi e diveniamo figli suoi, figli della virtù e figli dell'Altissimo. Mentre invece rimaniamo imperfetti e immaturi, finché non si è formata in noi, come dice l'Apostolo, «l'immagine di Cristo». E' necessario però che l'uomo di Dio sia integro e perfetto. Ecco la vera nascita nostra.
«C'è un tempo per morire». Per san Paolo ogni tempo era adatto per una buona morte. Grida infatti nei suoi scritti: «Ogni giorno io affronto la morte» (1 Cor 15, 31) e ancora: «Per causa tua siamo messi a morte tutto il giorno» (Rm 8, 36). E proprio in noi stessi portiamo la sentenza di morte. E' chiaro poi in che modo Paolo muoia ogni giorno, egli che non vive per il peccato, ma svuota il suo corpo e porta sempre in se stesso la mortifico svuotamento di Cristo,stesso ed è sempre crocifisso con Cristo, lui che non vive mai per se stesso, ma porta in sé il Cristo vivente. Questa, secondo me, è stata la morte opportuna che ha dato la vera vita. Infatti dice: Io farò morire e darò la vita (cfr. Dt 32, 39) perché ci si persuada veramente che è un dono di Dio esser morti al peccato e vivificati nello spirito. La parola di Dio, infatti, promette la vita proprio come effetto della morte.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 01-03-2021

i santi di domani 02-03-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP