Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




LE VISITE PASTORALI DEL METROPOLITA GENNADIOS RAFFORZANO LA CHIESA ORTODOSSA RICOPRENDOLA DI PRESTIGIO

categoria: Eventi

Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta: “Teniamo sempre accesa luce della risurrezione da cui emana a sua volta la luce dell'Ortodossia, illuminando il popolo di Dio affinché preghi per la buona riuscita del Santo e Grande Sinodo”



 

Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta: “Teniamo sempre accesa luce della risurrezione da cui emana a sua volta la luce dell'Ortodossia, illuminando il popolo di Dio affinché preghi per la buona riuscita del Santo e Grande Sinodo”

 

LE VISITE  PASTORALI DI SUA EMINENZA IL METROPOLITA D’ITALIA E MALTA GENNADIOS RAFFORZANO LA CHIESA ORTODOSSA RICOPRENDOLA DI PRESTIGIO

 

Nella diaspora in Italia vi sono sacerdoti che lottano con zelo e vigore per la salvaguardia irreprensibile della nostra fede, sostenendo i fedeli ortodossi, i quali a loro volta vengono incoraggiati e rafforzati con le Visite Pastorali di Sua Eminenza il nostro Arcivescovo, Gennadios, Metropolita d’Italia e Malta, nelle quali comunica con il clero ed il popolo di Dio, ascoltando e consigliando a seconda delle circostanze e dei bisogni. Sua Eminenza con il nuovo anno, più precisamente dalla  Domenica dopo l’Epifania fino alla Domenica dell’Ortodossia, percorrendo tutta l’Italia ha visitato molteplici parrocchie, scuole, istituzioni, comunità e fraternità, offrendo loro supporto e protezione; soprattutto i suoi consigli dimostrandosi vicino a centinaia di fedeli ortodossi i quali l’hanno, come al solito, benevolmente ricevuto con onore, amore e rispetto.

 

*************************

P A D O V A

9 – 10   GENNAIO   2016

 Padova, una delle città italiane che ha ospitato centinaia di studenti Greci, ha vissuto momenti di elevazione spirituale e benedizione con la presenza di Sua Eminenza durante la Divina Liturgia, celebrata dal Vicario Generale dell’Arcidiocesi, p. Evangelos Yfantidis, Archimandrita del Trono Ecumenico.

La città Universitaria di Padova e la sua periferia è resa illustre oggi da scienziati, imprenditori, professori universitari, insegnanti ed onesti lavoratori Greci, la maggior parte dei quali ha studiato nell’università cittadina.

La notevole organizzazione della parrocchia del Santo Apostolo Luca è opera e merito del Vicario p. Evangelos il quale seguendo i suggerimenti e consigli di Sua Eminenza, ha creato una parrocchia Ortodossa piena di vita che rappresenta un modello di eccellente operatività e decoro. Questa parrocchia Greco Ortodossa fa sperare in uno splendido futuro, grazie alla giovinezza dei suoi figli.

Alla Divina Liturgia hanno partecipato il direttore dell’Istituto Ellenico di Studi Bizantini e post-Bizantini di Venezia, il professor Georgios Ploumidis, la presidente della Comunità dei Greci Ortodossi di Venezia, la signora K. Balafouti, il secondo vicepresidente, il dott. B. Kalogerakis, vari membri della comunità collaboratori del Vicario Generale. In seguito in un raffinato Ristorante si è celebrata  la cerimonia del “Taglio della Vassilopita” della comunità greca, benedetta da parte di Sua Eminenza il Metropolita Gennadios. Erano presenti anche numerosi amici Italiani.

Tra i collaboratori del Vicario Generale in questa parrocchia vi sono i membri del Consiglio Parrocchiale, il signor Ioannis Antoniadis che si occupa del Santo Altare supervisionando e mantenendo decorosamente la chiesa, la signora Athina Stamatiou, vicepresidente responsabile dei rapporti con le autorità locali e il signor Dimitrios Argiriadis, cantore da due decenni.

 

*************************

N A P O L I

15 – 18   GENNAIO   2016

 L’insigne città di Napoli, colonia di abitanti di Rodi, è stata visitata da Sua Eminenza il 17 Gennaio 2016,  sacro giorno per la ricorrenza del 45esimo anno dalla sua ordinazione episcopale come Vescovo Ausiliare dell’Arcivescovo d’Austria ed esarca d’Italia Crisostomo.

Gli Ortodossi dell’antica Partenope (l’antico nome di Napoli dato dagli abitanti di Rodi alla capitale del sud d’Italia) delle isole paradisiache di Capri ed Ischia e dei bellissimi porti di Salerno e Pozzuoli, da cui transitò l’apostolo delle genti Paolo, della vicina Amalfi, che custodisce la reliquia taumaturgica dell’apostolo Andrea, primo chiamato, di Ravello, in cui è custodito il sangue del santo Martire Panteleimon,  il santo martire Gennaro, patrono di Napoli, sono venuti tutti spontaneamente e i modo non organizzato a salutare Sua Eminenza e ad esprimere i loro auguri, partecipando alla preghiera durante la Divina Liturgia commemorativa di quel luminoso e illustre giorno di 45 anni prima. Preghiera, commozione, gioia e tanti ricordi hanno caratterizzato il festeggiamento.

Storicamente l’elezione di Sua Eminenza l’Arcivescovo Gennadios quale Vescovo Ortodosso d’Italia è stata la prima dopo 220 anni; anche la nomina è storica perché per tradizione del Patriarcato Ecumenico l’ordinazione episcopale si celebrava a Costantinopoli e in seguito il neo Vescovo veniva mandato in Italia. Erano presenti a quell’epoca il Cardinale di Napoli  Corrado Ursi, il Prefetto, il rappresentante del Vaticano, vari parlamentari della Repubblica Italiana, esponenti della magistratura e dell’esercito.

La prima Chiesa Ortodossa nella diaspora, quella di Napoli, fu dedicata ai santi Pietro e Paolo e venne edificata a spese di Tommaso Assan Paleologo, figlio di Demetrio e nipote di Costantino Paleologo ultimo Imperatore. Nei tempi moderni ha subito disavventure e dispute interne ed esterne e dopo essere riuscita a sconfiggere nemici e rivali è risalita progredendo dal punto di vista ecclesiastico fino a primeggiare nell’impegno sociale ed educativo, promuovendo l’istruzione ellenica, fondando scuole e coltivando rapporti tra i cristiani di varie denominazioni, specialmente con i R.cattolici.

Alla Divina Liturgia hanno partecipato il Vicario Generale, l’Archimandrita del Trono Ecumenico EvangelosYfantidis e il Rettore della chiesa e Vicario della Campania, l’Archimandrita  Georgios Antonopoulos, impegnato in tutti i settori, specialmente con gli immigrati. Erano presenti, oltre a centinaia di fedeli ortodossi residenti,  anche i militari della NATO. Da segnalare l’impegno della dott.sa Elisabetta Kalampouka Fimiani, la quale in  modo prodigioso, sotto la guida di Sua Eminenza, lavora e rappresenta la Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta, partecipando a incontri e manifestazioni di carattere ecumenico e culturale.

Importante è il lavoro che svolgono i collaboratori e le collaboratrici della nostra Arcidiocesi in tutta Italia, radunando i greci e gli altri fedeli Ortodossi, fondando parrocchie e a seconda della provenienza del gregge, il Metropolita ordina nuovi sacerdoti.

Ancora a Napoli è stato festeggiato con un congresso e altri eventi anche il 35simo anniversario della fondazione dell’Associazione Culturale delle Donne Greche, che tanto ha contribuito all’amicizia fra italiani e greci e alla sopravvivenza della nostra identità culturale ed etnica nell’ Italia del sud.

Durante la permanenza a Napoli Sua Eminenza ha incontrato l’ex Presidente della Federazione delle Comunità e Confraternite Elleniche in Italia, il prof. Jannis  Korinthios, l’attuale Segretario, il dott. Andreas Andreou, il Presidente della Comunità Campana, il dott. Pavlos  Kyprianou, e in particolare il Presidente Onorario dell’Associazione, la signora Athina Zora Nicolai, il Presidente del Consiglio per il rapporto bilaterale tra le  Chiese, la dott.sa  Elisabetta  Kalampouka Fimiani, nonché i membri dell’Associazione.

Importante il fato che a Napoli esisteva un’antichissima “Via dei Greci”, sede della Chiesa e della Confraternita dei Santi Pietro e Paolo. Durante la seconda guerra mondiale il nome della via divenne “via San Tommaso D’Aquino“, ma sette anni fa sono state intraprese iniziative per ripristinare il nome della via; il Comune di Napoli quattro anni fa ha posto una lapide di marmo manifestando il contributo del popolo Greco a beneficio della Città Partenopea. Finalmente il Comune di Napoli lo scorso dicembre ha restituito il nome storicamente originario alla via che orgogliosamente si chiama di nuovo “ VIA DEI GRECI “.

 

*************************

P E R U G I A

23 – 25   GENNAIO   2016

 Il  23 gennaio Sua Eminenza l’Arcivescovo ha visitato la parrocchia greco-ortodossa di Perugia in occasione della ricorrenza del decimo anniversario dalla prima celebrazione della Divina Liturgia nella splendida chiesa di San Gerasimo, assegnata alla Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta dall’allora arcivescovo R.cattolico della città Mons. Giuseppe Chiaretti. La città di Perugia ha un importante rapporto con la nostra nazione, avendo ospitato centinaia di studenti Greci presso le sue varie facoltà universitarie.

Sua Eminenza all’arrivo in città è stato invitato dal Console di Grecia a benedire la sede del Consolato nella quale ha eseguito il tradizionale taglio della “Vassilopita” in presenza di centinaia di cittadini Greci.

Il giorno successivo è stata celebrata la Divina Liturgia da Sua Eminenza il Metropolita, assistito dal Vicario Generale e dal Rettore della chiesa, il Protopresbitero Georgios Khachidze, con la partecipazione di tutti i Greci della città e di decine di altri fedeli ortodossi.

La parrocchia di Perugia è stata organizzata ai suoi primi passi dall’allora neo presbitero p. Evangelos Yfantidis,  sotto la guida di Sua Eminenza, facendola diventare un eccellente punto di riferimento per i Greci del luogo.

I Consoli di Grecia, il dott. Konstantinos Cristogiannis e di Cipro, il dott. Georgios Fellas, l’Arcivescovo R.Cattolico di Perugia cardinale Gualtiero Bassetti, dopo la Divina Liturgia, hanno partecipato al “pranzo d’agape”  ufficiale. Il Cardinale Bassetti ha quindi invitato il nostro Arcivescovo a tenere un discorso pubblico in occasione del “Dibattito sul Dialogo” organizzato dalla Chiesa Cattolica domenica 24 gennaio.

Su richiesta e invito del protopresbitero Ionut Radu, quale arciprete della Chiesa Rumena in Perugia, il Metropolita Gennadios  si è poi recato nella Chiesa Rumena di San Giovanni da Bazau.

 

*************************

M I L A N O

30 – 31   GENNAIO   2016

Invitato della comunità Greca, Sua Eminenza il Metropolita Gennadios si è recato a Milano per i festeggiamenti del nuovo anno e il tradizionale taglio della ”Vassilopita“, a cui erano presenti Greci, Italiani ed altri amici della comunità.

Sua Eminenza ha quindi celebrato il sabato sera il Vespro nonché il Mattutino e la Divina Liturgia la domenica mattina nella Magnifica Chiesa Greco-Ortodossa dell’Acatisto, concessa dalla curia arcivescovile R.Cattolica di Milano.

Nel corso dei festeggiamenti Sua Eminenza ha ringraziato ed elogiato il dottor Nicolaos Sakkaris, Arconte del Patriarcato Ecumenico, per il suo contributo al progresso e unità dell’Ellenismo a Milano.

Nel suo discorso ai fedeli  della parrocchia di Milano, Sua Eminenza il Metropolita ha menzionato tra l’altro la terribile e tragica crisi mondiale rappresentata da mali spirituali quali l’avidità, l’indifferenza, la corruzione, la dura e disumana secolarizzazione, che purtroppo spingono l’uomo contro la legge di Dio e la propria coscienza.

La Sacra Arcidiocesi, clero e collaboratori, in tutta Italia, sta svolgendo un lavoro apprezzabile: riunisce i greci e gli altri ortodossi, fonda parrocchie, coltiva relazioni di amicizia e cooperazione e ordina sacerdoti a seconda l’origine del gregge. La Repubblica Italiana ha così a disposizione lavoratori e lavoratrici oneste, rispettose delle leggi e riconoscenti per l’ospitalità ricevuta. Questo è l’umile e sostanziale contributo della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta nella società Italiana.   

 

*************************

F A N O

13 – 14   FEBBRAIO   2016

 Sua Eminenza si è recato a Fano, vicino ad Ancona, città Adriatica d’origine bizantina, centro turistico cosmopolita, dotato di due porti nei pressi della città universitaria di Urbino e di Pesaro, polo industriale.

Dedicata a Sant’Antonio il Grande, maestro di monachesimo, la chiesa di Fano è un vero gioiello di storia Bizantina. Risalente al XIII secolo, venne restaurata due anni fa da importanti artisti italiani.

Il sacerdote è moldavo e parla anche il russo. La maggioranza dei fedeli ortodossi sono di origine Moldava e Ucraina. Il Metropolita ha celebrato il Vespro, benedetto i pani e proclamato la parola di Dio, soffermandosi a lungo sul grande e importante evento della Chiesa Ortodossa, il Santo e Grande Sinodo, per il quale tutti dobbiamo pregare. In seguito ha incontrato il Console di Grecia, il dottor Dimitrios Mbelogiannis informandolo circa la concessione di una chiesa all’Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta da parte del Cardinale di Ancona Edoardo Menichelli. La Divina Liturgia è stata celebrata dal protopresbitero Victor Ciloci e dal Presbitero George Batalouta; era presente anche il Sindaco della città, che si è congratulato esprimendo a Sua Eminenza i suoi auguri per il lavoro culturale e sociale svolto da parte dell’Arcidiocesi nella penisola italiana.

 

*************************

V E N E Z I A

21   FEBBRAIO   2016

 Nella famosissima e storica  chiesa Cattedrale di San Giorgio dei Greci a Venezia, la prima Domenica del Triodion, è stata celebrata la Divina Liturgia da parte di Sua Eminenza l’Arcivescovo Gennadios. In seguito Sua Eminenza ha incontrato i fedeli nella “sala del trono“ rispondendo appropriatamente alle loro domande specialmente sulla preparazione e convocazione del Santo e Grande Sinodo.

 

*************************

R O M A

27  -  28   FEBBRAIO   2016

 In presenza di centinaia di fedeli Ortodossi è stata celebrata solennemente la festa della Parrocchia di San Teodoro il Tirone a Roma. Secondo la leggenda nel sito in cui è ubicata attualmente la chiesa di San Teodoro furono nutriti dalla lupa i fondatori di Roma stessa, Romolo e Remo.

La grande e illustre chiesa di San Teodoro è stata concessa alla nostra Arcidiocesi dalla Chiesa R.cattolica nell’aprile del 2000. L’inaugurazione fu celebrata il primo luglio 2004 da Sua Santità il Patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I in persona.

Alla Divina Liturgia hanno partecipato gli Ambasciatori delle nazioni ortodosse, avendo a capo gli Ambasciatori di Grecia e Cipro dott. Th. Demiris  e  dott. T. Tzionis.

Nel discorso rivolto alle loro eccellenze, gli ambasciatori e agli innumerevoli fedeli, Sua Eminenza ha menzionato il Santo e Grande Sinodo della Chiesa Ortodossa, che si svolgerà nel giorno di Pentecoste, sottolineando come questo imminente evento rappresenta un momento ecclesiale storico, oltre che una benedizione dell’amore di Dio verso la Chiesa Ortodossa; il suo messaggio darà sostegno all’umanità, sofferente che per i disagi e le riforme politiche, economiche e sociali della nostra epoca. Sarà infine di aiuto al popolo ortodosso nelle difficoltà e nei problemi contemporanei.

Il Consiglio Ecclesiastico guidato dal suo Rettore l’Archimandrita Simeone ha organizzato con grande successo la festa e le celebrazioni in onore del loro Patrono Megalomartire Teodoro.

 

*************************

C H I E T I

5  -  6   MARZO   2016

 Trovandosi vicino ad Ancona Sua Eminenza Gennadios ha preso parte anche a un Incontro Internazione sulla casa della Vergine nella città storica di Loreto, organizzato dall’Accademia delle lettere, arti e scienze della Casa Imperiale dei Comneni. Poi si è recato  nella città di Chieti, la cui parrocchia ortodossa ha per sede la chiesa dei santi Costantino ed Elena, concessa alla nostra Arcidiocesi dall’Arcivescovo della città S. Ec. Mons. Bruno Forte, noto teologo cattolico, originario di Napoli e vecchio amico di Sua Eminenza.

Un’incontro con Mons. Bruno Forte ha avuto luogo in chiesa prima della Liturgia. Sua Eminenza il Metropolita ha poi officiato la Divina Liturgia e con parole affettuose ha ringraziato tutti i fedeli per la loro presenza e fedeltà all’ortodossia in mezzo a condizioni tragiche di indifferenza totale. Ha salutato con onore e affetto il protopresbitero Anatoliy, ringraziandolo per il suo lavoro missionario nella Provincia di  Chieti.

La Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta intensifica costantemente lo sforzo per trovare e ottenere in concessione luoghi di culto allo scopo di facilitare la vita ecclesiastica degli immigrati Ortodossi. Garantire la presenza di un sacerdote, di una chiesa e di una parrocchia organizzata è il principale pensiero  del Metropolita.

 

*************************

V E N E Z I A

20   MARZO   2016

 Con raccoglimento, modestia, ordinamento bizantino e degna sacralità, nella grande chiesa Cattedrale di San Giorgio dei Greci in Venezia si è celebrato il festoso e gioioso Mattutino della Domenica dell’Ortodossia.

Sua Eminenza il Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta ha officiato il mattutino e la Divina Liturgia insieme con l’Archimandrita del Trono Ecumenico Evangelos Yfantidis e il Protopresbitero Nicola Madaro. In conclusione della Divina Liturgia  ha avuto luogo la grande processione delle sacre e miracolose icone e delle sacre reliquie, confermando un’altra volta che la Chiesa Ortodossa è  Una,  Santa,  Cattolica  ed  Apostolica.

Con parole di pace e amore ha salutato il vicepresidente della storica Comunità dei Greci Ortodossi di Venezia, il dott. B. Kalogerakis.

La comunità, che ha come su festa propria la domenica dell’Ortodossia, ha organizzato presso gli uffici della comunità un grande ricevimento per tutti i presenti. Assente giustificato il presidente, la dott.sa K. Mpalafouti.

 


271
273
274
275
276
278
279
280
281
282
283
284
285
287
288
289
01/16 
start stop bwd fwd




Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 19-11-2019

San Abdias, profeta; San Barlaam di Antiochia; San Azez e compagni; San Agapio, martire; San Eliodoro, martire; San Pancario, martire; San Simone di Calabria.

i santi di domani 20-11-2019

La vigilia dell'Ingresso al Tempio della S.S. Madre di Dio; San Gregorio Decapolita; San Proclo, arcivescovo di Costantinopoli; San Dasio di Silistra; San Narsai, vescovo di Shahrqart e compagni, martiri; Santi Eustazio, Spesio, Anatolio, martiri; San Teoctisto il Confessore; San Sozomeno di Cipro.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP