Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Quinta domenica di Pasqua: SINASSI DI TUTTI I NOSTRI SANTI PADRI ARCIVESCOVI E PATRIARCHI DI COSTANTINOPOLI

 

a cura della Chiesa Greco-Ortodossa di San Paolo Apostolo dei Greci, Reggio di Calabria




 

SINASSI DI TUTTI I NOSTRI SANTI PADRI ARCIVESCOVI E PATRIARCHI DI COSTANTINOPOLI

Nella Domenica della Samaritana, ogni anno, si celebra nel Patriarcato Ecumenico, la festa della “Sinassi” della sacra memoria “di tutti i Padri Nostri fra i Santi Arcivescovi e Patriarchi di Costantinopoli”. Per la prima volta questa festa è stata adottata su proposta del nostro mirabile Patriarca Bartolomeo I, quando dopo Sua elezione nel 1991, nel Santo Sinodo riunito il 24 ottobre del 1991, si decise di indurre questa comune festa di tutti i Suoi Santi Patriarchi predecessori, dal fondatore della Chiesa di Costantinopoli, Andrea il Primo-chiamato e il suo successore primo vescovo Stachys (38 – 54) fino al Patriarca Ecumenico Cirillo VI (1813 – 1818) impiccato presso la porta d’ingresso della Metropoli di Adrianopoli il 18 aprile 1821. << Così avremo l’occasione di invocare la grazia dal Signore per mezzo di loro per la Madre Chiesa e per noi stessi >> ha detto il nostro Patriarca in quella riunione. L’atto sinodale, della riunione del Santo e Sacro Sinodo del 18 novembre 1991, proclamò questa festa e che si festeggiasse in modo solenne con dignità ecclesiale nella cattedra del Patriarcato Ecumenico con cerimonia patriarcale e liturgia sinodale, nella venerabilissima chiesa patriarcale del Megalomartire Giorgio il Vittorioso. È stato realizzato per questa festività il sacro officio dall’innografo della Grande Chiesa degno di memoria, Gerasimo di Mikrà Aghìa Anna, e viene cantato nella Domenica della Samaritana, dopo l’officio del Pentikostarion, secondo il Typikon della Grande Chiesa. Il compianto Nicodemo (+ 2012), Metropolita di Ierisso, del Monte Athos e di Ardameri, supremo esarca di tutta la Calcidica, e membro del Santo Sinodo donò alla Grande Chiesa la Sacra Icona della Sinassi.

Vescovi di Bisanzio (fino al 325)

• Sant'Andrea Apostolo (fondatore)
• San Stachys l'Apostolo (38-54)
• Sant'Onesimo (54-68)
• San Ciriaco I (217-230)
• San Castino (230-237)
• San Metrofane (306-314)
• Sant'Alessandro (314-337)

Vescovi e arcivescovi di Costantinopoli (dal 325 al 1821).

• San Paolo I (337-339), restaurato (341-342), restaurato (346-350)
• San Gregorio I Nazianzeno (379-381)
• San Nettario (381-397)
• San Giovanni I Crisostomo (398-404)
• San Arsazio di Tarso (404-405)
• San Attico (406-425)
• San Sisinio I (426-427)
• San Massimiano (431-434)
• San Proclo (434-446)
• San Flaviano (446-449)
• Sant'Anatolio (449-458)
• San Gennadio I (458-471)
• San Macedonio II (496-511)
• San Giovanni II di Cappadocia (518-520)
• San Epifanio (520-535)
• San Menna (536-552)
• San Eutichio (552-565, 577-582)
• San Giovanni III Scolastico (565-577)
• San Giovanni IV il Digiunatore (582-595)
• San Tommaso I (607-610)
• San Tommaso II (667-669)
• San Giovanni V (669-675)
• San Costantino I (675-677)
• San Teodoro I (677-679)
• San Giorgio I (679-686)
• San Callinico I (693-705)
• San Ciro (705-711)
• San Germano I (715-730)
• San Tarasio (784-806)
• San Niceforo I il Confessore (806-815)
• Teodoto I di Cassiteras (1º aprile 815 - dicembre 820 o gennaio 821 deceduto)[1]
• San Metodio I il Confessore (marzo 843 - 14 giugno 847 deceduto)
• Sant'Ignazio I (847- 23 novembre 858 deposto); (867 - 23 ottobre 878 deceduto) per la seconda volta.
• San Fozio I il Grande (25 dicembre 858 - 16 settembre 867 deposto); (23 ottobre 878 - 27 settembre 887 deposto) (per la seconda volta)
• San Stefano I (25 dicembre 887 - 17 maggio 893 deceduto)
• San Antonio II Cauleas (3 agosto 893 - 12 febbraio 901 deceduto)[2]
• San Nicola I Mistico (901 - 1º febbraio 907 deposto); (912 - 15 maggio 925 deceduto) (per la seconda volta).
• Sant'Eutimio (maggio 907 - luglio 912 deposto)
• San Stefano II di Amasea (agosto 925 - luglio 927 deceduto)
• San Trifone (14 dicembre 927 - agosto 931 deposto)
• Teofilatto (2 febbraio 933[3] - 27 febbraio 956[4] deceduto)
• San Polieucte (3 aprile 956 - 16 gennaio 970 deceduto)
• San Nicola II Crisoberge (maggio 980 - 16 dicembre 992 deceduto)
• San Sergio II (giugno/luglio 1001 - luglio 1019 deceduto)
• San Eustazio (luglio 1019 - prima del 15 dicembre 1025 deceduto)
• San Costantino III Licude (2 febbraio 1059 - 9 o 10 agosto 1063 deceduto)
• San Cosma I (2 agosto 1075 - 8 maggio 1081 dimesso)
• San Giovanni IX Agapeto (24 maggio 1111 - fine aprile 1134 deceduto)
• San Leone Styppes (maggio 1134 - gennaio 1143 deceduto)
• Sant’ Arsenio Autoreianus (fine novembre 1254 - febbraio/marzo 1260 dimesso); (maggio/giugno 1261 - maggio/giugno 1264 deposto) (per la seconda volta).
• San Giuseppe I Galesiotes (28 dicembre 1266 - 9 gennaio 1275 dimesso); (31 dicembre 1282 - 23 marzo 1283 deceduto) (per la seconda volta).
• San Atanasio I (14 ottobre 1289 - 16 ottobre 1293 dimesso)
• San Callisto I (1350 - 14 agosto 1353 deposto); (gennaio/febbraio 1355 - agosto 1363 deceduto) (per la seconda volta).
• San Filoteo Kokkinos (inizio settembre 1353 - gennaio/febbraio 1355 deposto); (1364-1376) (per la seconda volta).
• San Callisto II Xanothopoulos (maggio 1397 - agosto 1397)
• San Dionisio I † (autunno 1467 - fine 1471 dimesso)
• San Nefone II (1486-1488, 1497-1498, 1502)

ΕΠΕΤΗΡΙΣ ΤΟΥ ΟΙΚΟΥΜΕΝΙΚΟΥ ΠΑΤΡΙΑΡΧΕΙΟΥ ΕΤΟΥΣ 2016

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 15-04-2021

i santi di domani 16-04-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP