Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




STICHARION

 

a cura dell'Archimandrita Antonio Scordino




 

STICHARION 

Può essere di qualsiasi stoffa, purché decente, e di qualsiasi colore, purché non “stoni”, anche se di solito è di colore bianco. In genere ha una crocetta sul dorso (che si bacia prima d’indossarlo) e legacci per stringere i polsini. In genere, più che un sobrio gallone in fondo, non ha ornamenti particolari, ma vedi anche Dalmatica e Sacco. Il camice s’indossa solo per la divina Liturgia; per estensione, anche per il Vespro dei Presantificati; per il Mattutino del Grande Sabato perché un tempo faceva un tutt’uno con il Vespro unito alla divina Liturgia. In tutte le altre celebrazioni, sacerdote e diacono usano solo la stola (in alcuni momenti anche il felonio) e l’orarion, direttamente sull’abito civile.

Lo Sticharion usato dal diacono è uguale a quello del sacerdote: solo che le maniche sono abbastanza larghe (e con vengono trattenute da legacci) e che la stoffa è in genere più “ricca”. E’ opportuno che il colore sia intonato a quello del felonio del sacerdote (vedi anche Orarion). In alcune celebrazioni minori, il diacono si limita a usare il solo orarion direttamente sul rason. Lo Sticharion è usato anche dagli ipodiaconi e dagli altri inservienti.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 14-10-2019

Santi Nazario, Gervasio, Protasio, e Celsio, martiri; San Cosmas, l'innografo, vescovo di Maiuma; San Silvano e compagni, martiri; San Pietro Apselamo, martire; Santa Parascheva la giovane; San Ignazio Agallianos, metropolita di Mithymna.

i santi di domani 15-10-2019

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP