Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




MALACHIA

 

a cura dell'Archimandrita Antonio Scordino




 

I    Oracolo, parola del Signore su Israele, per mano del suo angelo: ponetelo dunque nel vostro cuore. 2Vi ho amati – dice il Signore – e voi dite: “In cosa ci ha amati?” Il Signore dice: Forse che Esaù non era fratello di Giacobbe? Eppure ho amato Giacobbe 3e odiato Esaù; i suoi monti ho dato alla desolazione e la sua eredità agli sciacalli del deserto. 4Poiché l’Idumea esclama: “Siamo stati distrutti, ma ritorneremo e riedificheremo i deserti”, il Signore onnipotente dice: Essi costruiranno, ma io distruggerò, e i loro monti saranno chiamati Iniquità, popolo contro il quale il Signore è sdegnato in eterno. 5I vostri occhi vedranno, e voi esclamerete: “Si è innalzato il Signore sui monti d’Israele”. 6Il figlio dà gloria al padre, e il servo al suo signore; se dunque io sono il Padre, dov’è la mia gloria? Se io sono il Signore, dov’è il mio timore?, dice il Signore a voi, sacerdoti che disprezzate il mio nome e dite: “In cosa abbiamo disprezzate il tuo nome?” 7Presentando al mio altare pani contaminati. Dite: “In cosa li abbiamo contaminati?” Dicendo che la mensa del Signore è spregevole, e scartate le offerte. 8Se presentate al sacrificio un [animale] cieco, non è male? Se presentate un [animale] zoppo o malato, non è male? Presentalo al tuo capo: l’accetterà? te ne sarà grato?, dice il Signore onnipotente. 9Ora umiliatevi innanzi al volto del vostro Dio e supplicatelo. E’ con le vostre mani che avete fatto questo, dovrei avere riguardo di qualcuno di voi?, dice il Signore. 10Qualcuno di voi chiuda le porte, perché non arda più invano il mio altare. Il mio compiacimento non è in voi, dice il Signore onnipotente, e non gradisco l’offerta delle vostre mani. 11Il mio nome si è reso glorioso tra le nazioni, dal sorgere del sole sino al tramonto, e in ogni luogo si presentano al mio nome sacrifici e offerte pure, perché il mio nome è grande tra le nazioni, dice il Signore onnipotente. 12Ma voi lo profanate, dicendo: “La mensa del Signore è impura, e spregevole il cibo che vi è deposto”. 13Voi avete detto: “Questa è una sofferenza!” e mi trattate con disprezzo, dice il Signore onnipotente. Portate [animali] rubati, zoppi, malati: se portati in offerta, io dovrei accettarli dalle vostre mani?, dice il Signore onnipotente. 14Maledetto chi possiede nel suo gregge un maschio, ma scioglie il voto fattone offrendo in sacrificio al Signore quello difettoso: io infatti sono il grande Re, dice il Signore onnipotente, e il mio nome è tremendo tra le nazioni.

II    Ora, questo ordine è per voi sacerdoti! 2Se non date ascolto, se non vi mettete in cuore di dare gloria al mio nome, dice il Signore onnipotente, io manderò su di voi la maledizione, stramaledirò la vostra benedizione: la maledico, disperdo la vostra benedizione – non l’avrete più – perché voi non avete posto nel vostro cuore. 3Ecco, io spezzo il vostro braccio e getto sterco sulla vostra faccia – lo sterco delle vostre feste – e in esso vi butterò. 4Riconoscerete che io vi ho mandato questo ordine, affinché sussista la mia alleanza con quelli di Levi, dice il Signore onnipotente. 5La mia alleanza con lui era di vita e di pace, e l’ho data a lui con il timore di temermi e di tremare innanzi al mio nome. 6Una legge di verità era nella sua bocca, e non si trovava menzogna sulle sue labbra, camminava con me nella pace e nella rettitudine, e molti ritrasse dall’iniquità: 7perché le labbra del sacerdote custodiscono la conoscenza e dalla sua bocca si ricerca la legge, egli infatti è un angelo del Signore onnipotente. 8Ma voi avete deviato dalla strada, avete fatto inciampare nella legge, avete violato l’alleanza di Levi, dice il Signore onnipotente. 9E io vi ho consegnati a tutte le nazioni come spregevoli e abietti, perché non avete custodito le mie vie, e guardate alle persone quando applicate la legge. 10Non è forse uno solo il vostro padre? Non vi ha forse creati un solo Dio? Perché ognuno abbandona il proprio fratello, sì che profani l’alleanza dei vostri padri? 11Giuda è stato abbandonato, ed è divenuto un abominio in Israele e in Gerusalemme, perché Giuda ha reso abominevoli le cose sante del Signore – che egli ama – e si è prostituito a divinità straniere. 12Il Signore sterminerà l’uomo che compie queste cose, lo umilierà tra gli accampamenti di Giacobbe e tra chi presenta sacrifici al Signore onnipotente. 13Voi fate questo, che io odio: non coprite forse di lacrime l’altare del Signore, di pianti e di penosi lamenti, perché egli non si degna di guardare le offerte e non riceve grato dalle vostre mani? 14E dite: “Perché?” Perché il Signore fu testimone tra te e la donna della tua giovinezza, che ora tu abbandoni, anche se essa è in comunione con te, donna del tuo patto. 15Voi dite: “Non fece forse così anche un altro? , eppure lo Spirito rimase in lui!” Voi dite: “Che altro, se non il seme, chiede il Signore?” Poni una custodia nel tuo cuore e non abbandonare la donna della tua giovinezza!  16Io detesto il ripudio, dice il Signore Dio d’Israele, e chi nasconde l’empietà nei suoi pensieri. Dice il Signore onnipotente: custodite il vostro spirito e non ripudiate, 17voi che avete stancato Dio con le vostre parole, dicendo: “In cosa lo abbiamo stancato?” Perché voi dite: “Chiunque fa il male, davanti al Signore è buono, ed egli in lui si compiace! E dove è il Dio della giustizia?”

III    Ecco, io mando il mio angelo, ed egli preparerà la via innanzi a me, e subito entrerà nel suo tempio il Signore che voi cercate e l’angelo dell’alleanza che voi volete: ecco, viene!, dice il Signore onnipotente, 2e chi potrà sopportare il giorno del suo ingresso? chi resterà in piedi al suo apparire? Egli avanza come fuoco del fonditore, come la potassa dei lavandai; 3egli siederà per fondere e purificare come si fa con l’argento e l’oro: purificherà i figli di Levì, li raffinerà come si fa con l’oro e l’argento, ed essi presenteranno al Signore offerte giuste. 4Allora al Signore piacerà l’offerta di Giuda e di Gerusalemme, come nei giorni antichi, come negli anni passati. 5Io mi accosterò a voi per compiere il giudizio, e sarò pronto testimone contro maghi, contro adulteri, contro chi nel mio nome giura il falso, contro chi deruba il salario dei salariati, contro chi opprime la vedova, contro chi maltratta gli orfani, contro chi fa torto allo straniero e contro chi non ha timore di me, dice il Signore onnipotente. 6Perché io sono il Signore Dio vostro, e non cambio, 7mentre voi – figli di Giacobbe - non vi siete allontanati dalle iniquità dei vostri padri, avete declinato dalla mia legge e non l’avete custodita. Tornate a me, e io tornerò a voi!, dice il Signore onnipotente. Voi dite: “In che dobbiamo tornare?” 8Forse che l’uomo può prendere a calci Dio? Voi mi prendete a calci, e dite: “Come ti abbiamo preso a calci?” Perché vi tenete le decime e le primizie, 9e rifiutandomi, vi riducete a rifiuto. Voi mi prendete a calci, ma il tempo è finito! 10Portate tutte le entrate nei tesori: la ruberia sia nella sua casa. Ritornate, dice il Signore, e vedrete se io non aprirò le cataratte del cielo per riversare su voi la mia benedizione, sino a che avanzi. 11Manderò a voi il cibo; non vi farò marcire i frutti della terra; per voi non sarà sterile la vigna o ciò che è nella campagna, dice il Signore onnipotente, 12e tutte le nazioni vi diranno beati, poiché sarete una terra desiderata, dice il Signore onnipotente. 13Su di me avete detto parole pesanti, dice il Signore, ma dite: “Che abbiamo sparlato contro di te?” 14Avete detto: “E’ inutile servire a Dio! Quale è il guadagno dall’avere osservato le sue prescrizioni e dall’essere andati supplicando innanzi al volto del Signore onnipotente? 15Ecco, noi ora diciamo beati gli stranieri che tutti s’abbuffano, compiono iniquità, si oppongono a Dio ma si salvano!” 16Questo hanno detto tra loro quelli che temono il Signore: il Signore è stato attento, ha ascoltato, e innanzi a sé ha scritto un libro come memoriale per quanti temono il Signore e rispettano il suo nome. 17Essi, nel giorno che io preparo, saranno il mio particolare possesso - dice il Signore onnipotente – e li preferirò come un uomo preferisce il figlio che lo serve; 18voi ritornerete e distinguerete tra il giusto e l’iniquo, tra colui che serve Dio e colui che non lo serve.

IV    Ecco, viene il giorno del Signore, ardente come una fornace e li arderà; tutti gli stranieri e tutti quelli che compiono iniquità saranno come una canna: il giorno che viene li brucerà – dice il Signore onnipotente – senza lasciar loro radice né ramo. 2Per voi che temete il mio nome sorgerà il sole di giustizia – guarigione nei suoi raggi – e voi uscirete e saltellerete come vitelli sciolti dalle briglie; 3calpesterete gli iniqui, perché sotto i vostri piedi saranno come cenere, nel giorno che io sto preparando, dice il Signore onnipotente. 4Ecco, io mando a voi Elia il Thesvite, prima che venga il giorno grande e tremendo del Signore. 5Egli ristabilirà il cuore del padre verso il figlio, e il cuore dell’uomo verso il suo prossimo, affinché io non venga a distruggere completamente la terra. 6Ricordati della legge di Mosè, mio servo, al quale sul Chorìv diedi leggi e decreti per tutto Israele.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 25-11-2017

Santa Caterina di Alessandria, grande martire, e compagni; San Mercurio, martire; San Pietro Esicasta; I Santi 607 Martiri.

i santi di domani 26-11-2017

San Alipio, lo Stilita; San Nicon Metanoite; San Stilianos di Paflagonia; San Acacio; San Sila, vescovo di Corinto in Persia; San Giacomo, l'anacoreta; San Pietro, patriarca di Gerusalemme; San Giorgio di Chio, neomartire.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP