Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




NAUM

 

a cura dell'Archimandrita Antonio Scordino




 

Oracolo su Ninevì, libro della visione di Naùm di Elkesèo. 2Dio è Signore geloso e vendicatore; il Signore si vendica con ira; il Signore si vendica dei suoi avversari; egli scova i suoi nemici. 3Il Signore è lento all’ira, ma grande è la sua potenza e non lascia senza pena l’impunito. La sua via va a compimento nell’uragano; le nubi sono un polverone sotto i suoi piedi. 4Egli minaccia il mare e lo prosciuga, dissecca tutti i fiumi, rimpicciolisce il Vasàn e il Karmilos, languisce il fiore del Libano. 5Innanzi a lui tremarono i monti e i colli sussultarono; innanzi al suo volto si sollevò la terra tutta con tutti i suoi abitanti. 6Chi potrà reggere alla sua ira? Chi potrà resistere all’ira del suo furore? Il suo furore fa sciogliere le fondamenta, e innanzi a lui si sono frantumate le rocce. 7Il Signore è Cristo, per chi lo attende nel giorno dell’afflizione; egli riconosce chi lo venera. 8Con l’avanzare del cataclisma farà finire gli insorti e scaccerà nelle tenebre i suoi nemici. 9Che tramate contro il Signore? Egli prepara la vostra fine e non si vendicherà due volte di voi nell’afflizione! 10Perché sino alla loro base saranno terra bruciata, consumati come un fascio di rovi, come canna spezzata dall’aridità. 11Da te uscirà un pensiero contro il Signore, che si oppone con decisioni maligne. 12Così dice il Signore dal principio delle molte acque: Anch’esso sarà disperso, e il tuo suono non s’udrà più. 13Ora io rompo il bastone che è sopra di te e spezzo le tue catene, 14ma il Signore per te ordinerà che il tuo nome non faccia più seme: dal tempio del tuo dio distruggerò le statue fuse e presto farò la tua sepoltura.

II          Ecco sui monti i piedi di chi evangelizza, di chi annuncia la pace. Festeggia le tue feste, Iudha, sciogli i tuoi voti, perché il distruttore non continuerà più a passare: è stato finito, è stato tolto via. 2E’ salito contro di te soffiando per distruggere nell’afflizione: controlla la via, afferra la cintura, sii un vero uomo con gran forza! 3Poiché il Signore si è ritratto per l’arroganza di Iakòv e l’arroganza d’Israele, i guastatori son comparsi tra loro e nelle loro vigne; 4le armi della loro forza hanno strappato agli uomini, uomini potenti che giocavano col fuoco. Nel giorno della venuta, le redini dei carri e i cavalieri fremono 5per le strade; si smuovono i carri e si spargono nelle piazze, appaiono come torce di fuoco, come raggi saettanti. 6Si fa l’appello dei più potenti tra loro; volano via i giorni, si stancano per la loro marcia e si affrettano alle mura, preparano le loro guardie. 7Si spalancano le dighe dei fiumi: la reggia è caduta, 8la sua struttura è scoperta, viene su, e le ancelle si battono il petto gemendo come colombe. 9Le acque di Ninevì sono come una piscina d’acqua; tutti scappano, non si fermano, non c’è chi veda: 10saccheggiano l’argento, saccheggiano l’oro - non c’è limite al suo ornamento – e sono appesantiti dai suoi vasi preziosi. 11Sbattimenti e scuotimenti, un ribollire, cuori infranti, ginocchia liquefatte, dolori su ogni fianco, la faccia di tutti come pentola bruciata! 12Dov’è il rifugio dei leoni e il giaciglio dei cuccioli, dove andava a ritirarsi il leone e il cucciolo del leone, e non c’era di che temere? 13Il leone afferrava quel che serviva ai suoi cuccioli, strangolava per la sua leonessa, riempiva di prede la sua tana e di spoglie il suo rifugio. 14Ecco, io ti sono contro, dice il Signore onnipotente: brucerò in fumo la tua abbondanza; la spada divorerà i tuoi leoni e disperderò dalla terra la tua preda, e non si udranno più le tue opere.

III         Città del sangue, tutta menzogna, piena d’iniquità, che non smette di fare vittime! 2Suono della frusta; suono del moto delle ruote; cavalli all’inseguimento; tumulto di carri; 3assalti di cavalieri, lampeggiare di spade, balenare delle armi; un mucchio di feriti; una barca di morti, una massa sterminata: s’inciampa nei loro corpi, a causa della molta prostituzione! 4Bella puttana, capace d’usare veleni, che con la sua prostituzione si comprava le nazioni e popoli con i suoi veleni! 5Ecco, io sono contro di te, dice il Signore Dio Onnipotente; ti scoprirò il culo, davanti a te; mostrerò alle nazioni la tua vergogna e ai regni le tue sporcizie; 6ti butterò addosso abominio pari alla tua impurità; ti metterò a esempio, 7e chiunque ti vedrà scapperà lontano da te, dicendo: Sciagurata Ninevì!, chi si affliggerà per lei?, dove troverò per lei una consolazione? 8Ha fatto le parti, ha preparato le budella, ha fatto le parti Ammòn, posta tra i fiumi, circondata dalle acque, che ha inizio dal mare, che per mura ha le acque; 9l’Etiopia con l’Egitto è la sua forza, e non c’è via di fuga; i Livii son diventati suoi aiutanti. 10Ma anch’essa andrà via migrando prigioniera, e i suoi bambini saranno sfracellati al principio di tutte le sue strade; tutti i suoi splendori saranno messi a sorte; tutti i suoi maggiorenti saranno legati mani e piedi. 11Anche tu sarai ubriacata e andrai a nasconderti e cercherai per te un rifugio dai nemici. 12Tutte le tue fortezze saranno come fichi presi di mira: basta scuotere, e cadono in bocca a chi vuole mangiarli. 13Eccolo, il tuo popolo: in mezzo a te, donnette! Le porte della tua terra saranno aperte, spalancate ai tuoi nemici: le tue sbarre saranno divorate dal fuoco. 14Mettiti da parte acqua per l’assedio; rafforza i tuoi fortini; entra nel fango, pesta l’argilla, rinforza la fornace da mattoni: 15sarai ugualmente divorato dal fuoco, ti distruggerà la spada, ti divorerà come la cavalletta, sarai oppresso come un bruco. 16Hai moltiplicato i tuoi traffici più delle stelle del cielo, ma il bruco ha messo le ali ed è volato via; 17sono andati via come locuste i tuoi soci, come cavallette che si posano sulle siepi nel giorno del gelo: quando sorge il sole, spariscono e non si sa dove fossero. Guai a loro! 18I tuoi pastori dormono, o re assiro! Si sono addormentati i tuoi potenti; il tuo popolo è disperso sul monte e non c’è chi lo raduni. 19Non c’è guarigione per la tua ferita; è ulcerata la tua piaga, e tutti quelli che ascoltano tue notizie, su di te battono le mani, perché su di chi non è passata in ogni tempo la tua cattiveria?

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 18-05-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlrdLfbB on line 37

i santi di domani 19-05-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlrdLfbB on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP