Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




I PARALIPOMENI (I Cronache)

 

a cura dell'Archimandrita Antonio Scordino




 

I           Adhàm, Sith, Enòs, 2Kainàn, Maleleìl, Iàredh, 3Enòch, Mathusàla, Làmech, 4Noe. Figli di Noe: Sim, Cham, Iàfeth. 5Figli di Iàfeth: Gamèr, Magògh, Madhaìm, Ioiàn, Elisà, Tovèl, Mosòch e Thìras. 6E i figli di Gamèr: Aschanàz, Rifàth e Thorgamà. 7E i figli di Ioiàn: Elisà, Tharsìs, i Kiti e i Rodhi. 8E i figli di Cham: Chus e Mesraìm, Fudh e Chanaàn. 9E i figli di Chus: Savà, Evilà, Savathà, Regmà e Sevethachà. E i figli di Regmà: Savà e Dhadhàn. 10E Chus generò Nevròdh: costui cominciò a essere un gigante cacciatore sulla terra.

11E Mesraìm generò i Lodhiìm, gli Anamiìm, i Lavìn e i Nefthalìm, 12i Patrosoniìm e i Chasloniìm, da cui uscirono i Filistiìm e i Chaforiìm. 13E Chanaàn generò il Sidhone, primogenito, il Chettèo, 14lo Ievusèo, l’Amorrèo, il Gherghesèo, 15l’Evèo, l’Arukèo, l’Asennèo, 16lo Aràdhio, il Samarèo e l’Amathì.

17Figli di Sim: Elàm, Assùdh e Arfaxàdh,

18E Arfaxàdh generò Kainàn, Kainàn generò Salà, Salà generò Evèr. 19A Evèr furono generati due figli: il nome di uno Falèk, perché ai suoi giorni fu spartita la terra, e il nome di suo fratello Iektàn. 20Iektàn generò Elmodhàdh, Salèf, Aramòth, 21Kedhuràn, Eghìn, Dheklàm, 22Ghemiàn, Avimèkl, Savà, 23Ufìr, Evì e Oràm: tutti questi, figli di Iektàn.

24Salà, 25Ever, Falègh, Ragàv, 26Serùch, Nechòr, Thara, 27Avraàm. 28Figli di Avraàm: Isaàk e Ismaìl. 29E queste le generazioni del primogenito, Ismaìl: Naveòth, Kidhàr, Navdheìl, Mavsàm, 30Masmà, Idhumà, Massì, Chondhàn, Themàn, 31Iettùr, Nafès e Kedhmà. Questi sono i figli di Ismaìl. 32Figli di Chettùras, la ragazza di Avraàm: a lui partorì Zemvràm, Iexàn, Madhiàm, Madhàm, Sovàk, Soè. Figli di Iexàn: Dhedhàn e Savà. 33Figli di Madhiàm: Ghefàr, Ofèr, Enòch, Avidhà e Elladhà: tutti questi, figli di Chettùras[a]. 34Avraàm generò Isaàk. Figli di Isaàk: Iakòv e Isav. 35Figli di Isav: Eliàz, Raguìl, Ieùl, Ieglòm e Korè. 36Figli di Elifàz: Themàn, Omàr, Sofàr, Goothàm, Kenèz e Amalìk di Thamnà. 37Figli di Raguìl: Nachès, Zarè, Somè e Mozè. 38Figli di Siìr: Lotàn, Sovàl, Sevegòn, Anà, Dhisòn, Osàr e Lisàn. 39Figli di Lotàn: Chorrì ed Emàn; la sorella di Lotàn, Thamnà. 40Figli di Sovàl: Golàm, Manachàth, Ghevìl, Sov e Onàn. Figli di Sevegòn: Aià e Anà. 41Figli di Anà: Dhesòn. Figli di Dheson: Emeròn, Esevàn, Iethràn e Charràn. 42Figli di Osàr: Valaàm, Zukàm e Iokàn. Figli di Dhesàn: Os e Aràn. 43Questi i loro re: Valàk figlio di Veòr, e il nome della sua città Dhennavà; 44morì Valàk e dopo di lui regnò Iovàv figlio di Zarà di Vosòrras; 45morì Iovàv e dopo di lui regnò Asòm della terra di Themanòn; 46morì Asòm e dopo di lui regnò Adhàdh figlio di Varàdh, che batté Madhiàm nella valle di Moàv, e il nome della sua città Ghetthèm; 47morì Adhàdh e dopo di lui regnò Sevlà di Masekkàs. 48morì Sevlà e dopo di lui regnò Saùl da Roovòth presso il fiume; 49morì Saùl e dopo di lui regnò Valaennòr figlio di Achovòr; 50morì Valaennòr e dopo di lui regno Adhàdh figlio di Varàdh, e il nome della sua città Fogòr. 51Condottieri di Edhòm: condottiero Thamnà, condottiero Goladhà, condottiero Iethèr, 52condottiero Elivamàs, condottiero Ilàs, condottiero Finòn, 53condottiero Kenèz, condottiero Themàn, condottiero Mavsàr, condottiero Maghedhiìl, condottiero Zafoìn. Questi i condottieri di Edhòm.

 

II          Questi i nomi dei figli d’Israele: Ruvìn, Simeòn, Levì, Iudha, Issàchar, Zavulòn, 2Dhan, Iosìf, Veniamìn, Nefthalì, Gadh, Asìr. 3Figli di Iudha: Ir, Avnàn, Silòm; tre gli nacquero dalla figlia di Sàvas, la Chananitide. Ir, il primogenito di Iudha, fu malvagio innanzi al Signore, che lo uccise. 4Thàmar, sua nuora, gli generò Farès e Zarà: in tutto, cinque i figli di Iudha. 5Figli di Farès: Esròm e Iermuìl. 6Figli di Zarà: Zamvrì, Ethàn, Emàn, Kalchàl e Dharàdh, cinque in tutto. 7Figli di Charmì: Achar, impaccio per Israele, che fu sottoposto ad anatema. 8Figli diEthàn: Azarìas. 9Figli di Esròm, che a lui furono partoriti: Ierameìl, Aràm e Chalèv. 10Aràm generò Aminadhàv; Aminadhàv generò Naassòn, principe della casa di Iudha. 11Naasòn generò Salmòn; Salmòn generò Voòz; 12Voòz generò Ovìdh; Ovìdh generò Iessé; 13Iessè generò il suo primogenito Eliàv, Aminadhàv il secondo, Samaà il terzo, 14Nathanaìl il quarto, Zaddhaì il quinto, 15Asòm il sesto, Dhavìdh il settimo, 16e le loro sorelle Saruìa e Avighèa. Figli di Saruìa: Avisà, Ioàv e Asaìl, tre. 17Avighèa generò Amessà: il padre di Amessà, Iothòr l’Ismailite. 18Chalèv figlio di Esròm prese Ghezuvà come moglie e Ieròth, e questi i figli di lei: Iasàr, Suvàv e Ornà. 19Morta Gazuvà, Chalèv si prese Efràth che gli partorì Or. 20Or generò Urì: Urì generò Veseleìl. 21Dopo di che Esròn entrò dalla figlia di Machìr, padre di Galaàdh, così la prese, ed egli era di sessantacinque anni, e lei gli partorì Serùch. 22Serùch generò Iaìr: a lui appartenevano ventitre città in Galaàdh. 23Ghedhsùr e Aràm si presero sei villaggi di Iaìr, Kanàth e i suoi villaggi, sessanta città: esse furono tutte dei figli di Machìr padre di Galaàdh. 24Dopo che morì Esròn, Chalèv venne in Efrathà con Avià, moglie di Esròn, che gli partorì Aschòdh padre di Thekoè. 25I figli di Ierameìl, primogenito di Esròn, furono: Ram, primogenito, Vaanà, Aràn e Asòm suo fratello. 26Ierameìl aveva un’altra moglie, a nome Atàra, e questa è madre di Ozòm. 27I figli di Ram, primogenito di Ierameìl, furono Maàs, Iamìn e Akòr. 28I figli di Ozòm furono Samaì e Iadhaè. I figli di Samaì: Nadhàv e Avisùr. 29Il nome della moglie di Avisùr era Avichèa e gli partorì Achavàr e Moìl. 30Figli di Nadhàv: Salàdh e Apfèn. Salàdh morì senza avere figli. 31Figli di Apfèn: Isemiìl. Figli di Isemiìl: Sosàn. Figli di Sosàn: Aadhè. 32Figli di Aadhè: Achisamàs, Iethèr, Ionàthan; Iethèr morì senza avere figli. 33Figli di Ionàthan: Falèdh e Ozàm. Questi furono i figli di Ieremeìl. 34Sosàn non aveva figli, ma figlie e un garzone egiziano, a nome Iochìl, 35e Sosàn diede sua figlia in moglie al suo garzone Iochìl, che gli partorì Etthì. 36Etthì generò Nathàn; Nathàn generò Zavèdh; 37Zavhèdh generò Afamìl; Afamìl generò Ovìdh; 38Ovìdh generò Iiù; Iiù generò Azarìas; 39Azarìas generò Chellìs; Chellìs genero Eleasà; 40Eleasà generò Sosomaì; Sosomaì generò Salùm; 41Salùm generò Iechemìas; Iechemìas generò Elisamà; Elisamà generò Ismaìl. 42Figli di Chalèv fratello di Ierameìl: Marisà, suo primogenito, padre di Zif. Il figlio di Marisà fu padre di Chevròn. 43Figli di Chevròn: Korè, Thapfùs, Rekòm e Samaà. 44Samaà generò Raèm, padre di Ieklàn; Ieklàn generò Samaì. 45Figlio di questi, Maòn, e Maòn fu padre di Vethsùr. 46Ghefà, la ragazza di Chalèv, generò Arràn, Mosà e Ghezuè. 47Figli di Addhaì: Raghèm, Ioàtham, Sogàr, Falèk, Ghefà e Sagaè. 48Mochà, la ragazza di Chalèv, generò Savèr e Tharàm. 49Sagaè generò Marminà e Saù, padre di Machaminà e padre di Ghevaà; figlia di Chalèv, Aschà. 50Questi furono i figli di Chalèv. Figli di Or, primogenito di Efrathà: Sovàl, padre di Kariathiarìm, 51Salomòn, padre di Vethlaèm, e Arìm, padre di di Vethghedhòr. 52Figli di Sovàl, padre di Kariathiarìm: Araà, Esì, Ammanìth, 53Umasfaè, città di Iaìr, Ethalìm, Mifithìm, Isamathìm e Imasaraìm; da questi uscirono i Sarathèi e i figli di Esthaàm. 54Figli di Salomòn: Vethlaèm, Netofathì, Ataròth della casa di Ioàv e la metà di Malathì Isarì. 55Famiglie degli scribi che dimoravano in Iàvis: i Thargathìm, i Samathìm e i Sochathìm. Essi erano Kinei, provenienti da Mesimà, padre della casa di Richàv.

 

III         Questi erano i figli di Dhavìdh che gli furono generati in Chevròn: il primogenito, Amnòn, in Achinaàm la Iezrailite; il secondo, Dhamniìl, in Avighèa la Karmilite; 2il terzo, Avessalòm, figlio di Mochà figlia di Tholmaì re di Ghedhsùr; il quarto, Adhonìa, figlio di Agghìth; 3il quinto, Safatìa di Avitàl; il sesto, Iethraàm, in Aglà sua sposa. 4Sei gli furono generati in Chevròn, e là regnò sette anni e sei mesi; trentatre anni regnò in Gerusalemme. 5Questi gli furono generati in Gerusalemme: Samaà, Sovàv, Nàthan e Salomòn, quattro in Virsaveè figlia di Amiìl; 6Ievaàr, Elisà, Elifalìth, 7Naghè, Nafèk, Iafè, 8Elisanà, Eliadhà, Elifalà, nove, 9tutti figli di Dhavìdh, oltre ai figli delle ragazze, e Thimàr sorella di quelli. 10Figli di Salomòn: Rovoàm; Avià figlio suo; Asà figlio suo; Iosafàt figlio suo; 11Ioram figlio suo; Ochozìas figlio suo, Ioàs figlio suo; 12Amasìas figlio suo; Azarìas figlio suo; Ioàtham figlio suo; 13Achaz figlio suo; Ezechìas figlio suo; Manassìs figlio suo; 14Amòn figlio suo; Iosìa figlio suo. 15Figlio di Iosìa: primogenito, Ioanàn; secondo, Ioakìm; terzo, Sedhekìas; quarto, Salùm. 16Figli di Ioakìm: Iechonìas figlio suo; Sedhekìas figlio suo. 17Figli di Iechonìas: Asìr; Salathiìl figlio suo; 18Melchiràm; Fadhaìas; Sanesàr; Iekemìa; Osamàth; Navadhìas. 19Figli di Salathiìl: Zorovàvel e Semeì. Figli di Zorovàvel: Mosollàm, Ananìa e Salomethì loro sorella, 20Asuvè, Oòl, Varachìa, Asadhìa e Asovèdh, cinque. 21Figli di Ananìa: Falettìa e Iesìas figlio suo, Rafàl figlio suo, Ornà figlio suo, Avdhìa figlio suo, Sechenìas figlio suo. 22Figlio di Sechenìa, Samaìa. Figli di Samaìa: Chattùs, Ioìl, Verrì, Noadhìa e Safàth, sei. 23Figli di Noadhìa: Elithenàn, Ezekìa ed Ezrikàm, tre. 24Figlio di Elithenàn: Odholìa, Eliasevòn, Fadhaìa, Akùv, Ioanàn, Dhalaaìa e Anàn, sette.

 

IV Figli di Iudha: Farès, Eseròm, Charmì, Or, Suvàl 2e Rodha, figlio suo. Suvàl generò Ieth, Ieth genero Achimaì e Laàdh; queste le generazioni di Sarathì. 3Questi i figli di Ethàm: Iezraìl, Iesmàn, Ievdhàs, e il nome della loro sorella fu Esillevòn, 4Fanuìl padre di Ghedhòr e Azìr padre di Osàn. Questi i figli di Or, del primogenito di Efrathà padre di Vathalaèn. 5Asùr padre di Thekoè ebbe due donne, Aodhàs e Thoadhàs; 6Aodhàs gli partorì Ochèa, Ifàl, Themàn e Aasthìr, tutti questi figli di Aodhàs. 7Figli di Thoadhàs: Serèth, Saàr, Ethnàn. 8Kos generò Enòv e Savathà, generazioni del fratello di Richàv figlio di Iarìn. 9Igavìs fu glorioso più dei suoi fratelli, e la madre chiamò il suo nome di Igavìs perché disse: “L’ho partorito come gavìs[b]”. 10Igavìs supplicò il Dio d’israele, dicendo: “Se tu benedicendo mi benedicessi e aumentassi i miei confini, e la tua mano fosse con me e mi faccia conoscere che non sarò umiliato!” E Dio gli apportò tutto quel che aveva chiesto. 11Chalèv padre di Aschà generò Machìr: questi è il padre di Assathòn. 12Assathòn generò Vathrèan, Vessiè e Thanà, padre della città di Naàs, fratello di Eselòm il Kenezì; questi furono uomini di Rifà. 13Figli di Kenèz: Gothoniìl e Saraìa. Figli di Gothoniìl: Athàth. 14Manathì generò Goferà. Saraìa generò Ioàv, padre di Agheaddhaìr, perché erano artigiani. 15Figli di Chalèv figlio di Iefonnì: Irà, Adhà, Noòm. Figli di Adhà: Kenèz. 16Figli di Gheseìl: Zif, Zefà, Thefià ed Eseraìl. 17Figli di Esrì: Iethèr, Moràdh, Afer e Iamòn. Iethèr generò Maròn, Semaì e Marèth, padre di Esthemòn. 18Sua moglie, Adhìa, partorì Iàredhm padre di Ghedòr, Avèr padre di Sochòn, Chetiìl padre di Zamòn. Questi i figli di Vetthìa figlia di Faraone, che prese Morìdh. 19Figli della moglie Idhuìas, sorella di Nachèm padre di Keilà: Garmì, Esthemòn e Nochathì. 20Figli di Semiòn: Amnòn, Anà figlio di Fanà, Thilòn. Figli di Seì: Zoàth e i figli di Zoàv. 21Figli di Silòm figlio di Iudha: Ir padre di Lichàv, Laadhà padre di Marisà e le generazione delle case di Efradhavàk, nella casa di Esovà, 22Ioakìm e gli uomini di Chozevà, Ioàs e Saràf, che abitarono in Moàv, da dove furono fatti tornare dagli Avedherìn e dagli Athukiìm. 23Essi erano lavoratori d’argilla, che abitavano in Ataìm e Gadhirà insieme al re; nel suo regno si rafforzarono e lì dimorarono. 24Figli di Simeòn: Namuìl, Iamìn, Iavìv, Zarè, Saùl, 25Salèm figlio suo, Mavasàm figlio suo, Masmà figlio suo, 26Amuìl figlio suo, Savùdh figlio suo, Zakchùr figlio suo, Semeì figlio suo. 27A Semeì furono sedici figli e tre figlie, ma ai suoi fratelli non furono molti figli e tutte le loro famiglie non aumentarono come i figli di Iudha. 28Essi abitarono in Virsaveè, Samà, Moladhà, Esprsuàl, 29Valaà, Voasòm, Thulàdh, 30Vathuìl, Ermà, Sikelàgh, 31Vethmarimòth, Imisuseosìn e nella casa di Varuseorìm. Queste le loro città sino al regno di Dhavìdh. 32I loro dintorni: Etàn, Inremmòn, Thokkàn, Esàn; cinque città, 33tutti i loro dintorni, attorno a queste città, sino a Vaàl. Questa la loro collocazione e la loro discendenza. 34Mosovàv; Iemolòch; Iosìa figlio di Amasìa; 35Ioìl, egli figlio di Asavìa; il figlio di Saraìa, il figlio di Asiìl; 36Ielonaì; Iakavà; Iasuìa; Asaìa, Iedhiìl; Ismaìl; Vanèas; 37Zuzà figlio di Safaì, del figlio di Alòn, del figlio di Iedhià, del figlio di Semrì, del figlio di Samaìo. 38Questi vennero a chiamarsi principi delle loro generazioni, e nelle case delle loro parentele molto si moltiplicarono. 39Andarono sino a giungere a Ghèrara, verso oriente di Gaì, per cercare pascolo per il loro bestiame. 40Trovarono pascoli abbondanti e buoni; la terra era pianeggiante innanzi a loro, in pace e tranquilla: in passato vi avevano abitato alcuni dei figli di Cham. 41Essi, scritti per nome, vennero dunque ai giorni di Ezekìas re di Iudha, e abbatterono le loro case e i Minei che vi trovarono. Li scacciarono fino a questo giorno, e vi si stabilirono al loro posto, perché là c’era pascolo per il loro bestiame. 42Di loro, dei figli di Simeòn, cinquecento uomini avanzarono sino al monte Siìr, e i loro principi erano Falaettìa, Noadhìa, Rafaìa e Oziìl, figli di Iesì. Essi abbatterono il resto di quelli d’Amalìk che erano rimasti, e si stabilirono là sino a questo giorno.

 

V          Figli di Ruvìn, primogenito d’Israìl. Egli era il primogenito, ma salì sul letto di suo padre, che perciò diede la sua benedizione a Iosìf, figlio d’Israìl, e come genealogia non fu considerato nella primogenitura. 2Iudha era il più potente come forza tra i suoi fratelli, e da lui sarebbe venuta la guida, ma la benedizione fu per Iosìf. 3Figlio di Ruvìn, primogenito d’Israìl: Enoòch, Fallùs, Asròm e Charmì. 4Figli di Ioìl: Semeì e Vanèa, figlio suo. Figli di Gugh figlio di Semeì: 5suo figlio Michà, suo figlio Richà, suo figlio Ioìl, 6suo figlio Veìl che fu deportato da Thaglathfallasàr re di Assùr: egli fu principe tra quei di Ruvìn. 7I suoi fratelli, nella sua parentela, secondo la loro genealogia, secondo la loro generazione: il principe Ioìl, Zacharìa, 8Valèk figlio di Azùz, figlio di Samà, figlio di Ioìl. Questi dimorò in Aroìr, presso Navàv e Velmassòn; 9verso oriente, dimorò fino a giungere al deserto partendo dal fiume Eufrate, poiché in terra di Galaàdh molto era il loro bestiame. 10Nei giorni di Saùl essi fecero guerra ai confinanti, che caddero nelle loro mani: così tutti abitarono nelle loro tende a oriente di Galaàdh. 11I figli di Gadh abitarono di fronte a loro, in terra di Vàsan sino a Selchà. 12Ioìl fu il primogenito, Sefàm il secondo, e Ianìn scriba in Vasàn. 13I loro fratelli, secondo le loro case paterne: Michaìl, Mosollàm, Seveè, Ioreè, Ioachàn, Zuè e Ovìdh, sette. 14Questi furono figli di Avichèa figlio di Urì, figlio di Idhaì, figlio di Galaàdh, figlio di Michaìl, figlio di Iesaì, figlio di Ieddhaì, figlio di Zavuchàm, 15del fratello del figlio di Avdhiìl, del figlio di Gunì, principe della casa paterna. 16Abitarono in Galaàdh, in Vasàn e nei loro villaggi e in tutta la regione intorno al Saròn, fino all’uscita. 17La registrazione di tutti fu fatta al giorni di Ioàtham re di Iudha e ai giorni di Ierovoàm re d’Israele. 18I figli di Ruvìn, di Gadh e mezza tribù di Manassì erano figli della Forza, uomini portatori di scudo e spada, tenditori dell’arco e addestrati alla guerra; quarantaquattromila e settecentosessanta andarono a schierarsi 19e fecero guerra contro gli Agarini, gli Iturei, i Nafisei e Nadhavei. 20Furono più forti di loro e nelle loro mani furono dati gli Agarei con tutte le loro tende, perché in guerra invocarono Dio ed egli li ascoltò, perché avevano avuto sperato in lui. 21Si impossessarono del loro armamentario, di cinquantamila cammelli, di duecentocinquantamila pecore, di diecimila asini e delle anime di centomila uomini; 22molti caddero feriti, perché la guerra veniva da Dio. Essi dimorarono al posto loro fino alla deportazione. 23Metà della tribù di Manassìs dimorò nella terra da Vasàn sino a Vaàl Ermòn, Sanìr e il monte Ermòn, ed essi si moltiplicarono nel Libano. 24Questi i principi delle loro case paterne: Ofèr, Seì, Eliìl, Iermìa, Odhuìa e Iedhiìl, uomini potenti nella Forza, uomini nominati, principi delle loro case paterne. 25Ma si opposero al Dio dei loro padri e si prostituirono appresso alle divinità dei popoli della terra, che Dio aveva sterminato innanzi a loro. 26E il Dio d’Israele suscitò lo spirito di Falòch re di Assùr e lo spirito di Thaglathfallasàr re di Assur, trasferì Ruvìn, Gaddhì e mezza tribù di Manassìs, e li portò a Chalàch, a Chavòr e presso il fiume Gozàn, sino a questo giorno. 27Figli di Levì: Ghedhsòn, Kaàth e Merarì. 28Figli di Kaàth: Amvram, Issàar, Chevròn e Oziìl. 29Figli di Amvram: Aaròn, Moisìs e Mariàm. Figli di Aaròn: Nadhàv, Aviùdh, Eleàzar e Ithàmar. 30Eleàzar generò Fineès; Fineès generò Avisù; 31Avisù generò Vokaì; Vokaì generò Ozì; 32Ozì generò Zarèa; Zarèa generò Mariìl; 33Mariìl generò Amarìa; Amarìa generò Achitòv; 34Achitòv generò Sadhòk; Sadhòk generò Achimàas; 35Achimàas generò Azarìas; Azarìas generò Ioanàn; 36Ioanàn generò Azarìas: questi fu sacerdote nella dimora edificata da Salomòn in Gerusalemme; 37Azarìas generò Amarìa; Amarìa generò Achitòv; 38Achitòv generò Sadhòk; Sadhòk generò Salòm; 39Salòm generò Chelkìas; Chelkìas generò Azarìas; 40Azarìas generò Sarèa; Sarèa generò Iosadhàk. 41Iosadhàk, per mano di Navuchodhonòsor fu deportato via da Iudha e da Gerusalemme.

 

VI         Figli di Levì: Ghedheòn, Kaàth e Merarì. 2Questi i nomi dei figli di Ghedheòn: Lovenì e Semeì. 3Figli di Kaàth: Amvram, Issàar, Chevròn e Oziìl. 4Figli di Merarì: Moolì e Omusì. 5Queste le parentele di Levì secondo le loro famiglie. Di Ghedhsòn: Lovenì figlio suo, Ieth figlio suo, Zamma figlio suo, 6Ioàch figlio suo, Addhì figlio suo, Zarà figlio suo, Iethrì figlio suo. 7Figli di Kaàth: Aminadhàv figlio suo, Korè figlio suo, Asìr figlio suo, 8Elkanà figlio suo, Avisàf figlio suo, 9Thaàth figlio suo, Uriìl figlio suo, Ozìa figlio suo, Saùl figlio suo. 10Figli di Elkanà: Amasì e Akimòth, 11Elkanà figlio suo, Sufì figlio suo, Naàth figlio suo, 12Eliàv figlio suo, Iereàm figlio suo, Elkanà figlio suo. 13Figli di Samuìl: Sanì, il primogenito, e Avià. 14Figli di Merarì: Moolì, Lovenì figlio suo, Semeì figlio suo, Ozà figlio suo, 15Samaà figlio suo, Agghìa figlio suo, Asasìas figlio suo. 16Costoro Dhavìdh affidò ai cantori nella dimora del Signore, quando vi riposò l’arca, 17e compivano il servizio liturgico all’organo, innanzi alla tenda della Testimonianza, sino a quando Salomòn costruì la dimora del Signore in Gerusalemme, e stavano al loro servizio liturgico secondo il loro turno. 18Questi gli assistenti, e i loro figli, dai figli di Kaàth. Emàn, cantore salmista, figlio di Ioìl, figlio di Samuìl, 19figlio di Elkanà, figli di Ierevàm, figlio di Eliìl, figlio di Thoù, 20figlio di Suf, figlio di Elkanà, figlio di Maàth, figlio di Amathì, 21figlio di Elkanà, figlio di Ioìl, figlio di Azarìa, figlio di Safanìa, 22figlio di Thaàth, figlio di Asìr, figlio di Avissàr, figlio di Korè, 23figlio di Isàar, figlio di Kaàth, figlio di Levì, figlio d’Israìl. 24Suo fratello Asàf, assistente alla sua destra: Asàf figlio di Varachìa, figlio di Samaà, 25figlio di Michaìl, figlio di Vassìa, figlio di Melchìa, 26figlio di Athanì, figlio di Zaraì, figlio di Adhaì, 27figlio di Ethàn, figlio di Zammà, figlio di Semeì, 28figlio di Ieèth, figlio di Ghethsòn, figlio di Levì. 29Figli di Merarì, loro fratelli, a sinistra: Ethàn, figlio di Kisà, figlio di Avaì, figlio di Malòch, 30figlio di Asevì, figlio di Amesìa, figlio di Chelkìo, 31figlio di Amasaì, figlio di Vanì, figlio di Semìr, 32figlio di Moolì, figlio di Musì, figlio di Merarì, figlio di Levì. 33I loro fratelli, secondo le case delle loro parentele, i Leviti erano dediti a tutti i lavori del servizio liturgico alla tenda della dimora del Signore. 34Aaròn e i suoi figli bruciano l’incenso sull’altare degli olocausti e sull’altare degli incensi, in tutte le azioni al Santo dei Santi e intercedevano a favore d’Israele, conforme a tutto ciò che aveva ordinato Moisìs, servo di Dio. 35Questi i figli di Aaròn. Eleàzar figlio suo, Fineès figlio suo, Avissù figlio suo, 36Vokaì figlio suo, Ozì figlio suo, Zaraìa figlio suo, 37Mariìl figlio suo, Amarìa figlio suo, Achitòv figlio suo, 38Sadhòk figlio suo, Achimàas figlio suo. 38Queste le loro abitazioni, nei loro villaggi, dentro i loro confini, ai figli di Aaròn nella parentela dei Kaathì, ai quali erano toccate in sorte. 40Fu loro data Chevròn in terra di Iudha e i suoi circondari; 41le valli della città con i suoi villaggi furono date a Chalèv figlio di Iefonnì. 42Ai figli di Aaròn furono date le città dei rifugi, Chevròn e Lovnà con i loro circondari, Esthamò con i suoi circondari, 43Ietthàr con i suoi circondari, Dhavìr con i suoi circondari, 44Asàn con i suoi circondari, Vasamìs con i suoi circondari. 45Della tribù di Veniamìn fu data Gavaè con i suoi circondari, Galemèth con i suoi circondari, Anathòth con i suoi circondari: tutte le loro città, tredici città secondo le loro parentele. 46Ai rimanenti figli di Kaàth, dalle parentele della tribù, furono date in sorte dieci città della metà tribù di Manassìs. 47Ai figli di Ghedhsòn, secondo le loro parentele, furono date in sorte tredici città della tribù di Issàchar, della tribù di Asìr, della tribù di Nefthalì, e della tribù di Manassìs in Vasàn. 48Ai figli di Merarì, secondo le loro parentele, furono date in sorte dodici città della tribù di Ruvìn, della tribù di Gadh e della tribù di Zavulòn. 49I figli d’Israele diedero ai Leviti le città e i loro dintorni, 50e diedero in sorte della tribù dei figli di Iudha e della tribù dei figli di Simeòn, e queste città che chiamarono per nome. 51A quelli che erano della parola dei figli di Kaàth furono assegnate le città dei confini della tribù di Efrèm, 52e diedero loro le città dei rifugi: Sichèm con i suoi dintorni sul monte Efrèm, Gazèr con i suoi dintorni, 53Iekmaàn con i suoi dintorni, Vethoròn con i suoi dintorni, 54Eglàm con i suoi dintorni, Ghethremmòn con i suoi dintorni, 55e della mezza tribù di Manassìs, Anàr con i suoi dintorni, Iemvlaàn con i suoi dintorni, secondo la parentela dei figli di Kaàth rimasti. 56Ai figli di Gedhsòn furono assegnate, dalla mezza tribù di Manassìs, Golàn da Vasàn con i suoi dintorni, Asiròth con i suoi dintorni; 57dalla tribù di Issàchar, Kèdhes con i suoi dintorni, Dheverì con i suoi dintorni, Dhavòr con i suoi dintorni, 58Zavòr ed Enàn con i suoi dintorni; 59dalla tribù di Asìr, Maasàl con i suoi dintorni, Avdhòn con i suoi dintorni, 60Akàk con i suoi dintorni, Roòv con i suoi dintorni; 61dalla tribù di Nefthalì, Kèdhes in Galilea con i suoi dintorni, Chamòth con i suoi dintorni, Kariathaìm con i suoi dintorni. 62Ai rimanenti figli di Merarì, dalla tribù diZavulòn, Remmòn con i suoi dintorni e Thallià con i suoi dintorni; 63oltre il Giordano, Ierichò a occidente del Giordano; dalla tribù di Ruvìn, Vosòr nel deserto con i suoi dintorni, Iasà con i suoi dintorni, 64Kadhmòth con i suoi dintorni, Maeflà con i suoi dintorni; 65dalla tribù di Gadh, Rammòth Galaàdh con i suoi dintorni, Maanaìm con i suoi dintorni, 66Esevòn con i suoi dintorni, Iazìr con i suoi dintorni.

 

VII        Figli di Issàchar: Tholà, Fuà, Iasùv e Semeròn, quattro. 2Figli di Tholà: Ozì, Rafaìa, Ieriìl, Iamaì, Ievasàm e Samuìl, principi delle loro parentele, appartenenti a Tholà, potenti nella forza, secondo la loro generazione; il loro numero, ai giorni di Dhavìdh: ventiduemila e seicento. 3Figli di Ozì: Iezraìa e i figli di Iezraìa, Michaìl, Avdhiù, Ioìl e Iesìa, cinque, tutti principi. 4Con loro, secondo le loro generazioni, secondo le loro case paterne, trentaseimila potenti nello schierarsi in battaglia, poiché si erano moltiplicati di donne e figli. 5E i loro fratelli in tutte le parentele di Issàchar, potenti nella forza, ottantasettemila il numero di tutti loro. 6Figli di Veniamìn: Valì, Vachìr e Iadhiìl, tre. 7Figli di Valè: Asevòn, Ozì, Oziìl, Ierimòth e Urì, cinque, principi delle case paterne, potenti nella forza, il cui numero era di ventiduemilatrecentoquattro. 8Figli di Vachìr: Zemirà, Ioàs, Elièser, Elithenàn, Amarìa, Ierimòth, Aviùdh, Anathòth, Elmemèth: tutti questi, figli di Vachìr. 9Il numero loro, secondo la loro generazione, principi delle loro case paterne, potenti nella forza, ventiduemila e duecento. 10Figli di Iadhiìl: Valaàn. Figli di Valaàn: Iaùs, Veniamìn, Aòth, Chananà, Zethàn, Tharsì, Achisaàr: 11tutti questi, figli di Iadhiìl, principi delle parentele, potenti nella forza, diciassettemila e duecento ad andare in forza alla guerra. 12E Sapfìn e Apfìn figli di Raòm figlio di Aèr. 13Figli di Nefthalì: Iasiìl, Gonì, Issiìr e Sallùr, figli di Valaà. 14Figli di Manassìs: Aseriìl, che gli fu partorito dalla sua ragazza, Sirà, che gli partorì anche Machìr padre di Galaàdh. 15Machìr prese in moglie Amfìn, Mamfìn e la sua sorella a nome Moochà. Il nome del secondo (figlio), Salpaàdh, e a Salpaàdh nacquero figlie. 16La moglie di Machìr, Moochà, partorì un figlio e lo chiamò Farès; il nome di suo fratello, Sòros: i figli suoi, Ulàm e Rokòm. 17Figli di Ulàm: Vadhàn. Questi i figli di Galaàdh figlio di Machìr figlio di Manassìs. 18E sua sorella Malechèth partorì Isadhèk, Avièzer e Maelà. 19Erano figli di Semirà: Iaèm, Sichèm, Lachìm e Aniàn. 20Figli di Efrèm: Sothalà e Varàdh figlio suo, Thaàdh figlio suo, Eleadhà figlio suo, Nomeè figlio suo, 21Zavèdh figlio suo, Sothelè figlio suo, Azèr ed Eleàdh. Gli uomini di Gheth, nati nella terra, li uccisero perché essi erano scesi a prendere il loro bestiame. 22Efrem loro padre ne fece lutto per molti giorni, e vennero i suoi fratelli a consolarlo. 23Egli poi entrò da sua moglie, che concepì in grembo e gli partorì un figlio; e chiamò il suo nome Varagà, poiché (disse) è nato nei mali della mia casa. 24Con quelli rimasti edificò Vetoròn inferiore e superiore. Figli di Ozàn: Seirà e 25Rafì figli suoi, Saràf e Taleès figli suoi, Thaèn figlio suo. 26A Laadhàn figlio suo fu figlio Amiùdh. Elisamaì figlio suo, 27Num figlio suo, Iisuè figlio suo. 28Loro possedimento e loro dimora: Vethìl e i suoi villaggi; a oriente, Noaràn; a occidente Gazèr e i suoi villaggi. 29E sino ai confini dei figli di Mannasìs: Vethsaàn e i suoi villaggi, Thaànach e i suoi villaggi, Magheddhò e i suoi villaggi, Dhor e i suoi villaggi. In essi si stabilirono i figli di Iosìf figlio d’Israìl. 30Figli di Asìr: Iemnà e Suìa, Isuì e Verià, e la loro sorella Sorè. 31Figli di Verià: Chàver e Melchiìl, padre di Verzaìth. 32Chàver generò Iaflìt, Samìr, Chothàm e la loro sorella Solà. 33Figli di Iaflìt: Fasèk, Vavaìl e Asìth; questi i figli di Iaflìt. 34Figli di Semmìr: Achiuraogà, Ovà, Aràm 35e Vanielàm; i suoi fratelli Sofà, Imanà, Sellìs e Amàl. 36Figli di Sofà: Suè, Arnafàr, Sudhà, Varìn, Imràn, 37Sovàl, Odh, Semmà, Salisà, Iethràn e Veirà. 38Figli di Iethìr: Iefinà, Fasfà e Arà. 39Figli di Olà: Orèch, Aniìl e Rasià. 40Tutti questi, figli di Asir; tutti principi delle parentele, scelti, potenti nella forza, principi, guide: il loro numero, nello schieramento di guerra, ventiseimila, il numero dei loro uomini.

 

VIII       Veniamìn generò Valè suo primogenito, Asvìl il secondo, Aarà il terzo, 2Noà il quarto, Rafì il quinto. 3Erano figli di Valè: Adhìr, Ghirà, Aviùdh, 4Avisuè, Noamà, Achià, 5Ghirà, Sefufàm e Uràm. 6Questi i figli di Aodh, principi delle parentele che dimoravano in Gaveè e che si trasferirono a Manachathì: 7Noomà, Achià e Ghirà, detto Ieglaàm, il quale generò Azà e Iachichò. 8Saarìn generò nella valle di Moàv; dopo che egli mandò via le sue donne Osìn e Vaadhà, 9dalla sua donna Adhà generò Iovàv, Sevià, Misà, Melchàm, 10Iaòs, Savià e Marmà, principi delle parentele; 11da Osìn generò Avitòl e Alfaàl. 12Figli di Alfaàl: Ovìdh, Misaàl, Semmìr, che costruì Onò e Lodh con i loro villaggi, 13Verià e Samà, principi delle parentele che abitarono in Elàm e che scacciarono gli abitanti di Gheth. 14Suo fratello: Sosìk e Arimòth, 15Zavadhìa, Orìdh, Edher, 16Michaìl, Iesfà, Iodhà, Verià, 17Zavadhìa, Mosollà, Azakì, Avàr, 18Isamarì, Iezlìas e Iovàv, figli di Elfaàl; 19Iakìm, Zachrì, Zavdhì, 20Elionaì, Salathì, Eliplì, 21Adhaìa, Varaìa e Samaràth, figli di Samaìth; 22Iesfàn, Ovìdh, Eleìl, 23Avdhiòn, Zechrì, Anàn, 24Ananìa, Amvrì, Elàm, Anathòth, 25Iathìn, Iefadhìas e Fanuìl, figli di Sosìk; 26Samsarì, Saarìas, Gotholìa, 27Iarasìa, Erià e Zechrì, figli di Ieroàm. 28Questi furono principi delle parentele secondo la loro genealogia e in Gerusalemme. 29In Gavaòn si stabilì il padre di Gavaòn; il nome di sua moglie, Maachà. 30Suo figlio primogenito, Avadhòn, e poi Sur, Kis, Vaàl, Nir, Nadhàv, 31Ghedhùr e suo fratello, Zakchùr e Machelòth. 32Machelòth generò Samaà. Essi abitarono di fronte ai loro fratelli in Gerusalemme, insieme ai loro fratelli. 33Nir generò Kis; Kis generò Saùl; Saùl generò Ionàthan, Melchisuè, Aminadhàv e Asavàl. 34Figlio di Ionàthan, Merivaàl; Merivaàl generò Michà. 35Figli di Michà: Fìthon, Melàch, Tharàk e Achàz. 36Achàz generò Iadhà, Iadhà generò Salemàth, Asmòth e Zamvrì; Zamvrì generò Mesà; 37Mesà generò Vaanà, Rafèa figlio suo, Elasà figlio suo, Esìl figlio suo. 38A Esìl furono sei figli. Questi i loro nomi: Ezrikàm, il suo primogenito, Ismaìl, Saraìa, Avdhìa, Anàn e Asà. Tutti questi, figli di Esìl. 39I figli di Asìl, suo fratello: Elàm, il suo primogenito, Iàs il secondo e Elifalèt il terzo. 40I figli di Elàm erano uomini potenti nella forza, che tendevano l’arco e moltiplicarono i figli e i figli dei figli: centocinquanta, tutti quanti tra i figli di Veniamìn.

 

IX         Questa la conta delle generazioni di tutto Israele, ed essi sono stati scritti nel Libro dei re d’Israele e di Iudha, dopo che furono deportati in Babilonia a causa dei loro peccati, 2e i primi che abitarono nei loro possedimenti nelle città d’Israele, i sacerdoti, i leviti e gli oblati. 3In Gerusalemme abitarono dei figli di Iudha, dei figli di Veniamìn, dei figli di Efrem e di Manassìs, 4e Ghnothì figlio di Ammiùdh figlio di Amrì, figlio dei figli di Farès figlio di Iudha. 5Dei Silonì: Asaìa suo primogenito e i suoi figlio; 6dei figli di Zarà: Ieìl e i suoi fratelli, seicentonovanta; 7dei figli di Veniamìn: Salò figlio di Mosollàm figlio di Odhuìa figlio di Asinò; 8Iemnaà figlio di Ierovoàm e Ilò, questi erano figli di Ozì figlio di Machìr; Masallìm figlio di Safatìa figlio di Rafuìl figlio di Iemnaì 9e i suoi fratelli, secondo la loro generazione, novecentocinquantasei, tutti uomini principi delle parentele secondo le case delle loro parentele. 10Dei sacerdoti: Iodhaè; Ioarìm; Iachìn; 11Azarìa figlio di Chelkìa figlio di Mosollàm figlio di Sadhòk figlio di Maraiòth figlio di Achitòv, guida della dimora del Signore; 12Adhaìa figlio di Iraàm figlio di Faschòr figlio di Melchìa; Massèa figlio di Adhiìl figlio di Ezirà figlio di Mosollòm figlio di Maselmòth figlio di Emmìr, 13e i suoi fratelli principi delle loro case paterne, millesettecentosessanta, potenti nella forza di compiere il servizio liturgico nella dimora di Dio. 14Dei Leviti: Samaìa figlio di Asòv figlio di Ezrikàm figlio di Asavìa, dai figli di Merarì; 15Varvakàr, Arìs, Galaàdh, Matthanìas figlio di Michà figlio di Zechrì figlio di Asàf; 16Avdhìa figlio di Samìa figlio di Galaàdh figlio di Idhithùn; Varachìa figlio di Ossà figlio di Elkanà, abitanti nei villaggi di Netofatì. 17Portinai: Salòm, Akùm, Telmòn, Emàn e i loro fratelli; Salòm, il principe 18sinora alla porta del re, verso oriente, cioè le porte degli accampamenti dei figli di Levì. 19E Salòm figlio di Korì figlio di Aviasàf figlio di Kore, e i suoi fratelli in casa del padre suo, i Koriti, addetti alle opere del servizio liturgico, custodendo le custodie della Tenda: i loro padri, nell’accampamento del Signore, custodivano l’ingresso. 20E Fineès figlio di Eleàzar era la guida su loro innanzi al Signore. E questi con lui. 21Zacharìas figlio di Masalamì, portinaio della porta della Tenda della testimonianza. 22Tutti gli eletti portieri delle porte, duecentododici; il loro reclutamento fu fatto nei loro ambienti. Dhavìdh e Samuìl il veggente li costituirono a motivo della loro fede, 23essi e i loro figli, per custodire le porte della dimora del Signore e della dimora della tenda. 24Le porte erano verso i quattro venti: verso oriente, verso il mare, verso settentrione, verso meridione. 25I loro fratelli (stavano) nei loro ambienti, uscendo con loro per sette giorni, di tempo in tempo, 26perché a quattro potenti erano affidati le potenti. I Leviti stavano nell’abitazione sacerdotale, tutto intorno al tesoro della dimora di Dio, 27perché a loro ne era affidata la custodia, ed essi avevano le chiavi per aprire, molto presto al mattino, le porte del Santuario. 28Alcuni di loro erano incaricati dei vasi del servizio liturgico, che uscivano contati e contati veniva riposti. 29Alcuni di loro erano preposti ai vasi, a tutti i vasi santi, e al fior di farina, al vino, all’olio, all’incenso profumato e agli unguenti: 30alcuni dei figli dei sacerdoti mescolavano gli aromi agli unguenti. 31A Mattathìas – uno dei Leviti, primogenito di Salòn il Korìte – era affidato il compito dell’offerta del tegame del gran sacerdote; 32a Vananìas il Kaathìte - uno dei loro fratelli – dei pani della Preposizione, da preparare di sabato in sabato. 33Questi i salmisti, principi delle parentele dei Leviti, incaricati del servizio giornaliero, poiché notte e giorno erano addetti alle opera. 34Essi erano principi delle parentele dei Leviti, principi secondo le loro generazioni; essi abitarono in Gerusalemme. 35In Gavaòn dimorò Gavaòn padre di Ieìl; il nome di sua moglie era Maachà; 36suo figlio primogenito Avadhòn, e poi Sur, Kis, Vaàl, Nir, Nadhàv, 37Ghedhùr e il fratello, Zacchùr e Machelòth. 38Machelòth generò Samaà, ed essi avitatore in mezzo ai loro fratelli, in Gerusalemme, in mezzo ai loro fratelli. 39Nir generò Kis; Kis generò Saùl; Saùl generò Ionàthan, Melchisuè, Aminadhàv e Asavàl. 40Figlio di Ionàthan, Merivaàl. E Merivaàl generò Michà. 41Figli di Michà: Fithòn, Malàch e Faràch. 42Achàz genero Iadhà; Iadhà generò Galemèth, Gazmòth e Zamvrì; Zamvrì generò Masà; 43Masà generò Vaanà, Rafèa figlio suo, Elasà figlio suo, Esìl figlio suo. 44A Esìl furono sei figli, e questi i loro nomi: il suo primogenito Ezrikàm, Ismaìl, Saraìa, Avdhìa, Anàn e Asà. Questi i figli di Esìl.

 

X          Gli Stranieri fecero guerra contro Israele, che fuggirono innanzi agli Stranieri, e caddero per le ferite sul monte Ghelvuè. 2Gli Stranieri inseguirono Saùl e i suoi figli, e gli Stranieri batterono Ionàthan, Aminadhàv e Melchisuè, figli di Saùl. 3La guerra si fece più grave su Saùl; i tiratori d’arco e di ferite lo trovarono, ed egli fu ferito con l’arco. 4Saùl disse al portatore del suo armamento: “Sguaina la tua spada e trafiggimi con essa, affinché non vengono questi incirconcisi a farsi gioco di me”. Ma il portatore del suo armamento non volle, perché aveva paura assai. Allora Saùl prese la spada e si buttò su di essa. 5Il portatore del suo armamento vide che Saùl era morto, e si buttò anche lui sulla sua spada, e morì. 6Morì Saùl e i suoi tre figli in quel giorno, e su di lui morì insieme tutta la sua casa. 7Tutti gli uomini d’Israele in campo videro che Israele era in fuga e che era morto Saùl e i suoi figli: abbandonarono le loro città e fuggirono; vennero gli Stranieri e vi si stabilirono. 8L’indomani avvenne che gli Stranieri andarono a saccheggiare i caduti, e trovarono Saùl e i suoi figli che giacevano sul monte Ghelvuè. 9Li spogliarono, presero la loro testa e i loro armamenti, e li mandarono nella terra degli Stranieri, in giro, a dare il buon annuncio ai loro idoli e al popolo. 10Posero i suoi armamenti nella dimora della loro divinità, e la sua testa misero nella dimora di Dhagòn. 11Tutti gli abitanti di Galaàdh sentirono tutto quel che gli Stranieri avevano fatto a Saùl e al figlio Israele. 12Ogni uomo forte di Galaàdh si levò e presero il corpo di Saùl e i corpi dei suoi figli, e li portarono a Iavìs. Seppellirono le loro ossa sotto la quercia di Iavìs, e digiunarono per sette giorni. 13Saùl morì nelle sue iniquità con cui aveva trasgredito a Dio, alla parola del Signore che non aveva osservato: Saùl infatti interrogò per sapere tramite il ventriloquo, e invece gli fu risposto dal profeta Samuìl. 14Non chiese al Signore, che lo uccise e trasferì il regno a Dhavìdh figlio di Iessè.

 

XI E tutto Israele venne a Dhavìdh in Chevròn, dicendo: “Ecco: noi siamo ossa tue e carne tua. 2Ieri e l’altro ieri, quando era re Saùl, eri tu a fare entrare e uscire Israele. Il Signore d’Israele ti ha detto: Tu pascolerai il mio popolo, Israele, e tu sarai la guida d’Israele”. 3E tutti gli anziani d’Israele vennero al re in Chevròn, e il re Dhavìdh pattuì con loro un patto in Chevròn, davanti al Signore, ed essi unsero Dhavìdh re su Israele, secondo la parola detta del Signore tramite Samuìl. 4Il re andò con i suoi uomini a Gerusalemme, cioè a Ievùs, e là gli Ievusèi che abitavano la terra dissero a Dhavìdh: 5“Qui non entrerai”. E occupata la fortezza di Sion, che è la città di Dhavìdh, 6disse Dhavìdh: “Chiunque sia a colpire per primo lo Ievusèo, sarà principe e generale”. Per primo salì Ioàv figlio di Saruìa, e divenne principe. 7E Dhavìdh si assise nella fortezza, e perciò la chiamò Città di Dhavìdh. 8Costruì tutto intorno alla città, combatté e prese la città. 9E Dhavìdh progrediva molto e diventando magnifico, e il Signore onnipotente era con lui. 10Questi i principi delle Forze che aveva Dhavìdh, che con lui furono forti, durante il suo regno, insieme a tutto Israele, perché egli regnasse su Israele secondo la parola del Signore. 11Questo il numero dei potenti di Dhavìdh. Iesevàal figlio di Achamanì, il primo dei trenta, che in una sola volta, sguainata la spada, in un sol tempo fece trecento caduti. 12Dopo di lui, Eleàzar figlio di Dhodhaì l’Achochì, uno dei tre potenti, 13che fu con Dhavìdh a Fasodhomìn, quando gli Stranieri si adunarono lì in guerra. C’era una parte del campo pieno di orzo - il popolo era fuggito innanzi agli Stranieri – 14ed egli si fermò in mezzo a quella parte e abbatté gli Stranieri. Il Signore operò una grande salvezza. 15E tre dei trenta scesero alla roccia, da Dhavìd, nella grotta di Odhollàm, mentre gli Stranieri erano accampati nella Valle dei giganti. 16Dhavìdh allora era nella fortezza, e un reparto degli Stranieri a Vithleèm. 17Dhavìdh ebbe un desiderio e disse: “Chi mi disseterà con l’acqua del pozzo di Vithleèm che è presso la porta?” 18I tre penetrarono nell’accampamento degli Stranieri, attinsero l’acqua dal pozzo di Vithleèm che è presso la porta, la presero e vennero a Dhavìdh, ma Dhavìdh non volle berne e la versò al Signore, dicendo: 19“Mi risparmi il Signore di fare questo discorso: dovrei bere il sangue di questi uomini? Alla loro anima! Me l’hanno portata con tutta l’anima!”, e non ne volle bere. Questo fecero i tre potenti. 20Avessà figlio di Ioàv era il principe dei tre; egli sguainò la sua spada per trecento caduti a un tempo, ed egli era nominato fra i tre; 21tra i tre, era più glorioso degli altri due, era il loro principe, e non lo raggiunse alcuno dei tre. 22Vanèas figlio di Iodhaè, figlio di un uomo potente, operò molte gesta su Kavasaìl; egli abbatté i due Ariìl di Moàv; egli scese e abbatté il leone nella fossa, in una giornata di neve; 23egli abbatté un uomo egiziano, un uomo notevole, di cinque cubiti: in mano all’egiziano, una lancia come il subbio d’un tessitore. Contro di lui scese Vanèas con un bastone, strappò dalla mano dell’egiziano la lancia e lo uccise con la sua stessa lancia. 24Queste cose fece Vanèas figlio di Iodhaè, ed ebbe un nome tra i tre potenti. 25Egli fu il più glorioso dei trenta, ma non giunse ai tre. Dhavìdh lo prepose alla sua parentela. 26Potenti delle Forze: Asaìl, fratello di Ioàv; Eleanàn figlio di Dhodhoè di Vithleèm; 27Sammòth l’Arorì; Chellìs il Felonì; 28Orà, figlio di Ekkìs il Thekoì; Avièzer l’Anathothì; 29Sovochè l’Asothì; Ilì l’Achonì; 30Mooraì il Netofathì; Cholòdh, figlio di Noozà il Netofathì; 31Erì, figlio di Reviè dalla montagna di Veniamìn; Vanèas il Farathonì; 32Urì da Nachalì Gàas; Aviìl il Garavethì; 33Azmòth il Varomì; Eliavà il Salavonì; 34il figlio di Asàm il Ghizonìte; Ionàthan, figlio di Solà l’Ararì; 35Achìm, figlio di Achàr l’Ararì; Elfàt, figlio di Thirofàr; 36Mechorathrì; Achìa il Fellonì; 37Iserè il Charmadhaì; Naarè, figlio di Azovè; 38Ioìl, figlio di Nàthan; Mevaàl, figlio di Agarì; 39Selì l’Ammonì; Nachòr il Virothì, portatore degli armamenti di Ioàv figlio di Saruìa; 40Irà lo Ietrhì; Garìv lo Iethrì; 41Urìa il Chettì; Zavèt, figlio di Achaià; 42Adhinà, figlio di Sezà, principe di Ruvìn, e i trenta sotto di lui; 43Anàn, figlio di Moochà; Iosàfat il Matthanì; 44Ozìa l’Astarothì; Samathà e Ieiìl, figli di Chothàm l’Ararì; 45Iedhiìl figlio di Samerì e Iozaè suo fratello, il Thosaì; 46Eliìl il Maoì, Iarivì e Iosìa suo figlio; Ellaàm e Iethamà il Moavìte; 47Dhaliìl; Ovìdh e Iessiìl di Mesovìa.

 

XII    Quelli che vennero a Dhavìdh in Sikelàgh, quando ancora fuggiva davanti a Saùl figlio di Kis. Essi aiutavano i forti in guerra, 2usando l’arco con la destra e con la sinistra, fiondatori di sassi e con l’arco. Essi erano tra i fratelli di Saùl, da parte di Veniamìn. 3Il principe, Achièzer; poi Ioàs figlio di Asmà il Gavathìte; Ioìl e Iofalìt, figli di Asmòth; Verchìa e Iiùl l’Anathothì; 4Samaìas il Gavaonite, potente tra i trenta e sui trenta; 5Ieremìa; Ieziìl; Ioanàn; Iozavàt il Gadharathiìm; 6Azaì; Iarimùth; Vaalià; Samaraìa; Safatìas il Charefiìl; 7Ilkanà; Iisunì; Ozriìl; Iozarà; Sovokàm e i Koriti; 8Ielìa e Zavadhìa, figli di Iraàm, e quelli di Ghedhòr. 9Da quelli di Gaddhì, dal deserto giunsero a Dhavìdh uomini forti, potenti nello schieramento in battaglia, portatori di scudo e lancia. Il loro aspetto era aspetto da leone, e agili come gazzelle veloci sui monti. 10Azer, il principe; Avdhìa, il secondo; Eliàv, il terzo; 11Masmanà, il quarto; Iermià, il quinto; 12Iethì, il sesto; Eliàv, il settimo; 13Ioanàn, l’ottavo; Eliazèr, il nono; 14Iermià, il decimo; Melchavanè, l’undicesimo. 15Questi erano tra i figli di Gadh, principi dell’esercito: il più piccolo affrontava cento, e il più grande mille. 16Questi sono quelli che guadarono il Giordano al primo mese, quando esso è pieno sino a tutto il suo argine, e misero in fuga tutti quelli che abitavano le campagne, da oriente a occidente. 17In aiuto a Dhavìdh vennero anche alcuni dai figli di Veniamìn e di Iudha, 18e Dhavìdh uscì loro incontro e disse: “Se venite in mio soccorso in pace, il mio cuore sia unito al vostro; se invece con mani senza verità volete consegnarmi ai miei nemici, veda e giudichi il Dio del nostri padri”. 19Allora lo Spirito ricoprì Amasé, principe dei trenta, che disse: “Avanza, tu e il tuo popolo, Dhavìdh figlio di Iessè! Pace, pace a te, e pace ai tuoi aiutanti, poiché ti ha aiutato il tuo Dio”. Dhavìdh li accolse e li costituì principe delle Forze. 20Passarono a Dhavìdh alcuni di Manassì, quando gli Stranieri andarono in guerra contro Saùl, ma a essi egli non prestò aiuto, perché ci fu un consiglio tra i generali degli Stranieri, i quali dissero: “A capo di quegli uomini, ritorni al suo signore Saùl”. 21Mentre Dhavìdh a Sikelàgh, si aggregarono a lui alcuni di Manassìs: Edhnà, Iozavàth, Rodhiìl, Michaìl, Iosavèth, Elimùth e Semathì, principi delle migliaia ch’erano di Manassìs. 22Essi combatterono con Dhavìdh contro il gheddhùr[c], poiché erano tutti potenti nella forza, e guide dell’esercito in forza. 23Di giorno in giorno venivano a Dhavìdh con gran forza, come una Forza di Dio. 24Questi i nomi dei principi dell’esercito che vennero a Dhavìdh in Chevròn, per traslare a lui il regno di Saùl, secondo la parola del Signore. 25Figli di Iudha portatori di scudo e portatori di lancia, seimila e ottocento potenti nello schieramento. 26Dai figli di Simeòn, potenti nella forza di schieramento, settemila e cento. 27Dai figli di Levì, quattromila e seicento. 28Iodhaè, guida di Aaròn, e con lui tremila e settecento. 29Sadhòk, giovane potente nelle forza, e ventidue principi della sua casa paterna. 30Dai figli di Veniamìn, dei fratelli di Saùl, tremila: la maggior parte di loro continuò a osservare la custodia della casa di Saùl. 31Dai figli di Efrèm, ventimila e ottocento, potenti nella forza, uomini nominati nelle case delle loro parentele. 32Da metà tribù di Manassìs, diciottomila, nominati per nome, per far regnare Dhavìdh. 33Dai figli di Issàchar, che conoscevano la comprensione dei tempi, che conoscevano cosa Israele dovesse fare, duecento principi tra loro e con loro, tutti i loro fratelli. 34Da Zavulòn, che andarono a schierarsi in guerra con tutto l’armamentario da guerra, cinquantamila, per aiutare Dhavìdh non a mani vuote. 35Da Nefthalì, mille principi e con loro trentasettemila con scudo e lancia. 36Dai Dhaniti, schierati in battaglia, ventottomila e ottocento. 37Da Asìr vennero per aiutare in battaglia quarantamila. 38Oltre il Giordano, da Ruvìn e Gaddhì e da metà tribù di Manassì, con tutto l’armamentario da guerra, centoventimila. 39Tutti questi uomini guerrieri, pronti a schierarsi, vennero con animo pacifico a Chevròn, per fare Dhavìdh re su tutto Israele, e il resto d’Israele era una sola anima nel fare Dhavìdh re. 40Restarono lì tre giorni, mangiando e bevendo, poiché i loro fratelli avevano preparato. 41Anche i confinanti  - sino a Issàchar, Zavulòn e Nefthalì – con cammelli, asini, muli e vitelli, portarono loro cibarie, farina, crostate di frutta, uva passa, vino e olio, vitelli e pecore in abbondanza, perché c’era allegrezza in Israele.

 

XIII       E Dhavìdh tenne consiglio insieme ai chiliarchi e ai centurioni, e con ogni guida, 2e Dhavìdh disse a tutta l’assemblea d’Israele: “Se per voi è cosa buona, e gradita al Signore Dio nostro, mandiamo (messaggi) ai nostri fratelli rimasti in tutta la terra d’Israele, a loro e anche ai sacerdoti e ai leviti, nelle città dove dimorano, perché si radunino presso di noi, 3e porteremo da noi l’arca del nostro Dio, perché non l’abbiamo cercata dai giorni di Saùl”. 4Tutta l’assemblea disse di fare così, perché il discorso parve retto agli occhi di tutto il popolo. 5E Dhavìdh convocò l’assemblea di tutto Israele, dai confini dell’Egitto sino all’entrata di Imàth, per ricondurre l’arca di Dio dalla città di Iarìm, 6e Dhavìdh la ricondusse. Tutto Israele salì alla città di Dhavìdh, che sta in Iudha, per trasportare di là l’arca del Signore Dio assiso sui cherubini, su cui si invoca il suo nome. 7Dalla casa di Aminadhàv posero l’arca di Dio sopra un carro nuovo, e Ozà con i suoi fratelli guidava il carro. 8Dhavìdh e tutto Israele danzavano davanti a Dio a tutta forza, cantano e suonando cetre, salteri, timpani, cembali e trombe. 9Quando arrivarono all’aia, Ozà stese la mano per sostenere l’arca che il vitello aveva fatto inclinare, 10ma il Signore s’infuriò d’ira contro Ozà, e lì lo colpì perché aveva steso la mano verso l’arca, ed egli morì lì, davanti a Dio. 11Si rattristò Dhavìdh perché il Signore aveva spezzato, tagliato via Ozà, e quel luogo lo chiamò Taglio di Ozà, sino a questo giorno. 12Dhavìdh ebbe paura di Dio in quel giorno, e disse: “Come farò a portare da me l’arca di Dio?”, 13perciò Dhavìdh non portò l’arca presso di sé, nella città di Dhavìdh, e la deviò in casa di Aveddharà il Ghetthèo. 14L’arca di Dio rimase in casa di Aveddharà per tre mesi, e Dio benedisse Aveddharà e tutte le sue cose.

 

XIV       E Chiràm re di Tiro mandò a Dhavìdh messaggeri, legno di cedri, muratori e artigiani del legno, per costruire a lui una casa. 2Dhavìdh capì che il Signore lo aveva predisposto come re su Israele e che avrebbe portato in alto il suo regno, a favore d’Israele suo popolo. 3Dhavìdh si prese ancora donne a Gerusalemme, che a Dhavìdh partorirono ancora figli e figlie. 4Questi i loro nomi, di quelli partoriti a Gerusalemme: Samaà, Sovàv, Nàthan, Salomòn, 5Ivaàr, Elisaè, Elifalèt, 6Naghèth, Nafàgh, Iafiè, 7Elisamaè ed Elifalèt. 8Gli Stranieri sentirono che Dhavìdh era stato unto re su tutto Israele, e tutti gli Stranieri salirono a cercare Dhavìdh. Sentì Dhavìdh e uscì al loro incontro. 9Gli Stranieri vennero e si sparsero nella Valle dei giganti. 10Dhavìdh si consultò con Dio, dicendo: “Salirò contro gli Stranieri e li consegnerai nelle mie mani?” Il Signore gli disse: “Sali; li consegnerò nelle tue mani”. 11Dhavìdh salì a Vaàl Farasìn e là li batté, e Dhavìdh disse: “Dio ha tagliato via i miei nemici con le mie mani come si taglia l’acqua”, e perciò chiamò il nome di quel luogo Taglio di Farasìn. 12Gli Stranieri abbandonarono lì le loro divinità, e Dhavìdh disse: “Bruciateli nel fuoco”. 13Gli Stranieri continuarono a spargersi ancora nella Valle dei giganti, 14e Dhavìdh chiese ancora a Dio. Gli disse Dio: “Non andrai dietro a loro; volgiti indietro da loro e presentati a loro vicino ai peri. 15Quando sentirai la voce dello scuotimento delle cime dei peri, allora uscirai in battaglia, perché sarà che Dio è uscito prima di te, per abbattere l’accampamento degli Stranieri”. 16Egli fece come Dio gli aveva ordinato, e abbatté l’accampamento degli Stranieri da Gavaòn sino a Gazirà. 17Dhavìdh si fece un nome in tutta la terra, e il Signore pose in tutte le nazioni il timore per lui.

 

XV        Egli si fece la casa nella città di Dhavìdh; preparò un luogo per l’arca di Dio, e le fece la tenda. 2Allora disse Dhavìdh: “Non esiste che prendano l’arca di Dio, se non i Leviti; perché il Signore ha scelto loro per prendere l’arca del Signore e prestare a lui servizio liturgico in eterno”. 3Dhavìdh adunò l’assemblea di tutto Israele in Gerusalemme, per portare l’arca del Signore nel luogo che le aveva preparato. 4Dhavìdh riunì i figli di Aaròn, i Leviti. 5Dei figli di Kaàth, Uriìl il principe e i suoi fratelli, centoventi; 6dei figli di Merarì, Asaìa il principe e i suoi fratelli, duecentoventi; 7dei figli di Ghirsàm, Ioìl il principe e i suoi fratelli, centotrenta; 8dei figli di Elisafàn, Semeì il principe e i suoi fratelli, duecento; 9dei figli di Chevròn, Eliìl il principe e i suoi fratelli, ottanta; 10dei figli di Oziìl, Aminadhàv il principe e i suoi fratelli, centododici. 11Dhavìdh chiamò i sacerdoti Sadhòk e Aviàthar, e i leviti Uriìl, Asaìas, Ioìl, Samaìas, Eliìl e Aminadhàv, 12e disse loro: “Voi, principi delle parentele dei leviti, purificate voi e i vostri fratelli e portate l’arca del Dio d’Israele dove le è stato preparato. 13Poiché voi prima non c’eravate, Dio ci ha diviso tra di noi, perché non l’abbiamo cercato come è giusto”. 14I sacerdoti e i leviti si purificarono per portare l’arca del Dio d’Israele. 15I figli dei leviti presero l’arca di Dio, come aveva ordinato Moisìs, sulla parola del Signore, secondo la Scrittura, di portarla loro a spalle. 16Dhavìdh disse ai principi dei leviti: “Stabilite i loro fratelli come cantori con gli organi, i flauti, cetre e cembali, per suonare con alti suoni di allegrezza”. 17I leviti stabilirono Emàn, figlio di Ioìl; tra i suoi fratelli, Asàf figlio di Varachìas; tra i figli di Merarì, loro fratelli, Ethàn figlio di Kisèo. 18Con loro, i secondi, tra i loro fratelli: Zacharìas, Oziìl, Semiramòth, Ieiìl, Elioìl, Eliàv, Vanèa, Maasaìa, Mattathìa, Elifalìa, Makenìa, Avdhedòm, Ieiìl e Ozìas, portieri. 19I cantori: Emàn, Asàf e Esàf con cembali di rame che facevano sentire; 20Zacharìas, Oziìl, Semiramòth, Ieiìl, Onì, Eliàv, Masèas e Navèas con cetre su alemòth[d]; 21Mattathìas, Elifalìas, Makenìas, Avdhedhòm, Ieiìl e Ozìas con cetre amasenìth[e] come sostegno; 22Chonenìa, principe dei leviti, era il principe dei canti, perché era istruito; 23Varachìa ed Elkanà, portieri dell’arca. 24I sacerdoti Sovnìa, Iosafàt, Nathanaìl, Amasaì, Zacharìa, Vanaì ed Elièzer suonavano le trombe innanzi all’arca di Dio. Avdhedhòm e Ieìa, portieri dell’arca di Dio. 25Dhavìdh, gli anziani d’Israele e i chiliarchi andarono a trasportare con letizia l’arca dell’alleanza dalla casa di Avdhedhòm. 26E avvenne che Dio diede fora ai leviti che portavano l’arca dell’alleanza del Signore, ed essi immolarono sette vitelli e sette arieti. 27Dhavìdh era cinto d’una stola di bisso, e anche i leviti che portavano l’arca dell’alleanza del Signore, i cantori e Chonenìas principe del coro dei cantori, stavano presso Dhavìdh con stole di bisso. 28Tutto Israele portava l’arca dell’alleanza del Signore con insegne e suoni di sofèr[f], trombe e cembali, cantando con flauti e cetre. 29Venne l’arca dell’alleanza del Signore e giunse nella città di Dhavìdh. Melchòl, figlia di Saùl, scrutò dalla finestra e vide il re Dhavìdh che giocoso ballava scompostamente[g], e nella sua anima ne provò vergogna.

 

XVI       Introdussero l’arca di Dio e la depositarono in mezzo alla tenda che per essa Dhavìdh aveva piantato, e furono presentati gli olocausti e i sacrifici salvifici innanzi a Dio. 2Dhavìdh completò di portare gli olocausti e i sacrifici salvifici, e benedisse il popolo nel nome del Signore. 3A tutte le persone d’Israele, uomini e donne, spartì a ognuno una infornata di pane dolce. 4Innanzi all’arca dell’alleanza del Signore istituì alcuni leviti a compiere servizio liturgico, per cantare, proclamare e lodare il Signore Dio d’Israele: 5Asàf, la guida; Zacharìas, a lui secondo; Ieiìl, Semiramòth, Ieiìl, Mattatìas, Eliàv, Vanèas, Avdhedhòm e Ioiìl per gli organi, le lire e le cetre, e Asàf per far risuonare i cembali; 6i sacerdoti Vanèas e Osiìl suonavano sempre le trombe innanzi all’arca dell’alleanza di Dio. 7Allora, in quel giorno, in principio Dhavìdh affidò ad Asàf e ai suoi fratelli l’incarico delle lodi al Signore. 8Ode: “Confessate al Signore, invocate il suo nome, fate conoscere ai popoli le sue opere. 9Cantate a lui; inneggiate a lui; narrate a tutti le sue meraviglie, che il Signore ha fatto. 10Lodate il suo santo nome; si rallegri il cuore che cerca la sua benevolenza. 11Cercate il Signore e siate fortificati, cercate sempre il suo volto. 12Ricordate le sue meraviglie, che egli ha fatto, i prodigi e i giudizi della sua bocca. 13Seme d’Israele, suoi servi; figli di Giacobbe, suoi eletti: 14è lui il Signore nostro Dio, in tutta la terra i suoi giudizi. 15Si è ricordato nei secoli della sua alleanza, parola sua, che aveva comandato per mille generazioni, 16che aveva sancito con Abramo, e suo giuramento a Isacco. 17La stabilì per Giacobbe come precetto, per Israele come alleanza eterna, 18dicendo: A te darò la terra di Chanaàn, porzione della vostra eredità. 19Quando essi erano in piccolo numero, pochissimi e stranieri in essa, 20e passavano di nazioni in nazioni e da un regno a un altro popolo, 21non permise che uomo li dominasse e a loro favore rimproverò i re: 22Non toccate i miei cristi e non operate malvagità ai miei profeti. 23Cantate al Signore, terra tutta, annunciate di giorno in giorno la sua salvezza, 24narrate tra le nazioni la sua gloria e tra tutti i popoli le meraviglie, 25poiché il Signore è grande e grandemente lodato; egli è tremendo su tutti gli dei. 26Perché tutti gli dei delle nazioni sono idoli, ma il nostro Dio ha fatto cieli. 27Gloria e magnificenza sono innanzi a lui, forza e vanto nella sua dimora. 28Date al Signore, famiglie delle nazioni, date al Signore gloria e potenza; 29date al Signore la gloria del suo nome, prendete doni e portateli innanzi a lui; adorate il Signore nel suo atrio santo. 30Tutta la terra tema il suo volto; egli ha fondato la terra perché non traballi. 31Esulti il cielo e si rallegri la terra; si dica tra le nazioni: Il Signore regna! 32Rimbombi il mare e tutto quanto contiene; gli alberi della campagna e quanto v’è in essa. 33Allora esulteranno gli alberi della foresta innanzi al Signore, poiché è giunto a giudicare la terra. 34Confessate al Signore, perché è buono, perché in eterno è la sua misericordia. 35Dite: Salvaci, Dio della nostra salvezza; radunaci e riscattaci dalle nazioni, per lodare il tuo nome santo e vantarci della tua lode. 36Benedetto il Signore Dio d’Israele, dai secoli nei secoli! Tutto il popolo rispose: “Amin!” e diedero lode al Signore. 37Lì, dinanzi all’arca dell’alleanza del Signore, furono lasciati Asàf con i suoi fratelli, per compiere il servizio liturgico innanzi all’arca di continuo, di giorno in giorno; 38Avdhedhòm con i suoi fratelli, sessantotto; Avdhedhòm figlio di Idhithùn e Ossà, come portieri; 39il sacerdote Sadhòk e i sacerdoti suoi fratelli innanzi alla tenda del Signore in Vamà di Gavaòn, 40per presentare al Signore gli olocausti sull’altare degli olocausti, sempre, mattino e sera, e tutto quanto è scritto nella legge del Signore, come è stato ordinato ai figli d’Israele tramite Moisìs, servo di Dio. 41Con lui, Emàn, Idhithùn e gli altri scelti per nome, per lodare il Signore, perché in eterno è la sua misericordia. 42Con loro, trombe e cembali da far risuonare, gli organi per le odi di Dio. I figli di Idhithùn, alla porta. 43Tutto il popolo andò via, ognuno a casa sua, e anche Dhavìdh tornò, per benedire casa sua.

 

XVII      Quando Dhavìdh si stabilì nella sua casa, avvenne che Dhavìdh disse al profeta Nathàn: “Ecco, io abito in una casa di cedro, ma l’arca dell’alleanza del Signore sta sotto a (una tenda di) pelli”. 2Nathàn disse a Dhavìdh: “fai tutto quel che hai nel tuo animo, poiché Dio è con te”. 3In quella notte avvenne che la parola del Signore venne a Nathàn: 4“Va’ e dici al mio servo Dhavìdh. Così dice il Signore: Tu non mi costruirai una casa perché io vi abiti. 5Non ho abitato in una casa, dal giorno in cui ho tratto fuori Israele fino a questo giorno, e sono stato in una tenda, sotto un velario 6in tutti i luoghi in cui sono passato, in tutto Israele. Non ho parlato parlando a una tribù d’Israele, alla quale ho ordinato di pascere il mio popolo, col dire: Perché non mi avete costruito una casa di cedro? 7Ora, così dici al mio servo Dhavìdh. Così dice il Signore onnipotente: Io ti ho preso da dietro una mandria, dal gregge, per essere guida del mio popolo Israele. 8Sono stato con te ovunque sei andato; ho sterminato tutti i tuoi nemici dinanzi a te; ho reso grande il tuo nome, come il nome dei grandi della terra. 9Io porrò un luogo per il mio popolo Israele e ve lo pianterò; egli vi si accamperà e non avrà più affanni e il figlio dell’iniquità non continuerà a umiliarlo come in principio[h]. 10Come nei giorni in cui ho stabilito giudici sul mio popolo Israele e ho umiliato tutti i tuoi nemici, io ti farò crescere e sarà il Signore a edificare per te una casa. 11Quando i tuoi giorni saranno giunti alla pienezza e tu ti addormenterai con i tuoi padri, io farò risorgere il tuo seme, dopo di te; egli sarà dal tuo seno, e io preparerò il suo regno. 12Egli edificherà per me la casa, e io drizzerò il suo trono in eterno; 13io gli sarò padre ed egli mi sarà figlio; non allontanerò da lui la mia misericordia, come l’ho allontanata da quelli che sono stati prima di te. 14Io lo confermerò nella mia casa e nel suo regno in eterno, e il suo trono starà in piedi in eterno”. 15Secondo tutti questi discorsi, e secondo tutta questa visione, così parlò Nàthan a Dhavìdh. 16E il re Dhavìdh andò a sedersi innanzi al Signore, e disse: “Chi sono io, Signore Dio, e che è la mia casa, perché tu mi hai amato in eterno? 17E questo ai tuoi occhi, o Dio, è piccolezza, e perciò hai parlato d’un lontano futuro per la casa del tuo servo e mi hai rivelato come una visione dell’Uomo[i], esaltandomi, o Signore Dio. 18Cosa aggiungerà ancora Dhavìdh per darti gloria? Tu conosci il tuo servo. 19Secondo il tuo cuore hai fatto ogni magnificenza. 20Signore, non c’è alcuno simile a te, e all’infuori di te non c’è altro Dio tra tutto quel che abbiamo udito con le nostre orecchie. 21Non c’è sulla terra nazione come il tuo popolo Israele, che tu, Dio, hai guidato per redimerlo come tuo popolo, per farti un nome grande e manifesto, per togliere ogni nazione davanti al tuo popolo che hai redento dall’Egitto. 22Ti sei dato il tuo popolo Israele come popolo in eterno, e tu, Signore, ti sei fatto il suo Dio; 23ordunque, Signore, conferma la tua parola che hai parlato al tuo servo e sopra la sua casa, e agisci come hai parlato. 24Sia magnificato il tuo nome in eterno, dicendo: Signore, Signore, onnipotente Dio d’Israele!, e la casa di Dhavìdh tuo servo stia salda in piedi innanzi a te. 25Tu infatti sei il Signore Dio mio, che ha aperto l’orecchio del tuo servo, (dicendogli) di costruirti la dimora, e perciò il tuo servo ha trovato la preghiera al tuo volto. 26Ora, Signore, tu sei Dio e hai parlato al tuo servo di questi beni; 27ora inizia a benedire la casa del tuo servo, perché sia sempre innanzi a te: Signore, benedici, e sarà benedetta in eterno”.

 

XVIII     Dopo queste cose, avvenne che Dhavìdh batté gli Stranieri, li mise in fuga e dalle mani degli Stranieri prese Gheth e i suoi villaggi. 2Batté anche Moàv, e quelli di Moàv furono servi di Dhavìdh, soggetti a tributo. 3Dhavìdh batté anche Adhraazàr re di Suvà Imàth, mentre questi andava a metter mano sul fiume Eufrate: 4Dhavìdh gli prese mille carri, settemila cavalieri e ventimila uomini di fanteria, e Dhavìdh distrusse tutti i carri lasciandone cento carri. 5Venne il Siro da Damasco per aiutare Adhraazàr re di Suvà, e del Siro Dhavìdh batté ventiduemila uomini. 6Dhavìdh stabilì una guarnigione in Siria, presso Damasco, e furono per Dhavìdh come servi soggetti a tributi. Il Signore salvò Dhavìdh in tutte le sue imprese. 7Dhavìdh prese i collari d’oro che avevano addosso i servi di Adhraazàr e li portò a Gerusalemme. 8Dalle miniere e da scelte città di Adhraazàr Dhavìdh prese rame, molto assai, e con esso Salomòn fece il Mare di rame, le colonne e i vasi di rame. 9Quando Thoà re di Imàth sentì che Dhavìdh aveva battuto tutta la Forza di Adhraazàr re di Suvà, 10mandò suo figlio Adhuràm al re Dhavìdh per chiedergli pace e benedirlo perché aveva fatto guerra ad Adhraazàr e lo aveva battuto: infatti Thoà era in guerra con Adhraazàr. 11Il re Dhavìdh consacrò al Signore tutti i vasi d’oro, d’argento e di rame, insieme all’argento e all’oro preso a tutte le nazioni, all’Idhumèa, a Moàv, ai figli di Ammòn, agli Stranieri e ad Amalìk. 12Avessà figlio di Saraìas batté l’Idhumèa nella Valle delle saline: diciottomila. 13Egli pose guarnigioni nella valle, e tutti gli Idhumei furono servi di Dhavìdh. Il Signore salvò Dhavìdh ovunque si portò. 14Dhavìdh regnò su tutto Israele, facendo giudizio e giustizia per tutto il suo popolo. 15Ioàv figlio di Saruìas era preposto all’Esercito; Iosafàt figlio di Achilùdh, memorialista; 16Sadhòk figlio di Achitòv e Achimèlech figlio di Aviàthar, sacerdoti; Susà, scriba; 17Vanèas figlio di Iodhaè preposto al Cheretthì e al Feletthì. I figli di Dhavìdh erano i primi diadochi[j] del re.

 

XIX       Dopo queste cose, avvenne che morì Naàs, re dei figli di Ammòn, e dopo di lui regnò suo figlio Anàn. 2Dhavìdh disse: “Farò misericordia ad Anàn figlio di Naàs, come suo padre fece a me misericordia”, e Dhavìdh mandò messaggeri per consolarlo, a proposito di suo padre. E i giovani di Dhavìdh vennero in terra dei figli di Ammòn per consolare Anàn, 3ma i principi dei figli di Ammòn dissero ad Anàn: “Dhavìdh ha forse mandato a consolarti a gloria di tuo padre? O i suoi giovani sono venuti da te allo scopo di esplorare la città e spiare la terra?” 4E Anàn prese i giovani di Dhavìdh, li rasò, tagliò a metà le loro vesti, sino alla cintola, e li mandò via. 5Vennero a dire di quegli uomini a Dhavìdh, che mandò loro incontro, poiché si vergognavano assai. Il re disse: “Fermatevi a Ierichò finché vi spunti la barba, e poi tornate indietro”. 6I figli di Ammòn videro che era stato svergognato il popolo di Dhavìdh, e Anàn e i figli di Ammòn mandarono mille talenti d’argento per comprarsi carri e cavalli dalla Siria di Mesopotamia, dalla Siria di Moochà e da Sovà. 7Essi si assoldarono trentaduemila carristi, e il re di Moochà con il suo popolo venne e si accampò davanti a Medhavà. I figli di Ammòn si riunirono dalle loro città e vennero in guerra. 8Dhavìdh sentì e mandò Ioàv e tutto l’esercito dei potenti. 9I figli di Ammòn uscirono e si schierarono in guerra presso la porta della città, mentre i re che erano venuti si accamparono a parte, nella campagna. 10Ioàv vide che gli avversari venivano in guerra contro di lui di fronte e da dietro, e scelse alcuni tra tutta la gioventù d’Israele e li schierò contro il Siro; 11il resto del popolo lo affidò alle mani di suo fratello Avessà, e fu schierato innanzi ai figli di Ammòn. 12Disse: “Se il Siro sarà più forte di me, verrai a salvarmi; se i figli di Ammòn saranno più forte di te, io ti salverò: 13sii uomo e lotteremo per il nostro popolo e per le città del nostro Dio; il Signore farà quel che è buono agli occhi suoi”. 14Ioàv schierò in guerra il popolo che era con lui, contro i Siri, che fuggirono innanzi a loro. 15I figli di Ammòn videro che i Siri erano scappati, e fuggirono anche essi al cospetto di Avessà e al cospetto di suo fratello Ioàv, e vennero in città. Ioàv venne a Gerusalemme. 16Il Siro vide che era stato sconfitto da Israele, e mandò messaggeri per portare i Siri che si trovavano oltre il fiume: Sofà, principe dei generali delle Forze di Adhraazàr era innanzi a loro. 17Fu annunziato a Dhavìdh, ed egli radunò tutto Israele; guadò il Giordano e piombò su di loro, schierandosi contro di loro. Il Siro si schierò contro Dhavìdh in guerra, ed egli lo combatté. 18Il Siro fuggì al cospetto d’Israele, e Dhavìdh uccise settemila carristi e quarantamila fanti; uccise anche Sofà, principe dei generali della Forza. 19I giovani di Adhraazàr videro che erano stati battuti innanzi a Israele, si offrirono a Dhavìdh e lo servirono. Il Siro non volle più aiutare i figli di Ammòn.

 

XX        L’anno seguente, quando i re escono (in guerra), avvene che Ioàv portò tutta la Forza dell’esercito, e devastò tutta la regione dei figli di Ammòn. Poi venne e assediò Ravvà. Dhavìdh stava a Gerusalemme; Ioàv colpì Ravvà e la distrusse. 2Dhavìdh prese la corona del loro re Molchòm, dalla sua testa, e si trovò che il suo peso era d’un talento d’oro, e in essa c’era una pietra preziosa, ed essa fu sulla testa di Dhavìdh. Dalla città trasse un bottino grande assai; 3trasse fuori anche il popolo che vi si trovava e lo assegnò ai lavori della sega, delle asce di ferro e come spaccapietre. Così fece Dhavìdh a tutti i figli di Ammòn, e Dhavìdh tornò con tutto il popolo a Gerusalemme. 4E ci fu dopo di questo, che ci fu ancora guerra a Gazèr contro gli Stranieri. Allora Sovochè l’Usathì batté Safù, uno dei figli dei giganti, e lo umiliò. 5E ci fu ancora guerra con gli Stranieri, ed Ellanàn figlio di Iaìr batté Lachmì, fratello di Goliàth il Ghetthèo: il legno della sua lancia era come un subbio da tessitore. 6Ci fu ancora guerra in Gheth: c’era un uomo altissimo – le sue dita erano sei e sei: ventiquattro – ed egli era della stirpe dei giganti. 7Egli insultò Israele, ma fu battuto da Ionàthan figlio di Samaà fratello di Dhavìdh. 8Costoro furono a Rafà, in Gheth, e tutti e quattro erano giganti, ma caddero per mano di Dhavìdh e per mano dei suoi giovani.

 

XXI       Il diavolo si levò contro Israele e istigò Dhavìdh a contare Israele. 2Il re Dhavìdh disse a Ioàv e ai principi della Forza: “Andate e contate Israele, da Virsaveè sino a Dhan, e portate a me per conoscere il loro numero”. 3Ioàv disse: “Il Signore accresca il suo popolo e lo centuplichi! Gli occhi del re mio signore vedono che tutti sono servi del mio signore: perché il mio signore chiede questo? Che non sia imputato a Israele come peccato!” 4Ma la parola del re fu più forte di Ioàv. E Ioàv uscì, percorse tutto Israele, tornò a Gerusalemme 5e Ioàv diede a Dhavìdh il numero della visitazione del popolo: tutto Israele era mille migliaia, e centomila uomini pratici della spada; in Iudha c’erano quattrocentosettantamila uomini pratici della spada. 6Tra loro non enumerò Levì e Veniamìn, perché a Ioàv il discorso del re parve vergognoso, 7e quel fatto fu malvagio innanzi a Dio, che colpì Israele. 8E Dhavìdh disse a Dio: “Ho peccato assai, con questo fatto; ma ora cancella la bruttura del tuo servo, perché sono stato assai stupido”. 9Il Signore parlò a Gadh il veggente, dicendo: 10“Va’ e parla a Dhavìdh, dicendo: Così dice il Signore. Io porterò su te tre cose; scegline una per te e io te la farò”, 11Gadh venne a Dhavìdh e gli disse: “Così dice il Signore. Scegliti 12o tre anni di fame, o tre mesi in cui tu sarai in fuga davanti ai tuoi nemici mentre fa uno sterminio la spada dei tuoi nemici, o tre giorni della spada del Signore: morte sulla terra, con l’angelo del Signore fa uno sterminio in tutti i possedimenti d’Israele. Ora vedi cosa dovrò rispondere a chi mi ha inviato la parola”. 13Dhavìdh disse a Gadh: “Le tre (scelte) sono una grande angustia per me. Mi metterò nelle mani del Signore, perché grandi sono le sue misericordie: non voglio cadere nelle mani degli uomini!” 14Il Signore diede la morte in Israele, e d’Israele caddero settantamila uomini, 15e Dio mandò in Gerusalemme l’angelo per distruggerla. Mentre egli distruggeva, il Signore vide: si pentì di questa brutta cosa, e disse all’angelo distruttore: “Ti basti! Togli la mano”. L’angelo si fermò nell’aia di Ornà lo Ievusèo. 16Dhavìdh alzò gli occhi e vide l’angelo del Signore fermo tra cielo e terra, con la spada sguainata nella sua mano e tesa su Gerusalemme. Dhavìdh e gli anziani, vestiti di sacco, caddero faccia a terra, 17e Dhavìdh disse a Dio: “Non sono stato io a dire di contare il popolo? Io sono il peccatore: una cosa brutta ho fatto, cosa brutta ho fatto! Ma queste pecore, che hanno fatto? Signore Dio, venga su di me la tua mano, e sulla casa di mio padre, ma non vada perduto il tuo popolo, Signore!” 18L’angelo del Signore disse a Gadh di dire a Dhavìdh che salisse a erigere un altare al Signore nell’aia di Ornà lo Ievusèo. 19Dhavìdh salì secondo la parola di Gadh, detta nel nome del Signore. 20Ornà si voltò e vide il re e i suoi quattro figli con lui, che chiamavano; Ornà stava mietendo il frumento. 21Dhavìdh venne presso Ornà, e Ornà uscì dall’aia, s’inchinò a Dhavìdh, faccia a terra. 22Dhavìdh disse a Ornà: “Dammi il luogo della tua aia, e in esso vi edificherò l’altare al Signore; dammelo a degno (prezzo d’) argento, e smetterà nel popolo la piaga. 23Ornà disse a Dhavìdh: “Prenditelo: il re mio signore faccia quel che è buono agli occhi suoi. Guarda, ti ho già dato i vitelli per l’olocausto, l’aratro per la legna e il grano per l’offerta: ti ho già dato tutto”. 24Il re Dhavìdh disse a Ornà: “No! Acquisterò, acquisterò a giusto prezzo; per il Signore non prenderò quel che è tuo, per presentare gratis olocausti al Signore”. 25E Dhavìdh diede a Ornà, per quel luogo, seicento sicli d’oro pesante. 26Lì Dhavìdh edificò l’altare al Signore e vi presentò olocausti e sacrifici di salvezza; gridò al Signore, che l’esaudì con un fuoco dal cielo sull’altare dell’olocausto, che consumò l’olocausto. 27E il Signore disse all’angelo di riporre la spada nel suo fodero. 28In quel tempo, quando Dhavìdh vide che l’aveva ascoltato il Signore nell’aia di Ornà lo Ievusèo, e là fece sacrifici. 29Ma la tenda del Signore, fatta da Moisìs nel deserto, e l’altare degli olocausti a quel tempo erano a Vamà di Gavaòn: 30Dhavìdh non vi poteva andare avanti per chiedere al Signore, perché non gli era passata la paura alla vista della spada dell’angelo del Signore.

 

XXII  Dhavìdh disse: “Questa è la dimora di Dio e questo è l’altare degli olocausti per Israele. 2E Dhavìdh disse di raccogliere tutti i proseliti che erano in terra d’Israele, e stabilì scalpellini per scalpellare la pietra tagliata, per fabbricare la dimora del Signore. 3Dhavìdh preparò anche molto ferro per i chiodi dei portoni, delle porte e delle spranghe, e anche bronzo in abbondanza, senza pesarlo, 4e legno di cedro senza numero, perché i Sidhoni e i Tiri portarono a Dhavìdh legno di cedro in abbondanza. 5Dhavìdh disse: “Mio figlio Salomòn è un tenero fanciullo, ma la dimora da edificare al Signore s’innalzerà con magnificenza: a lui la preparo perché abbia un nome e gloria su tutta la terra”. E Dhavìdh prima della sua fine fece tantissimi preparativi; 6chiamò suo figlio Salomòn e gli ordinò di edificare la dimora per il Signore Dio d’Israele. 7Dhavìdh disse a Salomòn: “Figliolo, mi era venuto in animo d’edificare una dimora per il nome del Signore Dio. 8E la parola del Signore venne a me, dicendo: Tu hai versato troppo sangue e hai fatto grandi guerre; non edificherai una dimora per il mio nome, poiché innanzi a me hai versato sulla terra troppo sangue: 9ecco che ti sarà partorito un figlio, ed egli sarà un uomo di tregua, e gli darò tregua con tutti i suoi nemici intorno - poiché Salomòn è il suo nome – e nei suoi giorni darò su Israele pace e tranquillità; 10egli edificherà la dimora al mio nome; egli sarà mio figlio e io gli sarò padre, e innalzo in eterno il trono del suo regno in Israele. 11E ora, figlio mio, sia con te il Signore; ti dia prosperità: tu costruirai la dimora al Signore Dio tuo, come ha detto a tuo proposito. 12Il Signore ti doni anche sapienza e intelligenza e ti rafforzi su Israele, per custodire e compiere la legge del Signore tuo Dio. 13Allora avrai prosperità, se baderai a compiere le disposizioni e i criteri che il Signore ordinò a Mosè su Israele. Sii un vero uomo; sii forte; non temere, non ti sgomentare. 14Ed ecco: io, nella mia povertà, ho preparato per la dimora del Signore centomila talenti d’oro e mille migliaia di talenti d’argento, e rame e ferro senza pesare, per quanto è abbondante; ho preparato legname e pietre, e di ciò, ne dovrai aggiungere. 15Con te c’è abbondanza di operai, artigiani, fabbricanti in pietra, artigiani del legno e ogni sorta di persone esperte per qualsiasi lavoro, 16e oro, argento, rame e ferro senza numero. Levati e fa’, e il Signore sia con te”. 17E Dhavìdh comandò a tutti i principi d’Israele d’accogliere Salomòn suo figlio: 18“Il Signore non è con voi? Egli ha rasserenato per voi il circondario, poiché ha dato in mano vostra gli abitanti della terra, e la terra è stata assoggettata al Signore e al suo popolo. 19Ora disponete il vostro cuore e la vostra anima alla ricerca del Signore Dio vostro; levatevi ed edificate il santuario al vostro Dio, per introdurvi l’arca dell’alleanza del Signore e i vasi santi di Dio, nella dimora che sarà edificata al nome del Signore”.

 

XIII       Dhavìdh invecchiò, pieno di giorni, e in sua vece su Israele regnò Salomòn. 2Egli adunò tutti i principi d’Israele, i sacerdoti e i leviti. 3Furono contati i leviti dai trenta anni in su, e il loro numero, a testa, fu di trentottomila uomini, 4dei quali: ventiquattromila incaricati di eseguire i lavori per la fabbrica della dimora del Signore; seimila, scrivani e giudici; 5quattromila portieri e quattromila per lodare al Signore con gli strumenti fatti per lodare il Signore. 6Dhavìdh li spartì secondo i turni giornalieri assegnati a Ghedhsòn, Kaàth e Merarì, figli di Levì. 7A Ghedhsòn, Edhàn e Semeì. 8Figli di Edhàn: principe Ieiìl, Zithàn e Ioìl, tre. 9Figli di Semeì: Salomìth, Ieiìl e Dhan, tre. Questi, principi delle parentele degli Edhàn. 10(Altri) figli di Semeì: Ieth, Zizà, Ioàs e Verià, questi quattro figli di Semeì. 11Ieth era il principe e Zizà il secondo. Ioàs e Verià non furono pieni di figli, e furono come una sola casa paterna e sorveglianza. 12Figli di Kaàth: Amvràm, Isaàr, Chevròn e Oziìl, quattro. 13Figli di Amvràm: Aaròn e Moisìs. Aaròn fu assegnato per santificare nel Santo dei Santi, egli e i suoi figli in eterno, per incensare innanzi al Signore, compiere il servizio liturgico e invocare il suo nome in eterno. 14Quanto a Moisìs, uomo di Dio, i suoi figli furono nominati nella tribù di Levì. 15Figli di Moisìs: Ghirsàm ed Elièzer. 16Figli di Girsàm: Suvaìl il principe. 17A Elièzer furono figli: Ravià il principe. A Elièzer non furono altri figli. I figli di Ravià si accrebbero di molto. 18Figli di Isaàr: Salomòth il principe. 19Figli di Chevròn: Ierià il principe, Amadhià il secondo, Ieziìl il terzo, Iekemìas il quarto. 20Figli di Oziìl: Michà il principe e Isià il secondo. 21Figli di Merarì: Moolì e Musì. Figli di Moolì: Eleàzar e Kis. 22Eleàzar morì e a lui non furono figli, ma figlie, e le presero i figli di Kis loro fratelli[k]. 23Figli di Musì: Moolì, Edhèr e Iarimòth, tre. 24Questi i figli di Levì secondo le case delle loro parentele, principi delle loro parentele secondo la loro sorveglianza, secondo il numero dei loro nomi, a testa, che compivano le opere del servizio liturgico nella dimora del Signore, dai venti anni in su. 25Dhavìdh infatti aveva detto: “Il Signore Dio d’Israele ha riposato nel suo popolo e si è accampato a Gerusalemme in eterno”. 26I leviti non portarono più la tenda e tutti i suoi vasi per il suo servizio liturgico, 27poiché – secondo le ultime parole di Dhavìdh – fu stabilito il numero dei figli di Levì, dai venti anni in su. 28Li assegnò ad Aaròn per compiere il servizio liturgico nella dimora del Signore, per gli atri, per le stanze sacerdotali, per la pulizia d’ogni oggetto sacro e per l’opera del servizio liturgico nella dimora di Dio, 29per i pani della preposizione, il fior di farina dell’oblazione, le focacce azzime, la padella, per ogni precauzione e misura, 30per stare a lodare e confessare al Signore, al mattino come a sera, 31e per tutti gli olocausti presentati al Signore nei sabati, nelle neomenie[l] e nelle festività, secondo il numero e il criterio per sempre stabilito per essi dinanzi al Signore, 32e per custodire le custodie della tenda della testimonianza, la custodia del santuario e le custodie dei figli di Aaròn, loro fratelli incaricati del servizio liturgico nella dimora del Signore.

 

XXIV     Divisioni dei figli di Aaròn: Nadhàv, Aviùdh ed Eleàzar. 2Nadhàv e Aviùdh morirono avanti del loro padre, ed essi non avevano figli: esercitarono il sacerdozio Eleàzar e Ithàmar, figli di Aaròn. 3Dhavìdh – con Sadhòk dei figli di Eleàzar e Achimèlech dei figli di Ithàmar - li spartì secondo la loro ispezione, secondo il loro servizio liturgico, secondo le loro case paterne. 4Si trovò che tra i figli di Eleàzar c’erano più principi delle Forze, rispetto ai figli di Ithàmar, e li divise: ai figli di Eleàzar, sedici principi per casa paterna; ai figli d’Ithàmar, otto per casa paterna. 5E li divise secondo le rispettive sorti, poiché c’erano principi del Santuario e principi del Signore sia tra i figli d’Eleàzar che tra i figli d’Ithàmar, 6e Samaìas figlio di Nathanaìl, scriba dalla tribù di Levì, li iscrisse innanzi al re, agli arconti, al sacerdote Sadhòk, ad Achimèlech figlio di Aviàthar, ai principi delle parentele dei sacerdoti e dei leviti, ogni casa paterna: una per una a Eleàzar e una per una a Ithàmar. 7La prima sorte uscì a Ioarìm, la seconda a Iedhìa, 8la terza a Charìv, la quarta a Seorìm, 9la quinta a Melchìa, la sesta a Meiamìn, 10la settima a Kos, l’ottava ad Avìa, 11la nona a Iisù, la decima a Sechenìa, 12l’undicesima a Eliavì, la dodicesima a Iakìm, 13la tredicesima a Opfà, la quattordicesima a Iesvaàl, 14la quindicesima a Velgà, la sedicesima a Emmìr, 15la diciassettesima a Chizìn, la diciottesima ad Afesì, 16la diciannovesima a Fetèa, la ventesima a Ezechìl, 17la ventunesima ad Achìm, la ventiduesima a Gamuìl, 18la ventitreesima ad Adhallè, la ventiquattresima a Maasè. 19Questa la loro ispezione secondo il loro servizio sacerdotale, per entrare nella dimora del Signore secondo il loro incarico ricevuto dalle mani di Aaròn loro padre, come aveva ordinato il Signore Dio d’Israele. 20Rimanenti figli di Levì: dei figli di Amvràm, Sovaìl; dei figli di Sovaìl, Iedhìa; 21di Raavìa, il principe Iesìas; 22di Isaarì, Salomòth; dei figli di Salomòth, Iath. 23Figli di Iedhiù: Amadhìa, il secondo; Iasiìl, il terzo; Iekmoàm, il quarto. 24Dei figli di Osiìl, Michà; figli di Michà, Samìr. 25Fratello di Michà, Isìa; figlio di Isìa, Zacharìa. 26Figli di Merarì: Moolì e Moisì. I figli di Ozìa. I figli di Vonnì. 27Figli di Merarì, Ozìa; figli suoi, Isoàm, Sacchùr e Avaì. 28Di Moolì, Eleàzar e Ithàmar. Eleàzar morì e non aveva figli. 29Di Kis: figli di Kis, Ierameìl. 30Figli di Moisì, Moolì, Edhèr e Iarimòth. Questi i figli dei leviti, secondo le loro case paterne. 31Anche essi estrassero a sorte, come i loro fratelli figli di Aaròn, innanzi al re, a Sadhòk, ad Achimèlech e ai principi delle parentele dei sacerdoti e dei leviti, i patriarchi araàv come i loro fratelli più giovani.

 

XXV      Il re Dhavìdh istituì anche i principi delle Forze per i lavori: i figli di Asàf, di Emàn e di Idhithùn, per far risuonare sentenze con cetre, arpe e cembali. Il numero loro, messi a capo degli operatori delle loro opere fu: 2figli di Asàf, Sakchùr, Iosìf, Nathanìas e Eraìl, figli di Asàf assegnati al re. 3Di Idhithùn, figli di Idhithùn: Godholìas, Surì, Isèas, Semeì, Asavìas e Matathìas, sei con il loro padre Idhitùn, che con le cetre facevano risuonare confessioni e lodi al Signore. 4Di Emàn, figli di Emàn: Vukìas, Matthanìas, Oziìl, Suvaìl, Ierimòth, Ananìas, Anàn, Eliathà, Godhollathì, Rometthièzer, Iesvasakà, Mallithì, Othirì e Meazòth; 5tutti questi, figli di Emàn, che dava responsi al re con parole di Dio, per rialzare la fronte: Dio diede a Emàn quattordici figli e tre figlie. 6Tutti loro stavano con loro padre nella dimora di Dio, a inneggiare con cembali, arpe e cetre, a servizio della dimora di Dio, secondo le disposizioni del re, di Asàf, di Idhitùn e di Emàn. 7E il loro numero, insieme ai loro fratelli che insegnavano a cantare al Signore, tutti esperti, fu di duecento ottantotto. 8Anche essi ebbero a sorte il servizio settimanale, tanto il piccolo che il grande, i perfetti come gli allievi. 9La prima sorte uscì per Iosìf Godholìas, i suoi figli e i suoi fratelli di Asàf. La seconda, per Inìa, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 10La terza, per Zacchùr, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 11La quarta, per Iesrì, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 12La quinta, per Nathanìas, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 13La sesta, per Vukìas, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 14La settima, per Iseriìl, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 15L’ottava, per Iosìa, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 16La nona, per Matthanìas, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 17La decima, per Semeìa, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 18L’undicesima, per Asriìl, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 19La dodicesima, per Asavìa, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 20La tredicesima, per Suvaìl, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 21La quattordicesima, per Mattathìas, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 22La quindicesima, per Ierimòth, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 23La sedicesima, per Ananìas, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 24La diciassettesima, per Iesvasakà, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 25La diciottesima, per Ananì, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 26La diciannovesima, per Mallithì, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 27La ventesima, per Eliathà, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 28La ventunesima, per Othirì, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 29La ventiduesima, per Godhollathì, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 30La ventitreesima, per Meazòth, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici. 31La ventiquattresima, per Rometthièzer, i suoi figli e i suoi fratelli, dodici.

 

XXVI     Per la distinzione dei portinai, figli di Koreiìm: Mosellemìa, figlio di Korì, dai figli di Asàf.

2Figli di Mosellemìa: Zacharìas, il primogenito; Iadhiìl, il secondo; Zavadhìa, il terzo; Iethnuìl, il quarto; 3Iolàm, il quinto; Ionàthan, il sesto; Elonaì, il settimo; Avdhedhòm, l’ottavo. 4Figli di Avdhedhòm: Samaìas, il primogenito; Iozavàth, il secondo; Ioàth, il terzo; Sachàr, il quarto; Nathanaìl, il quinto; 5Amiìl, il sesto; Issàchar, il settimo; Felathì, l’ottavo, poiché il Signore lo aveva benedetto. 6E a Samaìa, suo figlio, furono partoriti figli dal suo primogenito Rosaì, nella sua casa paterna, e furono potenti. 7Figli di Samaìa: Othnì, Rafaìl, Ovìdh, Elzavàth e Achiùdh, figli potenti, Eliù, Savachìa e Isvakòm; 8tutti figli di Avdhedhòm, essi e i loro figli e i loro fratelli, che operavano con potenza nelle attività: in tutto sessantadue per Avdhedhòm. 9Per Mosellemìa         



[a] Spesso figlio ha il senso di discendente.

[i] Cristo

[j] Letteralmente, successori: qui ha il senso di generali o ministri.

[k] Cugini.

[l] Ogni primo giorno del mese.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 21-05-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlxWPCS2 on line 37

i santi di domani 22-05-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlxWPCS2 on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP