Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




DEUTERONOMIO

 

a cura dell'Archimandrita Antonio Scordino




 

1          Queste le parole che Mosè parlò a tutto Israele, al di là del Giordano, nel deserto, verso occidente, vicino al Mar Rosso, tra Faràn, Tofòl, Lovòn, Avlòn e Catachrìsea. 2Undici giorni da Chorìv è la strada per il monte Siìr, fino a Kàdhis Varnì. 3Nell’anno quarantesimo, nell’undicesimo mese, all’uno del mese, Mosè parlò a tutti i figli d’Israele di tutto quello che gli aveva comandato il Signore. 4Dopo aver battuto Siòn re degli Amorrei, che dimorava in Esevon, e Ogh re di Vasan, che dimorava Astaroth e in Edhraìn,  5nella regione al di là del Giordano, in terra di Moav, cominciò Mosè a spiegare questa legge dicendo: 6“Il Signore Dio nostro ci ha parlato a Choriv dicendo: Sia sufficiente per voi di dimorare su questo monte. 7Volgetevi indietro e levate le tende e andate verso il monte degli Amorrei e verso tutti coloro che abitano nei pressi dell’Àraba, in montagna e pianura, a mezzogiorno e sul litorale, nella terra dei Cananei e nell’Antilibano, fino al fiume grande, l’Eufrate. 8Vedete, ho consegnato innanzi a voi la terra; entrate ed ereditate la terra che ho giurato ai vostri padri, ad Abramo e Isacco e Giacobbe, di dare loro e al loro seme dopo di loro. 9E ho parlato a voi in quel tempo dicendo: Non potrò portarvi da solo. 10Il Signore Dio vostro vi ha moltiplicati ed ecco, siete oggi come le stelle del cielo, per moltitudine. 11Il Signore Dio dei vostri padri ne aggiunga a voi mille volte più di come siete e vi benedica, come vi ha detto. 12Come potrò da solo portare la vostra sofferenza e il vostro carico e le vostre dispute? 13Datevi uomini saggi e istruiti e intelligenti per le vostre tribù e li porrò su di voi a guidarvi. 14E mi avete risposto e detto: Bella è la parola che ci hai detto di eseguire. 15E ho preso tra voi uomini saggi e istruiti e intelligenti e li ho messi a guidarvi come capi di migliaia, capi di centinaia, capi di cinquantine, capi di decine e come maestri-scribi per i vostri giudici. 16E ho comandato ai vostri giudici in quel tempo dicendo: Prestate ascolto in mezzo ai vostri fratelli e giudicate giustamente tra un uomo e il fratello e il forestiero presso di lui. 17Non farai eccezione di persona in un giudizio; nei riguardi del piccolo come nei riguardi del grande giudicherai, non ti sottrarrai alla persona di un uomo, poiché il giudizio è di Dio; e il caso che sia troppo difficile per voi, lo presenterete a me e lo ascolterò. 18E vi ho comandato in quel tempo tutte le parole che eseguirete. 19E dopo aver levato le tende da Chorìv abbiamo camminato attraverso tutto il deserto, quello grande e spaventoso che avete visto, per la via del monte dell’amorreo, come ci aveva comandato il Signore Dio nostro, e siamo giunti fino a Kàdhis Varnì. 20E vi ho detto: “Siete giunti fino al monte dell’amorreo che il Signore Dio nostro vi dona. 21Vedete! Ha consegnato a voi, il Signore Dio vostro, dinanzi al vostro volto, la terra; salite a ereditarla, nel modo che vi ha detto il Signore Dio dei vostri padri; non abbiate paura né timore. 22E tutti vi siete accostati a me e avete detto: Inviamo uomini che ci precedano ed esplorino per noi la terra e ci annuncino in risposta la via, quella attraverso cui dobbiamo salire, e le città, quelle in cui dobbiamo entrare. 23E piacque a me la cosa e presi tra voi dodici uomini, un uomo per tribù. 24E voltisi indietro salirono sul monte e giunsero fino alla Valle dell’Uva e la perlustrarono. 25E presero nelle loro mani dal frutto della terra e scesero a portarcelo e dicevano: Buona la terra che il Signore Dio nostro ci dona! 26E non avete voluto salire, ma avete disobbedito alla parola del Signore Dio vostro 27e mormoravate nelle vostre tende e avete detto: Per il fatto che ci odia, il Signore ci ha fatto uscire dalla terra d’Egitto, per consegnarci nelle mani degli Amorrei, per sterminarci. 28Dov’è che noi possiamo salire? I vostri fratelli vi hanno fatto perdere d’animo dicendo: E’ gente grande e numerosa e più potente di noi, e città grandi e cinte di mura fino al cielo; persino figli di giganti abbiamo visto là. 29E vi ho detto: Non spaventatevi e non abbiate paura di loro. 20Il Signore Dio vostro che cammina innanzi, davanti al vostro volto, egli appunto li combatterà insieme con voi, secondo tutto ciò che ha fatto per voi in terra d’Egitto. 31E in questo deserto che avete visto, il Signore Dio tuo ti ha nutrito, così come nutrirebbe un uomo il proprio figlio, per tutta la via che avete compiuto, finché siete giunti in questo luogo. 32E in quella circostanza non avete avuto fede nel Signore Dio vostro, 33che cammina innanzi a voi, nella via, per scegliervi un luogo, facendovi strada col fuoco di notte, mostrandovi la via lungo la quale dovete camminare, e con la nube di giorno. 34E ha udito il Signore la voce delle vostre parole ed esasperato ha giurato, dicendo: 35Non vedrà, nessuno di questi uomini, questa buona terra che ho giurato ai loro padri, 36tranne Chàlev, figlio di Iefonnì; egli la vedrà, e a lui darò la terra sulla quale ha messo piede, e ai suoi figli, per essersi tenuto stretto alle cose del Signore. 37Anche con me si è sdegnato il Signore a causa vostra dicendo: Certo neppure tu entrerai là. 38Iisù, figlio di Navì, che sta al tuo fianco, egli entrerà là: rafforzalo, poiché egli la farà ereditare a Israele. 39E tutti i bimbi piccoli, che non conoscono oggi né bene né male, essi entreranno là, e a essi la darò, ed essi la erediteranno, 40Ma voi vi siete volti indietro per accamparvi nel deserto, lungo la via verso il mar Rosso. 41E mi avete risposto e avete detto: Abbiamo errato dinanzi al Signore Dio nostro; noi saliremo e combatteremo secondo tutto ciò che ci ha comandato il Signore Dio nostro. E dopo esservi messi ognuno addosso il proprio equipaggiamento da guerra ed esservi riuniti, siete saliti sul monte. 42E mi ha detto il Signore: Ho detto loro: Non salirete, né combatterete, non sono infatti con voi; e non vi spezzerete dinanzi ai vostri nemici. 43E vi ho parlato, ma non mi avete dato ascolto e avete trasgredito la parola del Signore e a ogni costo siete saliti sul monte. 44Ed è uscito l’amorreo, che abita su quel monte, incontro a voi, e vi hanno scacciato come farebbero le api, e vi colpivano da Siìr fino a Ermà. 45E seduti piangevate dinanzi al Signore e non ha esaudito il Signore la vostra voce, né ha prestato attenzione a voi. 46E siete rimasti a Kàdis molti giorni, quanti giorni mai vi eravate rimasti.

 

4 E ora Israele, ascolta i decreti e i giudizi che io oggi vi insegno a praticare, perché viviate e vi moltiplichiate ed entriate a ereditare la terra che il Signore Dio dei vostri padri vi dona. 2Non aggiungerete alla parola che vi comando, né toglierete da essa; custodirete i comandamenti del Signore Dio vostro, quelli che vi comando oggi. 3I vostri occhi hanno visto tutto ciò che ha fatto il Signore Dio nostro a Veelfegor, cioè che ogni uomo che è andato dietro a Veelfegor, lo ha fatto a pezzi il Signore Dio vostro, via da voi, 4mentre voi, che vi tenete attaccati al Signore Dio vostro, oggi vivete tutti. 5Vedete, vi ho mostrato decreti e giudizi, come mi ha comandato il Signore, perché così li pratichiate nella terra, là dove voi entrate per ereditarla; 6e li custodirete e praticherete, poiché questa è la vostra saggezza e intelligenza di fronte a tutte le nazioni; esse, all’udire tutti questi decreti, allora diranno: Ecco, un popolo saggio e sapiente è questa grande nazione. 7Poiché, quale grande nazione c’è che abbia un Dio che sta vicino a loro come il Signore Dio nostro, in tutte le circostanze in cui lo invochiamo? 8E quale grande nazione, che abbia decreti e giudizi giusti, come tutta questa legge che io pongo innanzi a voi oggi? 9Fa’ attenzione e preserva a tutti i costi il tuo animo dal dimenticare tutte le parole che hanno visto i tuoi occhi; e non si allontanino dal tuo cuore tutti i giorni della tua vita, e istruirai i tuoi figli e i figli dei tuoi figli 10sul giorno in cui vi siete posti davanti al Signore Dio vostro a Choriv, nel giorno dell’assemblea, quando mi disse il Signore: Radunami il popolo, e ascoltino le mie parole, perché imparino a temermi tutti i giorni che essi vivono sulla terra, e i loro figli istruiscano. 11E vi siete accostati e vi siete fermati sotto il monte, e il monte bruciava di fuoco fino al cielo, oscurità, tenebra, tempesta, voce grande. 12E ha parlato il Signore a voi di mezzo al fuoco; voce di parole voi avete udito, ma figura non avete visto, soltanto voce. 13E vi ha annunciato la sua alleanza, che vi ha comandato di praticare, le dieci parole, e le ha scritte su due tavole di pietra. 14E a me il Signore ha comandato, in quel tempo, di insegnarvi decreti e giudizi, in modo che lì pratichiate sulla terra, là dove voi entrate per ereditarla. 15E terrete bene in guardia i vostri animi, poiché non avete visto figura, nel giorno in cui vi ha parlato il Signore a Choriv, sul monte, di mezzo al fuoco. … 19E, sollevando gli occhi al cielo e vedendo il sole e la luna e gli astri e tutto l’ornamento del cielo, non deviare prostrandoti davanti a essi, e adorando coloro che ha distribuito il Signore Dio tuo a tutte le nazioni al di sotto del cielo. 20Voi, invece, ha preso il Signore e ha fatto uscire voi dalla fucina di ferro, dall’Egitto, perché foste il suo popolo erede, come in questo giorno. 21E il Signore si è adirato con me riguardo a ciò che avete detto, e ha giurato che non avrei attraversato questo Giordano e che non sarei entrato nella terra che il Signore Dio ti dona in sorte; 22io, infatti, muoio in questa terra e non passo questo Giordano, voi, invece, lo passate, ed erediterete questa terra buona. 23Fate attenzione, voi, a non dimenticare l’alleanza del Signore Dio vostro, che ha stipulato con voi, e a non crearvi figura scolpita di alcuna delle cose che ha proibito il Signore Dio tuo; 24poiché il Signore Dio tuo è fuoco divorante, un Dio geloso. 25Se poi generi figli, e figli dei tuoi figli e durate sulla terra e commettete iniquità e create una figura scolpita di qualunque cosa, e fate cose malvagie di fronte al Signore Dio vostro per irritarlo, 26chiamo a testimoni contro di voi, oggi, il cielo e la terra che andrete totalmente in rovina, via dalla terra verso cui voi attraversate il Giordano, per prenderla là in eredità; non durerete molti giorni in essa, ma sarete fatti a pezzi completamente. 27E vi disperderà il Signore fra tutte le nazioni e sarete lasciati pochi di numero tra le nazioni, là dove vi guiderà il Signore. 28E adorerete là altri dèi, opera di mani di uomini, di legno e di pietra, che non vedranno, né udranno. né mangeranno, né sentiranno odore. 29E cercherete là il Signore Dio vostro e lo troverete, se lo ricercherete con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima nella tua afflizione; 30e ti coglieranno, tutte queste parole, alla fine dei giorni, e ti rivolgerai di nuovo al Signore Dio tuo e ascolterai la sua voce; 31poiché un Dio misericordioso è il Signore Dio tuo, non ti abbandonerà, ne ti farà a pezzi, non dimenticherà l’alleanza dei tuoi padri, che ha giurato loro. 32Interrogate i giorni passati, quelli che sono stati prima di te, dal giorno in cui Dio ha creato un uomo sulla terra, e da un capo del cielo all’altro capo del cielo, se c’è stata cosa grande come questa, se si è udita cosa simile; 33se ha udito, una nazione, la voce del Dio vivente parlare di mezzo al fuoco come l’hai udita tu e sei rimasto vivo; 34se ha tentato, Dio, venendosela a prendere, una nazione in mezzo a una nazione, con tentazioni e con segni e con prodigi, e con guerra e con mano potente e con braccio levato, e con grandi visioni, come tutto ciò che ha fatto il Signore Dio nostro in Egitto innanzi al tuo sguardo; 35cosicché tu sappia che il Signore Dio tuo, questi è Dio, e non ve ne sono oltre lui. 36Dal cielo, udibile si è fatta la sua voce per istruirti, e sulla terra ti ha mostrato il suo grande fuoco, e le sue parole hai udito di mezzo al fuoco. 37Poiché lui amava i tuoi padri, ecco, ha scelto il loro seme dopo di voi e ti ha fatto uscire, lui, con la sua grande forza, dall’Egitto, 38per sterminare nazioni grandi e più forti di te dinanzi al tuo volto, per condurti, darti la loro terra da ereditare, come puoi fare oggi. 39E conoscerai oggi e rivolgerai nella tua mente che il Signore Dio tuo, questi è Dio nel cielo di sopra e sulla terra di sotto, e non ve ne sono altri all’infuori di lui; 40e custodirai i suoi decreti e i suoi comandamenti, quelli che io ti comando oggi, perché bene tu abbia e i tuoi figli dopo di te, perché lunghi giorni viviate sulla terra che il Signore Dio tuo ti dona tutti i giorni”. …

5 E convocò Mosè tutto Israele e disse loro: “Ascolta, Israele, i decreti e i giudizi che io dico nelle vostre orecchie oggi, e li apprenderete e avrete cura di praticarli. 2ll Signore Dio vostro ha stabilito con voi un’alleanza a Choriv; 3non per i vostri padri ha stabilito il Signore quest’alleanza, ma con voi, voi tutti, qui, in vita oggi; 4faccia a faccia vi ha parlato il Signore sul monte, di mezzo al fuoco 5(e io mi tenevo nel mezzo tra il Signore e voi in quel tempo, per annunciarvi le parole del Signore, poiché aveste timore in faccia al fuoco, e non saliste sul monte) e disse: 6Io sono, il Signore Dio tuo, che ti ha fatto uscire dalla terra d’Egitto, da una terra di schiavitù. 7Non ci saranno per te altri dèi davanti al mio volto. 8Non farai per te idolo né sembianza di tutto quanto è nel cielo, in alto, e quanto è sulla terra in basso e quanto è sulle acque sotto la terra. 9Non li adorerai e non renderai loro culto: perché io sono il Signore Dio tuo, Dio geloso, che retribuisco i peccati dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione per chi mi odia 10e concedo misericordia a migliaia per chi mi ama e custodisce i miei precetti. 11Non userai del nome del Signore Dio tuo invano; infatti non purificherà il Signore chi usa il suo nome invano. 12Custodisci il giorno del sabato per santificarlo, come ti ha comandato il Signore Dio tuo. 13Sei giorni sarai operoso e farai tutte le tue opere, 14ma il settimo giorno è sabato per il Signore Dio tuo; in esso non farai nessuna opera, tu e i tuoi figli, e tua figlia, e il tuo servo e la tua serva, e il tuo bue e il tuo asino, e ogni tua bestia da soma, e il forestiero che soggiorna con te, perché si riposino il tuo schiavo e la tua schiava così come te; 15e ricorderai che servo sei stato in terra d’Egitto e ti ha fatto uscire il Signore Dio tuo di là con mano potente e braccio levato; per questo ti ha ordinato il Signore Dio tuo di custodire il giorno del sabato e di santificarlo. 16Onora tuo padre e tua madre, come ti ha comandato il Signore Dio tuo, perché bene tu abbia e perché lungo sia il tuo tempo sulla terra che il Signore Dio tuo ti dona. 17Non fornicherai. 18Non ucciderai. 19Non ruberai. 20Non renderai falsamente contro il tuo prossimo testimonianza falsa. 21Non desidererai la donna del tuo prossimo. Non desidererai la casa del tuo prossimo, né il suo campo, né il suo servo né la sua serva, né il suo bue né il suo asino, né ogni sua bestia, né quanto è del tuo prossimo. 22Queste parole disse il Signore a tutta la vostra comunità, sul monte, di mezzo al fuoco, tenebra, oscurità, tempesta, voce grande, e nulla aggiunse. E le scrisse sopra due tavole di pietra e me le diede. 23E avvenne, non appena udiste la voce di mezzo al fuoco e il monte bruciava di fuoco, che vi siete accostati a me, voi tutti che siete a capo delle vostre tribù, e la vostra assemblea di anziani, 24e dicevate: Ecco, ci ha mostrato il Signore Dio nostro la sua Gloria, e la sua voce abbiamo udito di mezzo al fuoco; oggi abbiamo visto che può parlare il Signore a un uomo, e questi vivrà. 25E ora, potremmo non morire? Sì, ci consumerà questo grande fuoco; se continuiamo noi a udire la voce del Signore Dio nostro ancora, ecco, ne moriremo. 26Quale carne infatti, che ha udito la voce del Dio vivente parlare di mezzo al fuoco come noi, ancora vivrà? 27Accostati, tu, e ascolta tutto quanto dirà il Signore Dio nostro, e tu ci dirai tutto quanto ti avrà detto il Signore Dio nostro, e l’ascolteremo e lo praticheremo. 28E ha udito il Signore la voce delle vostre parole, mentre mi parlavate, e mi ha detto il Signore: Ho udito la voce delle parole di questo popolo, quelle che ti hanno detto; bene, tutto ciò che hanno detto. 29Magari il loro cuore in loro fosse tale che mi temano e custodiscano i miei comandamenti tutti i giorni, perché bene abbiano essi e i loro figli in eterno! 30Vai; di’ loro: Ritornate, voi, alle vostre case. 31Tu invece fermati qui con me, e ti dirò i comandamenti e i decreti e i giudizi che insegnerai loro, così che li pratichino nella terra che io dono loro in sorte. 32E avrete cura di praticarli come ti ha comandato il Signore Dio tuo; non devierete né a destra né a sinistra 33per tutta la via in cui ti ha comandato il Signore Dio tuo di camminare, perché ti faccia riposare, e bene tu abbia, e lunghi siano i vostri giorni sulla terra che erediterete.

6 E questi i comandamenti e i decreti e i giudizi, che ha comandato il Signore Dio nostro di insegnarvi, perché così li pratichiate nella terra, là dove voi entrate per ereditarla, 2perché temiate il Signore Dio vostro e custodiate tutti i suoi decreti e i suoi comandamenti, quelli che io ti comando oggi, tu e i tuoi figli e i figli dei tuoi figli, tutti i giorni della tua vita, perché lunghi siano i vostri giorni. 3E ascolta, Israele, e abbi cura di praticarli, perché bene tu abbia e perché vi moltiplichiate oltremodo, come ha detto il Signore Dio dei tuoi padri, che ti avrebbe dato una terra stillante latte e miele. 4E questi i decreti e i giudizi, che ha comandato il Signore ai figli d’Israele nel deserto, dopo che erano usciti dalla terra d’Egitto. Ascolta, Israele! II Signore Dio nostro è l’unico Signore; 5e amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e tutta la tua anima e tutta la tua capacità. 6E queste parole che io ti comando oggi saranno nel tuo cuore e nella tua anima; 7e le inculcherai ai tuoi figli e parlerai di esse seduto in casa e camminando per via, e mettendoti a dormire e alzandoti; 7e le attaccherai come segno alla tua mano, e saranno fisse davanti ai tuoi occhi; 8e le scriverete sugli stipiti delle vostre case e delle vostre porte. 10E avverrà, quando ti avrà condotto il Signore Dio tuo nella terra che ai tuoi padri, ad Abramo e Isacco e Giacobbe, ha giurato di darti, terra dalle città grandi e belle che non hai edificato, dalle case ricolme di tutti i beni che non hai riempito, dai pozzi scavati nella roccia che non hai scavato, dalle vigne e dagli ulivi che non hai piantato, e dopo che avrai mangiato e ti sarai saziato: 12fa’ attenzione, non dimenticarti del Signore Dio tuo, che ti ha fatto uscire dalla terra d’Egitto, da una casa di schiavitù. 13Il Signore Dio tuo temerai e lui adorerai e a lui starai attaccato e nel nome suo giurerai. 14Non camminerete dietro ad altri dèi, tra gli dèi delle nazioni che vi circondano 15(poiché un Dio geloso è il Signore Dio tuo nei tuoi confronti), temendo che si adiri con sdegno il Signore Dio tuo contro di te e ti stermini dalla faccia della terra. 16Non tenterai il Signore Dio tuo come lo avete tentato a Tentazione. 17Accuratamente custodirai i comandamenti del Signore Dio tuo, le testimonianze e i decreti, che ti ha comandato; 18e compirai ciò che è gradito e bello davanti al Signore Dio vostro, perché bene tu abbia, ed entri a ereditare la buona terra da cui ha giurato il Signore ai vostri padri 19di scacciare tutti i tuoi nemici dinanzi al tuo volto, come ha detto. 20E accadrà, quando ti interrogherà tuo figlio domani dicendo: Cosa sono le testimonianze, i decreti e i giudizi, che ci ha comandato il Signore Dio nostro?, 21che allora dirai a tuo figlio: Servi eravamo di Faraone in terra d’Egitto, e ci ha fatto uscire il Signore di là con mano potente e con braccio levato. 22E ha fatto il Signore segni e prodigi grandi e terribili in Egitto, contro Faraone e contro la sua casa innanzi a noi; 23e ci ha fatto uscire di là, per condurci e darci questa terra che aveva giurato di dare ai nostri padri. 24E ci ha comandato il Signore di praticare tutti questi decreti, di temere il Signore Dio nostro, perché noi possiamo avere bene tutti i giorni, perché viviamo come appunto oggi. 25E misericordia ci sarà per noi, se avremo cura di praticare tutti questi comandamenti davanti al Signore Dio nostro, come ci ha comandato il Signore.

7 Ma se davvero ti farà entrare il Signore Dio tuo in quella terra, terra nella quale entrerai per ereditarla, e avrà eliminato nazioni grandi via dal tuo volto, il chetteo e il ghergheseo e l’amorreo e il cananeo e il ferezeo e l’eveo e lo ievuseo, sette nazioni numerose e più forti di voi, 2e li avrà consegnati il Signore Dio tuo nelle tue mani, allora li batterai, li farai scomparire completamente, non stabilirai con loro alleanza, né avrete pietà di loro. 3Non contrarrete matrimonio con loro; tua figlia non la darai a suo figlio e sua figlia non la prenderai per tuo figlio: 4essa allontanerà infatti tuo figlio da me, e adorerà altri dèi, e si adirerà di sdegno il Signore contro di voi e ti sterminerà in fretta. 5Ma così farete con loro: i loro altari abbatterete e le loro colonne frantumerete e i loro boschi sacri taglierete e le sculture dei loro dèi arderete col fuoco; 6poiché un popolo santo sei per il Signore Dio tuo, e te ha scelto il Signore Dio tuo, perché tu per lui fossi popolo peculiare sopra tutte le nazioni che sono sulla faccia della terra. 7Non perché siete più numerosi rispetto a tutte le nazioni vi ha scelto il Signore e vi ha eletto - voi infatti siete pochi in rapporto a tutte le nazioni - 8ma perché il Signore vi ama e osservando il giuramento che ha fatto ai vostri padri, vi ha fatto uscire il Signore con mano potente e con braccio levato, e vi ha liberato da una casa di schiavitù, dalla mano di Faraone, re d’Egitto. 9E saprai che il Signore Dio tuo, questi è Dio, un Dio fedele, che osserva alleanza e misericordia per coloro che lo amano e custodiscono i suoi comandamenti fino a mille generazioni 10e ricambia personalmente coloro che lo odiano, sterminandoli; e non tarderà con quelli che lo odiano, personalmente li ricambierà. 11E custodirai i comandamenti e i decreti e questi giudizi, che io ti comando oggi di praticare. 12E avverrà, quando avrete udito tutti questi decreti, e li avrete custoditi e praticati, che manterrà il Signore Dio tuo con te l’alleanza e la misericordia che ha giurato ai vostri padri, 13e ti amerà e ti benedirà e ti moltiplicherà e benedirà i nati del tuo ventre e il frutto della tua terra, il tuo grano e il tuo vino e il tuo olio, i piccoli delle tue vacche e la prole delle tue greggi, sulla terra che ha giurato il Signore ai tuoi padri di darti. 14Benedetto sarai sopra tutte le nazioni: non ci sarà tra di voi uomo né donna sterile, e nemmeno tra il tuo bestiame. 15E toglierà il Signore via da te ogni debolezza; e tutte le abiette malattie d’Egitto che hai visto e quelle che hai conosciuto, non le porrà addosso a te, ma le porrà addosso a tutti quelli che ti odiano. 16E divorerai tutte le spoglie delle nazioni che il Signore Dio tuo ti dona; non le risparmierà il tuo occhio, e non adorerai i loro dèi, poiché una spina è ciò per te. 17Se però dici nel tuo animo: Più numerosa è questa nazione di me, come potrò sterminarli?, 18non li temerai; ricorderai intensamente tutto ciò che ha fatto il Signore Dio tuo a Faraone e a tutti gli Egiziani, 19le grandi tentazioni che hanno visto i tuoi occhi, i segni e quei grandi prodigi, la mano potente e il braccio levato, quando ti ha fatto uscire il Signore Dio tuo; così farà il Signore Dio nostro a tutte le nazioni a fronte delle quali provi timore. 20E le vespe invierà, il Signore Dio tuo, contro di loro, fino a quando siano fatti a pezzi quelli che sono rimasti e che si sono nascosti da te. 21Non rimarrai ferito di fronte a loro, poiché il Signore Dio tuo è in te, Dio grande e forte. 22Ed eliminerà, il Signore Dio tuo, queste nazioni dal tuo volto poco a poco: non potrai sterminarli rapidamente, perché non diventi la terra un deserto e non si moltiplichino contro di te le bestie selvagge. 23E li consegnerà il Signore Dio tuo nelle tue mani e li distruggerà con grande rovina, fino a quando non li abbia sterminati, 24e consegnerà i loro re nelle vostre mani, e sparirà il loro nome da quel luogo; non resisterà nessuno di fronte a te, finché tu non li abbia sterminati. 25Le statue dei loro dèi arderete col fuoco; non bramerai né argento né oro da loro e non ne prenderai per te, nel timore di cadere per questo, poiché abominio è per il Signore Dio tuo; 26e non introdurrai abominio nella tua casa o sarai un anatema allo stesso modo; assolutamente li detesterai e li avrai in totale abominazione, poiché è un anatema.

8Tutti i comandamenti che io vi comando oggi, abbiate cura di praticarli, perché viviate e vi moltiplichiate ed entriate a ereditare la terra che il Signore Dio vostro ha giurato ai vostri padri. 2E ricorderai tutta la via per cui ti ha condotto il Signore Dio tuo nel deserto, per maltrattarti e tentarti e riconoscere ciò che era nel tuo cuore, se custodivi i suoi comandamenti oppure no. 3E ti ha maltrattato e sfinito di fame e ti ha imboccato con la manna che non conoscevano i tuoi padri, per annunciarti che non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che procede dalla bocca di Dio vivrà l’uomo. 4I tuoi vestiti non si sono logorati addosso a te, i tuoi piedi non si sono induriti, ed ecco: quarant’anni. 5E saprai in cuor tuo che come correggerebbe un uomo il proprio figlio, così il Signore Dio tuo correggerà te, 6e custodirai i comandamenti del Signore Dio tuo in modo da camminare nelle sue vie e da temerlo. 7Infatti il Signore Dio tuo ti guida in una terra buona ed estesa, dove torrenti di acque e fonti di abissi escono attraverso le pianure e i monti; 8terra di frumento e orzo, vigne, fichi, corsi d’acqua, terra d’olio d’oliva e di miele; 9terra su cui non da mendicante mangerai il tuo pane e non avrai bisogno di nulla su di essa; terra, le cui pietre sono ferro, e dai suoi monti estrarrai bronzo; 10e mangerai e ti sazierai e benedirai il Signore Dio tuo della buona terra che ti ha donato. 11Fa’ attenzione, non dimenticarti del Signore Dio tuo, non custodendo i suoi comandamenti e i suoi giudizi e i suoi decreti, tutti quelli che io ti comando oggi; 12quando avrai mangiato e ti sarai saziato e case belle avrai edificato e avrai abitato in esse, 13e i tuoi buoi e i tuoi montoni ti saranno stati moltiplicati, argento e oro ti sarà stato moltiplicato, e ogni cosa che possiedi ti sarà stata moltiplicata, 14non ti innalzare nel cuore e non dimenticarti del Signore Dio tuo, che ti ha fatto uscire dalla terra d’Egitto, da una casa di schiavitù, 15che ti ha guidato attraverso il deserto, quello grande e spaventoso, dove c’era il serpente che morde e lo scorpione e la sete, dove non c’era acqua, e lui ha fatto uscire per te da una pietra scoscesa una fonte d’acqua, 16ti ha imboccato nel deserto con la manna che non conoscevano i tuoi padri, per maltrattarti e tentarti e farti del bene fino alla fine dei tuoi giorni. 17Non dire in cuor tuo: La mia forza e il vigore della mia mano mi hanno procurato questa grande potenza. 18E ti ricorderai del Signore Dio tuo, poiché è lui a darti la forza di procurarti potenza, perché tu stabilisca la sua alleanza, che ha giurato il Signore ai tuoi padri, come oggi. 19E se davvero dimentichi il Signore Dio tuo e cammini dietro ad altri dèi, e li adori e ti prostri a essi, chiamo a testimoni contro di voi oggi il cielo e la terra che sarete fatti completamente perire; 20proprio come le altre nazioni che il Signore fa perire dinanzi al vostro volto, così sarete fatti perire, perché non avete ascoltato la voce del Signore Dio vostro.

9 Ascolta, Israele: tu attraversi oggi il Giordano per entrare a ereditare nazioni grandi e molto più forti di voi, città grandi e cinte di mura fino al cielo, 2un popolo grande e numeroso e di alta statura, i figli di Enak, che tu conosci e di cui hai udito dire: Chi resisterà di fronte ai figli di Enak? 3E saprai oggi che il Signore Dio tuo, questi va avanti, dinanzi al tuo volto: è fuoco divorante; lui li sterminerà, e lui li allontanerà via dal tuo volto, e li farai perire, come ti ha detto il Signore. 4Quando il Signore Dio tuo avrà annientato queste nazioni, via dal tuo volto, non dire così nel tuo cuore: Per le mie giustizie mi ha condotto il Signore a ereditare questa buona terra; piuttosto, per l’empietà di queste nazioni, il Signore li sterminerà dinanzi al tuo volto. 5Non per la tua giustizia né per la santità del tuo cuore tu entri a ereditare la loro terra, ma per l’empietà di queste nazioni il Signore li sterminerà via dal tuo volto, e perché tu stabilisca la sua alleanza, che ha giurato ai vostri padri, ad Abramo e a Isacco e a Giacobbe. 6E saprai oggi che non per le tue giustizie il Signore Dio tuo ti dona questa buona terra da ereditare, poiché un popolo di dura cervice sei. 7Ricordati di non dimenticare come hai esasperato il Signore Dio tuo nel deserto; dal giorno in cui siete usciti dall’Egitto, finché siete arrivati in questo luogo, avete continuato a disobbedire nelle cose del Signore. 8E a Choriv avete esasperato il Signore, e si è adirato il Signore con voi al punto da volervi sterminare, 9quando io salivo sul monte per prendere le tavole di pietra, tavole dell’alleanza che ha stabilito il Signore con voi. E ho abitato sul monte quaranta giorni e quaranta notti; cibo non ho mangiato e acqua non ho bevuto. 10E mi ha dato il Signore le due tavole di pietra, scritte col dito di Dio, e su di esse erano state scritte tutte le parole che vi disse il Signore sul monte, nel giorno dell’assemblea; 11e avvenne, durante quaranta giorni e quaranta notti, che mi diede il Signore le due tavole di pietra, tavole dell’alleanza. 12E mi ha detto il Signore: Alzati, scendi in fretta da qui, poiché ha commesso iniquità il tuo popolo, quelli che hai fatto uscire dalla terra d’Egitto; hanno presto deviato dalla via, che avevo loro comandato: si sono fatti una figura di metallo fuso. 13E mi ha detto il Signore: Ti ho parlato più di una volta dicendo: Ho visto questo popolo, ed ecco, è un popolo duro di cervice; 14lasciami sterminarli, e cancellerò il loro nome da sotto il cielo e ti renderò un popolo grande e forte e molto più numeroso di loro. 15E mi sono volto, e sono sceso dal monte, e il monte ardeva di fuoco, e quelle due tavole nelle mie due mani. 16E vedendo che avevate peccato di fronte al Signore Dio vostro e che vi eravate fatti una figura di metallo fuso e avevate deviato dalla via che vi aveva comandato il Signore, 17afferrate quelle due tavole, le ho gettate via dalle mie due mani e le ho fatte a pezzi di fronte a voi. 18E ho fatto una supplica di fronte al Signore una seconda volta, come appunto la prima volta, per quaranta giorni e quaranta notti cibo non ho mangiato e acqua non ho bevuto, per tutti i vostri peccati che avete commesso facendo il male di fronte al Signore Dio vostro, al punto da esasperarlo. 19E spaventato sono per l’ira e il furore, poiché si è esasperato il Signore contro di voi al punto da volervi sterminare; ma mi ha esaudito il Signore anche quella volta. 20E contro Aronne si è adirato il Signore oltremodo, tanto da volerlo sterminare, e ho pregato anche per Aronne, quella volta. 21E il vostro peccato, quello che avete fatto, il vitello, l’ho preso e l’ho bruciato nel fuoco, e l’ho spezzato e sbriciolato completamente, finché non è divenuto minuscolo; ed è divenuto come polvere, e ho gettato la polvere nel torrente che scendeva dal monte. 22Anche a Incendio e a Tentazione e a Tomba-del-desiderio esasperanti eravate nei confronti del Signore Dio vostro. 23E quando vi ha mandato il Signore via da Kadis-Varni dicendo: Salite ed ereditate la terra che vi dono, allora avete disobbedito alla parola del Signore Dio vostro, e non gli avete prestato fede e non avete dato ascolto alla sua voce. 24Disobbedienti siete stati nelle cose del Signore dal giorno in cui si è fatto conoscere a voi. 25E feci una supplica di fronte al Signore per quaranta giorni e quaranta notti, quelle appunto in cui ho supplicato (aveva infatti detto, il Signore, di volervi sterminare) 26e ho pregato Dio e ho detto: Signore, Signore, re degli dèi, non sterminare il tuo popolo e la parte di te che hai liberato con la tua grande forza, quelli che hai fatto uscire dalla terra d’Egitto con la tua grande forza e con la tua mano potente e col tuo braccio levato; 27ricordati di Abramo e Isacco e Giacobbe, tuoi servitori, ai quali hai giurato su te stesso; non guardare alla durezza di questo popolo, né alle sue empietà, né ai suoi peccati, 28perché non parlino gli abitanti della terra, quella da cui ci hai fatto uscire, dicendo: Poiché non poteva il Signore condurli nella terra che aveva detto loro, e poiché li odiava, li ha fatti uscire, per ucciderli nel deserto. 29Ma essi sono il tuo popolo e la tua eredità, quelli che hai fatto uscire dalla terra d’Egitto con la tua grande forza ed il tuo braccio levato.

10 In quel tempo mi disse il Signore: Intagliati due tavole di pietra come le prime e sali da me sul monte; e ti farai un’arca di legno; 2e scriverò sulle tavole le parole che erano sulle prime tavole, che hai fatto a pezzi, e le metterai dentro all’arca. 3E ho fatto un’arca con legni immarcescibili, e ho intagliato le due tavole di pietra come le prime; e sono salito sul monte, e le due tavole nelle mie mani. 4E ha scritto sulle tavole, in conformità alla prima scrittura, le dieci parole che vi aveva detto il Signore sul monte, di mezzo al fuoco, e me le ha date il Signore. 5E voltomi indietro sono sceso dal monte e ho messo le tavole dentro all’arca, che avevo fatto, ed erano là, come mi aveva comandato il Signore. … 10E io mi sono fermato sul monte quaranta giorni e quaranta notti, e mi ha esaudito il Signore anche quella volta, e non ha voluto il Signore sterminarvi. 11E mi ha detto il Signore: Va’, leva le tende alla testa di questo popolo, ed entrino ed ereditino la terra che ho giurato ai loro padri di dare loro. 12E ora, Israele, cosa il Signore Dio tuo ti chiede se non di temere il Signore Dio, di camminare in tutte le sue vie e di amarlo e di adorare il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, 13di custodire i comandamenti del Signore Dio tuo e i suoi decreti, tutti quelli che io ti comando oggi, perché bene tu abbia? 14Ecco, al Signore Dio tuo appartiene il cielo, e il cielo del cielo, la terra e tutto quanto è in essa; 15nondimeno, i vostri padri ha prescelto il Signore per amarli, e ha eletto il loro seme dopo di voi su tutte le nazioni, in questo giorno. 16E circonciderete la vostra durezza di cuore e la vostra cervice non indurirete più. 171nfatti il Signore Dio vostro questi è Dio degli dèi e Signore dei signori, il Dio grande e forte e temibile, che non tiene conto della persona e non accetta dono, 18che esercita il giudizio nei confronti del forestiero e dell’orfano e della vedova, e ama il forestiero tanto da dargli pane e vestiario. 19E amerete il forestiero: forestieri infatti siete stati in terra d’Egitto. 20Il Signore Dio tuo temerai e lui adorerai e a lui starai attaccato e nel nome suo giurerai; 21lui è il tuo vanto e lui il Dio tuo, che ha compiuto in te queste grandi e gloriose cose che hanno visto i tuoi occhi. 22Con settanta anime sono scesi i tuoi padri in Egitto, ora invece ti ha reso il Signore Dio tuo come gli astri del cielo per moltitudine.

11E amerai il Signore Dio tuo e custodirai le sue osservanze e i suoi decreti e i suoi giudizi per sempre. 2E saprete oggi voi, non i vostri figli, che non conoscono e non hanno visto la disciplina del Signore Dio tuo e le sue grandiose azioni e la mano potente e il braccio levato 3e i suoi segni e i suoi prodigi, tutti quelli che ha fatto, in mezzo all’Egitto, a Faraone, re d’Egitto, e a tutta la sua terra 4e tutti quelli che ha fatto all’esercito degli Egiziani, ai loro carri e alla loro cavalleria, quando ha fatto straripare l’acqua del mar Rosso sulla loro faccia, mentre si lanciavano all’inseguimento dietro a voi, e li ha distrutti il Signore fino al giorno d’oggi. … 7I vostri occhi, infatti, hanno visto tutte le grandi imprese del Signore, tutte quelle che ha fatto per voi oggi. 8E custodirete tutti i suoi comandamenti, tutti quelli che io ti comando oggi, perché viviate e vi moltiplichiate ed entriate a ereditare la terra verso la quale, là, voi attraversate il Giordano per ereditarla, 9perché lunghi siano i vostri giorni sulla terra che ha giurato il Signore ai vostri padri di dare loro, e al loro seme dopo di loro, terra stillante latte e miele; 10avviene infatti che la terra, là dove entri per ereditarla, non è come la terra d’Egitto, da dove appunto siete usciti, quando seminano la semenza e irrigano coi piedi, come un orto d’erbaggi; 11la terra, là dove entri per ereditarla, è invece terra di monti e di pianure, dalla pioggia del cielo beve acqua, 12terra sulla quale il Signore Dio tuo tiene lo sguardo: sempre gli occhi del Signore Dio tuo su di essa, dall’inizio dell’anno fino alla fine dell’anno. 13Se ascoltate attentamente tutti i suoi comandamenti, quelli che io ti comando oggi, di amare il Signore Dio tuo e di adorarlo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, 14allora darà la pioggia alla tua terra in base alla stagione, precoce e tardiva, e raccoglierai il tuo grano e il tuo vino e il tuo olio; 15e darà foraggio nei tuoi campi per il tuo bestiame; e dopo averne mangiato ed esserti saziato, 16fa’ attenzione che non si gonfi il tuo cuore, e trasgrediate, e adoriate altri dèi e vi prostriate loro, 17e che, sdegnatosi, non si adiri il Signore contro di voi e serri il cielo, così che non vi sarà pioggia, e la terra non darà il suo frutto, e sarete fatti perire rapidamente, lontano dalla buona terra che vi ha dato il Signore. 18E porrete queste parole dentro al vostro cuore e dentro alla vostra anima; e le attaccherete come un simbolo alla vostra mano, e saranno fisse innanzi ai vostri occhi; 19e insegnerete ai vostri figli a dirle quando sono seduti in casa e camminano per via e si mettono a dormire e si alzano. 20E le scriverete sugli stipiti delle vostre case e delle vostre porte, 21perché numerosi siano i vostri giorni e i giorni dei vostri figli sulla terra che ha giurato il Signore ai vostri padri di dare loro, come i giorni del cielo sulla terra. 22E accadrà, se ascolterete attentamente tutti questi comandamenti, che io vi comando oggi di praticare, cioè di amare il Signore Dio nostro e di camminare in tutte le sue vie e di restare attaccati a lui, 23che scaccerà, il Signore, tutte queste nazioni lontano dal vostro volto, ed erediterete nazioni grandi e molto più forti di voi. 24Ogni luogo che calcherà la pianta del vostro piede, vostro sarà; dal deserto e dall’Antilibano e dal fiume grande, il fiume Eufrate, e fino al mare d’occidente saranno i tuoi confini. 25Non resisterà nessuno dinanzi al vostro volto; il tremore di voi e il timore di voi immetterà, il Signore Dio vostro, sulla faccia di tutta la terra, quella su cui andate, come vi ha detto il Signore. 26Ecco, io do innanzi a voi oggi benedizione e maledizione; 27la benedizione, se ascoltate i comandamenti del Signore Dio vostro, che io vi comando oggi, 28e le maledizioni, se non ascoltate i comandamenti del Signore Dio vostro, che io vi comando oggi, e vagate fuori dalla via che vi ho comandato, andando ad adorare altri dèi, che non conoscete. …

12E questi i precetti e i giudizi, che avrete cura di eseguire nella terra che il Signore Dio dei padri vostri vi dà in sorte, per tutti i giorni che voi vivete sulla terra. 2Distruggerete completamente tutti i luoghi, là dove servirono i loro dèi, che voi ereditate, sui monti eccelsi e sulle dune e sotto un albero frondoso; 3e abbatterete i loro altari, e frantumerete le loro colonne, e i loro boschi sacri taglierete, e le sculture dei loro dèi arderete col fuoco, e scomparirà il loro nome da quel luogo. 4Non agirete così verso il Signore Dio vostro. 5Ma nel luogo, che avrà scelto il Signore Dio vostro in una delle vostre tribù per nominare il suo nome, perché là sia invocato, là cercherete e là entrerete; 6e porterete là i vostri olocausti, e i vostri sacrifici, e le vostre primizie, e i vostri voti e levostre offerte volontarie e i primogeniti dei vostri buoi e delle vostre greggi. 7E mangerete là davanti al Signore Dio vostro, e vi rallegrerete di tutte le cose su cui porrete la mano voi e la vostra casa, secondo il modo in cui ti ha benedetto il Signore Dio tuo. 8Non farete tutto quanto noi facciamo qui oggi, ciascuno ciò che piace ai suoi occhi. 9Non siete infatti giunti fino a ora al riposo e all’eredità che il Signore Dio vostro vi dà. 10E attraverserete il Giordano e abiterete sulla terra che il Signore Dio vostro vi fa ereditare ed egli vi darà riposo da tutti i vostri nemici all’intorno, e abiterete con sicurezza. 11E ci sarà un luogo che avrà scelto il Signore Dio vostro, perché là sia invocato il suo nome: là porterete tutto quanto io vi comando oggi, i vostri olocausti e i vostri sacrifici e le vostre decime e le primizie delle vostre mani e i vostri doni e ogni cosa scelta tra i vostri doni, di cui facciate voto al Dio vostro. 12E vi rallegrerete davanti al Signore Dio vostro, voi e i vostri figli e le vostre figlie, i vostri servi e le vostre serve …  28Custodisci e ascolta ed eseguirai tutte le parole che io ti comando, perché bene tu abbia e i tuoi figli per sempre, se farai ciò che è bene e che piace al cospetto del Signore Dio tuo. 29Quando il Signore Dio tuo avrà distrutto lontano dal tuo volto le nazioni, quelle presso le quali tu entri per ricevere in eredità la loro terra, e le prenderai in eredità e dimorerai nella loro terra, 30fa’ attenzione di non cercare di seguirle, dopo che saranno state sterminate lontano dal tuo volto; bada di non cercare i loro dèi dicendo: Come fanno queste nazioni con i loro dèi, così farò anch’io. 31Non farai così per il Signore Dio tuo; facevano infatti per i loro dèi gli abominii che il Signore ha sempre odiato, perché essi bruciano col fuoco i propri figli e le proprie figlie per i loro dèi.

13Ogni parola che io ti comando oggi, custodirai di fare; non aggiungerai a essa né toglierai da essa. 2Se sorgerà in te un profeta o uno che sognerà un sogno e ti darà un segno o un prodigio 3e si realizzerà il segno o il prodigio di cui ti ha parlato, dicendo: Andiamo e rendiamo culto ad altri dèi, che non conoscete, non ascolterete le parole di quel profeta o di chi avrà sognato quel sogno, perché il Signore Dio vostro tenta, per vedere se amate il Signore Dio vostro con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima. 8Dietro al Signore Dio vostro andate e lo temerete e i suoi comandamenti custodirete e la sua voce ascolterete e a lui starete appresso. …

14Figli siete del Signore Dio vostro; non farete lustrazioni, non farete tatuaggi in mezzo ai vostri occhi per un morto, 2perché popolo santo sei per il Signore Dio tuo, e te ha scelto il Signore Dio tuo perché tu diventassi per lui popolo peculiare tra tutte le nazioni che sono sulla faccia della terra. …

15Ogni sette anni farai una remissione. 2E così è il precetto della remissione: rimetterai ogni debito privato, di cui ti è debitore il vicino, e a tuo fratello non lo reclamerai, perché è stata proclamata una remissione per il Signore Dio tuo, … 6perché il Signore Dio tuo ti ha benedetto, e presterai a molte nazioni: tu invece non prenderai in prestito; tu dominerai su molte nazioni e te invece non domineranno. 7Se ci sarà in te un indigente, tra i tuoi fratelli, in una delle tue città, nella terra che il Signore Dio tuo ti dà, non vuoterai d’amore il tuo cuore né chiuderai la tua mano via da tuo fratello indigente: 8aprirai completamente le tue mani a lui, un prestito gli presterai secondo quanto ha bisogno, per quanto tempo avrà bisogno. …

16Osserva il mese delle nuove messi e farai la pasqua per il Signore Dio tuo, perché nel mese delle nuove messi sei uscito dall’Egitto di notte. 2E sacrificherai la pasqua al Signore Dio tuo, pecore e buoi, nel luogo che avrà scelto il Signore Dio tuo perché sia invocato il suo nome là. 3Non mangerai con quella lievito; per sette giorni con quella mangerai azzimi: pane di maltrattamento, perché in fretta siete usciti dall’Egitto, perché vi ricordiate del giorno della vostra uscita dalla terra d’Egitto per tutti i giorni della vostra vita. … 9Sette settimane intere conterai per te; quando tu comincerai a mettere la falce sul campo da mietere, comincerai a contare sette settimane. 10E farai una festa delle settimane per il Signore Dio tuo, secondo come la tua mano ha forza, in base a tutto quanto ti avrà dato, secondo come ti ha benedetto il Signore Dio tuo. … 13Una festa delle tende farai per te, per sette giorni, nel tempo in cui tu radunerai i prodotti dalla tua aia e dal tuo torchio; 14e ti rallegrerai nella tua festa, tu e tuo figlio e tua figlia e il tuo servo e la tua serva e il levita e il forestiero e l’orfano e la vedova che è nelle tue città. … 18Giudici e maestri-scribi stabilirai per te in tutte le tue città, che il Signore Dio tuo ti dà, secondo le tribù, e giudicheranno il popolo secondo un giudizio giusto. 19Non devieranno il giudizio, non faranno eccezione di persona, né accetteranno dono: i doni, infatti, accecano gli occhi dei saggi e corrompono le parole dei giusti. 20Con giustizia ciò che è giusto perseguirai, perché viviate e, dopo esservi giunti, ereditiate la terra che il Signore Dio tuo ti dà. 21Non pianterai per te un bosco sacro, nessun albero, presso l’altare del Signore Dio tuo, che costruirai per te. 22Non porrai per te una stele, cosa che odia il Signore Dio tuo.

17 … 14Quando sarai giunto nella terra che il Signore Dio tuo ti dà in sorte e l’avrai ereditata e dimorerai in essa e dirai: Costituirò su di me un capo, come anche le altre nazioni che mi circondano, 15dovrai costituire su di te un capo, che avrà scelto il Signore Dio tuo. Tra i tuoi fratelli costituirai su di te un capo; non potrai costituire su di te uno straniero, perché non è tuo fratello. 16Perciò non aumenterà per sé la cavalleria, né farà tornare il popolo in Egitto per aumentare per sé la cavalleria; al contrario il Signore ha detto: Non ritornerete di nuovo per questa via. 17E non accrescerà per se stesso il numero delle donne e non muterà il suo cuore; e argento e oro non accrescerà per sé oltremodo. 18E avverrà, quando siederà sul suo potere, che scriverà per se stesso questa copia della legge, su un libro, presso i sacerdoti, i leviti, 19e sarà con lui, e lo leggerà per tutti i giorni della sua vita, perché impari a temere il Signore Dio suo, per custodire tutti questi comandamenti e praticare tutti questi decreti, 20perché non si levi il suo cuore lontano dai suoi fratelli, perché non devii dai comandamenti a destra o a sinistra, affinché abbia lunghi giorni nel suo potere, egli stesso e i suoi figli tra i figli di Israele.

18Non ci sarà per i sacerdoti, i leviti, l’intera tribù di Levi, porzione né sorte con Israele; le offerte del Signore saranno la loro sorte, mangeranno queste. 2Sorte non ci sarà per loro tra i loro fratelli; il Signore stesso sarà sua sorte, come gli ha detto. … 9Qualora tu sia giunto nella terra che il Signore Dio tuo ti dà, non imparerai a comportarti secondo gli abominii di quelle nazioni. 10Non sarà trovato in te uomo che purifichi suo figlio o sua figlia col fuoco, che pratichi la divinazione, che prenda dei presagi e degli augurii, un mago, 11uno che canti incantesimi, un vaticinante ventriloquo e un osservatore di prodigi, uno che interroghi i morti. 12E’ infatti abominio per il Signore Dio tuo chiunque fa queste cose; per questi abominii, infatti, il Signore li distruggerà lontano da te. 13Perfetto sarai al cospetto del Signore Dio tuo. 14Queste nazioni, infatti, coloro che tu ricevi in eredità, costoro presagi e divinazioni ascolteranno, ma a te non ha concesso di agire così il Signore Dio tuo. 15Un profeta tra i tuoi fratelli, come me, farà sorgere per te il Signore Dio tuo: costui ascolterete 16riguardo a tutto quello che hai chiesto al Signore Dio tuo a Choriv nel giorno dell’assemblea, quando avete detto: Non continueremo ad ascoltare la voce del Signore Dio nostro e questo grande fuoco non vedremo più né vogliamo morire; 17e mi disse il Signore: Bene tutto quello che hanno detto; 18un profeta farò sorgere per loro dai loro fratelli come te e porrò la mia parola nella sua bocca e parlerà loro come gli comanderò. …

30E avverrà, quando siano giunte su di te tutte queste parole, la benedizione e la maledizione che ho posto di fronte al tuo volto, e le avrai ricevute nel tuo cuore tra tutte le nazioni, là dove ti avrà sparpagliato il Signore, 2e sarai ritornato al Signore Dio tuo e avrai ascoltato la sua voce riguardo a tutto quanto io ti comando oggi, con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, 3che guarirà il Signore i tuoi peccati e avrà misericordia di te e di nuovo ti radunerà da tutte le nazioni, nazioni tra le quali ti ha sparpagliato il Signore. 4Qualora la tua dispersione sia da una estremità del cielo all'altra estremità del cielo, da là ti radunerà il Signore Dio tuo e da là ti prenderà il Signore Dio tuo; 5e ti farà entrare il Signore Dio tuo nella terra che hanno ricevuto in eredità i tuoi padri e la erediterai; e del bene ti farà e più numeroso ti renderà rispetto ai tuoi padri. 6E il Signore purificherà il tuo cuore e il cuore del tuo seme, per amare il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, perché tu viva. 7E porrà il Signore Dio tuo queste maledizioni contro i tuoi nemici e contro coloro che ti odiano, che ti hanno perseguitato. 8E tu ritornerai e ascolterai la voce del Signore Dio tuo e praticherai i suoi comandamenti, tutti quelli che io ti comando oggi, 9e il Signore Dio tuo avrà cura di te in ogni opera delle tue mani, nella prole del tuo ventre e nei prodotti della tua terra e nella prole del tuo bestiame; perché tornerà il Signore Dio tuo a rallegrarsi su di te per i beni, come si è rallegrato sui tuoi padri, 10se ascolterai la voce del Signore Dio tuo per custodire e praticare tutti i suoi comandamenti e i suoi decreti e i suoi giudizi, scritti nel libro di questa legge, se ritorni verso il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima. 11Perché questo comandamento che io ti comando oggi non è troppo pesante né troppo distante da te. 12Non è nel cielo, in alto, perché uno dica: Chi salirà per noi al cielo e lo prenderà per noi? Dopo averlo ascoltato lo praticheremo. 13E non è al di là del mare perché uno dica: Chi passerà per noi al di là del mare e lo prenderà per noi? E ce lo farà udire e lo praticheremo. 14E’ davvero vicino a te la parola, nella tua bocca e nel tuo cuore e nelle tue mani perché la pratichi. 15Ecco, ho posto dinanzi al tuo volto oggi la vita e la morte, il bene e il male. 16Se ascolterai i comandamenti del Signore Dio tuo, che io ti comando oggi, di amare il Signore Dio tuo, di camminare in tutte le sue vie, di custodire i suoi decreti e i suoi giudizi, allora vivrete e molti sarete, e ti benedirà il Signore Dio tuo in tutta la terra, terra nella quale entri per ereditarla. 17Ma se cambia il tuo cuore e non ascolterai e avendo deviato ti prostrerai ad altri dèi e li adorerai, 18ti annuncio oggi che sarete distrutti completamente e che non avrete lunghi giorni sulla terra che il Signore Dio tuo ti dà, verso la quale voi attraversate il Giordano, per prenderla là in eredità. 19Prendo a testimoni davanti a voi oggi il cielo e la terra: la vita e la morte ho posto dinanzi al vostro volto, la benedizione e la maledizione; scegli la vita perché viva tu e il tuo seme, 20amando il Signore Dio tuo, ascoltando la sua voce, tenendoti stretto a lui; perché ciò è la tua vita e la lunghezza dei tuoi giorni, perché tu possa dimorare sulla terra che ha giurato il Signore ai tuoi padri, Abramo e Isacco e Giacobbe, di darla a loro”.

31E terminò Mosè di dire tutte queste parole a tutti i figli di Israele; 2e disse loro: “Centoventi anni io ho oggi, non sarò più in grado di entrare o di uscire, e il Signore mi ha detto: Non attraverserai questo Giordano. 3Il Signore Dio tuo, colui che procede dinanzi al tuo volto, lui annienterà queste nazioni via dal tuo volto e le erediterai; e Iisù sarà colui che procede dinanzi al tuo volto, come ha detto il Signore. 4E agirà il Signore nei loro confronti come ha agito nei confronti di Sion e Og, i due re degli amorrei, che erano al di là del Giordano, e della loro terra, come li ha distrutti. 5E il Signore li ha consegnati a voi e agirete nei loro confronti come vi ho comandato. 6Sii coraggioso e forte, non temere, non essere vile né atterrito davanti al loro volto, perché il Signore Dio tuo, che procede insieme a voi, tra voi, certamente non ti lascerà né ti abbandonerà”. 7E Mosè convocò Iisù e gli disse di fronte a tutto Israele: “Sii coraggioso e forte: tu, infatti, entrerai, dinanzi al volto di questo popolo, nella terra che ha giurato il Signore ai nostri padri di dare loro, e tu la distribuirai loro in eredità; 8e il Signore, che procede insieme con te, non ti lascerà né ti abbandonerà; non temere e non essere vile”. 9E scrisse Mosè le parole di questa legge in un libro e lo diede ai sacerdoti, i figli di Levi che portano l’arca dell’alleanza del Signore, e agli anziani tra i figli di Israele. 10E Mosè comandò loro, in quel giorno, dicendo: “Dopo sette anni, in occasione dell’anno di remissione, nella festa dell’impianto delle tende, 11quando si riunirà tutto Israele, perché sia visto al cospetto del Signore Dio tuo, nel luogo che avrà scelto il Signore, leggerete questa legge di fronte a tutto Israele, alle loro orecchie, 12dopo aver radunato il popolo, gli uomini e le donne e i figli e il forestiero che si trova nelle vostre città, perché ascoltino e perché imparino a temere il Signore Dio vostro, e ascolteranno per praticare tutte le parole di questa legge. 13E i loro figli, che non sanno, ascolteranno e impareranno a temere il Signore Dio vostro per tutti i giorni che essi vivranno sulla terra, terra verso la quale voi attraversate il Giordano per riceverla in eredità”. 14E disse il Signore a Mosè: “Ecco, sono vicini i giorni della tua morte; chiama Iisù e state presso le porte della tenda della testimonianza e gli darò un comando”. E andarono, Mosè e Iisù, alla tenda della testimonianza e stettero presso le porte della tenda della testimonianza. 15E discese il Signore in una nube e stette presso le porte della tenda della testimonianza e si fermò la colonna della nube presso le porte della tenda. 16E disse il Signore a Mosè: “Ecco, tu vai a dormire con i tuoi padri e si leverà questo popolo e si prostituirà dietro a dèi stranieri, della terra nella quale esso entra, e mi abbandoneranno e infrangeranno la mia alleanza, che ho stabilito con loro. 17E mi adirerò con furore contro di loro in quel giorno e li abbandonerò e volgerò via il mio volto da loro e sarà divoramento; e lo troveranno molti mali e tribolazioni e dirà in quel giorno: Poiché non è il Signore Dio mio con me, mi hanno trovato questi mali. 18Ma io volgerò via completamente il mio volto da loro in quel giorno, a causa di tutte le malvagità che hanno commesso, perché si sono volti a dèi stranieri. 19E ora scrivete le parole di questo canto e insegnatelo ai figli di Israele e mettetelo dentro alle loro bocche, affinché sia per me, questo canto, come testimonianza contro i figli di Israele. 20Condurrò infatti loro nella terra buona, che ho giurato ai loro padri di dare loro, una terra stillante latte e miele, e mangeranno e, riempitisi, saranno sazi; e si volgeranno verso dèi stranieri e li adoreranno e mi esaspereranno e infrangeranno la mia alleanza. 21E sarà posto, questo canto, contro il loro volto, per testimoniare; non sarà infatti dimenticato dalla loro bocca e dalla bocca del loro seme; io, infatti, conosco la loro malvagità, tutto quanto fanno qui oggi, prima che io li conduca nella terra buona, che ho giurato ai loro padri”. 22E scrisse Mosè questo canto in quel giorno e lo insegnò ai figli di Israele. 23E comandò Mosè a Iisù e gli disse: “Sii coraggioso e forte: tu, infatti,condurrai i figli di Israele nella terra che ha giurato il Signore a loro e lui stesso sarà con te”. 24Quando terminò Mosè di scrivere tutte le parole di questa legge nel libro, fino alla fine, 25diede ordine ai leviti, che portavano l’arca dell’alleanza del Signore, dicendo: 26“Prendete il libro di questa legge e ponetelo di fianco all’arca dell’alleanza del Signore Dio vostro e sarà, contro di te, a testimonianza. 27Perché io conosco bene la tua irritazione e la tua dura cervice; se, infatti, mentre ancora vivo insieme a voi, oggi, siete ribelli in ciò che riguarda Dio, come non lo sarete anche dopo la mia morte? 28Radunate presso di me i vostri capi tribù e i vostri anziani e i vostri giudici e i vostri maestri-scribi, perché dica alle loro orecchie tutte queste parole e prenda a testimoni contro di loro il cielo e la terra; 29so, infatti, che dopo la mia morte agirete in modo totalmente iniquo e devierete dalla via che vi ho comandato e s’imbatterà in voi il male, alla fine dei giorni, perché farete il male al cospetto del Signore, così da farlo adirare con le opere delle vostre mani”. 30E disse Mosè alle orecchie di tutta l’assemblea di Israele le parole di questo canto fino alla fine:

32“Fa’ attenzione, cielo, e parlerò, e ascolti la terra le parole dalla mia bocca. 2Sia atteso come pioggia il mio proclama e scendano come rugiada le mie parole, come pioggia sulla gramigna e come acquazzone sull’erba. 3Perché il nome del Signore ho invocato; date magnificenza al nostro Dio. 4Dio, veridiche le sue opere e tutte le sue vie giudizi; Dio fedele, e non c’è ingiustizia, giusto e santo il Signore. 5Hanno peccato, non sono per lui figli, sono riprovevoli; generazione sleale e perversa. 6Tali cose al Signore ricambiate così, popolo stolto e non saggio? Non è proprio lui, tuo padre, che ti ha acquistato e che ti ha fatto e ti ha creato? 7Ricordatevi dei giorni di un tempo, comprendete gli anni di generazione in generazione; interroga tuo padre e ti annuncerà, i tuoi anziani e ti risponderanno. 8Quando l’Eccelso spartiva le nazioni, come disperdendo i figli di Adamo, ha posto i confini delle nazioni secondo il numero degli angeli di Dio, 9e fu parte del Signore il suo popolo, Giacobbe, porzione della sua eredità Israele. 10Lo ha reso sufficiente a se stesso nel deserto, nella sete bruciante, nel secco; lo ha circondato e lo ha allevato e lo ha custodito come pupilla dell’occhio, 11come l’aquila protegge la sua nidiata e per i suoi piccoli si strugge, distendendo le proprie ali li accoglie e li prende sul suo dorso. 12Il Signore solo li ha condotti e non c’era con loro un dio straniero. 13Li ha fatti salire sulla forza della terra, li ha nutriti coi prodotti dei campi; hanno succhiato miele dalla pietra e olio dalla dura pietra, 14burro di vacche e latte di pecore con grasso di agnelli e di arieti, dei nati dei tori e dei capri, con grasso dei rognoni del frumento, e sangue di grappolo ha bevuto come vino. 15E ha mangiato, Giacobbe, e si è riempito e ha recalcitrato, il diletto; si è ingrassato, si è accresciuto, si è gonfiato; e ha abbandonato Dio, che lo ha fatto e si è allontanato da Dio suo salvatore. 16Mi hanno esasperato con dèi stranieri, con le loro abominazioni mi hanno reso amareggiato; 17hanno fatto sacrifici a divinità, ma non a Dio; a dèi che non conoscevano; sono arrivati dèi nuovi, recenti, che i loro padri non conoscevano. 18Il Dio che ti ha generato lo hai abbandonato e ti sei dimenticato del Dio che ti ha nutrito. 19E ha visto, il Signore, e ha provato gelosia e si è esasperato d’ira contro i suoi figli e le sue figlie, 20e ha detto: Volgerò via il mio volto da loro e mostrerò cosa accadrà loro negli ultimi giorni; perché è una generazione pervertita, figli nei quali non c’è fede. 21Essi mi hanno ingelosito con ciò che non è Dio, mi hanno irritato con i loro idoli; e io li renderò gelosi con ciò che non è nazione, con una nazione che non capisce li irriterò. 22Perché un fuoco si è acceso dal mio furore, brucerà fino all’Ade, in basso, divorerà la terra e i suoi prodotti, incendierà le fondamenta dei monti. 23Raccoglierò contro di loro i mali e i miei dardi esaurirò contro di loro. 24Consumàti dalla fame e dal pasto degli uccelli! E convulsione irrimediabile! I denti delle fiere li invierò contro di loro con la furia degli esseri che strisciano sulla terra. 25Dall’esterno li renderà privi di figli la spada, e dalle stanze da letto li allontanerà la paura. Il giovane come la vergine, il lattante come il vecchio posato! 26Ho detto: Li disperderò, farò cessare dagli uomini il ricordo di loro, 27se non per la mia ira contro i nemici; perché non vivano a lungo e perché non si coalizzino gli avversari, e non dicano: La nostra mano eccelsa e non il Signore ha fatto tutto questo. 28Perché è una nazione che ha distrutto la volontà e non c’è in loro scienza. 29Non hanno avuto senno per comprendere ciò, lo ammettano per il tempo a venire! 30Come uno solo inseguirà le migliaia e due allontaneranno le miriadi, se Dio non le ha concesse e il Signore non le ha consegnate? 31Perché non sono come il nostro Dio i loro dèi e i nostri nemici sono insensati. 32Dalla vigna di Sodoma, infatti, la loro vigna, e il loro sarmento da Gomorra; il loro grappolo è grappolo di bile, uva di amarezza per loro; 33collera di serpenti il loro vino e collera di aspidi irrimediabile. 34Ecco, non si raccolgono tali cose presso di me e non sono sigillate tra i miei tesori? 35Nel giorno della vendetta li ricompenserò, nel momento in cui inciamperà il loro piede; perché è vicino il giorno della loro distruzione, ed è presente quanto è preparato per voi. 36Perché giudicherà il Signore il suo popolo e sui suoi servi si placherà; li ha visti infatti dissolti e abbandonati nella sventura e spossati. 37E ha detto il Signore: Dove sono i loro dèi, quelli in cui avevano posto la loro fiducia? 38Il grasso delle loro offerte mangiavate e bevevate il vino delle loro libagioni. Si levino e vengano in vostro aiuto e siano per voi protettori! 39Vedete, vedete che io sono e non c’è Dio oltre a me; io ucciderò e farò vivere, colpirò e io guarirò e non c’è chi libererà dalle mie mani. 40Perché leverò verso il cielo la mia mano e giurerò per la mia destra e dirò: Vivo, io, per sempre, 41perché affilerò come un lampo la mia spada e terrà saldo il giudizio la mia mano e ricambierò giustizia ai nemici e a coloro che mi odiano ricambierò; 42inebrierò i miei dardi di sangue (e la mia spada divorerà carne), di sangue dei feriti e della prigionia, della testa dei capi dei nemici. 43Rallegratevi, cieli, con lui, e si prostrino a lui tutti i figli di Dio; rallegratevi, nazioni, con il suo popolo e lo rafforzino tutti gli angeli di Dio, perché il sangue dei suoi figli è vendicato e vendicherà e ricambierà giustizia ai nemici e a coloro che lo odiano ricambierà e purificherà il Signore la terra del suo popolo”. 44E scrisse Mosè questo canto in quel giorno, e lo insegnò ai figli di Israele. E venne Mosè, e pronunciò tutte le parole di questa legge alle orecchie del popolo, egli e Iisù figlio di Navì. 45E terminò Mosè di parlare a tutto Israele 46e disse loro: “Fate attenzione col cuore a tutte queste parole che io vi testimonio oggi; comanderete ai vostri figli di custodire e praticare tutte le parole di questa legge; 47perché non è una parola vuota questa per voi, poiché questa è la vostra vita e grazie a questa parola vivrete a lungo sulla terra, terra verso la quale voi attraversate il Giordano per ereditarla”. 48E parlò il Signore a Mosè in quel giorno, dicendo: 49“Sali sul monte Avarin, questo qui, il monte Navav, che è in terra di Moav, di fronte a Iericho e guarda la terra di Chanaan, che io do ai figli di Israele in possesso, 50e muori sul monte sul quale sali e sii aggiunto al tuo popolo, come morì Aronne tuo fratello, sul monte Or, e si è unito al suo popolo, 51poiché avete disobbedito alla mia parola tra i figli di Israele, a proposito dell’Acqua della disputa, a Kadis, nel deserto di Sin, dal momento che non mi avete santificato tra i figli di Israele; 52perché di fronte vedrai la terra, ma là non entrerai”.

33Ed ecco la benedizione con cui Mosè, uomo di Dio, prima della sua fine benedì i figli di Israele, 2e disse: “Il Signore da Sina è venuto e da Siir si è manifestato a noi, e si è affrettato dal monte Faran con le miriadi di Kadis. Alla sua destra angeli con lui, 3e ha risparmiato il suo popolo e tutti i santificati sotto le tue mani; e questi sono sotto di te, e ha ricevuto dalle sue parole 4la legge che ci ha comandato Mosè, eredità per le assemblee di Giacobbe. 5E sarà, nel diletto, un capo; dopo che si saranno radunati i capi dei popoli con le tribù di Israele. 6Viva Ruvin e non muoia, e sia abbondante nel numero!” 7E questa per Giuda: Ascolta, Signore, la voce di Giuda e al suo popolo possano venire; le sue mani decideranno per lui e soccorritore dai suoi nemici sarai”. 8E a Levi disse: “Date a Levi le sue chiarezze e la sua verità all’uomo santo che hanno tentato a Tentazione, lo hanno ingiuriato presso Acqua-della-disputa; 9colui che dice al padre e alla madre: Non ti ho visto, e i suoi fratelli non li ha riconosciuti, e i suoi figli li ha rifiutati; ha custodito i tuoi oracoli e la tua alleanza ha osservato. 10Dichiareranno i tuoi decreti a Giacobbe e la tua legge a Israele, collocheranno incenso nel tempo della tua ira, continuamente sul tuo altare. 11Benedici, Signore, la sua forza e le opere delle sue mani accetta; spezza i lombi dei nemici che si sono alzati contro di lui, e coloro che lo odiano non si innalzino”. 12E a Beniamino disse: “Diletto dal Signore dimorerà fiducioso e Dio fa ombra su di lui per tutti i giorni, e in mezzo alle sue spalle si è riposato”. 13E a Giuseppe disse: “Benedetta dal Signore la sua terra dai frutti del cielo e della rugiada e dagli abissi delle fonti, in basso, 14e dai prodotti migliori del ciclo solare e dalle congiunzioni dei mesi, 15e dalla cima di antiche montagne e dalla cima di colline eterne, 16e dai prodotti migliori della pienezza della terra. E quanto è gradito a colui che si fece vedere nel roveto: venga sulla testa di Giuseppe, e sulla sommità di colui che è stato glorificato tra i fratelli. 17Primogenito del toro, la sua bellezza, corna dell’unicorno le sue corna; con esse le nazioni incornerà, tutte insieme, fino all’estremità della terra; queste le miriadi di Efrem e queste le migliaia di Manassi”. 18E a Zavulon disse: “Rallegrati, Zavulon nel tuo uscire, e Issachar nei tuoi accampamenti. 19Nazioni stermineranno, e convocherete là e farete un sacrificio di giustizia, perché la ricchezza del mare ti allatterà e le merci di coloro che abitano la costa”. 20E a Gad disse: “Benedetto colui che estende Gad; come leone si è riposato, dopo avere spezzato un braccio e un capo. 21E ha visto le sue primizie, perché là è stata spartita la terra dei capi riuniti con le guide dei popoli; giustizia il Signore ha fatto e il suo giudizio con Israele”. 22E a Dan disse: “Dan, cucciolo di leone, e balzerà fuori da Vasan”. 23E a Nefthali disse: “Nefthali, abbondanza di beni graditi, e sia colmato di benedizione da parte del Signore; mare e meridione erediterà”. 24E ad Asir disse: “Benedetto tu tra i figli, Asir, e sarà gradito ai suoi fratelli. Immergerà nell’olio il suo piede; 25ferro e bronzo il suo calzare sarà e come i tuoi giorni la tua forza. 26Non esiste uno come il dio del diletto; colui che cavalca sul cielo, tuo aiuto, e il magnifico del firmamento 27e protezione del dio del principio e sotto la forza di braccia eterne e scaccerà lontano dal tuo volto il nemico, dicendo: Perisca! 28E dimorerà Israele fiducioso, solo, sulla terra di Giacobbe, su grano e vino, e il cielo per lui sarà coperto di nubi rugiadose. 29Felice tu, Israele: chi è simile a te, popolo salvato dal Signore? Ti riparerà con lo scudo colui che è il tuo aiuto e la spada il tuo vanto; e ti inganneranno i tuoi nemici, ma tu sul loro collo cavalcherai”.

34 … 4E disse il Signore a Mosè: “Questa è la terra che ho giurato ad Abramo e Isacco e Giacobbe, dicendo: Al vostro seme la darò. E l’ho mostrata ai tuoi occhi, ma là non entrerai”. 5E morì Mosè, servo del Signore, in terra di Moav, secondo la parola del Signore. 6E lo seppellirono a Gai, in terra di Moav, vicino alla casa di Fogor; e nessuno conosce la sua sepoltura fino a quest’oggi. 7Mosè poi aveva centoventi anni al momento della sua morte; non si erano offuscati i suoi occhi, né si erano rovinate le sue mascelle. 8E i figli di Israele piansero Mosè in Aravoth di Moav, sul Giordano, presso Iericho, per trenta giorni; e si conclusero i giorni del dolore del pianto per Mosè. 9E Iisù, figlio di Navì, fu ripieno di spirito di intelligenza: Mosè aveva infatti posto le sue mani su di lui; e gli diedero ascolto i figli di Israele e fecero come aveva comandato il Signore a Mosè. 10E non è più sorto un profeta in Israele come Mosè, lui che il Signore ha conosciuto faccia a faccia, 11con tutti i segni e prodigi che il Signore lo aveva inviato a compiere in terra d’Egitto a Faraone e ai suoi servi e a tutta la sua terra, 12le grandi meraviglie e la mano potente, che fece Mosè di fronte a tutto Israele.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 21-05-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlfHnSAG on line 37

i santi di domani 22-05-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlfHnSAG on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP