Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




L’unità in Dio proviene dalla sua unica natura alla quale appartengono le tre divine Persone (ipostasi)

 

di San Gregorio il Teologo (di Nazianzo)




 

L’unità in Dio proviene dalla sua unica natura alla quale appartengono le tre divine Persone (ipostasi)

“Per noi uno solo è Dio, il Padre, da cui sono tutte le cose, e uno solo è il Signore Gesù Cristo, per mezzo del quale sono tutte le cose”, e uno solo lo Spirito Santo, nel quale sono tutte le cose. Le espressioni “dal quale”, “per mezzo del quale” e “nel quale” non indicano una divisione delle nature – altrimenti non potrebbero mai cambiare le preposizioni né l’ordine delle parole –, ma caratterizzano le peculiarità di una sola natura non confusa. E questo risulta chiaro da quelle preposizioni che si riferiscono, al contrario, a un solo oggetto, se si legge con attenzione il testo dello stesso Apostolo, quando afferma: “Da Lui e per mezzo di Lui e a Lui sono tutte le cose: a Lui la gloria nei secoli, amen”. Il Padre è padre, e senza inizio: infatti, non proviene da alcuno. Il Figlio è figlio, e non privo di inizio: infatti, proviene dal Padre. Se, però, tu intendi l’origine come temporale, allora Egli è privo di inizio, perché è Lui che ha creato il tempo e non è sottomesso al tempo. Lo Spirito è veramente Spirito Santo, che procede dal Padre, ma non come il Figlio: infatti, non proviene per generazione, ma per processione, se mi è consentito introdurre termini nuovi per esigenza di chiarezza. Il Padre non cessa di essere non generato, per il fatto che ha generato, né il Figlio cessa di essere generato, perché proviene da un Essere non generato – come lo potrebbe, infatti? –, e lo Spirito non si trasforma nel Padre o nel Figlio, solo per il fatto che procede dal Padre e che è Dio, anche se questi empi non lo accettano: infatti, la peculiarità è immobile. Come potrebbe rimanere peculiarità se si muovesse e si trasformasse? Quelli, poi, che considerano la condizione di non generato e di generato come delle nature di dèi che hanno lo stesso nome, forse renderanno estranei l’uno all’altro, in base alla loro natura, anche Adamo da Seth, perché il primo non è nato dalla carne, ma è plasmato da Dio, il secondo è nato da Adamo e da Eva!

Uno solo, allora, è Dio in tre Esseri, e i tre Esseri sono uno solo, come abbiamo detto.

(Orazione 39, 12)

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 11-08-2020

San Euplo, il diacono, grande martire; Santi Neofito, Zeno, Gaio, Marco, Macario e Gaiano, martiri; San Passarione di Palestina; San Nifon, patriarca di Costantinopoli; L'Icona di Cristo "non fatta da mani d'uomo"; Santi Anastasio e Demetrio di Lesbo, neomartiri; il miracolo di San Spiridione quando salvò l’isola di Corfù dai Turchi nel 1716.

i santi di domani 12-08-2020

Santi Fozio e Aniceto, martiri; San Palamone; San Alessandro, vescovo di Comana, ieromartire; I Santi dodici soldati di Creta, martiri; San Castore; San Eglon.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP