Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




In occasione della consegna delle reliquie di sant’Atanasio Patriarca di Costantinopoli e Confessore

data: 25-04-2009 - Omelia di Sua Em.nza il Metropolita

Venezia – Basilica di san Marco




E’ per me un sommo onore, un privilegio spirituale nonché motivo di gioia indicibile e profonda commozione, in questo santissimo giorno trovarmi in questa meravigliosa Βasilica di San Marco, in occasione delle solenni celebrazioni della festa a Venezia del Santo Evangelista, per ricevere le reliquie miracolose del Santo Patriarca e Confessore Atanasio, predecessore di Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo nella Sede di Costantinopoli.
Colmo, dunque, di esultanza e commozione, Eminentissimo e Reverendissimo Signor Cardinale e Patriarca di Venezia, trasmetto il fraterno saluto unitamente ai più fervidi ringraziamenti di Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo ad Ella, al clero, alle autorità civili e militari, nonché al popolo di Dio, che è in Venezia, dal momento che tale atto fraterno, basato sui principi del “Dialogo della carità”, fondato da Sua Santità Papa Paolo VI e Sua Santità il Patriarca Ecumenico Atenagora, entrambi di felice memoria, rafforza ancor più il “Dialogo teologico” e rende manifesta al popolo cristiano questa grande eredità spirituale nei confronti della Chiesa sorella di Costantipoli, Primaziale in Oriente, come un fulgido contributo al concreto percorso verso l’unità, secondo la volontà di Dio, “affinché essi siano una cosa sola”.
La Chiesa di Venezia mostra, con questo prezioso dono, i sentimenti di amore, di unità, di speranza che nutre nei confronti di Sua Santità il Patriarca Ecumenico, Vertice dell’Ortodossia, il quale, come anche il suo fratello nello spirito, Sua Santità il Papa di Roma Benedetto XVI, ha ereditato il compito teologico e spirituale di proseguire il “Dialogo teologico”, ma anche di rafforzare il “Dialogo della carità”, fondamento, centro e base della purezza della fede e del perfezionamento del popolo di Dio, che, grazie anche a questo atto, diviene fervido seguace e fedele discepolo della Volontà del Signore.
In conclusione di questo mio intervento, desidero umilmente dopo aver rivolto a Vostra Eminenza Reverendissima, Signor Cardinale e Patriarca di Venezia, due ringraziamenti, uno in lingua greca,”ευχαριστω”, per aver custodito per tanti secoli queste reliquie ed un altro per la loro fraterna restituzione al Patriarcato di Costantinopoli, rinnovare il saluto pasquale della nostra Chiesa Ortodossa: Χριστος ανεστη! Cristo è risorto! Αληθως ανεστη! E’ veramente risorto!    


 

Il Metropolita Gennadios
Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 19-04-2019

San Pafnuzio di Gerusalemme, neomartire; Santi Teodoro di Perga, Filippa, Socrate e Dionisio, martiri; San Giorgio, vescovo di Antiochia; San Trifon, patriarca di Costantinopoli; San Simeone di Filoteou; San Agatangelo di Esfigmenou, neomartire.

i santi di domani 20-04-2019

Sabato di Lazzaro; San Teodoro Trichinas; Santi Vittore, Zotico, Zeno e compagni, martiri; San Zaccheo, apostolo; San Anastasio I, patriarca di Antiochia; San Anastasio II, patriarca di Antiochia, ieromartire; San Teotimo, vescovo di Tomis; San Giovanni Paleolavrita; Santi Atanasio e Giosaf delle Meteore.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP