Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Natale: inizia il tempo di preparazione a celebrare la Pasqua

 

di san Leone Magno




 

Inizia il tempo di preparazione a celebrare la Pasqua

di san Leone Magno

 

          Carissimi, fra tutti i giorni che la devozione cristiana celebra con onore in molti modi, nessuno è più importante della festa di Pasqua, dalla quale tutte le altre festività della Chiesa di Dio attingono la loro sacra solennità. Lo stesso Natale del Signore è legato al mistero pasquale, perché il Figlio di Dio non nacque se non per essere confitto in croce.

 

         Nel grembo della Vergine fu accolta une carne mortale; in quella carne mortale si è compiuta la passione, per ineffabile disegno della misericordia di Dio, affinché diventasse per noi sacrificio di redenzione, remissione del peccato, e principio di resurrezione per la vita eterna. Se consideriamo poi che per mezzo della croce tutto il mondo è stato redento, comprendiamo che è giusto prepararci a celebrare la Pasqua con un digiuno di quaranta giorni, per poter partecipare degnamente ai divini misteri.

 

         E si devono purificare da ogni macchia di peccato non solo i più grandi vescovi, i semplici sacerdoti e i diaconi, ma tutto il corpo della Chiesa, tutti i fedeli, affinché il tempio di Dio, il cui fondatore è lo stesso fondamento, sia magnifico in tutte le sue pietre e splendente in ogni sua parte.

 

         Questa dimora, che non può essere incominciata e terminata senza il suo autore, esige tuttavia la collaborazione di chi la costruisce, partecipando con la propria fatica alla sua edificazione. Infatti, per la costruzione di questo tempio si prende una materia viva e dotata di ragione, che lo Spirito anima con la sua grazia, affinché spontaneamente si cementi in unico corpo. Questa Chiesa è amata e cercata da Dio, perché a sua volta cerchi chi non la cerca, e ami chi non l’ama, come dice il beato apostolo Giovanni: “Noi dobbiamo amarci perché egli ci ha amati per primo” (1 Gv 4, 11: 19). Poiché dunque tutti insieme e ciascuno fedele in particolare formiamo un unico tempio di Dio, questo dev’essere perfetto nel singolo come in tutti.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 31-05-2020

Domenica dei Santi Padri del Primo Concilio Ecumenico; Santi Ermia e Mago, martiri; I Santi Cinque Martiri di Ascalone; San Eustazio, patriarca di Costantinopoli.

i santi di domani 01-06-2020

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP