Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




«È venuto il momento in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio» (la risurrezione di san Lazzaro)

 

di Sant’Agostino, vescovo di Ippona




 

   Gv 5,17-30

Discorso 97

«È venuto il momento in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio»

(la risurrezione di san Lazzaro)

 

Di Sant’Agostino

 

 

         « Svégliati, o tu che dormi, déstati dai morti e Cristo ti illuminerà » (Ef 5, 14). Intendi bene di quali morti si tratta quando odi « déstati dai morti ». Sovente, anche di quelli che evidentemente sono morti, si dice che dormono ; e davvero dormono tutti, per colui che può svegliarli. Per te un morto è proprio morto : per quanto lo si colpisca, lo si scuota, non si sveglierà. Mentre per Cristo era soltanto addormentato, colui al quale ha ordinato : « Alzati ! » e subito si levò (Lc 7, 14). È facile svegliare dal suo letto uno che dorme ; più facilmente ancora, Cristo sveglia un morto sepolto…

         « Già manda cattivo odore poiché è di quattro giorni » (Gv 11, 39). Ma viene il Signore e per lui tutto è facile. Nessun legaccio resiste alla voce del Salvatore ; le potenze degli inferi tremano e Lazzaro appare, vivo… Per la volontà vivificante di Cristo, anche coloro che sono morti da lungo tempo, non sono che addormentati.

         Lazzaro uscito dal sepolcro era ancora incapace di camminare. Perciò il Signore ordinò ai suoi discepoli : « scioglietelo e lasciatelo andare ». Cristo lo aveva risuscitato ; loro lo liberavano dai suoi legacci. Vedete cosa opera il  Signore per riportare uno alla vita : schiavo dell’abitudine, costui ode le esortazioni della Parola divina… Ammoniti vivamente, i peccatori si ripiegano in sè, cominciano a rivedere la loro vita e a sentire il peso delle loro cattive abitudini. Decidono di cambiare vita ; eccoli risuscitati ! Ma, anche se viventi, non possono ancora camminare ; bisogna che i loro legacci siano sciolti ; questo lo operano gli apostoli : « Tutto quello che scioglierete sopra la terra sarà sciolto anche in cielo » (Mt 18, 18).

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 24-07-2019

i santi di domani 25-07-2019

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP