Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




14.09: L’universale ESALTAZIONE della Preziosa e Vivificante CROCE

 

a cura della Chiesa Greco-Ortodossa di San Paolo Apostolo dei Greci, Reggio di Calabria




 

╋ Il 14 di questo mese, festeggiamo l’universale ESALTAZIONE della Preziosa e Vivificante CROCE .

Allorché si apprestava a marciare su Roma per opporsi al suo rivale, Massenzio, che possedeva forze ben superiori, Costantino il Grande vide una notte il segno della vivificante Croce apparirgli in forma luminosa nel cielo, circondata dalla scritta: << Con questo segno, tu vincerai >>. Egli fece allora ornare i suoi stendardi con il segno della Croce e riportò una brillante vittoria, che gli permise di prendere il potere su tutto il mondo romano e di assicurare il trionfo del Cristianesimo. Il ventesimo anno del suo regno, Costantino inviò sua madre a Gerusalemme per venerare i Santi Luoghi, ritrovare il luogo del Santo Sepolcro e della Croce, che dei lavori d’ingrandimento della città, effettuati sotto Adriano, avevano nascosto sotto le macerie. Grazie agli insegnamenti trasmessi dalla tradizione orale, S. Elena ritrovò il prezioso trofeo con le due croci sulle quali erano stati sospesi i due ladroni ed i tre chiodi che erano serviti ad attaccare il corpo vivificante del Salvatore. Ma la regina si trovò nell’imbarazzo di non sapere quale fosse la croce del Cristo. La guarigione di una donna morente avvicinandosi al santo legno permise al Patriarca di Gerusalemme, Macario, di riconoscerla, poiché le altre due croci non operarono alcun miracolo. La regina e tutta la corte venerarono allora e abbracciarono piamente la santa Croce. Il popolo, che era riunito numeroso sui luoghi, desiderava ugualmente beneficiare di questa grazia o almeno di vedere da lontano lo strumento della morte per la nostra redenzione, tanto il suo amore per Cristo era ardente. Il Patriarca salì allora sull’ambone e, prendendo la Croce a due mani, l’alzò in alto alla vista di tutti, mentre la folla gridava << Kyrie eleison >>. Da allora in questo giorno i santi Padri stabilirono di commemorare ogni anno l’Esaltazione della Preziosa Croce in tutte le chiese, non solo commemorando questo avvenimento, ma anche per manifestare che questo strumento di onta è divenuto nostra fierezza e nostra gioia. Ricordando il gesto del Patriarca ed elevando la Croce nelle direzioni dello spazio al canto del Kyrie eleison, i cristiani mostrano oggi che salendo sulla Croce, il Cristo ha voluto riconciliare in Lui tutte le cose, unire tutte le estremità della creazione, le altezze e la profondità, nel suo corpo, al fine di permetterci l’accesso presso il Padre.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 23-09-2018

La concezione di san Giovanni Battista; I Santi Andrea, Giovanni, Pietro, Antonino, martiri; Santa Herais e compagni, martiri; Sante Xantipi e Polixenia; I Santi Martiri di Siracusa; San Nicola, il fruttivendolo, neomartire; San Giovanni di Epiro, neomartire.

i santi di domani 24-09-2018

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP