Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




06.11: Memoria del santo ieromartire PAOLO il CONFESSORE, arcivescovo di Costantinopoli

 

a cura della Chiesa Greco-Ortodossa di San Paolo Apostolo dei Greci, Reggio di Calabria




 

+ Il 6 di questo mese, il santo ieromartire PAOLO il CONFESSORE, arcivescovo di Costantinopoli.

San Paolo nacque a Tessalonica all’alba del 4°secolo. Al tempo del primo Concilio di Nicea, egli era ancora adolescente ma poco tempo dopo si unì al clero della Chiesa di Costantinopoli. Egli brillava per la purezza della sua vita, la sua dolcezza ed il suo insegnamento brillante della fede ortodossa. Perciò fu ordinato diacono, poi prete, dal Patriarca d’Alessandria, mentre era ancora giovane. Egli era amato da tutti i fedeli della capitale e fu consacrato arcivescovo nel 340, alla morte di Alessandro che lo aveva designato come suo successore. La sua elezione scatenò la rabbia degli ariani che lo calunniarono presso l’imperatore Costanzo. Costui si trovava allora ad Antiochia e rientrò inferocito nella capitale, quando apprese la consacrazione del giovane ortodosso. Egli riunì un concilio di vescovi ariani, che depose Paolo dalla sua carica e lo rimpiazzò con il vescovo di Nicomedia: Eusebio, uno dei capi dell’eresia. L’arianesimo sembrò allora poter definitivamente trionfare poiché l’imperatore e l’arcivescovo di Costantinopoli ne erano ardenti partigiani. Dalla sua installazione, Eusebio cominciò a perseguitare con accanimento i difensori del Concilio di Nicea ma Dio non abbandonò la Sua Chiesa: Eusebio morì un anno dopo e gli ortodossi richiamarono Paolo che si era rifugiato a Roma presso il papa ortodosso Giulio con san Atanasio d’Alessandria, anch'egli esiliato in nome di Cristo. Ora, al momento di riprendere il suo seggio, il santo confessore si trovò mescolato a numerose turbe popolari poiché gli ariani avevano da parte loro eletto e ordinato un successore di Eusebio: l’eretico Macedonio che aggiungeva blasfemia contro la divinità del Santo Spirito all’errore di Ario riguardo la divinità del Verbo. Apprendendo la notizia di queste manifestazioni, l’imperatore Costanzo diede da Antiochia l’ordine, ad Ermogene, capo militare di Tracia, di entrare con le sue truppe nella capitale e di scacciare Paolo con la forza. Ma il popolo si rivoltò, combattimenti sanguinari ebbero luogo dappertutto nelle strade, facendo numerose vittime ed Ermogene stesso fu vittima della collera del popolo. I rivoltosi lo uccisero, trascinarono il suo corpo nelle strade e bruciarono la sua dimora. Venne dunque rimesso Paolo sul suo seggio, ma per poco tempo, poiché l’imperatore furioso arrivò in forze a Bisanzio, cacciando san Paolo, lo costrinse a trovare rifugio ancora una volta a Roma e dichiarò la sua collera su Macedonio, accusandolo di essere stato responsabile della rivolta. In Occidente Paolo ottenne il sostegno dell’imperatore Costante a Treves e grazie alle lettere di rimprovero del papa indirizzate ai vescovi orientali per il loro atteggiamento verso san Atanasio e lui, poté riguadagnare qualche tempo più tardi, il suo seggio, in mezzo all’allegria popolare. Ma Costanzo, non potendo trovare riposo nella sua lotta contro i cristiani ortodossi, incaricò il prefetto Filippo di scacciare Paolo e di rimpiazzare Macedonio sul suo seggio della regina delle città, senza tuttavia reiterare i disordini che avevano provocato l’intervento di Ermogene. Perciò Filippo usò uno stratagemma per attirare san Paolo verso lo stabilimento dei sogni e con il pretesto di rendergli onore, lo fece prelevare in segreto ed esiliare a Tessalonica da cui il malcapitato vescovo andò di nuovo a Roma. 
Nel 347, in occasione del Concilio di Sardica, Atanasio e Paolo poterono riprendere possesso del loro seggio, per circa tre anni la Chiesa di Costantinopoli conobbe allora, attorno al suo pastore, la pace e la sicurezza dell’Ortodossia. Ma ciò fu breve durata poiché, nel 350 il conte Magnenzio si sollevò contro l’imperatore ortodosso d’Occidente, Costanzo, e fu proclamato imperatore dalle sue truppe. Le sue pretese riguardo all’impero universale obbligarono Costanzo ad iniziare una guerra contro di lui e, dopo dure campagne, l’imperatore eretico, si impadronì di Lione e ricostituì a suo profitto l’unità dell’impero. L’equilibrio che fino a quel momento aveva donato la presenza di un imperatore ortodosso in Occidente era ormai rotto e Costanzo poté dichiarare ormai liberamente le sue persecuzioni contro i difensori della divinità del Figlio di Dio. Egli fece arrestare san Paolo e lo fece condurre, legato a pesanti catene, a Singar prima, poi ad Emesa, poi infine a Cucuso nella lontana Armenia. E fu là, un giorno che il santo vescovo celebrava la Divina Liturgia, che gli ariani irruppero nella chiesa e lo strangolarono per mezzo del suo omoforion*.

*Stola che il vescovo porta attorno al collo

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 15-12-2019

San Eleuterio, vescovo di Illiria e compagni, martiri; San Eleuterio, il cubiculario, martire; Santa Susanna, martire; San Bacco il nuovo, martire; San Stefano, vescovo di Sourozh; San Paolo del Monte Latro.

i santi di domani 16-12-2019

Santo Profeta Aggeo; San Marino, martire; Santi Promo, Ilarione, e compagni, martiri; San Memnone, arcivescovo di Efeso; San Modesto, arcivescovo di Gerusalemme; Santa Teofano, imperatrice; San Nicola II, patriarca di Costantinopoli.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP