Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Focolari: metropolita Zervos ricorda l’incontro di Athenagoras e Chiara Lubich, “hanno aperto la porta del dialogo e nessuno può più chiuderla”

data 13-05-2017; categoria: Eventi

da SIR



Focolari: metropolita Zervos ricorda l’incontro di Athenagoras e Chiara Lubich, “hanno aperto la porta del dialogo e nessuno può più chiuderla”

(Castel Gandolfo) “Il Patriarca Athenagoras e Chiara Lubich hanno aperto la porta” della riconciliazione tra le Chiese di Oriente e Occidente e “nessuno può più chiuderla”. “Naturalmente le difficoltà, quelle dovute alle antiche divisioni e a quelle presenti, non mancano. Ma possiamo dire con fiducia che le speranze per l’avvenire sussistono”. Lo ha detto questa mattina Gennadios Zervos, metropolita d’Italia e di Malta del Patriarcato ecumenico, ripercorrendo alla Settimana ecumenica del Movimento dei Focolari (a Castel Gandolfo) i 50 anni del primo incontro tra due grandi protagonisti del dialogo: il Patriarca ecumenico Athenagoras e Chiara Lubich.

La fondatrice del Movimento dei Focolari si recò per la prima volta nella sede del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli il 13 giugno 1967. Fino alla morte del Patriarca Athenagoras, Lubich compì otto viaggi e incontrò il Patriarca 25 volte. Anzi gli incontri furono 27, perché due furono “ufficiosi” e si tennero nella Facoltà Patriarcale di Chalki. “Il Patriarca Athenagoras e Chiara Lubich – ha detto questa mattina il metropolita Gennadios – hanno fatto una rivoluzione pacifica: il primo in un mondo tradizionalista e la seconda in un mondo libero”. “Hanno cambiato la situazione e l’atmosfera tra le due Chiese, la Chiesa ortodossa e la Chiesa cattolica romana. Con la loro vita umile, seria, disponibile, con la dedizione, con l’amore e la preghiera, sono stati i primi protagonisti e iniziatori di una nuova era ecumenica; hanno ammaestrato i popoli e hanno dato loro coraggio, forza, pazienza, fedeltà, disponibilità, amore e unità”. Un’amicizia, anzi un legame profondo che ha “preparato” negli anni del Concilio Vaticano II “la strada della riconciliazione tra Paolo VI e Athenagoras”. “Personalità illuminate da Dio per distruggere le divisioni e le inimicizie religiose” e inaugurare il “Dialogo della carità”.

È un legame profondo che continua ancora oggi. “Gli ortodossi ammirano, e primo di tutti io, il Movimento dei Focolari che cammina sempre avanti”, ha detto il metropolita. “Apprezzano la sua spiritualità. Le sue comunità sono piccole, di uomini e di donne celibi e sposati; tra essi aleggiano l’unità, l’amore, la fratellanza, la comunione dei beni, la solidarietà e la pace”. Ed ha concluso: “Questo nuovo cammino va avanti: camminare insieme significa: andare avanti uniti. Il cammino ecumenico va soltanto avanti e la sua mèta è il Regno dei Cieli”.



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 05-08-2020

San Eusignio di Antiochia, martire; Santi Cantidio e Cantidiano, martiri; Santa Nonna, madre di san Gregorio il Teologo; San Sobele, l'egiziano, martire; San Fabiano, papa di Roma, ieromartire; San Eutimio, patriarca di Costantinopoli; San Eugenio di Etolia; San Christos di Preveza, neomartire.

i santi di domani 06-08-2020

La Trasfigurazione di nostro Signore Gesù Cristo; San Abacuc, martire.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP