Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




30.08: Memoria dei Santi Felice e Adautto Martiri

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Santi Felice e Adautto Martiri inizi del IV secolo

Felice era un presbitero romano, condannato a morte durante la persecuzione di Diocleziano. Mentre veniva condotto al luogo dell'esecuzione, sulla via che porta a Ostia, dalla folla dei curiosi e dei compagni di fede si staccò uno sconosciuto, che andò incontro al condannato. Giunto a un passo dai soldati incaricati dell'esecuzione, proclamò a voce ferma di essere cristiano e di voler condividere la stessa sorte del presbitero Felice. Venne esaudito senza troppi indugi. Dopo aver spiccato la testa di Felice, con la stessa spada decapitarono l'audace, che aveva osato sfidare le leggi dell'imperatore. Ma chi era costui? Nessuno dei presenti ne conosceva l'identità e fu chiamato semplicemente "adauctus", aggiunto, da cui il nome Adautto, "eo quod sancto Felici auctus sit ad coronam martyrii".Vennero sepolti in una cripta del cimitero di Commodilla, sulla via delle Sette Chiese, poco lontano dalla basilica di S. Paolo fuori le mura. La cripta venne trasformata da papa Siricio in basilica, successivamente ampliata e decorata di affreschi dai papi Giovanni I e Leone III. Divenne così meta di pellegrini e di devoti fino al medioevo inoltrato, quando catacombe e santuari sotterranei caddero in oblio o furono devastati. Il cimitero di Commodilla e la tomba di Felice e Adautto furono scoperti nel 1720, ma la soddisfazione del ritrovamento durò poco, perchè alcuni giorni dopo la volta della piccola basilica sotterranea crollò. Sui ruderi caddero nuovamente l'oblio e l'incuria fino al 1903, quando la basilica venne definitivamente restaurata. Si riscoprì uno dei più antichi affreschi paleocristiani, nel quale è raffigurato S. Pietro che riceve le chiavi alla presenza dei Ss. Stefano, Paolo, Felice e Adautto. La notizia più antica sui due martiri ci è fornita da un carme di papa Damaso, in cui viene elogiato il presbitero Vero per averne decorato il sepolcro. La diffusione del loro culto nell'Europa settentrionale ebbe origine dal dono di alcuni frammenti prelevati dalle loro reliquie e donati da papa Leone IV alla moglie di Lotario, Ermengarda.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 11-07-2020

Santa Eufemia, la grandemartire; San Cindeo di Pamfilia, martire; San Marciano di Iconio, martire; San Martirocle, martire; San Leone di Mandra; San Nicodemo di Vatopedi; San Nicodemo di Albania, neomartire; San Nettario della Skiti di Sant'Anna; San Cirillo di Paro; Santa Olga-Elena, principessa di Russia.

i santi di domani 12-07-2020

Santi Proclo e Ilario, martiri; San Serapione, il nuovo, martire; San Michele Maleno; Santa Veronica; San Paisio del Monte Athos.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP