Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




14.09: memoria dei 170 Padri riuniti per il SESTO CONCILIO ECUMENICO, tenuto a Costantinopoli nel 680, contro i monoteliti

 

a cura della Chiesa Greco-Ortodossa di San Paolo Apostolo dei Greci, Reggio di Calabria




 
Memoria dei 170 Padri riuniti per il SESTO CONCILIO ECUMENICO, tenuto a Costantinopoli nel 680, contro i monoteliti.

Questo santo concilio è stato riunito a Costantinopoli, nel Palazzo imperiale, su ordine dell’imperatore Costantino IV Pogonato, dal 680 al 681. Alla testa dei Padri c’era Giorgio, Patriarca di Costantinopoli. Il papa di Roma aveva inviato tre legati, i Patriarchi di Alessandria e di Gerusalemme si erano fatti ugualmente rappresentare e tre vescovi occidentali di passaggio nella capitale facevano inoltre parte dei 170 Padri che, in presenza dell’imperatore e nel corso di 18 sessioni rifiutarono la dottrina monotelistica* e anatemizzarono Sergio, Pirro, Pietro e Paolo, i patriarchi di Costantinopoli; Macario, patriarca di Antiochia; Onorio papa di Roma; Stefano, Policronio e Teodoro vescovo di Faran, e tutti quelli che con essi, avevano dichiarato che il Cristo non ha che una volontà e una energia naturale, ricongiungendo con l’eresia dei monofisiti. Grazie alle lotte e agli insegnamenti dei confessori della fede che li avevano preceduti: Sofronio di Gerusalemme e Massimo il Confessore, i Santi Padri dichiararono che la volontà o l’energia si rapporta sempre alla natura e non alla Persona e quindi per conseguenza conviene considerare nel Cristo una sola Persona divina e l’altra umana, unite senza confusione. L’unica Persona del Verbo incarnato ha riunito, mescolato strettamente, la natura umana e quella divina ma ha conservato i caratteri di ognuna di esse dimodoché tutta la nostra umanità è deificata nella misura stessa in cui la Divinità si è incarnata.
___________________________________________________

* Per fini politici, l’imperatore Eraclio e i suoi teologi avevano cercato di conciliare il dogma dell’unità della Persona del Cristo nella dualità delle sue nature, divina e umana, come era stato proclamato nel Concilio di Calcedonia (451) con l’attaccamento dei monofisiti copti e siriani alla terminologia di S. Cirillo di Alessandria sull’unità concreta dell’essere composto che è il Cristo. È perciò che essi cedettero di poter parlare di una volontà univoca, poi di una sola energia nel Cristo.
 
 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 23-09-2018

La concezione di san Giovanni Battista; I Santi Andrea, Giovanni, Pietro, Antonino, martiri; Santa Herais e compagni, martiri; Sante Xantipi e Polixenia; I Santi Martiri di Siracusa; San Nicola, il fruttivendolo, neomartire; San Giovanni di Epiro, neomartire.

i santi di domani 24-09-2018

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP