Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




22.09: memoria dei VENTISEI MONACI e MARTIRI di Zografu bruciati vivi nella torre del monastero dai latinofroni

 

a cura della Chiesa Greco-Ortodossa di San Paolo Apostolo dei Greci, Reggio di Calabria




 

22 di settembre Memoria dei VENTISEI MONACI e MARTIRI di Zografu bruciati vivi nella torre del monastero dai latinofroni.

Nel 1274, a Lione, l’imperatore Michele VIII Paleologo fece firmare un atto d’unione della Chiesa Ortodossa con la Chiesa Cattolica Romana, non basandosi sull’amore per la verità ma solo per assicurarsi il sostegno politico del Papato nella sua politica di ricostituzione dell’impero bizantino dopo l’occupazione latina. Il popolo teoforo deciso a restare fedele fino al sangue alla santa fede ortodossa, non accettò questa falsa unione e si riunì attorno al patriarca Arsenio, che fu deposto per aver resistito allo imperatore. Costui con l’aiuto di Giovanni XI Bekkos, uomo sapiente e furbo, che egli aveva elevato alla dignità patriarcale, volle far accettare questa unione con la forza. Da allora le prigioni rigurgitarono di preti, monaci, laici e povera gente e nobili, che preferivano le torture piuttosto che la benedizione al tradimento. I latinofroni (così erano chiamati i partigiani dell’unione) diressero particolarmente le loro azioni contro i monaci che da ogni tempo sono stati i guardiani della santa fede ortodossa. Essi andarono con forti truppe nella Santa Montagna dell’Athos per convincere i monaci ad accettare l’unione. A quell’epoca c’era un anziano che praticava l’ascesi in prossimità del monastero di Zografu e che aveva per regola di recitare più volte al giorno l’Acathisto alla Madre di Dio. Quel giorno, allorché gli uomini dell’imperatore si avvicinavano a Zografu, egli sentì la voce della Madre di Dio rispondere ai saluti che Le indirizzava come di abitudine. Ella gli annunciò che i nemici si avvicinavano e gli chiese di andare ad annunciarlo al monastero, affinché quelli che erano deboli potessero fuggire e quelli che erano arrivati a maturità potessero prepararsi al martirio. A questa notizia, la maggior parte dei monaci fuggì nella montagna, ma ventisei tra essi si rifugiarono nella torre del monastero, avendo ricevuto da Dio la garanzia che il momento era arrivato per riportare la corona del martirio. Le adulazioni e i sofismi dei nemici e dei loro alleati greci per convincerli a rallegrarsi dell’unione ipocrita, furono senza successo, i santi restarono fermi nella confessione del Cristo come solo capo della Chiesa. E fu rendendo gloria a Lui che essi morirono nella torre, alla quale i soldati avevano dato fuoco.

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 05-10-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmldt0Ygr on line 37

i santi di domani 06-10-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmldt0Ygr on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP