Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




08.11: Memoria dei Santi Quattro Martiri Coronati a Sirmium nei Balcani al tempo di Diocleziano e le cui reliquie sono venerate a Roma

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Santi Quattro Martiri Coronati a Sirmium nei Balcani al tempo di Diocleziano e le cui reliquie sono venerate a Roma

Erano scalpellini di fede cristiana  che lavoravano nelle grandi cave di marmo e di porfido dell'attuale Jugoslavia, a nord di Sirmium. Si chiamavano Claudio, Nicostrato, Simproniano e Castorio.  Una cosa era certa: i quattro tagliapietre cristiani erano i migliori artigiani tra i molti che lavoravano nelle cave della Pannonia. L'imperatore Diocleziano, che nella vecchiaia si era stabilito a Spalato, in Dalmazia, e si era dedicato a grandi opere di architettura e decorazione, visitava spesso le cave della Pannonia. Sceglieva i blocchi di materiali e commetteva volta per volta il lavoro desiderato.
Egli conosceva i quattro bravissimi scultori e ammirava l'opera loro. Anche per questo, nessuno, tra i compagni di lavoro e tra i superiori, osava denunziare come cristiani gli ottimi tagliapietre.
Tutto andò per il meglio, finché l'imperatore fece scolpire agli artisti cristiani colonne di porfido in un sol blocco, capitelli a foglie, vasche ricavate da un solo blocco di pietra, e perfino un grande carro del sole trainato da cavalli. Gli scultori cristiani lo eseguirono alla perfezione, perché opera puramente decorativa.
Ma un giorno, l'imperatore ordinò loro di scolpire genietti e vittorie, amorini e figure mitologiche. Tra queste, un simulacro di Esculapio, dio della salute. Per il giorno fissato, genietti e amorini furono pronti, ma non la statua di Esculapio. Diocleziano pazientò, ordinando ancora aquile e leoni, che furono presto fatti. Non fu fatto, però, il simulacro di Esculapio.
Diocleziano interrogò personalmente gli scultori cristiani, mostrandosi assai generoso verso quegli artefici da lui così ammirati. Ma i compagni invidiosi e i superiori gelosi facevano pressione confermando che i quattro erano cristiani e quindi nemici dello Stato
Venne imbastito il processo e vennero gettati nel Danubio, chiusi entro botti di piombo.
Poco dopo, le loro reliquie furono portate a Roma, e ai Quattro Santi Coronati s'intitolò, sul Celio, una delle più antiche chiese romane, diventata poi titolo cardinalizio. Ma a Roma, quasi per gelosia di tanti onori dedicati a quattro Martiri stranieri, ai Coronati autentici, patroni degli scultori, vennero sovrapposti quattro leggendari Martiri di Roma, con i nomi di Severo, Severino, Carpoforo e Vittorino.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 16-11-2019

San Matteo, apostolo ed Evangelista;

i santi di domani 17-11-2019

San Gregorio, il taumaturgo, vescovo di Neocesarea; San Lazzaro, l'iconografo, confessore; San Basilio, vescovo di Hamah, ieromartire; Santi Gennadio e Massimo, patriarchi di Costantinopoli; San Longino; San Giustino; San Giovanni Dermokaites; San Gennadio di Vatopedi.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP