Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




31.12: Memoria di Santa Melania la giovane da Roma asceta a Gerusalemme sul Monte degli Ulivi (verso il 439)

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Santa Melania la giovane da Roma asceta a Gerusalemme sul Monte degli Ulivi (verso il 439)

tratto da http://www.santiebeati.it/dettaglio/83500

Figlia di Valerio Publicola della gens Valeria e di Ceionia Albina della gens Ceionia, quindi discendente di gloriose famiglie di Roma; a 14 anni sposò il cugino Piniano anche lui della gens Valeria, che dopo la morte di due loro figli, Melania convinse a praticare una vita penitente e casta.

Influenzata dalla propaganda monastica che nel secolo V era assai fervorosa in Roma, la pia matrona lasciò la città per ritirarsi con tutti i servi in una villa suburbana per vivere una vita monastica.

Qui sorse l’opposizione tenace dei parenti, vinta solo con l’intervento della nonna paterna, che qualche decennio prima, aveva fatta la stessa scelta fra le resistenze della nobile famiglia.

Nel 406 si trasferì a Nola presso s. Paolino, forse suo lontano parente, dopo due anni, nel 408 vista l’invasione dei barbari, si spostò nei suoi possedimenti in Sicilia e ancora nel 410 emigrò in quelli d’Africa, dove conobbe s. Agostino, stringendo con lui una salda amicizia.

Circondata da un centinaio di servi ed ancelle e con la compagnia del marito Piniano e della madre Albina, che la seguivano in questo peregrinare, formando una specie di comunità monastica, decise di recarsi a Gerusalemme, passando prima per l’Egitto, culla del monachesimo orientale, per rendere omaggio ai monaci di cui provava grande ammirazione, cercando di imitarli.

A Gerusalemme volle tenere una vita eremitica più stretta (già la nonna Melania assieme a Rufino, aveva fondato un monastero), facendosi costruire una piccola cella sul Monte degli Ulivi, sede di altri asceti e qui condusse una vita di ascesi,preghiera e digiuni .

Dopo un certo tempo e dopo altri contatti con i monaci egiziani, per apprendere meglio lo spirito ascetico, fondò in una zona molto isolata un monastero femminile e dopo qualche anno, anche uno maschile, con oratori dotati di reliquie di santi martiri.

Il regolamento delle Comunità, disposto da Melania stessa, fu improntato ad una severa austerità , sul modello egiziano, anche se nella liturgia si notava una certa influenza romana ed occidentale.

Fu tanto caritatevole che il suo patrimonio e quello del marito Piniano, morto nel 432, fu lentamente esaurito a favore dei poveri; ebbe una grande fama di santità in tutto l’ambiente di Gerusalemme, dove morì nel 440.

Il culto per s. Melania la Giovane fu abbastanza sentito in Oriente, mentre in Occidente cominciò solo nel secolo IX.

La commemorazione della grande matrona romana, asceta e monaca a Gerusalemme è al 31 dicembre.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 23-10-2019

i santi di domani 24-10-2019

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP