Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




10.01: Memoria di San Pietro Orseolo ammiraglio della Flotta veneziana, doge di Venezia (976-978), poi monaco al monastero di San Michele ai piedi dei Pirenei, monastero secondo la regola di Benedetto da Morcia (verso il 987)

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

San Pietro Orseolo ammiraglio della Flotta veneziana, doge di Venezia (976-978), poi monaco al monastero di San Michele ai piedi dei Pirenei, monastero secondo la regola di Benedetto da Morcia (verso il 987)-Martirologio Romano: “Nel monastero di Cuxa tra i Pirenei, san Pietro Orseolo, che, da doge di Venezia fattosi monaco, rifulse per pietà e austerità e passò la vita in un eremo vicino al monastero”.

 

Tratto dal quotidiano Avvenire

Nato nel 928 in Friuli da nobile famiglia veneziana, Pietro Urseolo (Orseolo) nel 976 divenne Doge e fece ricostruire San Marco e il Palazzo ducale distrutti dai cospiratori che avevano fatto cadere il predecessore, Pietro Candiano. Fu munifico nella costruzione di chiese. Sotto l'influenza dell'abate Guarino di Cuxa (Cussano), monastero benedettino ai piedi dei Pirenei, intraprese la vita monastica e per un certo periodo fu seguito da san Romualdo, fondatore dei Camaldolesi. Profondamente umile e austero, viveva in una cella così angusta da non potervi stare né ritto né steso. Morì a Cuxa il 10 gennaio del 987.

 

 

Tratto da http://www.santiebeati.it/dettaglio/91342

 

Pietro Orseolo nacque a Venezia nel 928, da nobile famiglia veneziana. Fu comandante della flotta veneta contro i corsari saraceni, che ormai da secoli costituivano una vera e propria piaga per il mar Mediterraneo. Non accontentandosi di attaccare le navi commerciali, spesso costoro compivano anche spaventose scorrerie sulle coste, saccheggiando e massacrando, portandosi via il bottino e soprattutto degli schiavi. Partendo dai loro covi africani, colpivano le loro vittime e fuggivano prima di aver dato loro tempo di poter organizzare la difesa. Talvolta si spingevano anche nell’entroterra continentale, attaccando castelli, monasteri e villaggi, che proprio non si aspettavano di veder spuntare i saraceni.

Inutile ribadire come il commercio marittimo fosse fortemente penalizzato da tutto ciò, a maggior danno delle Repubbliche Marinare, che furono così costrette ad organizzare flotte militari permanenti al solo scopo di contrastare i saraceni.

Nel 976 a Venezia una congiura di palazzo sfociò in una rivolta in cui rimase ucciso il doge Pietro Candiano. Stava dunque per iniziare una nuova aspra lotta tra le fazioni della Serenissima, quando saggiamente prevalse l’opzione di eleggere alla massima carica cittadina un personaggio neutrale. La scelta non poté che cadere su Pietro Orseolo, uomo di profonda fede cristiana, da tutti stimato per la sua capacità e il rigore morale.

Il novello doge non deluse le aspettative ed in breve tempo riuscì nell’intento di riappacificare la città, convogliando le risorse del suo governo in numerose opere benefiche e di pubblica utilità. Fece ricostruire la patriarcale basilica di San Marco ed il Palazzo Ducale, distrutti dai cospiratori che avevano ucciso il suo predecessore. Fu munifico anche nella costruzione di nuove chiese e finanziò perfino di tasca propria l’erezione di un’ospizio.

Furono questi due anni “serenissimi”, nei quali Venezia poté così ben meritare il suo celebre appellativo, sotto la guida del santo doge. Due soli anni, perché nel frattempo Pietro I Orseolo maturò una scelta di vita diversa: al regno terreno preferì quello dello spirito. D’accordo con moglie e figli e sotto l’influenza dell’abate Guarino intraprese la vita religiosa nel monastero benedettino di Cuxa, ai piedi dei Pirenei.

 

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 15-07-2020

Santi Quirico e Giulitta, martiri; San Lolliano, martire; San Abudemo di Tenedo, martire; Il ritrovamento della testa di santa Matrona di Chio; Santa Asia, la taumaturga.

i santi di domani 16-07-2020

San Atenogene, vescovo di Pidactoe, ieromartire; San Atenogene, martire; San Fausto, martire; San Antioco, martire; I Santi 15.000 Martiri di Pisidia; Santa Giulia di Corsica, martire.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP