Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




23.01: Memoria di Santa Messalina martire a Foligno (tra il 249 e il 251)

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Santa Messalina martire a Foligno (tra il 249 e il 251)

Tratto da http://www.santiebeati.it/dettaglio/94548

 

Il più antico documento che riferisce alcune scarse notizie su Messalina è la passio di s. Feliciano, primo vescovo di Foligno, scritta nella seconda metà del sec. VII o nell'VIII
Secondo questa passio, Messalina fu educata alla pietà da Feliciano. Quando il vescovo fu messo in prigione dall'imperatore Decio, Messalina lo soccorse e lo visitò nel carcere. Per questo motivo fu arrestata e percossa dai soldati «iniurata et caesa poenaliter»: tuttavia queste parole non significano necessariamente che subisse il martirio, ma possono spiegarsi come un semplice maltrattamento che i soldati fecero subire alla giovinetta.
Messalina fu venerata a Foligno nei secc. XVI e XVII come martire, quantunque un poeta locale del 1426, mettendo in versi la tradizione  di s. Feliciano, non la considerasse come martire. Anzi il poeta non fa alcun accenno ad un culto di Messalina nella sua città: testimonianza questa che dimostra come la venerazione sia sorta posteriormente. Secondo lacobilli il corpo di Messalina fu ritrovato nel 1599 e collocato nella cattedrale di Foligno nella cappella della Madonna di Loreto.

 

 

 

 

 

Tratto da

http://ordovirginumsicily.blogspot.it/2014/01/le-sante-vergini-consacrate-del-mese-di.html

Nacque da nobile famiglia e fu discepola di San Feliciano vescovo di Foligno. Stimata in vita come vergine santa si distinse per l’orazione e le opere misericordia spirituale e corporale. Accadde che Decio, imperatore romano allora in carica, di ritorno dalle sue vittorie,  si trattenne alcuni giorni a Foligno con la sua legione. Venendo a conoscenza della fama del vescovo Feliciano che aveva convertito molti alla fede cristiana lo fece incarcerare e proibì il culto cristiano. Tuttavia ogni giorno, Messalina, allora diciottenne, incurante del pericolo, si recava dal suo pastore con del cibo e conversava con lui sulle opere di Dio. Sorpresa dai carcerieri, fu invitata con lusinghe a sacrificare agli dèi. Al suo rifiuto, genuflessa e alla presenza del suo vescovo confessò la fede in Cristo suo Sposo. Ma per la sua testimonianza fu ingiuriata, tormentata con vari flagelli e alla fine percossa incessantemente con alcuni nodosi e pungenti bastoni, mentre ella, immobile e gli occhi fissi al Cielo, spirava con le carni lacere. Prima martire folignate, il suo corpo fu segretamente nascosto nella chiesa palatina (poi cattedrale di San Feliciano). Da sempre venerata, il vescovo di Foligno Mons. Antonio Bizzoni incaricò un presbitero di rinvenire il corpo della santa e, dopo molte ricerche, fu ritrovato, per la festa di Santa Lucia (13 dicembre) del 1599 in un sarcofago che riportava la seguente scritta: Hic subtus iacet corpus sanctae Messalinae. All'apertura della cassa le reliquie emanarono una fraganza profumata e seguirono la guarigione di un Ministro e la liberazione di molti ossessi. Il numero crescente di grazie indusse il popolo a chiedere una solenne processione concessa nel 1613. Il suo corpo è deposto nella cappella della Madonna presso la cattedrale di Foligno.

 

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 01-10-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlTZ42qx on line 37

i santi di domani 02-10-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlTZ42qx on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP