Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




Sua Santità il Patriarca Ecumenico visita l'Arcidiocesi Ortodossa

data 25-03-2001; categoria: Eventi

Calabria e Sicilia (19-24.03.2001)




Sua Santità l’Arcivescovo di Costantinopoli-Nuova Roma e Patriarca Ecumenico Bartolomeo I si è recato in visita-pellegrinaggio presso i luoghi sacri bizantini della Calabria Meridionale (19 - 23 marzo 2001) e in Sicilia, in occasione del IV Convegno delle Chiese di Sicilia (23 - 24 marzo 2001), con tema: "I laici per la missione della Chiesa di Sicilia nel III millennio". Il Primate dell’Ortodossia è arrivato in Magna Grecia con un seguito patriarcale composto da undici membri, tra cui Metropoliti membri del Santo e Sacro Sinodo ed alti dignitari, chierici e laici, del Patriarcato Ecumenico.

In Calabria S.S. il Patriarca Ecumenico e il Suo seguito erano ospiti ufficiali della Regione Calabra, mentre in Sicilia del Primate dell’Isola Sua Eminenza il Cardinale Salvatore De Giorgi, Arcivescovo di Palermo e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana.

Durante la Sua visita-pellegrinaggio in Calabria il Primate dell’Ortodossia è stato ricevuto ufficialmente dal Presidente e dalla Giunta Regionale (Catanzaro) e dal Presidente ed i membri del Consiglio Regionale (Reggio Calabria); dai Presidenti delle Provincie di Catanzaro, Crotone, Vibo Valentia e Reggio Calabria; dai Sindaci di Catanzaro, Santa Severina, Gerace, Stilo, Bivongi, Vibo Valentia, Seminara, Melicuccà, Reggio Calabria, Condofuri, Bova Chora e Bova Marina; dai rappresentanti della popolazione della zona ellenofona della Bovesia nella sede dell’Istituto Superiore Regionale di Studi Ellenofoni (Bova Marina); dai monaci dei monasteri greco-ortodossi di San Giovanni Theristis a Bivongi (XI sec.) e di Sant’Elia lo Spileota a Melicuccà (X sec.) e dai chierici e i fedeli delle parrocchie ortodosse di Catanzaro, Reggio Calabria e Seminara-Palmi, con a capo il loro Metropolita Sua Eminenza Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia ed Esarca per l’Europa Meridionale.

Sua Santità è stato solennemente accolto dagli Ecc.mi Antonio Cantisani, Arcivescovo di Catanzaro-Squillace; Andrea Mugione, Arcivescovo di Crotone-Santa Severina; CianCarlo Maria Brigantini, Vescovo di Locri-Gerace; Domenico Tarcisio Cortese, Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea; Luciano Bux, Vescovo di Oppido-Palmi e Vittorio Mondello, Arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, nel corso di celebrazioni ecumeniche nelle loro rispettive Cattedrali, nonchè dalla Comunità monastica della famosa Certosa di Serra San Bruno (VV).

Inoltre S.S. a Santa Severina ha inaugurato l’Istituto Regionale di Studi Bizantini "Patriarca Ecumenico Bartolomeo"; a Gerace ha visitato ed ha pregato nella chiesa greco-ortodossa di San Giovanni Crisostomo (X sec.), istituita recentemente in Santuario Ortodosso Panitalico della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia; a Stilo ha visitato la famosa Cattolica, emblema della Calabria bizantina, la chiesa di San Giovanni Nuovo, dove nel cosro di una cerimonia speciale ha ricevuto da parte del Vescovo di Locri-Gerace una reliquia di San Giovanni Theristis, portata e depositata in seguito nell’omonimo monastero greco-ortodosso a Bivongi durante la celebrazione dell’Ufficio dei Lodi in occasione del Suo arrivo al monastero e l’eremo bizantina della Madonna di Monte Stella; a Seminara ha benedetto la prima pietra della chiesa greco-ortodossa dei Santi italo-greci Elia il Giovane e Filareto l’Ortolano; a Melicuccà ha benedetto i lavori di restauro del nuovo monastero greco-ortodosso di Sant’Elia lo Spileota ed ha visitato e pregato nella vicina grotta di ascesi del Santo; a Reggio Calabria ha fatto tappa nella chiesetta bizantina della Madonna dei Poveri, mentre a Gallicinò di Condofuri, la roccaforte degli ellenofoni della Calabria, ha visitato e pregato nella cappella greco-ortodossa della Madonna di Grecia, metochio del Monastero di Theristis.

In Sicilia, S.S. il Primate dell’Ortodossia, ha visitato il Monastero greco-ortodosso dell’Annunciazione della SS Madre di Dio a Mandanici di Messina (XI sec.), sede dell’Istituto di Studi Greco-Ortodossi in Magna Grecia ‘’San Niceforo il Solitario’’, dove ha benedetto il restauro del monastero e della sede dell’Istituto ed ha celebrato la IV Stazione dell’Inno Acatisto alla SS Madre di Dio in presenza del Presente della Regione Siciliana, del Vice-presidente del Consiglio Regionale, di rappresentanti della Provincia di Messima, del Sindaco di Mandanici che con gli abitanti ha accolto con entusiasmo l’Illustre Pellegrino e di tanti fedeli ortodossi da Messina, Reggio Calabria, Catania e Palermo. Subito dopo, ad Acireale (CT), S.S. ha parlato nel cosro di una preghiera ecumenica, ai partecipanti al IV Convegno delle Chiese di Sicilia, in presenza oltre del Primate e di tutti i Vescovi dell’Isola, di S.Em.za il Cardinale Edward Idris Cassidy, Presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani, invitato in tale occasione, del Ministro degli Interni, del Presidente della Regione Autonoma della Sicilia e delle massime Autorità politiche, militari ed altre dell’isola trinacria e della provincia catanese. A Catania S.S. ha incontrato il Sindaco, il Presidente della Provincia, S.Ec.za l’Arcivescovo Mons. Bommarito nella Cattedrale di Sant’Agata e nel Seminario Arcivescovile e la Parrocchia greco-ortodossa di San Leone vescovo di Catania, nel corso della celebrazione dei Lodi in occasione del Suo arrivo nella città etnea, celebrati nel suo bellissimo nuovo tempio concesso dal Comune di Catania, in presenza di fedeli anche dalle altre parrocchie ortodosse siciliane (Palermo, Messina, Siracusa, Agrigento). La visita in Sicilia si è conclusa a Palermo non una solenne celebrazione ecumenica nella Cattedrale della capitale siciliana, ove S.S. ha incontrato anche la parrocchia ortodossa parlemitana.

Durante tutti i giorni della Sua visita-pellegrinaggio nella Magna Grecia S.S. è stato accompagnato dal celebre coro "I Maestri del Canto Bizantino" di Atene, inviato per l’occasione su iniziativa del Comitato Nazionale "Patrimonio e Memoria nella Cultura Mediterranea", mentre la partecipazione della gente locale e dei giovani, ovunque è stato il Patriarca, era numerosissima e commovente.

È la prima volta che un Patriarca Ecumenico visita la Magna Grecia e particolarmente la Calabria e la Sicilia, regioni che per 4 secoli dipendevano ecclesiasticamente dal Trono Ecumenico di Costantinopoli-Nuova Roma. Inoltre, è certo che questa visita partiarcale costituirà un valido contributo alla maggiore collaborazione tra Ortodossi e Cattolici nella Magna Grecia e in tutta la Penisola Italiana. D’altronde, la Magna Grecia, sita nel centro del Mar Mediterraneo costituisce nell’Europa il ponte naturale tra Oriente e Occidente e tra Sud e Nord.


271
273
274
275
276
278
279
280
1/8 
start stop bwd fwd



Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 19-04-2019

San Pafnuzio di Gerusalemme, neomartire; Santi Teodoro di Perga, Filippa, Socrate e Dionisio, martiri; San Giorgio, vescovo di Antiochia; San Trifon, patriarca di Costantinopoli; San Simeone di Filoteou; San Agatangelo di Esfigmenou, neomartire.

i santi di domani 20-04-2019

Sabato di Lazzaro; San Teodoro Trichinas; Santi Vittore, Zotico, Zeno e compagni, martiri; San Zaccheo, apostolo; San Anastasio I, patriarca di Antiochia; San Anastasio II, patriarca di Antiochia, ieromartire; San Teotimo, vescovo di Tomis; San Giovanni Paleolavrita; Santi Atanasio e Giosaf delle Meteore.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP