Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




24.02: Memoria di Santa Demetriade vergine e asceta in Italia e nipote di Santa Proba (verso il 425)

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Santa Demetriade vergine e asceta in Italia e nipote di Santa Proba (verso il 425)

 

Tratto da http://www.treccani.it/enciclopedia/santa-demetriade/

 

Vergine romana (sec. 4º-5º) della famiglia degli Anici; in seguito al sacco di Roma (410), con la madre Giuliana e la nonna Santa Proba , si rifugiò in Africa e si stabilì a Cartagine, dove abbracciò la vita monastica. Lettere di congratulazione ed esortazione scrissero a lei in tale circostanza s. Agostino (epist. 143), s. Girolamo (epist. 130), il papa Innocenzo I e Pelagio (Ad Demetriadem); una lettera a D. intorno all'umiltà, conservata in alcuni codici sotto il nome di Ambrogio, fu accolta dal Quesnel tra le opere di Leone Magno. Tornata a Roma sotto papa Leone Magno (440-61), fece edificare a sue spese la basilica di S. Stefano sulla via Latina. Festa, 24 febbraio.

 

Tratto da https://it.wikipedia.org/wiki/Demetriade

Anicia Demetriade nacque nel 398 circa,[2] figlia di Anicio Ermogeniano Olibrio,[3] console nel 395, e di Anicia Giuliana[3][4] e dunque membro delle nobile e influenti gentes Anicia e Amnia;[5] è descritta come la più nobile e ricca persona del mondo romano negli anni 410.[3]

Nel 410, in occasione del sacco di Roma, Demetriade lasciò la città con sua madre Giuliana e con la nonna paterna Anicia Faltonia Proba e si recò a Cartagine, dove le tre nobildonne furono imprigionate dal comes Eracliano, che le liberò solo dopo il pagamento di un enorme riscatto.[3]

Mentre si trovavano a Cartagine, sua madre e sua nonna furono in contatto col vescovo Agostino d'Ippona, che le aiutò a seguire una vita religiosa. Demetriade, che aveva circa quindici anni nel 413, doveva sposarsi, ma seguiva segretamente una vita ascetica, influenzata da Agostino.[4] Non rivelò la propria scelta ai suoi parenti, per paura di contrariarli, ma quando il suo matrimonio fu vicino, decise di raccontare alla madre e alla nonna della sua intenzione di non sposarsi e di prendere il velo. Le sue parenti furono molto contente e, nel 413, prese il velo in una cerimonia presieduta dal vescovo Aurelio di Cartagine

Per aiutarla nella sua vita spirituale, Giuliana e Proba chiesero a diversi uomini di Chiesa di inviare consigli a Demetriade. Agostino rispose consigliandole di leggere il suo De sancta virginitate,[6] Girolamo le inviò una lunga lettera con molti consigli, mentre Pelagio, un teologo avversario di Agostino, le indirizzò un trattato sotto forma di lettera, la Epistola ad Demetriam.

Più tardi, Demetriade tornò alla sua città nativa, Roma; a questo periodo è fatta risalire l'anonima Epistula ad Demetriadem de vera humilitate, scritta nel 440 da papa Leone I o, secondo un'altra interpretazione, nel 435 da Prospero di Aquitania, in cui si attaccano le posizioni di Pelagio sulla base delle tesi di Agostino.[7]

Demetriade eresse una chiesa dedicata a Stefano protomartire lungo la via Latina, a tre miglia da Roma, su una delle sue proprietà. [5] Morì durante il pontificato di papa Leone I (440-461).

Note

1. ^ È chiamata «Demetriade» nelle fonti, mentre il nome «Anicia» è stato ricostruito dagli storici (Kurdok, pp. 190-224).

2. ^ Non aveva più di quindici anni nel 413(Agostino d'Ippona  Lettere, 188).

3. ^ a b c d Sofroni Eusebio Girolamo, Epistulae, 130.

4. ^ a b Agostino d'Ippona, Epistulae, 150, 188.

5. ^ a b ILCV I, 1765.

6. ^ Agostino, Epistulae 19, 23.

7. ^ Kurdok, p. 216.

 

 

 

Lettera CXXX.(di San Girolamo)  A  DEMETRIADE  sta in

 

http://clarisseremite.xoom.it/virgiliowizard/sites/default/files/sp_wizard/docs/Girolamo%20-%20Lettera%20130%20-%20A%20Demetriade.pdf

 

 

 

 

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 07-07-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlx3JyHx on line 37

i santi di domani 08-07-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlx3JyHx on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP