Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




03.05: Memoria dei Santi Martiri Alessandro Evanzio e Teodulo a Roma sotto Licinio (verso il 117)

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Santi Martiri Alessandro Evanzio e Teodulo a Roma sotto Licinio (verso il 117)

Martirologio Romano: A Roma al settimo miglio della via Nomentana, santi Evenzio, Alessandro e Teodúlo, martiri.

PASSIONE DEI SANTI ALESSANDRO, EVENZIO E TEODULO
“ Presentiamo di seguito la Passio dei santi Alessandro, Evenzio e Teodulo nella versione volgarizzata dal Dandolo, il cui testo è leggermente diverso rispetto ad un’altra passio poco più lunga e più conosciuta trasmessa nei codici della Biblioteca Vaticana.
Per molto tempo è stata ritenuta una delle tante passiones romanzate prive di fondamenti storici, fino alla scoperta nel 1854 di una catacomba sulla Nomentana, risalente nel suo nucleo più antico a un periodo tra il II ed il III secolo, sovrastata da due ambienti basilicali risalenti al IV-V secolo. Gli scavi confermarono in parte le testimonianze oltre che della passio, sia del Martirologio Geronimiano[1] sia del Liber Pontificalis, che associano anch’essi i tre nomi ad un comune martirio. Fu infatti rinvenuto un altare con fenestella, recante l’iscrizione frammentata …ET ALEXANDRO……DELICATVS VOTO POSVIT DEDICANTE AEPISCOPO VRS(O); stando agli Atti della Biblioteca Vaticana, Evenzio ed Alessandro furono deposti insieme, mentre Teodulo in un luogo a parte. A conferma del racconto, poco distante fu trovata anche un’altra cappella all’interno della quale era ubicato anticamente il sepolcro di Teodulo, su di un frammento di transenna nel quale si legge ancora la scritta MARTYRI.
Nonostante ciò buona parte degli studiosi ritiene che questi martiri debbano risalire al IV e non al II secolo, perciò escludono anche, per ovvie ragioni cronologiche, che l’Alessandro in questione sia il papa Alessandro I. Andando oltre la storicità della passio, in cui comunque permangono pur sempre tracce di verità storiche anche se non tutte verificate e verificabili, resta l’edificazione spirituale, che in fondo era e resta lo scopo principale della passio così come voluta nelle intenzioni del suo anonimo autore, per cui “la fede nasce dalla grazia non dalla discussione”.
Sta in
http://www.oodegr.com/tradizione/tradizione_index/vitesanti/alessandroevteod.htm
Alle origini della Chiesa Nomentana
http://www.sannicoladabarimentana.it/alle-origini-della-chiesa-nomentana/

Si è già indicato precedentemente come nella narrazione del martirio dei santi Alessandro, Evenzio e Teodulo si sia accennato all’esistenza di un vescovo nomentano. Per meglio comprendere lo sviluppo del cristianesimo e dell’organizzazione ecclesiastica nelle nostre terre, ritengo che sia opportuno accennare ai cimiteri cristiani del III-IV secolo posti sulla Via Nomentana, nel tratto non più facente parte del suburbio romano ma al servizio di alcuni centri abitati prossimi a Roma. I cimiteri nell’antichità erano collocati lungo le vie, al di fuori delle mura cittadine, sia per i pagani che per i cristiani; di solito i pagani usavano dei colombari in cui riponevano le ceneri dei defunti mentre i cristiani erano soliti seppellirvi i cadaveri avvolti in un lenzuolo. Durante le persecuzioni, e soprattutto di quella di Diocleziano (imperatore dal 284 al 305), i cristiani vi seppellirono i defunti, utilizzando soprattutto i cimiteri sotterranei (le catacombe). I terreni per i cimiteri erano messi a disposizione da benestanti matrone romane (Severina, Giusta ecc …). Con l’avvento di Costantino e col decreto del 313 questi luoghi diventarono: l’attuale chiesa parrocchiale di S. Alessandro proprietà della Chiesa e si costruirono sulle tombe dei martiri oratori e basiliche.
Nel V secolo, a causa degli assedi e delle invasioni barbariche, i corpi dei defunti iniziarono ad essere sepolti entro le mura di Roma e le catacombe diventarono esclusivamente santuari di venerazione dei martiri. A partire dal VII secolo vari pontefici fecero poi traslare i loro corpi nelle chiese di Roma. Questi provvedimenti, uniti alle devastazioni delle incessanti guerre succedutesi, causarono la decadenza di tali luoghi di culto di cui si finì anche col perdere la memoria. Accennerò ai cimiteri che facevano parte della diocesi di Nomentum: quello di S. Alessandro, di San Restituto e dei Santi Primo e Feliciano.
Il primo cimitero che incontriamo lungo la via Nomentana, sui confini della campagna romana, è quello di S. Alessandro e dei suoi compagni Evenzio e Teodulo; esso era posto ad una distanza di 7 miglia dalla Città in prossimità dell’antica Ficulea; lo troviamo oggi lungo la Nomentana presso l’omonimo abitato, nella tenuta Coazzo.
La dedicazione dell’altare della chiesa risale alla prima metà del secolo V per opera del vescovo Orso “dedicante episcopo Urso”. Dopo che papa Pasquale I (817-824) fece trasportare i corpi dei martiri a Roma – altri studiosi affermano che la traslazione fu un’iniziativa di papa Eugenio II (824-827) – il luogo decadde e se ne perse la memoria. Grazie agli scavi effettuati nel 1854 ed agli studi di archeologia cristiana di Giovanni Battista De Rossi, furono riportati alla luce i resti delle antiche strutture catacombali e della chiesa edificata sulla tomba dei martiri. Dalle analisi delle iscrizioni e dei reperti sappiamo che qui furono sepolti anche i vescovi Adeodato (la cui morte risale all’anno 569) e Pietro, Petrus episcopus, che morì tra la fine del III e gli inizi del IV secolo.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 06-12-2019

San Nicola, arcivescovo di Myra; San Teofilo, vescovo di Antiochia; San Niser, martire; San Abramio, vescovo di Cratea; San Nicola Karamos, neomartire.

i santi di domani 07-12-2019

San Ambrogio, vescovo di Milano; San Atenodoro, martire; San Neofito, martire; San Domezio, martire; Santi Isidoro, Acepsima, Leone, martiri; Santi Gaio e Gaiano, martiri; I Santi Martiri dei Vandali in Africa; La Santa Matrona bruciata a Roma; Santa Bassa di Gerusalemme; San Paolo l'obbediente; San Ignazio di Costantinopoli, martire; San Prisco, martire; San Martino, martire; San Nicola, martire; San Gregorio, l'esicasta sul Monte Athos; Santa Filotea di Curtea de Arges.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP