Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




06.07: IL SAN VALENTINO ORTODOSSO

 

testo inglese tradotto da Joseph Giovanni Fumusa




 

IL SAN VALENTINO ORTODOSSO
Tratto da: https://www.johnsanidopoulos.com/2011/02/orthodox-saint-valentine.html
Traduzione a cura di Giovanni Fumusa.


L’antico martirologio della Chiesa di Roma segna il 14 Febbraio come giorno in cui si fa memoria del “martire Valentino, presbitero di Roma”. Sfortunatamente, i dati storici riferiti al Santo sono incompleti.

Il Martirio del Santo a Roma
San Valentino visse a Roma nel III secolo; fu un sacerdote che prestava aiuto ai martiri durante le persecuzioni dell’Imperatore Claudio II il Gotico. Le grandi virtù e le attività catechetiche del Santo divennero note e, per questo motivo, fu arrestato e portato dinanzi la corte imperiale.
“Perché, Valentino, vuoi essere amico dei nostri nemici e rigetti la nostra amicizia?” gli chiese l’Imperatore.
Il Santo rispose: “Mio signore, se conosceste il dono di Dio, sareste lieti assieme al vostro impero, rigettereste l’idolatria e adorereste il vero Dio e Suo Figlio, Gesù Cristo.”
Uno dei giudici fermò il Santo e gli chiese cosa pensasse di Giove e Mercurio. Valentino rispose senza mezzi termini: “Sono dei miserabili che hanno trascorso la propria vita nella corruzione e nella vergogna!”
Il giudice urlò furiosamente: “Costui bestemmia gli dei e l’impero!”
L’Imperatore, tuttavia, continuò porgli domande con curiosità, trovando una gradita opportunità di apprendere quale fosse la fede dei cristiani. Valentino trovò il coraggio di spingerlo a pentirsi per il sangue dei cristiani che era stato versato. “Credete in Gesù Cristo, accettate il battesimo e sarete salvati e d’ora innanzi la gloria del vostro impero sarà assicurata così come il trionfo dei vostri eserciti.”
Claudio si convinse e disse ai presenti: “Quale magnifico insegnamento predica quest’uomo!”
Il governatore della città, amareggiato, iniziò a gridare: “”Vedete come questo cristiano ha ingannato il nostro Principe.”
Quindi Claudio portò il Santo presso un altro giudice. Questi si chiamava Asterios ed aveva una figlia cieca da due anni. Sentendo di Gesù Cristo, di come Egli fosse la Luce del Mondo, chiese a Valentino se potesse donare quella luce alla figlia. San Valentino pose le proprie mani sugli occhi della bambina e pregò: “Signore Gesù Cristo, vera Luce, illumina questa bambina cieca.” Quale grande miracolo! La bambina riacquistò la vista! Il giudice, assieme alla sua famiglia, confessò Cristo. Dopo aver digiunato per tre giorni, distrusse gli idoli che si trovavano in casa e finalmente ricevette il Santo Battesimo.
Quando la notizia su questi avvenimenti giunse all’Imperatore, questi inizialmente pensò di non punirli, credendo che potesse apparire debole di fronte ai cittadini, obbligandolo così a tradire il suo senso di giustizia. Quindi San Valentino assieme ad altri cristiani, dopo essere stati torturati, furono decapitati il 14 Febbraio dell’anno 268 (o 269).

Le Reliquie del Santo ad Atene
Dopo il martirio, alcuni cristiani recuperarono il corpo del Santo e misero un po’ del suo sangue in una fiala. Il corpo del Martire fu spostato e sepolto nelle Catacombe di Santa Priscilla, luogo di sepoltura della maggior parte dei martiri. Lungo gli anni, il Santo fu in qualche modo “dimenticato” poiché ogni giorno, per decenni, venivano sepolti nuovi martiri in queste catacombe. La memoria del martirio di Valentino rimase tuttavia forte, particolarmente presso la locale Chiesa di Roma. Ufficialmente la memoria di S. Valentino fu stabilita nel 496 dal Santo Papa Gelasio.
Dopo quindici secoli giungiamo al 1815, quando la divina intenzione fu di “disturbare” l’eterno riposo del Santo. Le reliquie furono allora donate dal Papa ad un gentile sacerdote italiano (secondo gli usi di quell’epoca). Dopo di ciò, le reliquie “si persero” nuovamente fino al 1907, quando le ritroviamo a Mitilene, nella cattolica Chiesa di Nostra Signora. Pare che, alla morte del sacerdote, un suo discendente abbia ereditato le reliquie e che fosse emigrato a Mitilene, ai tempi una fiorente colonia di cristiani cattolici dell’Europa occidentale. Lì rimasero fino al 1990, quando furono trasferite ad Atene nella Chiesa dei Santi Francesco e Chiara, la chiesa della comunità italiana, dove si trovano tutt’ora.

San Valentino il Greco
Bisogna premettere che non vi sono notizie sufficienti sull’origine etnica del Santo, sebbene vi siano delle (tracce di) prove che il Santo fosse di origine greca. Ad esempio, la prima raffigurazione del Santo riportante l’iscrizione “O ΑΓΙΟC BAΛΕΝΤΙΝΟC”, in greco, si trova nella Chiesa di Santa Maria Antiqua, del VI secolo, che era la parrocchia dei greci a Roma. In questa chiesa i veneravano in particolar modo i santi di origine greca o, più generalmente, orientale. La decorazione ed il restauro della chiesa furono ordinati dal Papa greco Giovanni VII (705-707) e completati dai suoi successori, incluso l’ultimo Papa greco, Zaccaria (741-752). Probabilmente non è un caso che, dopo diciassette secoli, i resti siano giunti in Grecia. La questione necessita di ulteriori ricerche.

San Valentino: Patrono degli innamorati
Oltre agli scarsi dati storici che abbiamo riguardo la vita di Valentino, vi sono molte leggende, tra cui quella che lo indica come il santo patrono degli innamorati.
Il Santo aveva la fama di pacificatore e un giorno, mentre coltivava le rose nel proprio giardino, udì una coppia discutere in maniera accesa. Ciò sconvolse il Santo, il quale recise una rosa e si avvicinò alla coppia chiedendo di essere ascoltato. Sebbene fossero scoraggiati, obbedirono al Santo e successivamente fu offerta loro una rosa che li benedisse. Immediatamente tornò l’amore tra i due che successivamente chiesero al Santo di benedire il loro matrimonio. Un’altra tradizione dice che una delle accuse mosse contro Valentino fosse quella di non aver rispettato gli ordini dell’imperatore, secondo cui agli uomini che non avevano adempiuto agli obblighi del servizio militare non era permesso sposarsi; al contempo il Santo aveva benedetto i matrimoni tra alcuni giovani soldati cristiani e le rispettive mogli.
Oltre a tutto ciò, l’averlo scelto come “santo degli innamorati” è probabilmente da associarsi con la festa pagana dei Lupercalia, una festa della fertilità, celebrata dai romani il 15 Febbraio. Altri collegano la celebrazione di questa festa con l’accoppiamento dei volatili che avviene durante questo periodo dell’anno. Di certo, comunque, il Santo non ha nulla a che vedere con il commercio (e il marketing ad esso relativo) di fiori, regali e centri secolari che banalizzano quel grande dono di Dio che è l’Eros.

San Valentino e l’Ortodossia
Molti, tuttavia, obiettano il fatto che San Valentino non è menzionato da nessuna parte nel calendario della Chiesa Ortodossa. Infatti, nel calendario della Chiesa, il 14 Febbraio si fa memoria dei Santi Aussenzio e marone e dei martiri Nicola e Damiano. La spiegazione è semplice: anticamente gli elenchi agiografici, le biografie ed i martirologi furono scritti per essere principalmente utilizzati localmente e la fama e la reputazione che un santo ha a livello locale non è indice che queste si siano diffuse uniformemente in tutta la Chiesa. Quindi ci potrebbero essere santi molto onorati in una regione che sono dei completi sconosciuti in un’altra; un caso, ad esempio, è quello di S. Demetrio, noto in tutta la Chiesa orientale eppure non viene onorato affatto in Occidente, dove è pressoché sconosciuto, ma ciò non vuol dire che non sia un santo. Un altro esempio della Chiesa contemporanea: San Chrisostomos di Smirne (+ 1922) che è noto in Grecia, ma è totalmente sconosciuto in Russia, ma ciò non vuol dire che non sia un santo.

Onorare i martiri – Imitare i martiri
Onoriamo i nostri santi e S. Valentino quando imitiamo il loro coraggio nel proclamare la loro fede in Cristo il Salvatore, cosa che hanno fatto anche a costo delle loro proprie vite. Li onoriamo quando li supplichiamo di chiedere a Dio di avere misericordia di noi e di perdonare i nostri tanti peccati. Li onoriamo quando ne facciamo il nostro modello di vita in Cristo. Non onoriamo i santi quando misuriamo il loro “valore” con festività e divertimenti terreni neanche nelle circostanze migliori… Onorare i martiri è imitare i martiri!

 

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 11-08-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlYAYuO5 on line 37

i santi di domani 12-08-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlYAYuO5 on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP