Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




14.07: Memoria dei SANTI APOSTOLI E MARTIRI AQUILA E PRISCILLA DEI SETTANTA

 

testo inglese tradotto da Joseph Giovanni Fumusa




 

SINASSARIO DEI SANTI APOSTOLI E MARTIRI AQUILA E PRISCILLA DEI SETTANTA
Tratto da: https://www.johnsanidopoulos.com/2017/02/synaxarion-of-holy-apostles-and-martyrs.html
Traduzione a cura di Giovanni Fumusa

Il Santo Apostolo Aquila era oginiario dell’area del Mar Nero ed era un fabbricante di tende durante il regno dell’Imperatore Claudio (41-54). Aveva udito predicare il Santo Apostolo Paolo a Corinto ed il divino Paolo andò da Aquila, che si trovava a Corinto stessa. Come è scritto negli Atti: “Dopo questi fatti egli lasciò Atene e si recò a Corinto. Qui trovò un ebreo, di nome Aquila, oriundo del Ponto, giunto di recente dall'Italia insieme con sua moglie Priscilla, perché Claudio aveva ordinato a tutti i Giudei di lasciare Roma. Egli si unì a loro. Essendo del medesimo mestiere, andò ad abitare e a lavorare con loro. Infatti, di mestiere, erano fabbricanti di tende.” (Atti 18:1-3) Avendo dunque incontrato l’Apostolo Paolo, si fece battezzare con sua moglie Priscilla. Successivamente seguirono e servirono Paolo, affrontando insieme i pericoli e sopportarono tentazioni ovunque lo seguissero.
Paolo amava molto questi due Apostoli, principalmente per la loro virtù ed anche per la loro fede in Cristo, tanto da riferirsi ad essi tre volte nelle sue epistole. Nella sua Lettera ai Romani dice: “Salutate Priscilla e Aquila, miei collaboratori in Cristo Gesù, i quali hanno rischiato la vita per me; a loro non io soltanto sono grato, ma anche tutte le chiese dei gentili.” (Rom 16:3-4). In 1 Corinti scrisse: “Aquila e Priscilla, con la chiesa che è in casa loro, vi salutano molto nel Signore.” (1 Cor 16:19). Ed in 2 Tim: “Saluta Priscilla e Aquila.” (2 Tim 4:19). Così queste persone benedette condussero il loro servizio a Cristo e Paolo e compirono molti miracoli. In seguito furono catturati da alcuni miscredenti e decapitati, passando così dalla terra ai cieli. Sant’Aquila è celebrato separatamente anche il quattordici Luglio.

Apolytikion, Tono I
Come discepolo e compagno di Paolo hai ricevuto nell’anima la grazia della predica. Splendesti nell’oscurità dell’errore e hai lottato per la gloria del Signore. Sacro ministro del Salvatore, Aquila, noi ti acclamiamo.

Kontakion, Tono IV
La Chiesa ti ha ottenuto, o Aquila, tu che splendesti come un grande sole. Con lo splendore del tuo insegnamento, essa illumina quanti ti onorano con fede, o glorioso Apostolo del Signore.

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 01-10-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlniwtxY on line 37

i santi di domani 02-10-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlniwtxY on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP