Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




21.07: Memoria di San Costantino discepolo di San Benedetto e primo suo successore come igumeno del Monastero di Montecassino (verso il 560)

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

San Costantino discepolo di San Benedetto e primo suo successore come igumeno del Monastero di Montecassino(verso il 560)


Nei primi anni del 6° secolo San Benedetto aveva fondato 13 monasteri nell'area di Subiaco decidendo di stabilirsi come abate in uno di questi: San Clemente. San Benedetto fu tradito dal geloso sacerdote Fiorenzo che in un primo momento tentò di avvelenarlo e, in seguito, provò a condurre sulla cattiva strada alcuni fedeli monaci. Fu a questo punto che san Benedetto, insieme con i primi oblati benedettini Mauro e Placido ed altri devoti monaci si mise in viaggio per trovare un altro luogo da utilizzare come loro casa sacra. Il loro divino cammino li condusse intorno all'anno 529 giù nella Valle del Liri fino alla città di Cassino, una volta nobile e fiorente. San Benedetto distrusse gli idoli sulla vetta della montagna di Montecassino, convertì l'antico tempio pagano alla Cristianità trasformandolo in una chiesa dedicata a San Martino di Tours e edificò anche un oratorio dedicato a San Giovanni Battista. Questo fu l'inizio della costruzione dell'abbazia che sarebbe diventata poi uno dei più grandi ed autorevoli monasteri nel mondo.
La prima abbazia di Montecassino fu costruita dai monaci stessi: abbatterono gli alberi sulla cima della montagna e si procurarono i materiali per costruire insieme il nuovo monastero. Inglobarono la torre ed altre mura dell'antica acropoli nella loro struttura e così, molto presto, la popolazione di Cassino cominciò ad aiutarli nello sforzo della costruzione e in ogni modo in cui poteva. San Benedetto supervisionò questo processo di costruzione proteggendoli dalle presenze maligne che notò sull'area originaria del tempio pagano, compiendo anche alcuni miracoli come quello di salvare la vita a Severo, un monaco schiacciato dalla caduta di un muro.
La giovane abbazia crebbe sia nel numero di abitanti sia nella reputazione. Vennero accolti molti visitatori: ospiti come Tertullo, il padre di Placido, i poveri ed affamati dai vicini paesi, e novizi. La devota sorella di San Benedetto, Santa Scolastica, fece spesso visita al fratello in una chiesa vicina a Montecassino e nel monastero a Piumarola del quale lei era badessa. San Benedetto morì nella metà del 6° secolo a Montecassino ma le idee espresse nella sua Regola e i suoi devoti seguaci in tutto il mondo gli sopravvissero. I suoi resti mortali, insieme a quelli di sua sorella Santa Scolastica riposano in un santo sepolcro all'interno della Cattedrale di Montecassino
San Gregorio Magno fu l'autore del primo resoconto biografico della vita di San Benedetto scritto tra il 593 e il 594. I Dialoghi di San Gregorio sono una serie di libri inerenti la vita di Santi italiani, abati, diaconi, suore, vescovi e sugli aspetti della vita dopo la morte (paradiso, inferno e purgatorio). Il secondo dei quattro libri è interamente dedicato a San Benedetto da Norcia. Questa biografia si è dimostrata di grande importanza per la comprensione non solo della vita di San Benedetto ma anche degli inizi di Montecassino. Il libro è diviso in 38 capitoli e descrive i numerosi eventi e miracoli che accaddero durante la vita di San Benedetto e di sua sorella Santa Scolastica che, come spiega San Gregorio, gli furono raccontati dalle persone che erano più vicine al Santo:
"Non potrei conoscere tutti i fatti rilevanti e le azioni della sua vita: ma quei pochi, che ho intenzione di riportare ora, li ho saputi grazie a quattro dei suoi discepoli; Costantino, un uomo piuttosto prezioso e rispettoso che fu abate dopo di lui”

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 09-08-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlTDu5kH on line 37

i santi di domani 10-08-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlTDu5kH on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP