Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




24.07: Memoria di San Fantino il Vecchio, conosciuto anche come il Cavallaro (in greco Ἱππονομεύς) o il Taumaturgo.

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

San Fantino il Vecchio, conosciuto anche come il Cavallaro (in greco Ἱππονομεύς) o il Taumaturgo.

Tratto da
http://www.oodegr.com/tradizione/tradizione_index/vitesanti/fantinocavallaio.htm

Dalla Sicilia continentale – all’incirca, l’attuale provincia di Reggio Calabria – il culto di san Fantino si diffuse in tutta la Grande Grecia, per raggiungere poi i popoli slavi (passando per Tessalonica) e il Nord-Est della penisola italica: al santo cavallaio, creduto cavaliere, è dedicata una delle più antiche parrocchie di Venezia – in Campo San Fantin – e, curiosamente, la locale confraternita degli skaleteri, i pasticcieri.
Di lui, tuttavia, non si sa molto di più di quanto si può leggere nel cànone per la festa, composto dall’innografo san Giuseppe di Siracusa, il quale – a sua volta – s’ispirò a una Narrazione anteriore, opera del vescovo Pietro di Tauriana (RC)[1]. Anche questi non disponeva che di pochissimi dati biografici, e poteva testimoniare solo della continuità del culto. Il suo Racconto – da cui è fedelmente tratto il nostro testo[2] – è, comunque, fondamentale per la conoscenza d’uno dei più noti tra i santi nati in quella porzione dell’Impero romano che oggi chiamiamo “Italia Meridionale”.



Narrazione del vescovo Pietro, sulla vita e i miracoli di Fantino, glorioso servo di Cristo
Tenere nascosto il segreto del re è cosa bella, ma aver manifestato il segreto di Dio è cosa gloriosa, com’è stato scritto; passare sotto silenzio le meravigliose opere di Dio apporta pericolo all’anima. Noi, dunque, per non passare sotto silenzio le cose divine, non abbiamo giudicato giusto tralasciare una narrazione sacra, utile all’anima e tramandata fino a noi. Abbiamo giudicato d’esporla chiaramente, come l’abbiamo udita dai nostri padri, affinché, col passare del tempo, le cose belle non diventassero evanescenti o finissero dimenticate nelle profondità dell’oblio. Ossequienti alla verità, anche se con pedestre discorso, narriamo le cose come stanno.
Questo famoso servo di Dio fu chiamato “Fantino” poiché conveniva che egli fosse chiamato con un nome splendido, affinché fosse chiaro a tutti che quell’uomo piissimo era partecipe della divina luce[3]. Questo servo di Dio fu servo d’un tale a nome Balsamio; tuttavia, in virtù della luce divina a lui tributata dalla potenza di Dio, giunse alla somma venerazione e all’amicizia di Dio. Egli era in occulto vero cristiano[4], osservando incorrotti i precetti di Dio, astenendosi da ogni cattiva azione, assiduo ai digiuni e alle preghiere. Conversando, notte e giorno, con Dio per mezzo della preghiera, conduceva quasi vita ascetica. Lo stesso abbiamo appreso dalla Scrittura riguardo a Mosè: “mentre pascolava le greggi di Jothor, suo suocero, sacerdote di Madiam”, nella solitudine, fu reso degno della divina visione di Dio, per mezzo dell’apparizione della Luce nel roveto, ed egli – divenuto conversatore di Dio – compì meravigliosi miracoli. Cosi accadde anche a questi: essendogli stato affidato dal suo padrone un gregge di cavalli, per condurli al pascolo, viveva sui monti e in luoghi solitari, scegliendo la solitudine e la quiete[5] per supplicare diligentemente Dio e a lui tendere la mente. Pertanto, guidava i cavalli spingendoli da pascolo in pascolo e da acque ad acque, in pianure ricche d’erbe, per presentarli al padrone belli all’aspetto ed eccellenti. Adempiva a questo suo dovere con molta fede e timore, compiendo il detto del divino Apostolo: “Servi, obbedite ai vostri signori secondo la carne con timore e tremore, nella semplicità del vostro cuore, come a Cristo; non servendo per farvi vedere come chi vuole piacere agli uomini, ma come servi di Cristo”. Il beato, perseverando nella preghiera con molti digiuni, fu reso degno della Grazia Divina, anche perché era molto amico del prossimo e misericordioso. Il beato era piissimo verso i poveri: provandone pietà e non avendo niente da dare loro, perché servo, nel tempo della mietitura trebbiava le messi dei bisognosi e dei poveri e ciò nelle notti, per non turbare il proprio padrone, e arrecargli danno.
Mentre il beato era così disposto verso i poveri, il diavolo – nemico del bello – volle privare i poveri di quell’aiuto: istigò uomini amanti del male ad accusarlo falsamente. Dicono al padrone: “Perché il tuo servo Fantino affatica i cavalli, trebbiando il grano a conoscenti e amici?” Egli, avendo udito queste cose ed essendosi adirato, s’alza e va a vedere se era vero. Ma il beato Fantino, avendo saputo in spirito che il suo padrone si avvicinava, batté i covoni con il frustino che teneva in mano, e questi apparvero come erba nel campo. I cavalli riposavano sull’erba ed egli, sdraiato al suolo, fingeva di dormire. Essendo sopraggiunto il suo padrone e avendo visto – era luna piena – che lui e i cavalli erano sdraiati sull’erba nel campo, rivolse la parola al beato: “Che cosa fanno i tuoi cavalli, Fantino?” Ed egli, come svegliandosi, s’alzò e rispose: “Ecco, mio signore, come vedi, riposano sull’erba”. Quegli, avendo udito queste cose e avendo visto con i propri occhi, se ne andò. Quei nemici del Bello, vanno di nuovo da Balsamio: “Perché permetti che il tuo servo stanchi i cavalli per le fatiche altrui? Li ha resi brutti all’aspetto e magri di carne! Se vuoi avere soddisfazione, va’ e vedi”. Subito si alza e va a vedere, ma il santo, finito il lavoro, montò a cavallo e si allontanò, spingendo avanti la mandria per attraversare il fiume che scorreva vicino.
Questo fiume, chiamato “Metauro”, è di corso pericoloso; a volte, infatti, specie nel tempo invernale, la sua corrente si spinge in modo inarrestabile[6]. Fu chiamato Metauro, io penso, dal verbo “scorrere”[7]. Vi è anche un’altra opinione: un tale, chiamato Tauro, fu il fondatore della città chiamata “Tauriana” dal suo nome[8]. Non fu una città oscura, ma molto famosa, e i suoi ruderi e le testimonianze rimangono fino a oggi e si trovano qua e là, su entrambi i lati del fiume e rivelano l’antica grandiosità e il suo splendore, anche se il centro è disabitato a causa delle devastazioni avvenute in tempi recenti[9]. Per il fatto che il fiume passa in mezzo alla città di Tauro, fu chiamato ed è detto Metauro.
Il santo, dunque, volendo passare questo fiume con i cavalli, come s’è detto, per riportarli alla loro stalla, e vedendo che ovunque tracimava dalle rive, sapeva che non sarebbe stato facile attraversarlo con i cavalli. Ma vedeva che il suo padrone lo inseguiva. Come il grande Mosè, alzò il frustino e percuotendo l’acqua del fiume, disse: “Fermati, Metauro! Passa Fantino, servo di Dio”. L’acqua si fermò di qua e di là; e il santo passò con i cavalli come su terra asciutta. Il suo padrone, che lo inseguiva alle spalle come Faraone, si mise a gridare: “Abbi pietà di me, servo di Dio altissimo, e fa’ che io venga a te”. Il suo cuore, anche se lo inseguiva, non rimase duro come quello di Faraone, ma giunse subito alla conoscenza di Dio. Il santo poi, avendo pregato anche per lui, fece sì che anche quello passasse al di là come per terra solida e subito l’acqua si fermò nel proprio alveo. Allora Balsamio, avendo visto questo miracolo, cade ai piedi del santo, chiedendogli perdono e dicendo tra le lacrime: “Ora so che veramente tu sei servo di Dio; d’ora in poi tu sei mio signore e padrone”.
Alla verga che il santo reggeva, era legata una striscia di pelle: i cavallai portano di questi frustini, chiamati “taure”. Il prodigio compiuto da questo santo fu pari al miracolo del bastone di Mosè, e pari a quello della frusta di pelle d’Elia. Mosè percosse col bastone il Mar Rosso; Elia col mantello, e passò a piedi asciutti il fiume Giordano. Il meraviglioso beato imitò le loro virtù e fu reso degno degli stessi carismi. Infatti, la veste servile non fu d’impaccio a lui, che serviva con la mente Dio e che aveva il desiderio rivolto a lui e imitava Cristo che, per causa nostra, ha preso la forma di un servo e ha svuotato se stesso fino alla morte. Niente, infatti, impedisce colui che vuole vivere rettamente, anche se gli sia toccato in sorte di essere sotto il giogo della servitù: come Giuseppe, poi creato principe di tutto l’Egitto, o il famoso apostolo Onesimo. Non v’è, infatti, nessuna preferenza presso Dio. Il divino Apostolo dice: “In Cristo Gesù non vi è né Greco né Giudeo, circoncisione o prepuzio, barbaro, Scita, schiavo, libero, né maschio né femmina, ma Cristo, tutto e in tutti”.
Questa la vita, queste le opere, questi gli splendidi miracoli e i fatti celesti del tre volte famoso e tre volte beato Fantino. Il grande atleta della fede nacque da questa patria, ed anche se fu partorito da un ventre servile, è certamente nostro; perciò noi lo amiamo e mentalmente lo abbracciamo, perché è un ornamento della nostra casa. Originario della nostra terra, ha dato come godimento alla propria genitrice e nutrice il premio di carità, invitando i volenterosi all’emulazione e all’imitazione della sua vita. Quale poi sia stata la morte del beato e illustre, e quale la fine della sua vita, non sappiamo esattamente. Neppure l’abbiamo appreso per sentito dire, eccetto che le sue sacre reliquie – conservate presso di noi come rimedio d’ogni morbo – continuamente producono guarigioni, restando sorgente di miracoli e medicamento d’innumerevoli mali. La morte di Mosè fu famosa e la sua sepoltura, invece, sconosciuta; di questo santissimo uomo accadde il contrario. La sua morte fu preziosa agli occhi di Dio, ma è rimasta ignota a noi fino ad oggi; la tomba, invece, è rimasta, manifesta e nota, sgorgando – qui, nel suo tempio – come una fonte perenne di grazie per chi accorre con fede.
Alcuni – a causa dei grandi miracoli compiuti anche dopo la morte – pensarono che Fantino sia stato martirizzato. Se il santo non fosse finito martire, dicevano, come sarebbe stato degnato da Dio di tante e tali grazie? Non rettamente, io penso, essi giudicano. Quale opera di virtù ha compiuto Mosè, prima dell’apparizione di Dio nel roveto? Il famoso Eliseo, quale lotta affrontò, perché un morto risuscitasse al solo tocco delle sue ossa? Quali lotte ha sostenuto lo stesso beato Elia, che fu assunto in cielo senza essere morto? A Mosè vediamo unita la mitezza, a David ed Eliseo la semplicità, a Giacobbe ed Elia lo zelo, insieme con la povertà, pietà e familiarità con Dio. Tutte queste cose, primizie di virtù, sono indizi di sangue, che è segno di fede fervente, per mezzo della quale operavano prodigi. Anche il patriarca Abramo fu giudicato dalla sola fede. Geremia, poi, il più misericordioso dei profeti, anche prima della nascita era noto a Dio e fu santificato prima di uscire dal seno materno. Tralascerò quel famoso Amos, che, pur essendo capraio, fu reso degno del dono della profezia, mentre raccoglieva more? Tralascerò David, profeta e re? Il Signore Dio lo trasse dai pastori di greggi per pascere Giacobbe, suo servo, ed Israele, sua eredità. Dio non gradisce la moltitudine dei doni o dei travagli, ma gli affetti di un animo sincero in una fede autentica. Le cinque vergini stolte, dopo molti sudori e fatiche ascetiche, dopo essersi mantenute vergini, furono lasciate fuori del regno dei cieli a causa del difetto di carità e d’umiltà. Questi difetti, infatti, sono testimonianza d’animo feroce ed empio: anche Giovanni il Precursore paragonò gli empi e ingrati Giudei ai serpenti, per il loro difetto di carità. Che cosa, poi, nello spazio di un momento, fece erede del paradiso il sanguinario ladrone, se non la vera conoscenza di Dio e la salda fiducia, in un animo prudente e sincero? Noi non escludiamo, tuttavia, che il santo abbia ricevuto la corona di martire: se Dio l’avesse chiamato, come non si sarebbe dato volentieri al martirio? Se le cose sono avvenute come è stato detto anche a noi, deriva duplice vanto per la doppia corona del nostro atleta, giacché è nostro perché è nato da noi.
Ma poiché abbiamo fatto menzione degli altri miracoli, compiuti dal santo dopo il deposito del corpo e la salita al cielo, li aggiungeremo alla presente narrazione: non scriviamo queste cose seguendo favole di vecchiette, ma essendo stati testimoni di alcuni.

Di un tale richiesto della restituzione di un debito
Vi fu un uomo di nome Teodoro, insigne per pubbliche dignità. Questi, una volta, era trattenuto in Sicilia dal giudice, a Siracusa, e aveva mandato a Tauriana uno dei suoi servi per portargli le carte che aveva, tra le quali credeva esserci la ricevuta d’un prestito d’oro di cui doveva rispondere. Pur avendo molto cercato, non poté trovarla; cominciò allora a piangere e lamentarsi: “Fantino, santo di Dio, aiuta me infelice!” Venuta la notte e avendo preso sonno, vede in sogno il santo, che veniva in aspetto di cavaliere, col cavallo grondante sudore come se venisse da lungo viaggio. Il cavaliere gli dice: “Che hai, e perché ti rattristi?” E quegli: “Mi viene richiesto oro che non ho sottratto, signor mio, e temo che non debba essere venduto con tutta la mia casa!” Il santo a lui: “Dio sa che per te io sono venuto da tanto lontano: il mio cavallo è tutto bagnato di sudore”. Gli chiese quello: “E chi sei, signor mio?” Il santo rispose: “Sono un tuo vicino, della Calabria, di Tauriana, vicino alla casa del tale prete. La ricevuta che cerchi si trova in quel tal libro, all’ultima pagina”. E si allontanò: il santo celò il proprio nome, indicando soltanto il proprio tempio, dove sono deposte le sue preziose reliquie, perché i santi conservano anche dopo morti la modestia che hanno avuto in vita. Teodoro, essendosi alzato e avendo scrutato il libro indicatogli in sogno dal santo, ritrovò in quello la ricevuta che cercava. Avendola mostrata al giudice, fu liberato senza pena. Da quel giorno celebrava ogni anno la ricorrenza del santo, fornendo olio sufficiente per l’illuminazione del tempio.

Di un tale affetto da scabbia
Niceta (figlio di chi mi raccontò queste cose), arcidiacono della nostra santa Chiesa, mi raccontò un altro miracolo. Mi diceva: “Da ragazzo, ebbi il corpo tutto ulcerato dalla scabbia. Quelli di casa mi trasportarono al santo. In quella stessa notte vedo in sogno il santo, che mi stava vicino. Insieme con lui stavano due altri uomini in abito vescovile e che il santo chiamava per nome, l’uno Giorgio, l’altro Giovanni. Questi avevano ricevuto il titolo di vescovi della nostra santa Chiesa Cattolica del luogo, e i loro corpi giacciono nel tempio del santo, ciascuno nel proprio tumulo. Io vidi, ripeto, che essendo usciti dai propri sepolcri, si accostavano al santo, il quale, avendoli ricevuti ed essendo venuto nel luogo dove io giacevo, mi disse: – Alzati! Io subito mi alzai. Mi dice: – Spogliati! Mi tolgo una delle vesti. Di nuovo dice: – Spogliati!. Mi vergognavo, ed egli mi dice con voce grave: – Spogliati!. Mi tolgo la camicia e rimango nudo. Di nuovo mi dice: – Spogliati!. Rispondo: – Non ho più nulla da togliere, signor mio!. Mi dice severamente: – Ti ho detto di spogliarti!. Allora afferro con le mani la pelle del mio corpo, e mi sforzo di staccarla. Tiro con le due mani, e levo tutta la pelle come se fosse stato un mantello, e la getto a terra. Allora il santo mi dice: – Ecco, sei diventato sano; vestiti e vattene a casa tua. Mi sveglio, e vedo che ero guarito dalla malattia”.

Intorno ad uno spergiuro
Un tale aveva preso in prestito tre nomismi ma, richiedendo il creditore la restituzione del debito, negava dicendo di non avere preso nulla da lui. Quegli, dunque, vedendo che questi non voleva pagare, gli dice: “Giurami per san Fantino che non mi devi nulla”. Essendo, dunque, andati entrambi nel tempio del santo, il miserabile giurò per la tomba del santo che nulla egli doveva. Subito lo sciagurato mandò fuori l’anima, giacendo misero e infelice spettacolo agli occhi dei cristiani.

Intorno ad un podagroso
Un altro dei grandi della città, avendo male ai piedi, va al santo. E in quella stessa notte, mentre dormiva, uno dei suoi servi vede in sogno i piedi di lui legati e stretti con cinghie fino alla gamba, come i pastori, e si chiedeva che cosa ciò significasse. Mentre ancora pensava, vede un uomo d’aspetto venerando, che si avvicinava al luogo, dove giaceva il. suo padrone; a quell’uomo poi veniva dietro un ragazzo, verso il quale l’apparizione disse: “Chi è costui?” Rispose: “Il tale, signore”. Allora quell’uomo dice al ragazzo: “Slegagli i piedi”. Lo slegò, e il santo disse: “Lascialo andare”, e scomparve. Al mattino l’uomo, essendosi svegliato sano, ritornò felice a casa e, avendo apprese queste cose dal suo servo, le raccontò a noi, glorificando Dio.

Di una bambina guarita dalla cecità
Una bambina di circa due anni, colpita dall’invidia e dall’incantesimo del demonio, nemico del bello, si trovò cieca. Subito suo padre la condusse al santo. E in quella medesima notte, mentre con la sua bambina dormiva nel venerabile tempio del santo, le porte si misero a sbattere. Il nonno della bambina, avendo sentito lo strepito, va ad aprire ma, non avendo visto nessuno, chiuse e si sdraiò nel suo giaciglio. Le porte di nuovo cominciarono a sbattere, e così fino al mattino. Quello capì che era venuto il demonio, e che il santo non gli aveva permesso di entrare nel tempio: alcune serve, che entravano nel tempio a tarda sera, l’avevano visto sotto l’aspetto di un grosso cane, fermo fuori della porta. Nella terza notte, dopo il Mattutino, mentre faceva giorno, improvvisamente la bambina aprì gli occhi e riconobbe il papà, che la condusse a casa, glorificando Dio. Questa bambina, poi, essendo cresciuta, e risplendendo nella purezza e verginità, a trenta anni fu resa degna d’essere igumena del monastero del santo. Si chiamava Gregoria.

Intorno al medico David
Vi fu un tale di nome David, di professione medico, Siro di nascita, di religione cristiana. Soffrendo molto agli occhi, non poteva vedere neppure un muro: non poteva curare se stesso e stava per accecare totalmente. Va al santo, ed essendo sceso nel sepolcro inferiore, nel luogo in cui si diceva giacessero prima le venerabili reliquie del Santo, vede un poco d’acqua, che usciva da un buco: il posto è umido[10]. Avendola presa ed essendosi lavato, subito riacquistò la vista e se n’andò glorificando Dio.

Un sacerdote malato
Un eunuco, sacerdote, ci raccontò: “Da giovane, mi venne una gravissima infermità ai piedi. Trasportato al tempio di san Fantino, vi rimasi non pochi giorni e pregavo il santo, dicendo: – Santo di Dio, che hai avuta pietà di molti e li hai soccorsi, abbi pietà anche di me, tuo servo, e liberami da questa malattia. Una notte, vedo in sogno salire dal sepolcro inferiore un giovane bello d’aspetto, avvolto da una clamide, le gambe avvolte da rossi legacci, i sandali ai piedi. Lo precedeva un ragazzo che teneva anche nella mano una lampada. Salito dal sepolcro, entrò nel Santuario e, dopo aver pregato, venne dove io giacevo e disse al ragazzo: – Chi è costui? Rispose: – Un malato, signore. Dice il santo: – Non ha nessun male. E mi dette un incenso odoroso, dicendo: – Alzati, sei guarito. Poi si allontanò attraverso la porta occidentale, uscendo nel portico del tempio. Subito svegliatomi, odorai dalla mia mano come un grande profumo, e liberato dalla malattia, me ne andai a casa glorificando Dio”.

Di un languido
Un uomo era portato da quattro persone in un lenzuolo per il fatto che le sue membra erano illanguidite, al punto che non poteva neppure girarsi nel letto, se non con l’aiuto di altri. Trasportato dai suoi, fu posto nel portico del Santo. Noi lo abbiamo visto guarito in pochi giorni: con le proprie mani coltivava la terra poiché era agricoltore.

Di un tale sofferente al femore per la sua incredulità verso il santo
Un certo Andrea, eminente nel Consiglio cittadino degli Ipati, superbo e arrogante, per stoltezza e leggerezza, oltraggiava il Santo: “Chi è mai questo santo Fantino? Un servo, un Cavallaro!” Accadde poi che egli, uscito a caccia, cadde da cavallo e si ruppe un femore. Essendosi pentito, supplicava il Santo di venirgli in aiuto. Guarito per la misericordia del santo, glorificò Dio: “Davvero questi è un taumaturgo!” Da quel giorno, ogni anno celebrava la memoria del santo, apparecchiando una splendida mensa con molta abbondanza.

Di una fanciulla vessata dal demonio
Una giovane vessata dal demonio immondo, venne portata al santo e consegnata alla igumena del monastero, la quale, avendo sinceramente compassione della bambina, pregava per essa e supplicava il santo con tutte le consorelle. Noi abbiamo fatto la Preghiera e, attingendo dalla lampada del santo, l’abbiamo unta in tutto il corpo con l’olio santo: da quel giorno l’abbiamo vista sana. Essa, poi, rimase nel monastero seguendo vita ascetica.

Attorno ad un indemoniato
Un indemoniato, venuto nel tempio del Santo e avendo ricevuto la guarigione, diceva: “Da sei anni vivevo agitato dall’immondo demonio; per la benevolenza del santo, Dio mi ha salvato”.

Del monaco Teoctiste
Un monaco chiamato Teoctiste, eunuco, abitò da forestiero in questo luogo. Egli mi narrò: “Un giorno, essendomi addormentato, mi sembrò di essere nel tempio del santo e di cantare con le sorelle i consueti inni mattutini. Mentre noi cantavamo, ecco un giovane di buona statura, dai capelli neri e con le chiome non lunghe o sciolte, ma non ricce, molto bello, che aveva in mano un bastone. Si fermò vicino all’igumena, cantando con noi. Egli si appoggiava al bastone, nel quale erano scritte le seguenti parole: Sorgi, o Signore, aiutaci, e liberaci in grazia del tuo nome. A un certo punto, essendosi seduto, così cantava; allora l’igumena gli disse: – Signore, dai nostri padri non abbiamo ricevuto la tradizione di stare seduti durante la salmodia! E il giovane: – Lo so che non c’è questa tradizione, ma dai miei così facciamo. Gli dice allora l’igumena: – Di dove sei, mio signore? Egli rispose: – Sono di qui! E, indicando il tempio, aggiunse: – Questa è casa mia, ma finora non ero qui. E alzatosi, se ne andò verso il lato destro del tempio, in direzione di oriente. Di nuovo, però, l’igumena gli dice: – Vai via, mio signore? Egli rispose: – Sì, me ne vado perché sono stato inviato a un servizio e ho fretta di condurlo a termine; ma tornerò di nuovo ed allora rimarrò con voi. Allora l’igumena gli dice: – Prega per noi. Ed egli, voltatosi ed avendo fatto il segno della venerabile e vivificante croce, si allontanò, procedendo verso la parte orientale del tempio. lo, poi, essendomi svegliato, glorificavo Dio”. Avendo udito dal monaco queste cose, segnai il mese, la settimana e il giorno e trovai che il terribile e singolare miracolo era avvenuto nei medesimi giorni.

Intorno a un’offerta d’olio
Approssimandosi la festa della Santa Pasqua ed essendo l’igumena in preoccupazione a causa dell’olio, poiché nel monastero non ne aveva affatto, intorno all’ora sesta del giorno, ecco un uomo il quale, portando sulle spalle un vaso pieno di olio della capacità di circa dodici sestari, dopo averglielo consegnato, dice: “Il santissimo vescovo di questa città ha mandato quest’olio per san. Fantino. Accadde, infatti, che quello, navigando verso la patria, corse pericolo in mare, ed essendo giunto nel mare davanti al tempio del santo, rivolse preghiera al santo e si salvò per l’aiuto di questi dalle onde del mare. Per questo ha mandato quest’olio”. L’igumena, avendo preso l’olio, appagò le necessità e il decoro della chiesa nella santa e solenne giornata della risurrezione del nostro Signore.

Di una bimba morta
Una bambina di circa quattro anni venne portata dai suoi genitori nel tempio del santo e suo padre la presentò al sepolcro del santo. L’igumena la allevò nel monastero, le insegnò la Sacra Scrittura e la istruì nella vita ascetica. Avendo vissuto per un certo tempo nel monastero, accadde che questa si ammalasse. I genitori (non abitavano lontano dal monastero) la servivano. Essendo per morire, disse alla madre: “Mamma, ecco san Fantino!” E quella le domanda: “E dov’è, figlia mia, san Fantino?” La fanciulla diceva: “Ecco dove sta; non lo vedi?”. E subito mandò fuori lo spirito.

Di una donna in estrema malattia
Una donna era vicina alla morte. Portata dai suoi familiari nel sacro tempio del santo, giaceva senza voce ed esanime. Il Dio delle meraviglie la resuscitò e la pose di nuovo tra i viventi. E quella, ottenuta la guarigione, essendo andata nel venerabile tempio del santo, dava voci di ringraziamento, avendo offerto sacro incenso al sepolcro del santo.

Della luce apparsa nel sepolcro del santo
Una mattina, l’igumena entrò con tutte le sorelle nel tempio del santo per elevare a Dio il consueto inno mattutino. Era già sorta l’aurora e risplendeva ormai il giorno, quando la salmodia era alla fine ed era stato intonato da tutte le suore a alta voce il continuo Kirie eleison dell’apolisi mattutina e tutte tenevano le mani levate verso Dio, dal Santuario improvvisamente come una fiammella che – ingrossando a poco a poco – riempì di luce tutto l’altare, nel quale giacciono le veneratissime reliquie del santo. Le coriste rimasero mute e immobili né più furono capaci di cantare per il grande sbigottimento, né potevano fuggire. La luce rimase visibile sull’altare per un’ora intera, poi sparì e tutta la chiesa si riempì di una grande fragranza. Subito le sorelle uscirono di corsa dalla chiesa, con timore e con grande letizia.
Essendosi divulgato questo miracolo, un uomo dei dintorni, a nome Salomone, mi raccontò un fatto simile. “Un giorno, scendendo dalla montagna con un amico, ed essendo già venuta la sera, siamo giunti al tempio di san Fantino che si trova nella discesa del monte, per riposare là. Quelli che abitano nei dintorni avevano costruito questo tempio per gloria di Dio e in onore del santo laddove si dice che il santo visse a lungo, pascolando i cavalli. Vicino, vi è l’ara di san Fantino, dove fu costruito un oratorio del santo. Mentre riposavamo, sdraiati fuori di quel santo tempio, verso mezzanotte, vedo chiaramente in sogno molti uomini vestiti di bianco, montati su cavalli, i quali, essendosi avvicinati ed essendo scesi da cavallo, entrarono nel tempio. Vedevo la chiesa riempita di luce, mentre quelli cantavano ad alta voce. I cavalli rimasti fuori, nitrivano. Fuori di me per la paura, rimasi immobile. Essendo già trascorsa un’intera ora ed essendo terminato il canto di quelle apparizioni di uomini biancovestiti, svegliatomi, mi vidi solo giacente in quel luogo col mio compagno, mentre il tempio era da ogni parte chiuso”. Queste cose ci narrò quell’uomo piangendo. Noi, poi, avendole ascoltate, indagammo il tempo e il giorno, e scoprimmo che questo visibile miracolo era avvenuto nel medesimo giorno in cui era avvenuto nel venerabile tempio, dove giace la preziosa e venerabile reliquia del santo[11].

Intorno agli Agareni catturati
Ciò che poco mancò non mi sfuggisse, questo porrò come conclusione alla narrazione, perché tutti quelli che abitano questa città l’hanno in bocca, avendola ricevuta dai loro padri. Una volta gli empi Agareni vennero dall’Africa, con navi e con molte forze, per distruggere e saccheggiare le città e le regioni dei cristiani, mentre tutto il popolo era convenuto da ogni parte – secondo la tradizione – per festeggiare la memoria del santo, il 24 luglio. Le navi di quegli atei mossero contro questa regione, ed essendo apparsa una di esse nel mare davanti al tempio del Santo, improvvisamente una tempesta di vento sconvolse il mare. La nave, sospinta dalla forza e sbattuta dalle onde contro gli scogli, si fracassò. Alcuni nemici perirono nel gorgo, altri furono catturati vivi. Questi dissero: “Essendoci avvicinati a questo luogo, abbiamo visto su uno scoglio un giovane che aveva nella mano una fiaccola accesa. Vicino a lui stava una donna, vestita di porpora, e al suo cenno il giovane scagliò ciò che teneva in mano contro la nave, e subito la nave fu sommersa”. Quelli che erano riuniti per la festività del santo, glorificarono Dio. Gli Agareni catturati, chiesero il battesimo e diventarono cristiani, non desiderando più ritornare nella loro patria.

Di un tale nel baratro della tempesta
Racconterò brevemente le cose accadute alla mia piccolezza e nullità e che, per grazia di Dio, ricevettero dal santo felice risultato. Nel primo anno di regno di Leone l’Eretico [circa 717\8], io e altri siciliani fummo mandati dal comandante militare della Sicilia come ambasciatori all’Imperatore, per la correzione di capitoli riguardanti il paese ed insieme il suo regno. Avendo trovato una nave che si recava a Bisanzio, ci imbarcammo su di questa e, partiti dalla Sicilia, mentre navigavamo al largo del mare con molta serenità e vento favorevole, si abbatte su di noi un vento tempestoso. Esso è detto Euroclido, e suscitò una grande e insopportabile tempesta. Mentre il mare si gonfiava per la violenza del vento, i nocchieri avvolsero le vele della nave e, portati dentro i timoni e allentate le corde sulla prora della nave, la lasciarono andare. La nave veniva spinta nella tempesta. Noi, dunque, così travagliati, trascorremmo tre giorni e tre notti in molta tribolazione e dolore d’animo, invocando la Vergine Madre di Dio, sant’Emiliano e tutti gli altri Santi, tra i quali anche san Fantino, affinché – essendo uno dei nostri – ci venisse in aiuto. Mentre mandavamo a Dio preghiere con lacrime e lamenti, perché avesse pietà e ci salvasse da quella grande necessità, dopo il terzo giorno, il diacono che era con me vede in sogno san Fantino, nel medesimo aspetto e nella medesima forma con cui suole apparire, che veniva rapidamente sulle onde come se fosse un corridore montato su un forte cavallo, e che, essendosi fermato sulla prora della nave, percosse per tre volte il mare con un frustino, che teneva nella destra. Il diacono, svegliatosi, raccontò a tutti noi le cose a lui apparse: diventammo lieti e mandammo voci di ringraziamento a Dio. Immediatamente il mare si calmò.

Intorno a un miracolo avvenuto a Costantinopoli
Accadde che io fossi mandato ambasciatore all’Imperatore. Giunto a Costantinopoli ed essendo stato accolto dall’Imperatore e con lui pranzando, alcuni uomini invidiosi turbarono la sua mente contro di noi. Stava per disporre cose terribili verso di noi, particolarmente verso di me per il fatto che io ero il capo dell’ambasceria. Mi aspettavo esilio e severa pena, e cominciai, dunque, a dolermi gravemente e invocavo Dio, affinché mi salvasse. Quella notte il diacono che era con me, ebbe in sogno questa visione: credeva di essere nel Palazzo e di vedere l’imperatore, seduto nella Magnaura, che mi minacciava e diceva: “Prendi quel che mi hai dato, perché non ho bisogno di te”. Dicendo queste cose, tirava fuori alcune monete d’argento. Intanto vide un vecchio – che somigliava a un illustre abitante della nostra città – avanzare e dire: “Va’ e digli di non temere; parlerò io all’imperatore”. Il diacono, svegliatosi, essendosi fatto ormai giorno, venne da me e mi raccontò il sogno. Allora andai a Palazzo con buon animo. Subito chiamato dall’imperatore ed avendo pranzato con lui, dopo aver ricevuto da lui grandi doni, fummo licenziati con grande gioia, glorificando Dio, perché a lui si conviene la gloria.

Pubblicato originariamente in: http://digilander.libero.it/ortodossia/Fantino.htm


[1] Anziché di Pietro vescovo, narrazione si lesse erroneamente di Pietro, vescovo occidentale (leggendo dhitiku anziché dhiighisis), e alcuni eruditi trassero la bizzarra conclusione che l’episcopato calabro-siculo, all’epoca, era “occidentale” e – persino – latino e cattolico.
[2] Il testo greco – con traduzione in latino e italiano – è stato (malamente) edito da V. SALETTA, Vita sancti Phantini confessoris, Roma 1963.
[3] Il vescovo Pietro, nella Calabria dell’VIII secolo, non sente più il nome come latino, e pensa sia derivato dal greco faos, luce, splendore. Gesuiti siciliani lo ritennero un diminutivo (piccolo fante) e favoleggiarono d’un Fantino siracusano, figlio di Fantios e Dominata, ritenuti sposi e martiri sol perché le loro sepolture furono trovata nelle catacombe di Siracusa.
[4] Dal contesto sembra che Pietro voglia dire: Fantino, in segreto era ortodosso, anche se al servizio d’un padrone eretico (un Goto, ariano?).
[5] Isichìa: sapore esicasta ha anche l’episodio citato, relativo all’apparizione del Logos nel roveto ardente.
[6] Come tutte le fiumare calabresi. Oggi è conosciuto come Petraci (Petrace), dal greco Petrakis.
[7] In greco, da rein.
[8] Pare che i primi coloni di Tauriana (e di Taormina) avessero come totem il toro.
[9] Provocate, pare, dai Longobardi sul finire del VI secolo: di certo, è questo il momento in cui scomparvero notizie più precise su san Fantino. Tauriana – oggi insignificante frazione di Palmi, RC – è una delle più antiche Chiese della penisola italiana.
[10] Recenti campagne di scavi hanno appurato che il ‘sepolcro inferiore’ era stato realizzato utilizzando un antro sacro alle Ninfe delle acque.
[11] La chiesa e il monastero furono saccheggiati dai Turchi che, però, rispettarono le reliquie di Fantino: lo attestò nel 1551 il Visitatore Apostolico Marcello Bazio (detto il Terracina). Come in decine d’altri casi registrati in Italia Meridionale, non si ha più alcuna notizia delle reliquie del santo dopo il passaggio dell’Ispettore inviato dal Vaticano.

 

 

Leggere da pagina 61 a pagina 67 il capitolo dedicato a San Fantino nel testo Ombre della Storia di Antonio Monaco (in pdf le prime 100 pagine al link
http://www.asterios.it/sites/default/files/Ombre%20della%20storia%20pagine%203-100.pdf

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 14-11-2019

i santi di domani 15-11-2019

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP