Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




21.08: Memoria di Sant’Euprepio primo vescovo di Verona

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

Sant’Euprepio primo vescovo di Verona

Tratto dal quotidiano Avvenire
Euprepio, nome greco, è indicato da autorevoli fonti antiche come primo vescovo di Verona (III sec.). Nulla si sa della sua vita. Alla fine del secolo XV il suo corpo fu ritrovato, insieme con quello di altri santi vescovi, nella pieve di San Procolo. Le reliquie vi rimasero fino all'epoca napoleonica (1806), quando furono trasferite nella cripta dell'attigua basilica di San Zeno.

Tratto da
http://www.santiebeati.it/dettaglio/67150
I Versus de Verona, nel parlare della città convertita dal culto degli idoli al Cristianesimo, dicono: "Primum Verona predicavit Puprepis episcopus" (v. 40). La ricostruzione dell'elenco dei vescovi dato dal Velo di Classe, concordata con le altre memorie storiche, colloca Euprepio all'inizio della serie. L'alta antichità di tali fonti (fine sec. VIII inizio IX) dà garanzia della loro derivazione dai dittici. Anche le cronotassi della tradizione, pure errate per altri aspetti, coincidono nell'indicare Euprepio primo vescovo. Tuprepis o Euprepio è in tal modo stabilito primo vescovo di Verona. Alla certezza del nome si aggiunge la determinazione del tempo del suo episcopato e, conseguentemente, della organizzazione del Cristianesimo in Verona. Le suddette fonti, infatti, portano Lucilius sesto vescovo non si presentò mai all'imperatore Costante da solo, "sed semper comite episcopo urbis in qua tunc degebam, aliisque qui tunc forte aderant... Huiusce rei testis est... Lucillus Veronae... episcopus". Il viaggio di s. Atanasio avvenne prima del concilio di Sardica (343-44), e pertanto Lucillus era vescovo di Verona nel 340. Ora, secondo un computo comune, il periodo del primo dei cinque vescovi precedenti Lucillo viene certamente a cadere nel sec. III, "ma non più in là" (Lanzoni). La tradizione della missio Petri di Euprepio, sorta tardi e sostenuta da alcuni (Panvinio, Valier, Dionisi, Liruti) fino a tempi recenti, quantunque ne avessero dubitato il Maffei e i Bollandisti, non si può sostenere.
Riguardo alla sua vita, nulla sappiamo: solamente la derivazione greca del nome, come del resto quella dei suoi immediati successori, oltre essere conferma di remota antichità del suo episcopato, ci può forse indicare la sua provenienza orientale. Il culto non sembra anteriore al sec. XIV. Il Martirologio veronese di tale secolo lo commemora al 21 agosto Alla fine del sec. XV il suo corpo fu ritrovato, insieme con quello di altri santi vescovi, nella pieve di S. Procolo. Tali reliquie, collocate in apposito altare, stettero nella stessa chiesa fino all'epoca napoleonica (1806), quando furono trasferite nella cripta dell'attigua basilica di S. Zeno. Qui, alla base dell'altare in cui sono racchiuse, sta l'iscrizione stilata al tempo del ritrovamento: "Euprepio Veronae a Christi ann. LXXII praesuli primo".

Tratto da
http://www.diocesiverona.it/pls/s2ewdiocesiverona/v3_s2ew_consultazione.mostra_pagina?id_pagina=25132
Euprepio è il primo Vescovo di Verona.
Ce lo tramandano come tale i tre principali documenti sui quali si fonda la ricostruzione delle origini cristiane di Verona:
- il Velo di Classe (fasce di seta ricamate con immagini e nomi dei primi pastori di Verona, del sec. VIII; ora si prova nel monastero di Classe presso Ravenna).
- il Rhytmus Pipinianus (una composizione metrica di autore ignoto, del tempo di re Pipino: 781-810).
- la Historia Imperialis (un manoscritto, che si trova nella Biblioteca capitolare di Verona, opera di un certo Giovanni, mansionario della cattedrale, degli inizi del secolo XIV).
Euprepio dunque fondò e organizzò la Chiesa veronese, non dopo la metà del III sec. Ebbe culto antichissimo, com'è attestato, tra l'altro, dalla sua tomba nella chiesa di S. Procolo, attigua alla Basilica di S. Zeno.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 23-09-2018

La concezione di san Giovanni Battista; I Santi Andrea, Giovanni, Pietro, Antonino, martiri; Santa Herais e compagni, martiri; Sante Xantipi e Polixenia; I Santi Martiri di Siracusa; San Nicola, il fruttivendolo, neomartire; San Giovanni di Epiro, neomartire.

i santi di domani 24-09-2018

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP