Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




24.08: Memoria dei Santi Tolomeo vescovo e Romano suo discepolo patroni di Nepi nel territorio dell’antica Tuscia oggi provincia di Viterbo

 




 

Santi Tolomeo vescovo e Romano suo discepolo patroni di Nepi nel territorio dell’antica Tuscia oggi provincia di Viterbo

Tratto da: https://www.tusciatimes.eu/il-santo-del-mese-santi-tolomeo-e-romano-patroni-di-nepi/
Da un manoscritto dell’XI secolo proveniente dall’archivio della cattedrale di Sutri, sappiamo che Tolomeo, vescovo di Nepi, e Romano, suo discepolo, vissuti al tempo di Claudio Cesare (I secolo), vennero martirizzati per ordine del tribuno della città di Pentapoli (Nepi) e della Tuscia, conte Aspasio (anno 51?). Sorpresi a pregare insieme ad altri trenta compagni (fra preti, diaconi e chierici), furono tutti arrestati e processati. In particolare Tolomeo e Romano, al loro diniego di abiurare al Cristianesimo, vennero crudelmente torturati, con i corpi distesi sul cavalletto e stirati crudelmente.
Un improvviso terremoto interruppe, però, il crudele supplizio. Aspasio fuggì ordinando di rinchiudere in prigione Tolomeo e Romano e di far decapitare i trenta compagni. Gli otto soldati incaricati dell’esecuzione, improvvisamente colpiti dalla fede, si rifiutarono e subirono subito la sorte delle loro vittime.
Dopo 32 giorni fu la volta di Tolomeo e Romano che vennero bruciati vivi. Il fuoco però si estinse. Aspasio ordinò allora che fossero decapitati (era il 24 agosto). Una pia donna di nome Savinilla, fervente cristiana di Nepi, raccolse i corpi per seppellirli – come aveva fatto per gli altri 38 martiri – in una grotta del suo podere: Tolomeo subito dopo l’ingresso e Romano nella parte più interna.
I resti di san Romano furono probabilmente trasferiti nel V secolo nella cattedrale di Nepi. Quelli di san Tolomeo e degli altri martiri, si trovano invece nella chiesa parrocchiale di San Tolomeo. Le catacombe (dette di Santa Savinilla) vennero ritrovate nel 1540 in seguito alla demolizione di un’antica chiesetta campestre anch’essa intitolata a San Tolomeo.
Da alcune scritte, fu possibile individuare i loculi di Tolomeo e dei suoi discepoli. Oggi, dopo opportuni restauri, le catacombe sono accessibili e visitabili.
I patroni di Nepi vengono celebrati il 24 agosto con solenni liturgie fra cui la processione (la sera della vigilia) durante la quale viene trasportata la “macchina” con le reliquie di san Romano. Vi partecipano il clero, i fedeli e le confraternite di San Giovanni decollato, San Giuseppe e del SS. Sacramento. Le reliquie di san Tolomeo vengono nel frattempo esposte ai fedeli nella chiesa a lui dedicata, detta anche della Beata Vergine Maria del Rosario.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 28-10-2020

La santa PROTEZIONE della nostra Sovrana, la Theotokos e Sempre Vergine Maria [In Grecia, dopo il 1960, è stata spostata dal 1 al 28 ottobre in memoria alla protezione accordata dalla Madre di Dio alle truppe greche che resistevano all’invasione nazista sul fronte albanese nel 1940].

i santi di domani 29-10-2020

Il 29 di questo mese memoria della santa martire Anastasia la romana. Lo stesso giorno memoria del santo padre nostro Abramio e Maria, sua cugina. Lo stesso giorno memoria di san Cirillo martire. Lo stesso giorno san Savvas lo stratilata moriva trapassato da parte a parte. Lo stesso giorno memoria della santa nostra madre Anna, soprannominata Eufimianòs. Lo stesso giorno memoria della santa martire Melitinì.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP