Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




MARTEDÌ del RINNOVAMENTO: Memoria di sant'Andrea l’Avvà

 

Archimandrita Antonio Scordino




 

Andrea l’Avvà – martedì di Pasqua
Di lui, messinese, si hanno poche notizie: si sa che fu avvà nella Laura di Raithò (El Tor).
Egli stesso raccontò che, quando era giovane monaco, aveva lasciato Raithò e con il suo padre spirituale si era trasferito presso un ghèron della Palestina. Questo ghèron aveva in tutto una moneta e, avendo dimenticato dove l’aveva riposta, accusava il giovane messinese d’averla rubata. Andrea corse allora a vendere il suo pallio, la veste, e portò una moneta al ghèron, dicendo: “Prendi ciò che ti ho rubato”. Ma il ghèron - che intanto aveva ritrovato ciò che aveva perduto, ed era afflitto per l’ingiusta accusa – rispose: “Tieniti tu, invece, la moneta: il ladro sono stato io!”
Un giorno un monaco si recò al Monte Mirabile, presso Antiochia, per supplicare san Simeone lo Stilita [521\92] di essere liberato dal demonio che lo tormentava. Giunto ai piedi dell’alta colonna su cui viveva il santo, questi gli disse: “Mi meraviglio che tu abbia fatto tanta strada per venire a trovare un peccatore come me! Vai a Raithò, e fatti guarire dall’avvà Andrea”. Il poveretto andò a Raithò, e appena l’avvà Andrea lo vide arrivare, gli disse: “Mi meraviglio che tu abbia fatto tanta strada per venire a trovare un peccatore come me! Ti ha già guarito Simeone!”, e quello si trovò subito sanato.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 22-01-2020

San Timoteo, Apostolo; San Anastasio il Persiano, martire; Santi Manuele, Giorgio, Pietro e Leone, ieromartiri e i loro compagni; San Giuseppe Samakos di Creta.

i santi di domani 23-01-2020

Santi Clemente, vescovo di Ankara e Agatangelo, martiri; I Santi Due martiri di Parion; San Eusebio; San Maesmas, il Siriano; San Salaman l'Esicasta; San Dionisio del Monte Olimpo.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP