Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




10.05: memoria del nostro padre tra i santi Cataldo, vescovo

 

Archimandrita Antonio Scordino




 

Vescovo dell’Irlanda che, pellegrinando verso l’Oriente, si addormentò in pace a Taranto, nel settimo secolo. 

 

[San Cataldo, patrono di Taranto, nacque in Irlanda, nel Munster - forse a Canty, nella diocesi di Waterford -, nella prima metà del sec. VII, da famiglia assai religiosa, di agiate condizioni sociali. Ricevette la sua educazione nel celebre monastero di Lismore, fondato non molto tempo prima, nel 633, da s. Carthagh. Nel monastero, che era già allora uno dei più importanti centri di evangelizzazione e di civilizzazione dell'isola, e che manteneva stretti rapporti con i maggiori centri culturali e religiosi del continente, C., compiuti i suoi studi, e dopo aver distribuito tra i poveri il patrimonio ereditato dal padre, rimase come maestro. La sua grande pietà e la voce dei miracoli che si diceva andasse compiendo gli guadagnarono ben presto la venerazione del popolo e la fama di santo taumaturgo; ma fu proprio la voce dei miracoli da lui operati a provocare i sospetti del duca dei Desii, Meltrid, il quale lo accusò di arti magiche e stregoneria presso il re del Munster. Arrestato e gettato in prigione, C. venne tuttavia liberato dopo qualche tempo in seguito - si disse - a due eventi prodigiosi: la morte improvvisa di Meltrid e l'apparizione di due angeli al re. Turbato, il re stesso si indusse a scegliere C. come vescovo per la sede di Rachau; volle inoltre dotare la mensa vescovile delle rendite degli antichi possedimenti di Meltrid.

Non siamo informati sui particolari dell'attività pastorale svolta da C. in questo suo primo episcopato: la Vita usa, in proposito, espressioni molto generiche. D'altro canto, la sede stessa di Rachau non appare menzionata in altre fonti a noi note, ed è stata identificata dagli studiosi ora con Rathan, ora con Shánrahan, ora - e questa sembra l'ipotesi più probabile - con Shanraghan, località situata ad ovest di Clogheen, nel South Tipperary.

Dopo alcuni anni di ministero, comunque, C. lasciò la diocesi e l'Irlanda per compiere un pellegrinaggio in Palestina; e lì avrebbe voluto fermarsi per il resto dei suoi giorni, allo scopo di condurre una vita di solitudine, di preghiera e di rinuncia. Non poté tuttavia appagare il suo desiderio: la leggenda dice che fu indotto da una apparizione a recarsi in Italia dove avrebbe dovuto riportare "ad catholicae fidei firmitatem" il popolo di Taranto che, già un tempo convertito dall'apostolo Pietro e dal suo discepolo Marco, era tornato allora agli antichi errori. Dopo un viaggio fortunoso, toccato il litorale adriatico dell'Italia, C. sbarcò ad Otranto e si diresse a piedi verso Taranto.

Giunto a Taranto, la cui sede era vacante da molti anni, Cataldo venne eletto vescovo per comune consenso del clero e del popolo, dopo uno strepitoso miracolo compiuto al suo arrivo, alla porta della città. Da allora, per quindici anni, sino alla morte, resse la diocesi di Taranto con sollecitudine di padre e di apostolo, dando esempio di pietà, di zelo religioso, di rigore di vita. La predicazione del Vangelo e la conversione dei pagani furono gli obbiettivi della sua opera pastorale: a questo fine curò la formazione culturale e religiosa dei sacerdoti e dei chierici dei vari Ordini, che assegnò alle diverse chiese di Taranto e dei paesi circonvicini; volle osservata la liturgia e la recitazione dell'ufficio. Consumato dalla vita di penitenza e di sacrificio, morì l'8 marzo di un anno imprecisato, tra la fine del sec. VII e gli inizi dell'VIII, dopo aver rivolto ai rappresentanti del clero e del popolo, che si erano stretti al suo capezzale, un appello a continuare nella fede la sua opera.

Il corpo, composto in un "sepulchrum marmoreum mirae pulchritudinis",venne solennemente inumato - come era stata volontà di C. - sotto il pavimento del duomo, "in parte orientali, in loco qui dicitur S. Iohannis in Galilaea",in corrispondenza dell'attuale battistero. Il monumento, del quale si era perduto il ricordo dopo la distruzione di Taranto compiuta dai Saraceni nel 927, affiorò il 10 maggio 1071, durante i lavori di scavo per le fondamenta della nuova cattedrale voluta dal vescovo Drogone. Avvisato che si era scoperta sotto il pavimento dell'antica basilica "tumbam marmoream satis pulchram" - così riferisce l'autore della Inventio -, il presule, alla presenza di una gran folla di clero e di fedeli, "accepto fossorio, tumbam aperit",e i presenti poterono vedere "sanctas reliquias, rubicundiores (ut legitur) ebore antiquo. Crucem inveniunt auream, nomen sancti Latinis litteris designantem". Riconosciute nelle reliquie i resti di uno dei suoi antichi predecessori, Dragone fece collocare l'arca sotto l'altare maggiore della nuova cattedrale. Le reliquie, di cui fu compiuta una ricognizione nel 1107 dal vescovo Rainaldo, vennero traslate nel 1151 in una cappella particolare, fatta costruire dall'arcivescovo Geraldo; nel 1657, infine, Tommaso Caracciolo fece erigere in onore del santo una nuova e più sfarzosa cappella (il cosiddetto cappellone), dove fece trasferire i resti di C., che vi sono tuttora venerati. Il ritrovamento e le successive traslazioni delle spoglie mortali di C. furono accompagnate da miracoli e segnarono le tappe della propagazione del culto del santo, che, proclamato patrono di Taranto, fu oggetto, a partire dal sec. XII, di una venerazione assai diffusa e ancora viva in tutta Italia, in specie quella centromeridionale e insulare, e in Irlanda, sua patria d'origine. La sua festa viene celebrata il 10 maggio.-da http://www.treccani.it/enciclopedia/santo-cataldo_(Dizionario-Biografico)/ ]

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 03-12-2021

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlNRCF3h on line 37

i santi di domani 04-12-2021

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlNRCF3h on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP