Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




21.01: Memoria di San Massimo, il confessore

 




 

 San Massimo nacque a Costantinopoli nel 580 da nobile famiglia, durante il regno di Tiberio Costantino I (578-582). Sotto Eraclio ricoprì la carica di Primo Segretario e Consigliere Imperiale. Intorno a 613-614 abbandonò ogni onore per entrare in un monastero a Crisopoli. Quando i Persiani invasero la città, nel 626, si rifugiò in Africa assieme a San Sofronio, futuro Patriarca di Gerusalemme. Acceso da divino zelo nel 646 si recò a Roma per esortare Papa San Martino I a riunire un consiglio locale che condannasse l'eresia del monotelismo.

Egli fu il più grande teologo del suo tempo e, al fine di confutare l'eresia del monotelismo ed esporre la verità della fede ortodossa, compose trattati e lettere che ebbero ampia circolazione. Nel 653, a Roma, venne arrestato e costretto a comparire davanti Paolo II, il Patriarca di Costantinopoli, e Pirro, il precedente patriarca, entrambi sostenitori della suddetta eresia, cui aderiva anche l'imperatore Costanzo II (641-668). Fu condannato e subì, pertanto, l'amputazione della mano destra e l'arresto; nel 655 venne trasferito in Tracia, poi a Perberes e, infine nel Caucaso, in esilio, nella fortezza di Schemaris, dove morì in tarda età il 13 agosto 662.

da calendariobizantino.it

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 27-02-2021

i santi di domani 28-02-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP