Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




18.02: Memoria di Sant'Agapito, vescovo di Sinaon

 

Vicariato Arcivescovile della Campania- Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Napoli




 

Il 18 di questo mese memoria del nostro beato padre Agapito, vescovo di Sinadon, confessore e taumaturgo.

Colui che tu ami e senza dubbi seguivi, t’invita alle amabili dimore, o Agapito.

Il beato Agapito nacque in una famiglia di pii Cristiani della Cappadocia al tempo degli imperatori Diocleziano e Massimiano (fine III secolo). Fin dalla giovinezza desiderò la vita monastica, così fu tonsurato. Nel monastero visse una vita di preghiera, digiuno e servizio per tutti I fratelli. Il Signore lo trovò degno di un carisma taumaturgico. In seguito, sotto l’imperatore Licinio, fu costretto, per la sua prestanza fisica, ad arruolarsi contro la sua volontà. Durante il servizio, gli capitò di assistere ai tormenti inflitti ai martiri Vittore, Doroteo, Teodulo e Agrippa, e decise di partecipare lui stesso alla testimonianza della fede unendosi a loro: ma mentre quelli ricevettero il martirio di spada, Agapito, per economia divina, venne solo ferito da una lancia, affinché conducesse molti alla salvezza. Dopo la morte di Licinio, l’imperatore Costantino il grande venne a conoscenza del carisma delle guarigioni del beato Agapito: allora gli inviò un suo servo malato, che venne infatti guarito. L’imperatore voleva ricompensare Agapito, che chiese solo di terminare il servizio militare e ritornare in monastero. Il permesso gli fu accordato. Poco dopo, il Vescovo di Sinaon in Bitinia lo ordinò sacerdote. Alla morte di questi, fu all’unanimità scelto dal clero e dai fedeli della città come suo successore. Da gerarca, governò il suo gregge con saggezza, guidandolo alle virtù nel recinto della retta fede. Attraverso le sue preghiere numerosi miracoli ebbero luogo. Il santo morì in pace.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 18-04-2021

i santi di domani 19-04-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP