Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




01.04: Memoria della nostra santa madre Maria egiziana

 

Vicariato Arcivescovile della Campania- Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Napoli




 

All’età di appena dodici anni Maria lasciò la sua famiglia e partì per Alessandria, dove condusse una vita dissoluta per diciassette anni. Poi, mossa dalla curiosità, si unì ad un gruppo di pellegrini in viaggio verso Gerusalemme, per partecipare alla cerimonia dell’Esaltazione della Santa Croce. Perfino nella Città Santa si abbandonò ad ogni sorta di licenziosità e condusse molti alla perdizione. Il giorno della Festa avrebbe voluto entrare insieme a tutti gli altri nella Chiesa, ma, nonostante i ripetuti tentativi, era come se una forza invisibile glielo impedisse. Rimasta sola all’esterno del Tempio, profondamente colpita dall’accaduto, decise di cambiare la sua vita e riconciliarsi con Dio attraverso il pentimento. Invocò la Santissima Theotokos come protettrice, le chiese di aprire per lei la strada per potere venerare la Croce e fece il voto di rinunciare al mondo. Ritornata dunque alla Chiesa, entrò senza ostacoli. Dopo avere venerato il prezioso Legno, partì quello stesso giorno da Gerusalemme e oltrepassò il Giordano. Penetrò profondamente nel deserto, e per quarantasette anni visse in grandi privazioni e difficoltà, oltre l’umana forza. L’unica sua risorsa era la preghiera.
Verso la fine della sua vita, incontrò un eremita di nome Zosima, cui raccontò tutta la sua vita. Gli fece la richiesta di portarle i santi Misteri, per potere prenderne parte. L’anno successivo, nel giorno del Santo e Grande Giovedì, Zosima soddisfò la sua richiesta. Dopo un altro anno, Zosima si recò di nuovo nel luogo dei loro incontri, ma la trovò distesa sul terreno, morta, con vicino al suo corpo, scritto sulla sabbia, un messaggio per lui: “Padre Zosima, seppellisci qui il corpo dell’umile Maria. Sono morta il giorno in cui ho preso parte ai Santi e Immacolati Misteri. Prega per me.”
La sua vita è stata raccontata da San Sofronio di Gerusalemme. La data della sua morte è incerta: per alcuni nel 378, per altri nel 437, per altri ancora nell’anno 522.
Viene commemorata anche nella Quinta Domenica della Grande Quaresima.

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 07-10-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlbYNk5l on line 37

i santi di domani 08-10-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlbYNk5l on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP