Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




22.06: Memoria dei Ss. Giovanni I, Vescovo di Napoli (verso il 432); Giovanni IV, vescovo di Napoli (verso 850); e Basilio, monaco e igumeno greco nell’isola di Pantelleria in Sicilia

 




 

San Giovanni I, Vescovo di Napoli (verso il 432)

http://www.santiebeati.it/dettaglio/48330: È il quattordicesimo nella serie dei vescovi napoletani: successo a sant'Orso nel 414, pontificò fino al 432 in un periodo storico turbolento sotto l’aspetto politico e religioso. Trasportò i resti mortali di san Gennaro dall’agro Marciano, presso Pozzuoli, luogo della sua prima sepoltura, nel cimitero extraurbano che divenne in seguito il maggiore della comunità cristiana di Napoli: la catacomba che prese poi il nome del celebre martire.
Nella lettera a Pacato, De obitu Paulini, Uranio narra che il vescovo di Nola, Paolino, morto da appena nove mesi, apparve in sogno a Giovanni, tre giorni prima che morisse, a preannunziargli prossima la fine. Particolari vincoli di amicizia dovevano legare il vescovo di Napoli e quello di Nola, sul cui animo, la traslazione del celebre martire, compiuta da Giovanni, esercitò tanto fascino da vederselo apparire in punto di morte. Giovanni fu colto dalla morte, mentre da poco aveva iniziato la celebrazione liturgica del sabato santo 2 aprile 432. Il suo corpo fu deposto il giorno seguente nell’oratorio, ove era stato inumato san Gennaro, e di qui, a metà del secolo IX, fu traslato dal vescovo Giovanni IV lo Scriba, nella Stefania. Lo ricordano i Calendari napoletani: marmoreo (secolo IX), tutiniano (fine secolo XII), lotteriano (fine secolo XIII) e il cassinese del secolo XIV. Tuttavia nel tardo Medioevo il suo nome cadde nell’oblio: tra il 1262 e il 1269, il cimeliarca Giovanni, volendo scrivere le memorie di san Giovanni IV, compose un ibrido centone attribuendogli quanto il Liber Pontificalis e la lettera di Uranio narrano di Giovanni I. La deplorevole confusione ebbe sanzione ufficiale nel Martirologio Romano, dove il nostro santo è ricordato al 22 giugno e nel Calendario diocesano del cardinale Decio Carafa del 1619, che stabiliva la festa di un unico san Giovanni, vescovo napoletano al 1° aprile.
La Santa Congregazione dei Riti, approvando il nuovo Proprio napoletano nel 1955, ristabiliva la verità storica e ridava l’antico culto a Giovanni I, fissandone la festa al 3 aprile.


----------------------


San Giovanni IV, vescovo di Napoli (verso 850)

Tratto da http://www.treccani.it/enciclopedia/santo-giovanni-scriba_(Dizionario-Biografico)/ (con annessa bibliografia )
GIOVANNI Scriba, santo. - Quarto vescovo di Napoli di questo nome, nacque da famiglia di umili origini presumibilmente verso la fine dell'VIII secolo. Studioso delle Sacre Scritture e dei testi dei Padri della Chiesa, di testi profani, conoscitore del latino e del greco, le fonti ne ricordano anche l'attività di amanuense che gli valse l'appellativo di scriba. Avviato alla carriera ecclesiastica, divenne diacono della cattedrale di Napoli.
Nel periodo che precedette la sua nomina vescovile, la vita politica del Ducato di Napoli era scossa da violenti scontri per il potere. Nell'831 il console e duca di Napoli Bono era entrato in conflitto con il vescovo Tiberio, lo aveva dichiarato decaduto e lo aveva posto agli arresti nello stesso episcopio (non, come riferisce Giovanni Diacono nei Gesta episcoporum Neapolitanorum, in carcere). L'ostilità del duca dovette essere rivolta al solo vescovo e non a tutto il clero, come si evince dal fatto che il suo intervento contro Tiberio non incontrò l'ostilità del clero napoletano. Esautorato il vescovo, all'interno delle candidature dei chierici che vennero proposti per sostituire Tiberio la scelta cadde su G., persona bene accetta allo stesso duca.
Chiamato alla guida della Chiesa napoletana, G., come informano i Gesta, fu costretto ad accettare l'incarico offertogli, lasciando però l'effettiva guida della diocesi a Tiberio, presso il quale egli ottenne libero accesso. La narrazione dei fatti offerta dai Gesta riprende in realtà uno schema della letteratura agiografica che vede opposti il sant'uomo e il malvagio uomo di potere: G. avrebbe infatti rifiutato l'incarico se non vi fosse stato costretto dalle minacce di Bono di rappresaglie contro il clero napoletano e contro il presule stesso, e dalla minaccia di confisca dei beni della Chiesa napoletana: "totius episcopii servos possesionesque infiscari". Le giustificazioni offerte dai Gesta lasciano intendere come l'elezione di G. non fosse legittima; la lettura degli avvenimenti - con l'omissione delle vittorie di Bono sui Longobardi contrapposta alla descrizione dell'ascesa al potere del duca e del successivo arresto del vescovo (sempre tacendo sui fatti che avevano portato al contrasto seguito alle ingerenze di Tiberio all'interno della vita politica del Ducato) - offre deliberatamente una visione di parte delle vicende che portarono G. sul soglio vescovile.
Così Bono, una volta assicurata la non ingerenza politica di G. nelle vicende del Ducato, poté proseguire la lotta intrapresa contro i Longobardi, certo di non dover affrontare un secondo scontro con il vescovo. Dopo la morte di Bono (9 genn. 834) gli successe il figlio Leone, che fu deposto dal suocero Andrea nel settembre dello stesso anno. Sotto il nuovo duca, G. mantenne lo stesso atteggiamento nei confronti del vescovo imprigionato, come testimonia il trasferimento, voluto dal duca Andrea, di Tiberio dall'episcopio (sede del domicilio coatto del vescovo) a uno degli edifici della basilica di S. Gennaro extra moenia; episodio questo estremamente illuminante della voluta estraneità di G. dalle vicende legate al presule imprigionato, considerato anche il fatto che la nuova sede cui venne destinato il vescovo Tiberio era esposta alle scorrerie dei Longobardi. La mancata presa di posizione da parte di G. nei confronti di Tiberio tradisce da una parte la condanna della linea politica assunta dal vescovo Tiberio, e dall'altra evidenzia la sostanziale condiscendenza di G. nei confronti delle scelte dei duchi. "Sotto questo aspetto, estremamente significativo è […] il fatto che Giovanni Diacono abbia sentito il bisogno di concludere la tormentata biografia di Tiberio con l'episodio del discorso da lui pronunciato "residens in pontificali cathedra", per attestare pubblicamente la stima e l'ammirazione che egli sentiva per Giovanni lo scriba, e per l'opera da lui svolta" (Bertolini, 1970, p. 427 n. 262).
Nel frattempo i Napoletani, approfittando della crisi che si era aperta a Benevento per la successione nel Principato, avevano cessato di pagare il tributo ai Longobardi; le ostilità con questi ultimi, peraltro mai sopite, avevano trovato rinnovato vigore con la successione di Sicardo al padre Sicone. Ma nell'836 il duca Andrea, allorché Napoli, cinta d'assedio da Sicardo, era sul punto di capitolare, riuscì, grazie a una nuova alleanza con gli Arabi di Sicilia, a indurre Sicardo a porre fine all'assedio e a stringere una tregua quinquennale. L'armistizio fu il risultato dell'intercessione tra i due contendenti attuata dal clero napoletano, alla cui funzione mediatrice probabilmente partecipò anche G., che compare tra i contraenti del patto stipulato il 4 luglio 836, quando il principe longobardo Sicardo promise al vescovo G. ("electo sancte ecclesie neapolitane", Capasso, II, p. 149) e al duca Andrea, nonché a tutto il popolo del Ducato napoletano e ad altri soggetti ancora, la pace per terra e per mare.
Morto il vescovo Tiberio, tra il 28 e il 31 marzo 839, seguì un lungo periodo di vacanza del seggio vescovile napoletano. L'incarico assunto da G. alla guida della Chiesa partenopea mentre era ancora vivo il vescovo titolare non era regolare dal punto di vista del diritto canonico e di conseguenza l'ordinazione di G. dovette essere sottoposta a procedimento di verifica; a creare ulteriori perplessità concorsero anche i buoni rapporti che lo stesso G. aveva intrattenuto con Bono prima e con i successori di questo poi (Leone, Andrea, Contardo e Sergio I). Così, quando Sergio I inviò una legazione a Roma per richiedere la consacrazione di G., ricevette in risposta da Gregorio IV una commissione con l'incarico di accertare che l'elezione di G. si fosse svolta in conformità alle norme canoniche e senza l'opposizione del clero. L'inchiesta durò ben due anni e mezzo e solo il 26 febbr. 842 G. venne consacrato vescovo di Napoli.
Nei primi mesi seguiti alla consacrazione di G., Sergio I gli affidò il proprio figlio Atanasio affinché approfondisse gli studi delle Sacre Scritture e degli usi liturgici, nonché l'insegnamento del greco (secondo le prescrizioni del concilio di Nicea del 787 che prevedevano, per l'elezione a vescovo, la conoscenza di tali materie). Si attuava così, consenziente G., il disegno di Sergio I che avrebbe visto Atanasio vescovo e che avrebbe confermato la sottomissione della Chiesa di Napoli al potere ducale (con un processo già ben attestato sotto Giovanni).
G. morì il 17 dic. 849, come riferiscono i Gesta episcoporum Neapolitanorum; venne sepolto nell'oratorio di S. Lorenzo all'interno della catacomba di S. Gennaro, e poi traslato prima nella Stefania e quindi nella basilica di S. Restituta, dove le reliquie furono poste nella cappella di S. Maria del Principio. Nel Martirologioromano la festa di G. viene posta al 22 giugno, in concomitanza con quella di s. Paolino, per assimilazione della notizia relativa a Giovanni (I), vescovo di Napoli, con la vita di G. narrata da Giovanni Cimeliarca (cfr. Bibl. hagiografica Latina, I, n. 4417).
Negli anni immediatamente precedenti la consacrazione, G. aveva fatto traslare le reliquie dei vescovi suoi predecessori Aspreno, Epitimito, Marone, Efebo, Fortunato I, Massimo e Giovanni (I) dal cimitero di S. Gennaro all'interno della basilica della Stefania, dove furono collocate in tombe ad arcosolio fatte affrescare da G. con i ritratti dei vescovi. La traslazione è messa in sincronia dall'autore della biografia di G. con "gli ultimi tempi dell'imperatore Teofilo (ottobre 829 - gennaio 842 […]), con l'avvento e i primi anni di governo di Michele III (21 genn. 842 - 23 sett. 867 […]), e con lo sbarco degli Arabi a Ponza, che avvenne prima dell'agosto dell'846" (Bertolini, 1974, p. 105). Queste traslazioni all'interno della Stefania sono state interpretate come atto di difesa e di conservazione delle reliquie stesse situate nella catacomba di S. Gennaro dalle scorrerie rapinatrici dei Longobardi. Secondo una diversa lettura, invece, tale gesto da parte di G. si inquadrerebbe nell'ambito del tentativo più vasto e di portata europea, da parte dei vescovi, di affermare il proprio potere; e in tale ottica di "tendenza al potenziamento della funzione carismatica episcopale" (Cilento, La Chiesa, p. 685) dovrebbe essere letta l'azione di G.; così come "a dar prestigio alla Chiesa di Napoli e al suo vescovo concorse in maniera particolare la redazione del Liber pontificalis" (ibid.), la cui prima parte sarebbe stata attribuita (secondo una contestata ipotesi formulata da Mallardo, 1947) allo stesso Giovanni. Sempre all'attività di agiografo di G. sarebbe da ricondurre la stesura del calendario marmoreo scoperto a Napoli nella basilica di S. Giovanni Maggiore nel 1742, la cui attribuzione però rimane dubbia. Alla sua attività di vescovo è legato anche il notevole impulso che ricevette l'attività dello scriptorium e della scuola della cattedrale, attività proseguita anche dal successore Atanasio (I).

 

--------------------------

 

San Basilio, monaco e igumeno greco nell’isola di Pantelleria in Sicilia

tratto da https://www.facebook.com/permalink.php?id=351315031557079&story_fbid=840433805978530
Possediamo oggi, in una traduzione slava antica parziale, il Typicon di fondazione del Monastero bizantino di Pantelleria , che per quanto è possibile sapere, non risulta pervenuto nella redazione greca originaria . Di tale testo, noto agli specialisti da quando (1885) I . Mansvetov, al quale si deve il rinvenimento , lo pubblicò da un manoscritto dell'Accademia Teologica di Mosca , si è occupato ultimamente per l'importanza che ha come riflesso della religiosità italo-greca nel mondo slavo ortodosso I . Dujcev ( Cfr. Ivan Dujcev Il Tipico del monastero di S. Giovanni nell'isola di Pantelleria. 3-17 in Bollettino della Badia Greca di Grottaferrata Anno 1956 n.4 ) , traducendolo in italiano col titolo tramandato, in cui figura il toponimo " Patelarea " e, quale autore, il " Santo Padre nostro Presbitero ed Igumeno Giovanni " . Il nome e le attribuzioni di questo Santo erano già conosciuti prima del rinvenimento del Typico, e il liturgista I . Martinov nel suo Annus ecclesiasticus graeco-slavicus (1863) lo registrava alla nota 1 di p . 440 on data 3 agosto come « conf(essor), hig(umenus) monasterii Patelarae» Menzione dello stesso Giovanni troviamo pe r il 3 e 4 agosto nel Sinassario Costantinopolitano ; per il 3 agosto in altri sinassari bizantini , e precisamente nei codici 18 e 37.
Un canone in suo onore, a l7 agosto, nel Meneo della parte più antica (sec . XI) del cod . Paris . Coisl . 218, attribuito a Giuseppe.
I1 suo nome ricorre più volte in un anonimo Canone (22 giugno) di antica tradizione criptense edito nel 1972 da A. Acconcia Longo, in onore di Basilio suo successore.
Prima del Martinov, la memoria del Santo era riportata alla stessa data nel Sinassario di Nicodemo l'Agiorita (1819) .
E' ancora ricordato alla data 26 dicembre nel Sinassario Costantinopolitano .
Circa la corrispondenza del toponimo a Pantelleria, sostenuta dal Mansvetov e ribadita da E . Golubinskij , il consenso degli studiosi è unanime . Nel Canone il nome di Giovanni è presentato come
" personaggio di altissima statura morale " ; Basilio è menzionato il 22 giugno come " igumeno s. monast(erii) Patelariae "
Il Golubinskij riteneva che il titolo di " Confessore " tributato a Giovanni riportasse al tempo dell' iconoclasmo . Il Canone in onore di Basilio offre spunti per una datazione anteriore alla dominazione saracena nell'isola. Pare che si possa ipotizzare la nascita della comunità monastica pantesca ad opera di Giovanni nel sec VIII, dopo il 726 . L'isola era considerata all'inizio del sec. IX, nell'ottica imperiale bizantina, luogo di esilio ed espiazione. Negli anni 803/806 vi furono relegati, per ordine di Niceforo I, Eutimio di Sardi , Teofilatto di Nicomedia, Eudossio d'Amorio, secondo l'attendibile testimonianza congiunta di una Vita di Eutimio, scritta poco dopo la sua morte (26 dic . 831) da Metodio patriarca di Costantinopoli e tramandata in un Menologio del sec, IX . L'innografo insiste sul pericolo incombente di incursioni da parte di nemici atei (con tutta verosimiglianza saraceni) ,
Non è da escludere che l'isola ospitasse allora qualcuno di quei capi della rivolta armena del 790 che, come apprendiamo da Teofane, furono relegati, con una scritta infamante sul viso. Giovanni pare sia morto martire . Non è qui il caso di riportare le dissertazioni secolari sull'origine del nome dell'Isola di Pantelleria e sul suo significato: Yrnm, Cossyra, Bent al-Ryon, Patalareia, Bantalariiyah , Pantellaria ed i vari significati ( conchiglia, figlia del vento, tettoia, rete, pantano, canestro, tegame, padella, salina ).
Nella zona del lago, chiamata oggi " Specchio di Venere " a circa 2 Kilometri in direzione del centro urbano, in Contrada Cubebe, sono osservabili gli avanzi di un edificio a pianta trapezoidale, identificato, sin dal suo rinvenimento, con il Monastero fondato da Giovanni Confessore e denominato San Basilio .

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 25-01-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlFKanLG on line 37

i santi di domani 26-01-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlFKanLG on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP