Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




27.09: Memoria dei Ss. Caio -discepolo dell’apostolo Barnaba- vescovo di Milano e Aderito vescovo di Ravenna confessore della fede

 

a cura del Protopresbitero Giovanni Festa




 

San Caio discepolo dell’apostolo Barnaba e vescovo di Milano (primo secolo) per ventidue anni dal 63 all’85

Per la venerabile tradizione milanese del sec. XI, contenuta nella Datiana historia, Caio sarebbe stato discepolo di san Barnaba e vescovo di Milano per ventidue anni, dal 63 all'85 succedendo al primo vescovo Sant’Anatalone.
Avrebbe operato numerose conversioni, tra le quali quelle di san Vitale, di sua moglie Valeria e dei figli Gervasio e Protasio, martirizzati durante la persecuzione di Nerone. Nel quinto anno del suo episcopato Caio si sarebbe recato a Roma per rendere visita di omaggio agli apostoli Pietro e Paolo, ma, durante il viaggio, per interiore teofania , seppe che essi erano stati uccisi. Alla sua morte Caio sarebbe stato sepolto nel giardino di un certo Filippo, facoltoso signore milanese da lui convertito al cristianesimo, nel quale era stato aperto un cimitero per i cristiani poveri.. Gli antichi cataloghi milanesi, inoltre, lo dicono morto il 26 settembre e sepolto o presso la basilica di San Babila, ad Concilia Sanctorum, o nella basilica di San Nabore, poi demolita, nei pressi della basilica di Sant'Ambrogio. Il Liber notitiae sanctorum Mediolani (sec. XIV, posteriore ai cataloghi citati.), invece, ricorda la morte di Caio al 27 settembre, Nel 1571 san Carlo Borromeo curò la ricognizione delle reliquie di Caio, che riposano ora in S. Ambrogio.
Secondo altre documentazioni , Caio appartenne alla gens Valeria, cospicua famiglia di Milano, una delle prime convertitasi al cristianesimo; la stessa fonte sostiene anche la storicità della trasformazione dell'hortus Philippi in cimitero cristiano: è infatti nelle vicinanze di Sant'Ambrogio, ove sembra si debba collocare l'hortus, che si trova il più antico cimitero cristiano di Milano.

 


--------------------------------------------------------------

 


Sant’Aderito vescovo di Ravenna confessore della fede nel III secolo, successore di Sant’Apollinare primo vescovo di Ravenna

L’ origine della Diocesi di Ravenna è molto antica. Una tradizione risalente al VII Secolo attribuisce l'erezione della sede di Ravenna a San Pietro stesso . il primo Vescovo Sant'Apollinare sarebbe stato martire sotto Nerone. I riscontri archeologici di alcune iscrizioni cimiteriali forniscono evidenza della comunità cristiana ravennate nel II secolo, epoca alla quale si data anche l'episcopato di Apollinare, martire probabilmente sotto Settimio Severo. I nomi dei primi Vescovi di Ravenna provengono da una cronotassi redatta dall'arcivescovo Agnello nel IX secolo, sulla base di un elenco del Vescovo Mariano del VI secolo.

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 14-11-2019

i santi di domani 15-11-2019

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP