Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




LA FORMAZIONE TEOLOGICA NEL PATRIARCATO DI ROMANIA

 Elaborato scritto per il corso “Teologia, Storia e Vita della Chiesa Ortodossa I” all’Istituto di Teologia Ortodossa della nostra Arcidiocesi

Protopresbitero Marian Costea




 

LA FORMAZIONE TEOLOGICA NEL PATRIARCATO DI ROMANIA

(Elaborato scritto per il corso “Teologia, Storia e Vita della Chiesa Ortodossa I” all’Istituto di Teologia Ortodossa della nostra Arcidiocesi)

Docente: Arch. P. Evangelos Yfantidis

Studente: Protopresbitero Marian Costea


L'insegnamento religioso cristiano nasce con la missione evangelizzatrice affidata da Gesù agli apostoli.  Tale missione ha carattere universale ed è infatti intesa a fare giungere la Buona Novella "a tutti i popoli", come leggiamo nei testi di Marco 16,9,  Luca 24, 13-49 e Giovanni 20, 11-21.  
Ricevendo tale mandato, gli apostoli cominciano la loro opera missionaria viaggiando e predicando la parola del Cristo.   Secondo alcune fonti, tra le quali Eusebio di Cesarea nella "Storia della Chiesa" e gli apocrifi "Scritti patristici" del Vescovo Abiadas e "la vita di Sant'Andrea" del monaco Epifanio, è prorpio Andrea il Protoclito a portare la Parola nelle zone nordiche del Danubio.   Fino alla zona nord orientale del Danubio allora nota come Scitia (Scizia) minor, attuale Dobrogea. Sempre secondo Abiadas (o Pseudo Abiadas) nei scritti patristtici-aggiografici occidentali in Vitae Sanctorum, l'apostolo Andrea sarebbe stato aiutato anche dall'apostolo Filippo il quale avrebbe ordinato un vescovo nella Scithia minor.
IL primo vescovo noto in Dobrogea a Tomis (attuale Costanza) sarebbe tale Evangelicus nel terzo secolo.  Ed è riferita la presenza di vescovi di Tomis ai primi 4 concili ecumenici, come  Gherontie,Timoteo,Alexandro,Giovanni auttore dell’ Instructio, TEOTIM  II .Fatto che ne attesta la solida preparazione teologica e spritituale, consolidata anche da intense corrispondenze con i grandi teologi del tempo tra cui S. Giovanni Crisostomo, San Gregorio di Nyssa, Niceta di Remessiana e papa Leon (Leone Magno).
Nel 520 quando venne eletto patriarca ecumenico Epifanio,  il metropolita Paternus firma la propria presenza come "Paternus misericordia Dei episcopus provinciae scythioe Metropolitanus" e  tale Metropolia  contava 14-15 vescovati in Dobrogea.
Nel tempo si svilupparono monasteri e centri eparchiali con scuole teologiche che formano il clero.  Si studiano greco, latino ma anche lo slavo.  Intensi lavori di traduzione, esame, copiatura e fitte corrispondenze con i principali centri teologici tra cui Costantinopoli, Alessandria, Roma ed Antiochia permettono di tramandare gli insegnamenti teologici e catechetici di generazione in generazione.
Il territorio romeno è allora diviso in tre province/regni e fatica a trovare un'unione culturale, sociale ed istituzionale.  Il legante principale è la lingua parlata e per tale motivo essa viene usata per il culto, per la predicazione e per la confessione.


Le prime scuole attestate risalgono al 1560 in Transilvania, in Scheei Brasovului sotto la giurisdizione della chiesa di  San Nicola.  E nel Monastero di Putna (1490-1585) dove era docente Eustazio rettore e protopsaltis coadiuvato da Antonio protopsaltis. 

 Altre scuole ecclesiastiche funzionavano vicino ai centri eparchiali di Bucarest, Buzau, Arges in Tara Romaneasca, Iasi, Roman e Husi in Moldavia e Alba Julia in Transilvania.
Nel monastero dei Tre Gerarchi, a Iasi, c'era un collegio interno.  Così un collegio greco latino a

 

Targoviste nel 1646 e l'accademia di San Sava a Bucarest nel 1669 sotto Serban Cantacuzino successivamente riorganizzata nel 1694 sotto Costantino Brancoveanu.


Nella seconda parte del XVII secolo si organizzano delle scuole speciali al monastero di Putna (1774) e al monastero di Antim (1797) per la preparazione del clero.   Tra le materie di studio:  scrittura sacra, musica psaltica, geografia, retorica, artimetica, storia della chiesa e il catechismo di Platone di Mosca.

 


Nel 1803 vicino a Iasi, per volere del Metropolita Veniamin Costa, viene organizzato il primo seminario di Teologia ortodossa Romeno per la formazione di alto livello del futuro clero. Tra il 1842 e il 1860 il seminario è posto sotto la guida dell'Archimandrita poi Metropolita Filarete Scriban dottore in Teologia a Kiev.  Egli organizza il seminario in due cicli ciascuno con 4 classi e introduce nuove discipline.  
Nel 1836 inizia i corsi nei seminari di Bucarest e Buzau e nel 1837 a Ramnicu-Valcea.

Nel 1851 si vota la legge che disciplina gli studi ecclesiastici e i tre tipi di scuole teologiche:
  -1 scuole ecclesiastiche catechetiche, due anni di studio.
   -2 seminario inferiore, quattro anni di studio.
    -3 seminario superiore, quattro anni di studio.
Nel 1856 il Vescovo Dionisio Romano apre la facoltà di teologia al monastero di        Targu- Neamt, creando 4 cicili di isturzione della durata di 4 anni ciascuno.
Dopo il 1862 si lavora alla riorganizzazione e all'unificazione dei seminari dello stato Romeno.
Nel 1872 si aprono i corsi del seminario Nifon a Bucarest e nel 1878  viene trasferito a Galati il seminario precedentemente di Ismail fondato nel 1864.


L'istituto teologico della Chiesa ortodossa romena ormai autonoma ha dei momenti molto difficili prima e dopo il 1948 per carenze organizzative e anche perché le scuole teologiche non sono più sotto l'amministrazione della chiesa.
Subito dopo il 1948, il santo sinodo decide di aprire scuole per cantori che prevedono due anni di studio.  E nel 1951 diventano sei scuole medie per cantori che prevedono tre anni di studio.
Dal 1977 i seminari vengono organizzati con cinque anni di studio, sotto il patriarca Justinian Marina.  Nel 1949 furono aperti due seminari teologici monastici ad Agapia e Hurezi che furono poi chiusi dal regime comunista nel 1959.
Nel patriarcato romeno fino al 1989 hanno funzionato sei seminari teologici. Uno per ogni metropolia, tranne quella di Ungro-Vlahia che aveva ne aveva due e due università di Teologia.


Oggi il patriarcato romeno conta trentasei istituti teologici pre universitari e quindici isitituti teologici universitari. 



Bibliografia –Insegnamento teologico fino nel secXVIII- Stefan Barsanescu

                    -La storia della chiesa Romena dal inizio al 1716 e  dal 1716 ad oggi -Pr.prof.univ.dr.Vasile V. munteanu

                     -Insegnamento teologico-seminarista nella Chiesa Ortodossa Romena-Pr.prof.univ. Mircea Pacurariu

 

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 15-04-2021

i santi di domani 16-04-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP