Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




22.01: Memoria dei santi Manuele, Giorgio, Pietro e Leone, ieromartiri e i loro compagni

 

Vicariato Arcivescovile della Campania- Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Napoli




 

22 gennaio- Memoria dei santi Manuele, Giorgio, Pietro e Leone, ieromartiri e i loro compagni
Manuele era metropolita di Adrianopoli. Fu arrestato dal sovrano bulgaro insieme ad altri vescovi, il vescovo Giorgio e il vescovo Pietro, così come molti altri Cristiani quando i Bulgari scesero per combattere contro Costantinopoli al tempo dell’imperatore iconoclasta Leone V l’Armeno.
Il loro sovrano Krum occupò Adrianopoli (l’attuale Edirne). Per tre giorni questi sanguinari guerrieri massacrarono i Cristiani. Anche dopo la sua morte, i suoi successori mantennero la stessa ferocia contro gli sfortunati Cristiani.
Il figlio di Krum, Omurtag, diventato re, con le sue stesse mani tagliò via tutto il braccio del vescovo Manuele e gettò il suo corpo ai cani. I vescovi Giorgio e Pietro vennero decapitati, insieme ai generali Leone e Giovanni. Il vescovo di Nicea Leone fu ucciso squarciato nel ventre da una spada; Gabriele e Sionio vennero decapitati. Il sacerdote Parodio venne lapidato e altri 377 cristiani morirono decapitati.


Recita il Sinassario:

Il giorno 22 di gennaio, memoria dei santi martiri Manuele, Giorgio, Pietro, Leone, Sionio, Gabriele, Giovanni e di altri trecentosettantasette martiri.
Stichi. La spada taglia Manuele in due parti, che in Cristo sono venerate come due nature inseparabili. Giorgio e Pietro, ai quali è comune il ministero di Dio, sono tagliati in comune per il comune Sovrano. Leone aveva zelo realmente inconcusso verso la spada che trafisse il suo addome. Lontana era la paura della spada che si avvicinava alle nuche di Gabriele e Sionio. Come soldati gli onorabilissimi Giovanni e Leone non temettero la spada. Colpito da una moltitudine di pietre, Parodio percorse dolcemente la via della vita. Le tre ventine quintuple uccise dalla spada furono unite al decuplo settetto.
Per le loro sante preghiere, o Dio, abbi pietà di noi. Amìn.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 25-02-2021

i santi di domani 26-02-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP