Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




LA GENESI COMMENTATA DAI SANTI PADRI DELLA CHIESA (CAPITOLO VIII)

 Elaborato scritto per il corso
“Teologia, Storia e Vita della Chiesa Ortodossa I”
all’Istituto di Teologia Ortodossa della nostra Arcidiocesi
Docente: p. Evangelos Yfantidis

di Giovanni Joseph Matteo Fumusa




 

Genesi 8

Il diluvio che aveva coperto la terra per centocinquanta giorni, come riporta la fine del settimo capitolo, volse al termine.

Ciò accadde per l’amore che Dio provò per le sue creature, a partire da Noè, chiuse dentro l’arca; allora «Dio fece passare un vento sulla terra e le acque si placarono» (Gen. 8,1). San Ambrogio ci fa notare nel suo Noè come questo vento non può che essere lo Spirito Santo, perché nessun vento potrebbe sopraffare una tale massa d’acqua.[1]

Alla fine di quaranta giorni, Noè volle vedere se le acque si fossero ritirate e fece uscire un corvo dall’arca, ma questo non tornò. Il nostro padre tra i santi san Giovanni Crisostomo ha interpretato questo non ritorno in primo luogo perché il corvo era un animale immondo, ed in secondo luogo ipotizza che l’animale abbia trovato i corpi degli uomini e degli animali uccisi dal diluvio e rimase lì a nutrirsi.[2]

Successivamente Noè rilasciò dall’arca una colomba, la quale tornò la sera; Noè la mandò fuori dopo altri sette giorni e la colomba tornò reggendo nel becco un ramoscello d’ulivo. In questo versetto, hanno spiegato i Padri, vi è un chiaro rimando allo Spirito Santo che, sotto forma di colomba, scenderà sul Signore Gesù Cristo quando Egli sarà battezzato nel fiume Giordano; il rametto d’ulivo, invece, rimanda all’unzione che è dono dello Spirito.[3]

Quando tutta la terra fu asciutta, Noè ricevette l’ordine da Dio di sbarcare. Così Noè poté riunirsi a sua moglie, come i suoi figli poterono riunirsi alle loro mogli, e furono fatti scendere tutti gli animali affinché si moltiplicassero e ripopolassero la terra.[4]

La prima azione compiuta da Noè, una volta sbarcato, fu quella di costruire un altare su cui offrì in sacrificio a Dio gli animali puri. Noè compì una scelta attenta su cosa sacrificare a Dio a nome di tutti, e il sacrificio fu gradito a Dio, il quale promette di non sterminare più gli esseri viventi per causa dell’uomo – il cui cuore è comunque incline al male – e rinstaura il susseguirsi delle stagioni.[5]



[1] Cfr. San Ambrogio di Milano, op. cit.2, 16,58; è interessante notare come, sia per “vento” che per “spirito”, il termine ebraico sia il medesimo, ר֙וּחַ֙  (rūa).

[2] Cfr. San Giovanni Crisostomo, op. cit., 26,4.

[3] Cfr. San Ambrogio di Milano, op. cit., 1,21; san Beda il Venerabile, Omelie sul Vangelo, 1,12.

[4] Cfr. San Ambrogio di Milano, op. cit.2, 21,76; san Giovanni Damasceno, La fede ortodossa, 4,24.

[5] Cfr. Beato Agostino di Ippona, Lettere, 108,7,20; san Giovanni Crisostomo, Contro i Giudei, 1,7,3; san Efrem il Siro, op. cit., 6,13; san Ambrogio di Milano, op. cit.2, 22,80.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 28-09-2020

Il 28 di questo mese memoria del nostro santo padre e confessore Caritone. Lo stesso giorno memoria del santo profeta Baruk. Lo stesso giorno memoria dei santi martiri e fratelli di sangue Alessandro, Alfeo, Zòssimo e del santo martire Marco il pastore e dei santi martiri Nicon, Neon, Eliodoro e di altre vergini e fanciulli. Lo stesso giorno memoria del santo martire Eustazio il romano. Lo stesso giorno memoria del santo martire Alessandro e di altri trenta martiri suoi compagni.

i santi di domani 29-09-2020

Il 29 di questo mese memoria del nostro venerabile padre Ciriaco, l’anacoreta. Lo stesso giorno memoria dei santi centocinquanta martiri della Palestina e dei santi martiri Trifone, Trofimo e Dorimedonte e della santa martire Petronia. Lo stesso giorno memoria della santa martire Gudelia. Lo stesso giorno memoria dei santi martiri Kasdo e Kasdoa. Lo stesso giorno memoria dei santi martiri Dada, Gobdelaà, figlio di Shapur re dei persiani. La santa martire Petronia muore colpita da spada.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP