Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




LA GENESI COMMENTATA DAI SANTI PADRI DELLA CHIESA (CAPITOLO XIV)

 Elaborato scritto per il corso
“Teologia, Storia e Vita della Chiesa Ortodossa I”
all’Istituto di Teologia Ortodossa della nostra Arcidiocesi
Docente: p. Evangelos Yfantidis

di Gabriel Zuza




 

CAPITOLO XIV

Versetti 1-12 – LA CAMPAGNA DEI QUATTRO RE

C’è una guerra fra i re di Sodoma, Gomorra, Adma, Zeboim e Bela e i re di Elam, Goim, Sennaar ed Ellasar. Sodoma e Gomorra vengono conquistate e Lot viene catturato.

I cinque re rappresentano i cinque sensi del corpo e i quattro re le seduzioni del corpo e del mondo: ”i nostri sensi facilmente si piegano ai piaceri del corpo e del mondo e (…) sono vinti solo da una mente spirituale, unita a Dio  e totalmente separata dalla cose terrene”[1].

Lot impara a non concentrare i suoi desideri sui beni materiali e vedere quale grande bene sia l’armonia[2].

Versetti 13-16 – ABRAM SALVA LOT

Abram viene avvisato che Lot è prigioniero e organizza i suoi uomini, trecentodiciotto uomini, per andare a liberare il nipote. Vince e recupera sia Lot che i beni e libera anche il resto del popolo catturato.

Il numero di uomini che viene scelto da Abram per la missione, trecentodiciotto, è simbolico, sono “quelli che per lui sono degni di appartenere al numero dei fedeli che avrebbero creduto alla passione del nostro Signore Gesù Cristo”[3]: infatti, in greco la lettera T significa trecento e la somma IH, dieci più otto, esprime il nome di Gesù.

Abram vince con la fede in Dio[4] e la sua vittoria prefigura la croce, lui infatti vince a Coba che significa “vita”[5].

Versetti 17-24 – MELCHISEDECH BENEDICE ABRAM

Abram, dopo la vittoria sui re, si incontra con il re di Sodoma che lo va ad incontrare nella Valle del re. Melchisedech, re di Salem e sacerdote, benedice Abram che offre la decima. Il re di Sodoma offre ad Abram i beni ottenuti dalla vittoria, ma Abram rifiuta e chiede solo la ricompensa per i suoi uomini.

Il sacerdote Melchisedech è interpretato come una figura di Cristo, sacerdote del sommo Dio[6]. Melchisedech è Sem che ha ricevuto la carica di sacerdote dal padre Noè[7]. Inoltre, Melchisedech è simile a Cristo perché non ha una storia familiare[8]. Il suo è il primo sacrificio offerto dai cristiani perché offre pane e vino, il Corpo e il Sangue di Cristo[9].

Abram rifiuta il bottino offerto dal re di Sodoma e dona le decime a Melchisedech, segno dell’umiltà di Abram[10]. Dimostra di essere superiore ai doni offertigli e di disprezzare i beni materiali[11]. Abram chiede solo la ricompensa per gli uomini che hanno combattuto con lui, portando a compimento la legge apostolica che dice “il lavoratore merita la paga”[12].



[1] S. Ambrogio, Abram 2, 7, 41

[2] S. Giovanni Crisostomo, Omelie sulla Genesi 35, 11

[3] S. Ambrogio, Abram 1, 3, 15

[4] S. Giovanni Crisostomo, Omelie sulla Genesi 35, 14

[5] S. Ambrogio, Abram 2, 7, 42

[6] S. Cipriano, Lettere 63, 4

[7] S. Efrem il Siro, Commento sulla Genesi 11, 2

[8] S. Giovanni Crisostomo, Omelie sulla Genesi 35, 16

[9] S. Agostino, La città di Dio 16, 22

[10] S. Ambrogio, Abram 1, 3, 16

[11] S. Giovanni Crisostomo, Omelie sulla Genesi 35, 18

[12] S. Giovanni Crisostomo, Omelie sulla Genesi 35, 20

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 28-09-2020

Il 28 di questo mese memoria del nostro santo padre e confessore Caritone. Lo stesso giorno memoria del santo profeta Baruk. Lo stesso giorno memoria dei santi martiri e fratelli di sangue Alessandro, Alfeo, Zòssimo e del santo martire Marco il pastore e dei santi martiri Nicon, Neon, Eliodoro e di altre vergini e fanciulli. Lo stesso giorno memoria del santo martire Eustazio il romano. Lo stesso giorno memoria del santo martire Alessandro e di altri trenta martiri suoi compagni.

i santi di domani 29-09-2020

Il 29 di questo mese memoria del nostro venerabile padre Ciriaco, l’anacoreta. Lo stesso giorno memoria dei santi centocinquanta martiri della Palestina e dei santi martiri Trifone, Trofimo e Dorimedonte e della santa martire Petronia. Lo stesso giorno memoria della santa martire Gudelia. Lo stesso giorno memoria dei santi martiri Kasdo e Kasdoa. Lo stesso giorno memoria dei santi martiri Dada, Gobdelaà, figlio di Shapur re dei persiani. La santa martire Petronia muore colpita da spada.

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP