Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




LA GENESI COMMENTATA DAI SANTI PADRI DELLA CHIESA (CAPITOLO XXII)

 Elaborato scritto per il corso
“Teologia, Storia e Vita della Chiesa Ortodossa I”
all’Istituto di Teologia Ortodossa della nostra Arcidiocesi
Docente: p. Evangelos Yfantidis

di Giovanni Mirko Giacon




 

La disputa di Abramo con Abimelech 21,22-34; Abramo è messo alla prova 22,1-8
Il re dei filistei stringe un’alleanza con Abramo vedendo che Dio era con lui (23).
Abramo era fedele, come indicato da san Paolo in Eb 11,17-19, perché “in Isacco ebbe inizio la fede nella risurrezione”, sapendo “di rappresentare un’immagine della verità futura,…che dal suo seme sarebbe nato Cristo “(24). San Cesario di Arles legge allegoricamente il passo affermando: ”Abramo simboleggiò Dio Padre, mentre Isacco prefigurò nostro Signore il Salvatore “(25). Il tragitto per raggiungere il luogo dell’olocausto di tre giorni indica il mistero della Trinità, e i due servitori che non raggiungono tale luogo, il popolo giudaico che non ha creduto in Cristo; l’asino simboleggia la Sinagoga; l’ariete impigliato con le corna è come il Signore che rimane impigliato tra le spine (corona ) sulla croce (ibidem). Secondo Origene (26) e Clemente Alessandrino (27) Isacco porta la legna per il suo sacrificio come il Signore ha portato il legno della croce. Sant’Efrem il siro ritiene che Abramo fosse convinto che “dopo essere morto, Isacco sarebbe stato resuscitato “, poiché il Patriarca credeva in ciò che gli aveva promesso Dio riguardo alla discendenza nel nome di Isacco (28).
L’angelo del Signore interviene 22,9-14
“Abramo antepose l’amore di Dio “ agli affetti della carne (29). Questo spiega il passo di Gv 8,39, quando viene detto:” Se foste figli di Abramo, certo fareste le opere di Abramo”. Origene invita poi il fedele cristiano a comportarsi e vivere la fede allo stesso modo del Patriarca “obbediente in tutti i comandamenti, anche più difficili”, compiendo le opere della fede. Nella sua esortazione l’esegeta Alessandrino cita a sostegno anche DN 13,42 , 2Ts 1,11, e Mt 10,37. Addirittura “Abramo offre a Dio un figlio mortale, che non muore, mentre Dio per gli uomini ha consegnato alla morte il Figlio immortale”. Secondo Sant’Ambrogio il patriarca non tralasciò il compito imposto dalla devozione (30). Ancora viene osservato come l’ariete impigliato con le corna tra le spine che verrà sacrificato, rappresenti il Verbo (31, 32 33).
Abramo riceve una seconda benedizione 22,15-19
Origene si domanda quale senso avesse questa seconda benedizione pressoché identica alla prima, e la risposta che egli dà è questa: dopo essere stato Fedele nella prova, Abramo diventa “ padre anche di coloro che sono nella fede (Gal 3,9 ), e che mediante La passione di Cristo giungono all’eredità”(34). Tale promessa è stabile in virtù della passione di Cristo. La trasformazione avvenuta è quella della quale parla l’apostolo in 1Cor 15,47-49, 2Cor 5,17 e Col 3,9-10: spogliarsi dell’uomo vecchio con le sue azioni e rivestirsi del nuovo, che è stato creato secondo Dio. La vittoria sulle città dei nemici è quella di ciascuno di noi… perché Cristo vinca i nemici sia nella sua anima sia nel suo corpo. La fede di Abramo è per i padri il motivo della sua benedizione: “egli fu benedetto per aver praticato con fede la giustizia”(34); “Fu fedele…perché paziente “(35);”Dio cerca la fede non la morte (36).
----------------------------

23. Sant’Efrem il siro: Commento sulla Genesi 19,1
24. Origene: Omelie sulla Genesi 8,1-6
25. San Cesario di Arles: Sermoni 84,2-5
26. Origene: Omelie sulla Genesi 8,6
27. Clemente Alessandrino: Il pedagogo 1,5,23
28. Sant’Efrem il siro: Commento sulla Genesi 20,2
29. Origene: Omelie sulla Genesi 8,7-8
30. Sant’Ambrogio: Per la dipartita del fratello 2,97
31. Sant'Ilario di Poitiers: Lettere VIII, 55,1-3
32. Sant’Efrem il siro: Commento sulla Genesi 20,3
33. San Giovanni Crisostomo: Omelie sulla Genesi 47,14
34. Origene: Omelie sulla Genesi 9,1-3
35. Tertulliano: Sulla pazienza 6,2
36. San Pietro Crisologo: Sermoni 108,5

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 19-01-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/html1rVqj2 on line 37

i santi di domani 20-01-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/html1rVqj2 on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP