Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




20.12,2020 Domenica prima del Natale: dal Sinassario

 

Chiesa Greco-Ortodossa della Natività di San Giovanni Battista, Torino




 

Sinassario del 20 dicembre:

Il 20 di questo mese memoria del santo ieromartire Ignazio il Teòforo.
Stichi. Preparasti ai leoni una mensa, o partecipe della mensa mistica. Il venti tra le fauci dei leoni scompare Ignazio.

Lo stesso giorno memoria del nostro beato padre Filogonio, che da avvocato divenne arcivescovo di Antiochia.
Stichi. Filogonio lascia la legge di questa vita, compiendo la via migliore della legge di Dio.

Il santo neomartire Giovanni, originario dell’isola di Thassos, martirizzato a Costantinopoli nel 1652, ucciso di spada.

Per le loro sante preghiere, o Dio, abbi pietà di noi. Amìn.

Sinassario della Domenica prima del Natale:

In questa domenica che precede il Natale di Cristo, è stato stabilito dai nostri santi padri teòfori che si faccia memoria di tutti quelli che dall’inizio del mondo sono stati graditi a Dio, da Adamo fino a Giuseppe, lo sposo della santissima Madre di Dio, secondo la genealogia, come l’evangelista Luca, che documentò storicamente e i profeti e le profetesse.
Memoria dei progenitori Adamo ed Eva.
Stichi. Inneggio da vivo i capostipiti morti del nostro genere per seguirli nella vita e nella morte.
Memoria del giusto Abele, figlio di Adamo.
Stichi. Grida a Dio il tuo sangue e la tua anima: O primo dei morti, tu sei anche il primo dei salvati.
Memoria del giusto Seth, figlio di Adamo.
Stichi. Seth porta nuovo sangue ai genitori al posto di Abele, essendo uomo giusto come lo fu Abele.
Memoria di Enòs, figlio di Seth.
Stichi. Si rivelò Enòs maggiore della speranza, a molti inculcando zelo per la speranza.
Memoria del giusto Cainàn, figlio di Enòs.
Stichi. Nel libro di Mosè fu scritto Cainàn, quindi in questo libro deve essere scritto.
Memoria del giusto Meleleìl, figlio di Cainàn.
Stichi. Con Meleleìl inoltre noi commemoriamo il figlio di Cainàn per il nostro elenco.
Memoria del giusto Iared, figlio di Meleleìl.
Stichi. Realmente giusto commemorare il giusto Iared nel numero dei giusti.
Memoria del giusto Enòch, figlio di Iared.
Stichi. Enoch, che era piaciuto al Dio Verbo, in luoghi invisibili è stato fatto abitare.
Memoria di Mathusala, figlio di Enoch.
Stichi. Imparando che Mathusala era figlio di Enoch, qui io per altri scrissi.
Memoria di Lamech, figlio di Mathusala.
Stichi. Conoscendo due Lamech, devo onorare uno chiamato Lamech, ma non l’assassino.
Memoria del giusto Noè, figlio di Lamech.
Stichi. Adamo portò ai mortali rovina da un albero: ma Noè attraverso un legno salvò tutto il genere.
Memoria del giusto Sem, figlio di Noè.
Stichi. La nudità di suo padre Sem giustamente coprì, trovando la protezione delle preghiere paterne.
Memoria del giusto Iafet, figlio di Noè.
Stichi. Non guardando la vergogna del padre, Iafet, girato di spalle, riceve per le benedizioni del padre lunghezza di vita.
Memoria del giusto Arfaxad, figlio di Sem.
Stichi. Vive il Signore vivente, ma non dimentico Arfaxad e infatti devo scrivere qui anche lui.
Memoria del giusto Cainàn, figlio di Arfaxad.
Stichi. Un altro Cainàn, diverso dal precedente omonimo sorge davanti a noi.
Memoria del giusto Sala, figlio di Cainàn.
Stichi. Non fra i compatrioti o gli amici, ma fra i parenti stretti registro anche Sala.
Memoria del giusto Eber, da cui gli ebrei sono chiamati Ebrei.
Stichi. Eber è veramente grande per tutti gli ebrei:
ha dato il suo nome alla razza ebraica.
Memoria del giusto Falek, figlio di Eber.
Stichi. Festeggio anche il figlio di Eber. Egli generò Falek, come scrisse Mosè.
Memoria di Ragab, figlio di Falek.
Stichi. Ancora concepimento e ancora nuova nascita; Falek genera per noi Ragab suo figlio.
Memoria del giusto Serùch, figlio di Ragab.
Stichi. Gli scritti antichi annotano ciascuna nascita, sbaglio, se ti dimentico, Serùch.
Memoria del giusto Nachòr, figlio di Serùch.
Stichi. Avendo menzionato le generazioni di sopra, anche di Nachòr devo ricordare la nascita.
Memoria del giusto Tharra, figlio di Nachòr.
Stichi. Tharra uscì da Nachòr come figlio;
generò il padre di molte nazioni.
Memoria del giusto patriarca Abramo, figlio di Tharra.
Stichi. Come posso accogliere con parole Abramo, che fu degno di accogliere gli Intelletti?
Memoria del patriarca Isacco, figlio di Abramo.
Stichi. Offerto per la macellazione, Isacco divenne figura del Verbo altissimo venuto per la macellazione.
Memoria del patriarca Giacobbe, figlio di Isacco.
Stichi. Con la scala, che è la Vergine, Giacobbe vede Dio scendere sulla terra prima della sua nascita.
Memoria del patriarca Ruben, figlio di Giacobbe.
Stichi. Prole onorata di Giacobbe è Ruben, onorato inizio divino.
Memoria del patriarca Simeone, figlio di Giacobbe.
Stichi. Anche se è solo secondogenito, Simeone da noi non riceve onore secondario.
Memoria del patriarca Levi, figlio di Giacobbe.
Stichi. Come servo devoto del grande Dio, quale migliore gloria desideri, Levi?
Memoria del patriarca Giuda, figlio di Giacobbe, dalla cui tribù è venuto il Cristo.
Stichi. Coloro che sono salvati ora cantano le lodi di Giuda, poiché da Giuda venne la salvezza, Cristo.
Memoria del patriarca Zabulon, figlio di Giacobbe, la cui tribù vive in riva al mare.
Stichi. Zabulon scelse d’abitare sulla costa, unendo in un’unica eredità cielo e terra.
Memoria del patriarca Issacar, figlio di Giacobbe, la cui tribù coltiva la terra.
Stichi. Issacar si dedica alla fatica, sostentandosi portando il pane dalla terra.
Memoria del patriarca Dan, figlio di Giacobbe, la cui tribù è giudice.
Stichi. Giudice del popolo, Dan, con lingua autorevole e giuste bilance a tutti rende giustizia.
Memoria del patriarca Gad, figlio di Giacobbe, la cui tribù viene derubata o deruba.
Stichi. Gad deruba venendo derubato, riportando vittoria su tutti.
Memoria del patriarca Aser, figlio di Giacobbe, la cui tribù è ricca di terre di frumento.
Stichi. Sta scritto che Aser possiede le terre più ricche e che nutre i principi con ricco pane.
Memoria del patriarca Neftali, figlio di Giacobbe, la cui tribù è molto numerosa.
Stichi. Realmente Neftali è come una cerva libera, le sue tribù si moltiplicano in gran numero.
Memoria del patriarca Giuseppe, figlio di Giacobbe, la cui tribù è molto gloriosa e famosa.
Stichi. Tuo padre, colmandoti di voti e preghiere, ti glorificò, o Giuseppe, come principe tra i tuoi fratelli.
Memoria del patriarca Beniamino, figlio di Giacobbe, la cui tribù è dolce e non selvaggia.
Stichi. Beniamino la mattina divora come un lupo e la sera si mostra mite dividendo il cibo.
Memoria di Fares e Zara, i figli gemelli del patriarca Giuda.
Stichi. Insieme elogio il comune seme di Giuda, Fares e Zara, gemelli consanguinei.
Memoria di Esrom, figlio Fares.
Stichi. Da Fares Esrom, come ramo dalla radice, entrambi divini germogli dalla radice di Abramo.
Memoria di Aram, il figlio di Esrom.
Stichi. Generò Esrom, poiché non soffriva di sterilità: Aram infatti è il suo diletto figlio.
Memoria di Aminadab, figlio di Aram.
Stichi. Aminadab discende da Aram: era suo figlio, come dice la Scrittura.
Memoria di Naassòn, figlio di Aminadab.
Stichi. Con Aminadab lo scettro non vacilla, Naassòn continua la famiglia di Giuda.
Memoria di Salmòn, figlio di Naassòn.
Stichi. Di Abramo accrebbe ancora la casa Salmòn, uscendo dai lombi di Naassòn.
Memoria di Booz, figlio di Salmòn.
Stichi. O Evangelista, chi è il figlio di Salmòn? Che nome hai scritto? Booz ho scritto, risponde.
Memoria di Obed, figlio di Booz, nato da Ruth.
Stichi. Obed nasce da Ruth, da una tribù di Moab, ma anche da Booz, un vero israelita.
Memoria di Iesse, figlio di Obed.
Stichi. Iesse, figlio, nasca anche da te una stirpe, finché da essa sia generato come figlio il grande Dio.
Memoria del re Davide, figlio di Iesse.
Stichi. Cosa devo dire, quando lo stesso Signore lo testimonia? Ho trovato Davide secondo il mio cuore.
Memoria di re Salomone, figlio di Davide.
Stichi. Il sapiente Salomone fu primo fra i sapienti in vita, possedendo il primo dei beni della vita.
Memoria del re Roboamo, figlio di Salomone.
Stichi. Un grande encomio per te, Roboamo, compongo, dicendo che tuo nonno era il grande Davide.
Memoria del re Abia, figlio di Roboamo.
Stichi. Grida Roboamo dicendo ad Abia: Io sono tuo padre e tu mio figlio.
Memoria del re Asa, figlio di Abia.
Stichi. Il quadruplo libro dei Re cita il re Asa.
Memoria del re Giosafat, figlio di Asa.
Stichi. Giosafat in vita fu bravo in tutto, avendo come esempio la buona vita del padre.                                                          Memoria del re Ioram, figlio di Giosafat.                                                                                                                      Stichi. Ioram proviene da Giosafat, re figlio da re padre.

Memoria del re Ozia, figlio di Ioram.
Stichi. Ozia, nobile frutto appartiene a Ioram, germoglio di Giosafat.
Memoria del re Ioathàm, figlio Ozia.
Stichi. Il nido del regno prende come pulcino di Ozia Ioathàm.
Memoria del re Achaz, figlio di Ioathàm.
Stichi. La corona sul capo di Ioathàm incorona degnamente anche il capo di Achaz.
Memoria del re Ezechia, figlio Achaz.
Stichi. Piangendo Ezechia ritardò la sua fine: tanto possono i fiumi di lacrime!
Memoria del re Manasse, figlio Ezechia.
Stichi. Manasse compose per noi una preghiera, guida alla penitenza assai salutare.
Memoria del re Ammon, figlio di Manasse.
Stichi. Nella porpora fu generato Ammon, che fu figlio di re e re.
Memoria del re Giosia, figlio di Ammon.
Stichi. Giosia fu grande davanti a Dio: a lui una lode degna del suo valore.
Memoria del re Ieconìa, figlio di Giosia.
Stichi. A Babilonia, durante la deportazione, Ieconìa visse la sorte della nazione.

Memoria di Salathiìl, figlio Ieconìa.
Stichi. Di Giuda Salathiìl perpetua la colonna, subito dopo la deportazione a Babilonia.
Memoria di Zorobàbel, che ricostruì il tempio di Gerusalemme che era stato bruciato.
Stichi. Nabuzardàn bruciò il tempio del Signore e dopo l’incendio lo riedificò Zorobàbel.
Memoria di Abiùd, figlio di Zorobàbel.
Stichi. Zorobàbel portò come nuovo ramo dal suo tronco Abiùd e io lo trascrivo.
Memoria di Eliakìm, figlio di Abiùd.
Stichi. Matteo registra per noi, come preciso ufficiale dell’anagrafe, che Eliakìm è figlio di Abiùd.
Memoria di Azor, figlio di Eliakìm.
Stichi. Eliakìm fu progenitore di Azòr, come ci mostrano le Scritture.
Memoria di Sadòk, figlio di Azòr.
Stichi. Azòr genera Sadòk, non è un errore, lo scrittore informato rivela la generazione.
Memoria di Achim, figlio di Sadòk.
Stichi. Secondo le ricerche, Matteo rivela Achim figlio di Sadòk, pubblicando il libro.
Memoria di Eliùd, figlio di Achim.
Stichi. Apparve generato da Achim Eliùd, a sua volta padre che nutre i suoi figli.

Memoria di Eleàzar, figlio di Eliùd.
Stichi. Ecco, sapendo che Eliùd generò, se vuoi sappi anche che suo figlio era Eleàzar.
Memoria di Matthàn, figlio di Eleàzar.
Stichi. Eleàzar generò Matthàn, dice il libro di Matteo.
Memoria di Giacobbe, figlio di Matthàn.
Stichi. Anche Matthàn mise al mondo un figlio, portando in vita Giacobbe.
Memoria di Giuseppe, il fidanzato, figlio di Giacobbe.
Stichi. Il fidanzato Giuseppe mostra la sua fidanzata gravida prima del matrimonio per opera dello Spirito.
Memoria del giusto Melchisedèk.
Stichi. Nessun padre e nessuna madre la Scrittura dà a te, Melchisedèk, come tipo di Cristo.
Memoria del giusto Giobbe.
Stichi. Trovando lode dall’Altissimo, Giobbe non ha quindi bisogno di lode terrena.
Memoria del profeta Mosè, dei sacerdoti Hor e Aronne.
Stichi. Aronne con Hor raffigurano la passione di Cristo, alzando le braccia di Mosè come una croce.
Memoria di Gesù, figlio di Nave.
Stichi. Chi possiede una parola sufficiente per inneggiare Gesù, che colloquiava con il Dio Verbo?
Memoria del santo profeta Samuele.
Stichi. Ci rende benevolo l’occhio di Dio, il divino occhio che vede il futuro.

Memoria del profeta Nathan.
Stichi. La tua voce, che denunzia i peccati, o Nathan, procura anche il perdono a ogni cuore penitente.
Memoria del santo profeta Daniele.
Stichi. Persino le belve rispettano l’amico delle virtù. Daniele viene ritenuto grande per le opere.
Memoria dei tre santi fanciulli.
Stichi. Il fuoco della fornace era fuoco vero, ma divenne rugiada per i fanciulli, per gli empi, invece, fuoco divoratore.
Memoria della giusta Sara, moglie di Abramo.
Stichi. Una natura sterile per volere di Dio concepisce e un bambino è testimone delle doglie di Sara.
Memoria della giusta Rebecca, moglie di Isacco.
Stichi. Trovato il più nobile dei mariti a condividere il suo letto Rebecca, fu la più nobile delle mogli.
Memoria della giusta Lia, prima moglie di Giacobbe.
Stichi. Il Signore non ha fatto Lia bella in viso, ma ha dato al suo grembo il dono della maternità.
Memoria della giusta Rachele, seconda moglie di Giacobbe.
Stichi. Gli dèi di suo padre per nostalgia Rachele ruba, ma alla fine desidera il Verbo di Dio.
Memoria della giusta Asinèth, moglie di Giuseppe.
Stichi. Il sole supera in bellezza tutte le stelle; per me Asinèth supera come il sole tutte le donne.

Memoria della giusta Maria, sorella di Mosè.
Stichi. Cantiamo ancora al Signore, disse Maria, che ora batte il tamburello dell’anima.
Memoria della giusta Debora, giudice di Israele.
Stichi. Debora supera in coraggio tutte le donne, ingaggiando la lotta come giudice del popolo.
Memoria della giusta Ruth.
Stichi. Lasciando la sua nazione e le sue divinità, Ruth trovò il Dio e la nazione di Mosè.
Memoria della vedova giusta di Sarepta, alla quale Elia fu inviato.
Stichi. Senza seminare la vedova trovò cibo poiché Elia le ottenne prodigioso nutrimento.
Memoria della giusta Sunammita, che ospitò Eliseo.
Stichi. Eliseo sciolse il grembo chiuso a te, Sunammita, che apristi la casa.
Memoria della giusta Giuditta, che uccise Oloferne.
Stichi. Oloferne, tremendo soldato che tutti temevano, fu decapitato da Giuditta, una donna.
Memoria della giusta Ester, che salvò Israele dalla morte.
Stichi. Ester trattenne il popolo d’Israele dal discendere negli abissi dell’ade.
Memoria della giusta Anna, madre del profeta Samuele.
Stichi. Concependo Samuele, frutto della preghiera, Anna supera Fenanna, madre fertile.
Memoria della giusta Susanna.
Stichi. Susanna, che fu famosa per la sua castità, è canone per tutti i casti in questa vita.
Per le loro sante preghiere, o Dio, abbi pietà e salvaci. Amìn.

 


Dona l'otto per mille

Santi di oggi

i santi di oggi 14-04-2021

i santi di domani 15-04-2021

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP