Cerca

Newsletter

iscriviti alla newsletter

La tua mail*




16.02: Memoria del beato Flaviano, eremita e taumaturgo

 

Vicariato Arcivescovile della Campania- Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Napoli




 

Il nostro venerabile padre Flaviano andò sulla vetta di un certo monte, dove costruì una piccola cella, si rinchiuse in essa, e lì trascorse sessant'anni, senza mai parlare con nessuno, né farsi vedere da nessuno. Ha fatto dimorare il nous nel suo cuore, guadagnando la somiglianza a Dio, e ricevendo ogni forma di consolazione, secondo la profezia che dice: "Prendi la tua gioia nel ​​Signore, ed Egli esaudirà le richieste del tuo cuore "(Sal. 36,4). In quel luogo viveva in un posto scavato nella roccia, dal quale poteva stendere le mani per ricevere il cibo che gli veniva portato. Per non essere visto dall’esterno, quel posto era stato scavato obliquamente in una forma circolare. Il suo cibo consisteva in una zuppa di legumi, che mangiava solo una volta alla settimana. In questo modo egli visse per sessant'anni, senza mai cambiare il suo cibo, né la sua nobile condotta. Per questo motivo fu arricchito da Dio con la grazia dei miracoli. Attraverso le sue preghiere un grande drago fu messo a morte, un serpente fu ucciso. Un grande sciame di locuste fu scacciato da un campo, che erano pronte a divorare. Un giovane uomo posseduto fu liberato dal demone che lo tormentava e la sofferenza di una donna affetta dal cancro al seno venne guarita. Fece risuscitare un uomo che era stato attaccato da un toro ed era morto. In questo modo il tre volte benedetto trascorse la sua vita, scambiando quella attuale, faticosa e transitoria, per l’esistenza eterna e benedetta, dove ora è felice.

[tradotto da johnsanidopoulos.com] 

 


OFFRO 8 PER MILLE PER LA SALVEZZA DEL CREATO

Santi di oggi

i santi di oggi 01-10-2022

Notice: Undefined variable: nome in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlV3kYqc on line 37

i santi di domani 02-10-2022

Notice: Undefined variable: nome2 in /web/htdocs/www.ortodossia.it/home/w/tmp/htmlV3kYqc on line 65

Condividi

Bookmark This

Follow Us

TOP